Encuentra respuestas sobre dolor de espalda inflamatorio

Pubblicato il 16 novembre 2015 da redazione

DTYB_Understanding-IBP_Patient-Leaflet_Espanol-tiro

• Aproximadamente 1 de cada 5 adultos experimentan dolor de espalda durante más de 3 meses.
• En 1 de cada 20 personas con dolor lumbar crónico, éste tiene origen inflamatorio y, en algunos casos, puede tardar hasta 10 años en ser diagnosticado correctamente.
• El dolor de espalda de tipo inflamatorio puede relacionarse con enfermedades autoinmunes, que con el tiempo limitan la movilidad y en los casos más graves, provocan la fusión de los huesos de la columna vertebral.

Por definición las enfermedades de origen genético y/o autoinmune no pueden ser prevenidas, sin embargo, una vez se presentan, la educación en torno a ellas es fundamental para sobrellevarlas. Es el caso de las enfermedades reumáticas como la espondilitis anquilosante o la espondiloartritis axial no radiográfica, afecciones que generan dolor de espalda crónico causado por la inflamación, y que típicamente afectan a menores de 40 años.

Precisamente por presentarse en personas jóvenes y activas, este dolor de espalda puede confundirse con dolor de origen mecánico, causado por posturas, cargas o movimientos inapropiados. Pero, cuando el dolor en la parte baja de la espalda sobrepasa los 3 meses de duración o no tiene una razón aparente, hay que encender las alarmas, pues las enfermedades reumáticas que causan dolor lumbar inflamatorio afectan de manera considerable la vida de las personas desde el punto de vista físico, emocional, social y laboral, por eso es importante conseguir un diagnóstico correcto y temprano para establecer un plan de manejo adecuado.

Para la Dra. Yvonne Rengel, reumatóloga, “el dolor de espalda es un verdadero problema de salud pública, pues cada uno de nosotros tiene la potencialidad de tener dolor de espalda en algún momento de nuestras vidas. Sin embargo, no le prestamos mucha importancia cuando aparece y muchas veces por desconocimiento creemos que es normal y llegamos a acostumbrarnos a vivir con dolor, sin entender que puede ser la primera señal de patologías crónicas limitantes”.

Ante este panorama y por el desconocimiento sobre el origen y consecuencias del dolor lumbar se ha creado la página web noledeslaespalda.com, una iniciativa de salud que tiene como objetivo concientizar acerca del dolor de espalda inflamatorio, invitando a las personas que han experimentado dolor de espalda prolongado, a aprender más acerca de las posibles causas de su malestar y orientarlas sobre una adecuada consulta médica, y de esta manera ayudar a reducir el impacto en su calidad de vida a causa de un posible retraso en el diagnóstico.

Noledeslaespalda.com proporciona información que permite orientar al público general sobre las características del dolor lumbar inflamatorio, la estructura de la columna vertebral, tipos y causas de dolor de espalda, diferencias entre el dolor de espalda mecánico y el inflamatorio, tipos de exámenes diagnósticos, especialidades médicas relacionadas y un test de comprobación con base en la sintomatología diaria que puede orientar al espectador sobre si es requerido consultar a un reumatólogo.

“Este espacio digital que presentamos hoy, nolesdeslaespalda.com, tiene un formato sencillo y por lo tanto amigable a diferente audiencias, cubre los aspectos básicos de información relacionados con el dolor de espalda, incluyendo el diagnóstico y qué esperar de la visita con el especialista; cada uno de los segmentos informativos mantiene un sustento teórico publicado por los líderes de opinión en la materia, lo cual le brinda al lector la confianza que la información que encuentra en la página es veraz”, indica la doctora Rengel.

Asimismo, esta web ofrece recomendaciones para quienes deben vivir con dolor de espalda, pues las acciones del día a día tienen un efecto y este espacio detalla los hábitos a cambiar para sobrellevar la condición. “Un elemento a destacar es que nolesdeslaespalda.com es una web interactiva y motivadora, con la información que aporta invita siempre a tomar una acción, una iniciativa, que es acudir al médico especialista. Por lo tanto constituye una herramienta efectiva para promover la consulta temprana de los pacientes” puntualizó la galeno.

Finalmente, la especialista en reumatología reflexiona: “es interesante saber que la comunidad en general tiene poco conocimiento de la importancia del dolor crónico como un signo de alarma tan serio como podría ser tener fiebre, en consecuencia cuando una persona se queja de dolor deber ser escuchada y atendida oportunamente.

La persistencia en el tiempo podría alterar significativamente la calidad de vida de quien lo padece, limitando sus actividades laborales, privándose de actividades familiares o recreativas, produciendo alteraciones del estado de ánimo, tristeza y frustración. Sin embargo existe la creencia general que está bien acostumbrarse, coloquialmente la persona expresa ‘yo me aguanto’, ‘yo no me quejo con nadie’, entre otras expresiones que solo reflejan la creencia equivocada que es inevitable”, sentencia Rengel.

Noledeslaespalda.com cuenta con algunos materiales informativos descargables, para ser compartidos y aumentar la difusión respecto a esta condición. No le des la espalda al dolor

Ultima ora

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

22:45Calcio:Ceferin in Russia’Uefa favorevole Mondiale allargato’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Tutte le confederazioni sono nettamente a favore dell'espansione delle partecipanti alla Coppa del Mondo FIFA a 48 squadre a partire dal 2026. Di conseguenza, l'Uefa ha deciso di aderire nel sostenere il nuovo formato della competizione''. Parola del presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin in una intervista alla Tass nel suo primo viaggio pubblico in Russia da numero uno dell'organo che governa il calcio europeo. ''Siamo soddisfatti del fatto che la durata dei Mondiali non aumenterà, questione questa importante per i club preoccupati per il maggior impegno dei rispettivi giocatori''. Ceferin ha risposto così ad una domanda sul fatto che il calcio russo come gli altri sport abbia problemi di doping: ''L'Uefa sta facendo il massimo nella lotta contro il doping. Test rigorosi vengono effettuati sia in occasione dei match internazionali e che delle competizioni Uefa per club. A dicembre abbiamo deciso di mettere in atto un nuovo protocollo per quanto riguarda la conservazione dei campioni''

22:34Prete litiga con amante e le rompe un dito, condanna 2 mesi

(ANSA) - RAVENNA, 17 GEN - Un prete è stato condannato a due mesi di carcere per avere fratturato in canonica un dito a quella che era stata per cinque mesi la sua perpetua e amante. Ma è stato assolto dall'accusa di violenza sessuale (per induzione) perché la perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Ravenna ha stabilito che la giovane, pur segnata da gravi problematiche emotive, era consapevole delle sue azioni. Si è chiuso così il rito abbreviato condizionato a carico di don Alessio Baggetto, 43 anni, all'epoca dei fatti, nel 2013, parroco di Punta Marina Terme, sul litorale ravennate. Per lui la Procura aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Mentre la difesa - avvocato Enrico Maria Saviotti - aveva chiesto l'assoluzione anche per le lesioni in quanto il prete si sarebbe semplicemente difeso dal lancio di una statuetta in gesso della Madonna. La ragazza - una 26enne dell'est europeo il cui amministratore di sostegno è l'avvocato Christian Biserni - nel frattempo si è sposata e vive a Roma.

22:27Concorsi pilotati: giudici Bari, rete nazionale di controllo

(ANSA) - BARI, 17 GEN - A pilotare i concorsi universitari di cardiologia fino al 2004 c'era "una vera e propria rete nazionale di controllo". Ne è convinto il tribunale di Bari che, tuttavia, nella sentenza dell'ottobre scorso di cui sono state depositate in questi giorni le motivazioni, ha dovuto dichiarare la prescrizione del reato di associazione per delinquere. Nel processo erano imputati il cardiologo barese Paolo Rizzon, arrestato nell'ambito di questa indagine nel 2004 e ritenuto tra i presunti capi dell'associazione, suo figlio Brian Peter e altri due docenti universitari. Con quella sentenza i giudici baresi avevano anche assolto nel merito Rizzon da cinque accuse di falso e tre di truffa. Con riferimento all'ipotesi di associazione per delinquere, i giudici scrivono che "l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che gli imputati hanno agito all'interno di un accordo criminoso, destinato a durare nel tempo". Hanno dovuto però prendere atto della prescrizione.

21:57Calcio: Samp prolunga il contratto a Puggioni

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - La Sampdoria ufficializzerà nei prossimi giorni l'adeguamento dell'ingaggio e l'allungamento del contratto al portiere Christian Puggioni. Un premio per l'estremo difensore, che oggi compie 35 anni, anche alla luce dell'ottimo rendimento del giocatore che sta sostituendo il titolare Emiliano Viviano che si era infortunato ad ottobre. Il contratto di Puggioni scade il prossimo giugno, la Sampdoria vuole allungarlo di un'altra stagione.

21:54Calcio: Inter-Bologna, Gabigol esordio da titolare

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Gabigol per la prima volta titolare contro il Bologna in Coppa Italia. Il giovane attaccante brasiliano partirà dal primo minuto, al fianco di Joao Mario e Eder, con Palacio unica punta. Una chance importante per Barbosa che finora e' stato utilizzato solo nei minuti finali di tre partite di campionato. Una gestione che ha sollevato molte polemiche, soprattutto da parte dell'agente che aveva anche ipotizzato il trasferimento in prestito del giocatore. Gabigol, costato quasi 30 milioni di euro, questa sera negli ottavi di Coppa Italia avrà quindi la possibilità di dimostrare il suo valore. Torna anche Medel, che formera' la coppia di centrali con Murillo. Terzini D'Ambrosio e Ansaldi, mentre a centrocampo confermati Gagliardini e Kondogbia. In porta c'e' Carrizo al posto di Handanovic.

21:50Raggi: difficile governare Roma, ma città sta cambiando

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Governare Roma "non lo definirei un peso ma un onore, certo è una città difficile, ci sono responsabilità, le conoscevamo prima di candidarci e siamo pronti a farcene carico come stiamo già facendo". Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi intervistata a 'di Martedì' su La7. "La città sta cambiando ma quando si costruisce si deve fare la buca, scavare, costruire le fondamenta. Gli operai sono a lavoro a costruire solide fondamenta", ha aggiunto. "La macchina amministrativa è uscita fuori da Mafia Capitale a pezzi, quindi noi tutti insieme ci stiamo facendo carico di ricostruire la macchina - ha sottolineato -. Quando è ricostruita possiamo iniziare a guidare". La Raggi ha parlato anche del caso Marra ("è stato un errore ma ora è un capitolo chiuso") e della collega di Torino, Chiara Appendino, in testa ai gradimenti. "Ognuno deve fare il sindaco della propria città, è brava", ha detto. E sul possibile avviso di garanzia: "si leggono e si valuta cosa fare".

Archivio Ultima ora