Faccia a faccia Obama e Putin, al G20 patto contro l’Isis

Pubblicato il 15 novembre 2015 da redazione

U.S. President Barack Obama, left, speaks with Russian President Vladimir Putin, right, prior to the opening session of the G-20 summit in Antalya, Turkey, Sunday, Nov. 15 2015. The 2015 G-20 Leaders Summit is held near the Turkish Mediterranean coastal city of Antalya on Nov. 15-16, 2015. (RIA-Novosti, Kremlin Pool Photo via AP)

U.S. President Barack Obama, left, speaks with Russian President Vladimir Putin, right, prior to the opening session of the G-20 summit in Antalya, Turkey, Sunday, Nov. 15 2015. The 2015 G-20 Leaders Summit is held near the Turkish Mediterranean coastal city of Antalya on Nov. 15-16, 2015. (RIA-Novosti, Kremlin Pool Photo via AP)

ANTALYA. – Patto contro il terrore al G20 in Turchia. Le stragi di Parigi hanno stravolto l’agenda del vertice e costretto i leader a fare fronte comune contro l’Isis. Non solo a parole o con il minuto di silenzio per ricordare le vittime. Tutti i Paesi del G20 sono pronti a fare la propria parte, prendendo impegni.

E il segnale più forte è arrivato dall’incontro, fino ad oggi non scontato, tra Barack Obama e Vladimir Putin. Dopo anni di gelo, i due si sono chiusi dentro una stanza, soli con i rispettivi interpreti, per oltre mezz’ora. Hanno parlano in modo “costruttivo” e sono usciti con un messaggio chiaro ma soprattutto condiviso: ora basta, “l’imperativo è risolvere la crisi in Siria”, hanno detto, riconoscendo i progressi diplomatici fatti a Vienna per una transizione politica con la mediazione dell’Onu.

Il presidente americano ha concesso a Putin l’importanza degli sforzi militari russi in Siria contro l’Isis. Ma non solo. E’ tornato a condannare quegli attacchi che hanno “oscurato i cieli” del mondo e si è detto pronto a braccare i terroristi, aiutando Parigi nella ‘caccia’. Inoltre ha annunciato la sua controffensiva: gli Stati Uniti stanno lavorando con la Francia per intensificare i raid in Siria e Iraq, è il messaggio che ha affidato al suo consigliere per la sicurezza, pensando forse di andare anche oltre, in Libia e Sinai.

L’Italia per ora, di fronte a nuovi raid, resta alla finestra. Perché – è il ragionamento del premier Matteo Renzi – le reazioni di pancia non servono: “ci sono quelle di cuore, ma deve prevalere la testa”. La situazione – è la posizione di sempre – deve essere affrontata con una visione strategica complessiva dell’intero scacchiere regionale.

Intanto il G20 si prepara a prendere impegni precisi. Domani è atteso un testo ad hoc sul terrorismo. Una ‘prima’ per un vertice nato per la gestione della crisi finanziaria che dovrebbe vedere mettere nero su bianco una serie di impegni. Da quello per contrastare gli asset finanziari del terrore, a quelli per la difesa dell’aviazione ed i controlli ai confini.

L’emergenza terrore è globale e serve una risposta globale, hanno spiegato anche i vertici dell’Ue. Ma se l’Isis e il terrorismo – domani al termine dei lavori ci sarà anche una riunione Usa-Gb-Germania-Italia-Francia in formato ‘quint’ – hanno rubato la scena, sul tavolo del vertice sono rimasti alcuni dossier.

A cominciare dalla crescita e l’economia: il G20 ribadirà l’impegno alla ripresa e agli investimenti, lanciando anche un monito alla riduzione della disoccupazione giovanile di ogni Paese di almeno il 15% rispetto al tasso attuale entro il 2025. Un obiettivo che l’Italia ha già realizzato nell’ultimo anno (passando dal 46% al 40%) ma che non basta, non è sufficiente per Renzi, che vuole fare di meglio.

Come ha fatto nell’ultimo anno sul fronte delle riforme – su cui oggi ha incassato i complimenti di Juncker per “un lavoro eccezionale” – che hanno contribuito ai segnali di ripresa. “C’è stato un riconoscimento dei traguardi raggiunti dal nostro paese che è stato più volte citato” nel G20, ha riferito il premier che si è mostrato tranquillo anche per l’esame di Bruxelles sulla Legge di Stabilità.

Certo che la situazione migliorata contribuirà a far passare senza problemi, magari a marzo, il 2,2% di deficit. Poco il colore – tra le uniche chicche da segnalare la Merkel che stasera vedrà da Antalya la partita Germania-Olanda – visto anche il clima di lutto per Parigi.

Anche le previste manifestazioni degli antagonisti si sono svolte lontane dai resort di Belek che ospitano il vertice, lasciando alle cronache il fermo di 10 dimostranti dopo alcune tensioni con la polizia.

Lunedì l’ultimo giorno dei lavori. Al centro ci saranno temi finanziari, fiscali e la riforma dell’Fmi per la quale il G20 – secondo la bozza di conclusioni – bacchetta gli Usa per i ritardi nell’implementazione della riforma di governance e quote. Passaggi importanti, che resteranno però nell’ombra di una due giorni dove la parola d’ordine che lanciano i leader è ‘sconfiggere l’Isis ed il terrorismo’.

(dell’inviata Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

21:44Terremoto: Salvini, ho riportato voci sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

Archivio Ultima ora