Faccia a faccia Obama e Putin, al G20 patto contro l’Isis

Pubblicato il 15 novembre 2015 da redazione

U.S. President Barack Obama, left, speaks with Russian President Vladimir Putin, right, prior to the opening session of the G-20 summit in Antalya, Turkey, Sunday, Nov. 15 2015. The 2015 G-20 Leaders Summit is held near the Turkish Mediterranean coastal city of Antalya on Nov. 15-16, 2015. (RIA-Novosti, Kremlin Pool Photo via AP)

U.S. President Barack Obama, left, speaks with Russian President Vladimir Putin, right, prior to the opening session of the G-20 summit in Antalya, Turkey, Sunday, Nov. 15 2015. The 2015 G-20 Leaders Summit is held near the Turkish Mediterranean coastal city of Antalya on Nov. 15-16, 2015. (RIA-Novosti, Kremlin Pool Photo via AP)

ANTALYA. – Patto contro il terrore al G20 in Turchia. Le stragi di Parigi hanno stravolto l’agenda del vertice e costretto i leader a fare fronte comune contro l’Isis. Non solo a parole o con il minuto di silenzio per ricordare le vittime. Tutti i Paesi del G20 sono pronti a fare la propria parte, prendendo impegni.

E il segnale più forte è arrivato dall’incontro, fino ad oggi non scontato, tra Barack Obama e Vladimir Putin. Dopo anni di gelo, i due si sono chiusi dentro una stanza, soli con i rispettivi interpreti, per oltre mezz’ora. Hanno parlano in modo “costruttivo” e sono usciti con un messaggio chiaro ma soprattutto condiviso: ora basta, “l’imperativo è risolvere la crisi in Siria”, hanno detto, riconoscendo i progressi diplomatici fatti a Vienna per una transizione politica con la mediazione dell’Onu.

Il presidente americano ha concesso a Putin l’importanza degli sforzi militari russi in Siria contro l’Isis. Ma non solo. E’ tornato a condannare quegli attacchi che hanno “oscurato i cieli” del mondo e si è detto pronto a braccare i terroristi, aiutando Parigi nella ‘caccia’. Inoltre ha annunciato la sua controffensiva: gli Stati Uniti stanno lavorando con la Francia per intensificare i raid in Siria e Iraq, è il messaggio che ha affidato al suo consigliere per la sicurezza, pensando forse di andare anche oltre, in Libia e Sinai.

L’Italia per ora, di fronte a nuovi raid, resta alla finestra. Perché – è il ragionamento del premier Matteo Renzi – le reazioni di pancia non servono: “ci sono quelle di cuore, ma deve prevalere la testa”. La situazione – è la posizione di sempre – deve essere affrontata con una visione strategica complessiva dell’intero scacchiere regionale.

Intanto il G20 si prepara a prendere impegni precisi. Domani è atteso un testo ad hoc sul terrorismo. Una ‘prima’ per un vertice nato per la gestione della crisi finanziaria che dovrebbe vedere mettere nero su bianco una serie di impegni. Da quello per contrastare gli asset finanziari del terrore, a quelli per la difesa dell’aviazione ed i controlli ai confini.

L’emergenza terrore è globale e serve una risposta globale, hanno spiegato anche i vertici dell’Ue. Ma se l’Isis e il terrorismo – domani al termine dei lavori ci sarà anche una riunione Usa-Gb-Germania-Italia-Francia in formato ‘quint’ – hanno rubato la scena, sul tavolo del vertice sono rimasti alcuni dossier.

A cominciare dalla crescita e l’economia: il G20 ribadirà l’impegno alla ripresa e agli investimenti, lanciando anche un monito alla riduzione della disoccupazione giovanile di ogni Paese di almeno il 15% rispetto al tasso attuale entro il 2025. Un obiettivo che l’Italia ha già realizzato nell’ultimo anno (passando dal 46% al 40%) ma che non basta, non è sufficiente per Renzi, che vuole fare di meglio.

Come ha fatto nell’ultimo anno sul fronte delle riforme – su cui oggi ha incassato i complimenti di Juncker per “un lavoro eccezionale” – che hanno contribuito ai segnali di ripresa. “C’è stato un riconoscimento dei traguardi raggiunti dal nostro paese che è stato più volte citato” nel G20, ha riferito il premier che si è mostrato tranquillo anche per l’esame di Bruxelles sulla Legge di Stabilità.

Certo che la situazione migliorata contribuirà a far passare senza problemi, magari a marzo, il 2,2% di deficit. Poco il colore – tra le uniche chicche da segnalare la Merkel che stasera vedrà da Antalya la partita Germania-Olanda – visto anche il clima di lutto per Parigi.

Anche le previste manifestazioni degli antagonisti si sono svolte lontane dai resort di Belek che ospitano il vertice, lasciando alle cronache il fermo di 10 dimostranti dopo alcune tensioni con la polizia.

Lunedì l’ultimo giorno dei lavori. Al centro ci saranno temi finanziari, fiscali e la riforma dell’Fmi per la quale il G20 – secondo la bozza di conclusioni – bacchetta gli Usa per i ritardi nell’implementazione della riforma di governance e quote. Passaggi importanti, che resteranno però nell’ombra di una due giorni dove la parola d’ordine che lanciano i leader è ‘sconfiggere l’Isis ed il terrorismo’.

(dell’inviata Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

Archivio Ultima ora