Gli attentati di Parigi, l’Italia e l’Europa intrappolata

Pubblicato il 14 novembre 2015 da redazione

parigi3

ROMA – Continua a salire il bilancio di vittime e feriti dei tragici attentati di cui è stata teatro la capitale francese nel corso della scorsa notte. Si attestano ormai ad oltre 140 i morti ed almeno 200 i feriti, la metà dei quali in condizioni gravissime.

Mentre non hanno tardato ad arrivare all’Eliseo messaggi di cordoglio – da Washington, Mosca, Roma, Londra e Berlino – ciò che stupisce è l’inadeguatezza con cui l’Europa nel suo insieme, a fronte della ritrosia della Casa Bianca a cacciarsi nuovamente nel pantano mediorientale, affronta una crisi che l’investe in modo sempre più diretto e sanguinario.

Il senso di impotenza che attanaglia le cancellerie europee è emblema della stagnazione nella realizzazione concreta di un sistema di Politica Estera e di Difesa Comune, che appare sempre meno procrastinabile al netto del ruolo di cerniera che la nostra Unione rappresenta.

In tale scenario l’Italia ricopre inevitabilmente una parte di prim’ordine, vista la sua posizione geografica, il suo peso specifico nel consesso Europeo e l’impegno internazionale al fianco dei tradizionali alleati nella lotta al terrorismo.

Sembra dunque legittimo chiedersi se, coerentemente con quanto affermato dai gruppi affiliati allo Stato Islamico che hanno rivendicato l’attentato di Parigi, Roma ed il Giubileo indetto da Papa Francesco costituiranno il prossimo obiettivo dell’ondata di terrore che minaccia l’Occidente.

Senza lasciarci cogliere da fenomeni quali l’islamofobia e lo sciovinismo latente del Vecchio Continente, Bel Paese incluso, che rischiano di trasformare in nemici coloro che nemici non sono, occorre ripensare la nostra strategia nei confronti di un fenomeno che ha ormai assunto dimensioni globali.

Il Medio Oriente, espressione con la quale indichiamo una regione talmente intricata e oggetto di interessi quanto mai contrastanti, è sempre più preda di una instabilità profonda, le cui radici affondano prima nelle politiche delle potenze coloniali europee e poi nelle contingenze della Guerra Fredda.

L’insieme di conflitti che oggi la caratterizzano – in misura maggiore (Siria, Iraq, Libia) e minore (Egitto, Yemen, Afghanistan) – a sua volta proietta conflitti e frammentazione in tutte le aree circostanti, fino a lambire e penetrare nel suo dirimpettaio naturale, ovvero l’Europa.

Il nostro paese continua ad accogliere il fiume di essere umani che fugge da quei territori per cercare sicurezza e la possibilità di vivere lontano sì dalla propria patria, ma con la certezza di costruire un futuro migliore per le proprie famiglie. Con le migliori intenzioni, abbiamo appoggiato la deposizione di dittatori quali Saddam Hussein e Mohammed Gheddafi, ed ora facciamo lo stesso con Bashar al-Assad, pianificando forse con troppa leggerezza gli effetti del nostro intervento.

A seguito delle Primavere Arabe supportate dall’Alleanza Atlantica, difatti, la Siria e l’Iraq non possono più considerarsi Stati, vista la proclamazione del Califfato nell’estate dell’anno scorso proprio a cavallo del confine tra queste due nazioni, mentre la Libia ha visto inasprirsi il conflitto civile per la successione al potere.

Il dato paradigmatico è che in ognuno dei teatri di guerra mediorientali ciascun attore gioca la propria partita, che confluisce e si interseca con vecchie e nuove rivalità, fino a determinare il caos che dà la cifra di quanto la risposta della comunità internazionale si sia rivelata inefficace.

Alla luce degli attentati in Francia e dei timori della loro possibile riedizione in capitali come Londra e soprattutto Roma, è giunto dunque il momento di adottare a livello europeo una linea univoca ed unitaria, che convogli il potenziale della nostra Unione per arginare una crisi che si aggrava ogni giorno di più, fino a limitare la libertà ed i valori fondamentali alla base dell’idea stessa di Europa.

Ciò non significa permettere la perpetrazioni di sistematiche violazioni dei diritti umani ad opera di reggimi autoritari e dittatoriali, bensì costruire un asse europeo abbastanza coeso da imprimere una svolta decisiva al riassetto politico di una regione fondamentale per la sicurezza del nostro paese e financo degli equilibri continentali.

(Lorenzo Di Muro/Voce)

Ultima ora

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

22:54Maltempo: 90enne muore in casa, neve impedisce funerale

(ANSA) - ARSITA (TERAMO), 21 GEN - In contrada San Nicola manca la corrente da una settimana, i cumuli di neve sfiorano i 4 metri, troppi perché qualsiasi mezzo possa raggiungere l'abitazione di una famiglia che, ad Arsita, gestisce un'azienda agricola con 150 capi di bestiame imprigionati in un capannone. E nella notte fra mercoledì e giovedì è morta, per cause naturali, una signora 90enne; in casa la figlia, il genero e due nipoti che solo domenica potranno ricevere la visita di un un medico legale e, forse, delle pompe funebri. L'altro giorno un 'gatto delle nevi' arrivato da Belluno, insieme a una turbina disponibile sul posto, ha aperto la strada principale del paese, ma per raggiungere questa abitazione i parenti della defunta hanno dovuto inforcare le ciaspole e camminare due ore. Lo hanno fatto per condividere il dolore con i congiunti, ma anche per portare taniche di benzina per un piccolo gruppo elettrogeno, generi alimentari e medicine. Con amici hanno spalato la neve dal tetto della stalla. Ora chiedono aiuto.

Archivio Ultima ora