Francia, l’orrore del terrorismo. Venezuela, tra droga, povertà e speranza

Pubblicato il 16 novembre 2015 da redazione

Members of some Spanish trade unions hold up banners that reads, ''November 16. We Are All  Paris'' as they stand during a minute of silence for the victims in Friday's attacks in Paris  in Pamplona, northern Spain, Monday, Nov. 16, 2015. (ANSA/AP Photo/Alvaro Barrientos)

Members of some Spanish trade unions hold up banners that reads, ”November 16. We Are All Paris” as they stand during a minute of silence for the victims in Friday’s attacks in Paris in Pamplona, northern Spain, Monday, Nov. 16, 2015. (ANSA/AP Photo/Alvaro Barrientos)

Terrorismo, droga, elezioni. Sono questi temi, oggi, a tener banco. Di stringente attualità, sicuramente saranno argomenti di polemica e di discordia; di dibattito e di dissenso. Insomma, di forte contrasto. Sgomento, orrore, paura. Dopo la strage a Parigi, cresce la consapevolezza che è in gioco un modo di interpretare la vita, la società, la libertà.

L’eccidio in Francia, eseguito con incredibile freddezza e determinazione, ripropone il tema del terrorismo, legato ora a quello dell’ondata crescente di migranti che fuggono dagli orrori della guerra in Siria. E’ la nostra cultura, sono i sentimenti di solidarietà che fanno parte del nostro essere, che si contrappongono alla crudeltà della Jihad e alla Guerra Santa.

Cedere oggi alla violenza irrazionale del fanatismo islamico, creare un muro per non permettere ai rifugiati di cercare in Europa la pace che il loro paese non garantisce, non offrire assistenza a chi fugge dalla guerra, significherebbe ammettere la sconfitta della nostra cultura e alimentare i movimenti xenofobi sinonimo di retrocesso e arretratezza.

Il terrorismo, con i suoi gesti assurdi, minaccia un modo di interpretare la vita, una maniera di intendere la libertà. Non è lo scontro tra civiltà. La storia insegna che civiltà, ideologie, religioni possono convivere rispettando i propri spazi.

E’ la lotta tra la barbarie che ha il solo scopo di annientare e distruggere senza proporre alternative e un modello di vita che, al trasformarsi in consuetudine e quotidianità, si considera erroneamente un “diritto acquisito” e il cui valore emerge solo quando si ha la consapevolezza del pericolo di perderlo.

In pericolo sono la libertà di incontrarsi in un bar, recarsi al teatro, ascoltare un concerto, passeggiare o semplicemente assistere a una partita di calcio. Soprattutto la libertà di scegliere, senza imposizioni, coloro che governano e di poterli castigare o premiare col voto, certi che il risultato delle urne verrà rispettato.

Assai diverso è il terrorismo inconsulto della Jihad da quello che mortificò l’Europa negli anni ‘70. In Italia li ricordiamo come “gli anni di piombo”. Allora le Brigate Rosse, e non solo queste, avevano un obiettivo: cambiare il sistema. Attaccavano personalità emblematiche della “classe dirigente”. Proponevano, nello scacchiere internazionale, un assetto diverso della società. Li sosteneva un costrutto ideologico e non fanatismo religioso. Non era loro proposito distruggere in modo cieco, ma cambiare la società. Buone intenzioni che annegarono in un oceano di violenza.

Il fanatismo islamico, al voler distruggere in maniera cieca, manifesta le proprie limitazioni. E ripropone all’Europa la necessità di un’unione federale capace di costruire politiche comuni e coerenti e al mondo occidentale l’esigenza di una solida alleanza per combattere e sconfiggere i protagonisti di una guerra, a questo punto, “sui generis”. L’obiettivo è anche evitare di alimentare le frange xenofobe. Di dare loro nuovi argomenti che possano mettere in pericolo la democrazia.

Stare accanto all’America delle “Torri Gemelle” e alla Francia del “Teatro Bataclàn”, oggi, non può avere solo un significato simbolico. Ciò che più fa paura al terrorismo islamico sono la nostra libertà, le nostre democrazie. E queste vanno difese perché sono patrimonio di tutti.

Anche in Venezuela, l’attacco al cuore della Francia, è stato vissuto con orrore. Le drammatiche immagini di Parigi, sotto shock dopo il barbaro assalto a luoghi frequentati da turisti, giovani, gente qualunque, sono riuscite a far dimenticare, per alcuni istanti, l’indignazione per le notizie provenienti dagli Stati Uniti: l’arresto per presunto traffico di droga di parenti della famiglia presidenziale.

Tutti sono innocenti finché non si dimostra il contrario. E’ giusto che sia così. Ma in Venezuela la società già è divisa. Le correnti radicali del “chavismo” e dell’Opposizione si confrontano aspramente, coinvolgendo anche i settori meno estremi.

Innocentisti e colpevolisti. I primi accusano gli Stati Uniti di una “guerra brutale” contro il Governo. “Guerra” condotta con estrema accuratezza e il cui obiettivo sarebbe distruggere la “rivoluzione”. Dalla “guerra economica” alla proibizione a esponenti del governo, accusati di violazioni ai diritti umani, di recarsi agli Stati Uniti. E ora l’arresto dei parenti del capo dello Stato.

Una trama ordita per mettere in ginocchio un paese che ha deciso di seguire il cammino economico e sociale tracciato dall’estinto presidente Chávez. Gli altri, reclamano al governo una spiegazione. Accusano le alte sfere del “chavismo” e del “madurismo” di arricchimento illecito, di traffico di stupefacenti, di corruzione e di aver ceduto il Paese ai cartelli della droga e alla guerriglia colombiana mentre la popolazione è costretta a lunghe file, sotto il cocente sole tropicale, per rimediare un chilo di farina, un pacchetto di pasta o medicine.

La famiglia presidenziale, dicevamo, mantiene il massimo riserbo. E’ una riservatezza giustificata. Meno giustificate, invece, le lussuose proprietà all’estero della coppia presidenziale, qualora dovessero corrispondere a verità le notizie battute dalle agenzie di stampa di tutto il mondo. Risulterebbe assai difficile giustificare agi e lussi all’estero, mentre s’impongono sacrifici alla popolazione, nel nome di una “rivoluzione” che ancora non riesce a decollare.

Intanto, come la polemica anche le lunghe file di consumatori in cerca di beni di consumo continuano ad essere il “pane quotidiano”. Ma lo è, ora, anche la carenza di posti di lavoro. Impossibile, con i prezzi del barile di petrolio sempre più bassi, finanziare ulteriori incrementi della burocrazia.

Ministeri, misiones, nuovi dipartimenti, aziende dello Stato. Fino a ieri sono stati capaci di fungere da aspiratrice della mano d’opera liberata dalle aziende private che chiudono definitivamente la propria saracinesca. Ora non più. E allora cresce il numero dei “buhoneros”, un mix tra rivenditori ambulanti e “vu’ cumpra’”, di “moto-taxi” e di taxi illegali.

Chi può, si ingegna; mentre cresce la micro-criminalità, sempre più micro e più criminale. Sono giovani adolescenti che si dedicano non allo scippo, ma alla rapina a mano armata, sicuri dell’impunità. Se poi ci scappa il morto, pazienza. Anche fare la fila alla porta dei supermarket, è diventato pericoloso. Si è esposti alle bande di “motorizados” che si dedicano a rapine di gruppo.

Oggi, in Europa, il terrorismo mette a repentaglio la libertà; in Venezuela è in pericolo l’intera struttura democratica, costruita con grande sacrificio.

Sul futuro del Venezuela, stando a quanto affermano con insistenza attenti analisti dei fenomeni politici e sociali, peseranno anche le prossime elezioni presidenziali in Argentina. Dopo il dibattito di domenica scorsa, il trionfo di Macri sembra ormai irreversibile. Effetto dominò. Una sua vittoria alle urne potrebbe avere l’effetto di uno tsunami e per l’America Latina rappresentare l’inizio di una nuova era.

Per il Venezuela, la possibilità di un cambiamento profondo che dovrebbe riuscire a imprimere nuovo vigore all’economia senza distruggere le conquiste sociali dei venezuelani meno abbienti.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

16:40Sms ingiuriosi e diffamazione in articolo, Sgarbi condannato

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Contrariato da un articolo sul Corriere della Sera che criticava il Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011, da lui curato, il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi prima ha iniziato a scrivere sms con parolacce e offese all'autore del pezzo pubblicato, il giornalista Sebastiano Grasso, e poi in un articolo su Il Giornale, ha usato nei confronti del recensore considerazioni da lui ritenute diffamatorie. Ora il Tribunale di Milano, giudice Nicola Di Plotti, in sede civile, lo ha condannato a una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione a mezzo stampa. E inoltre alla pubblicazione, a proprie spese, di un estratto della sentenza sul Corriere della Sera che avverrà domani. La notizia è stata resa nota dall'avvocato Biagio Cartillone, patrocinante di Grasso già responsabile delle pagine dell'arte sul quotidiano di via Solferino, che ha prodotto integralmente la sentenza.

16:30Calcio: furia Insegne dopo sostituzione, Sarri ‘stai zitto’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - C'è una piccola nube nella vittoria del Napoli a Bergamo. 'Colpa' del siparietto polemico andato in onda al 29' del secondo tempo quando il tecnico azzurro Maurizio Sarri, con la sua squadra avanti 1-0, ha deciso di sostituire Insigne con Hamsik. Ma il giocatore non la prende bene e mentre si avvia verso la panchina si lascia scappare un 'vaffa', ripreso dalla telecamere come ricostruisce anche Sky, con Sarri che lo redarguisce immediatamente dicendogli un eloquente: "Siediti, e stai zitto".

16:29Rapporto di Israele, aumenta l’antisemitismo in Europa

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 GEN - Un aumento negli "incidenti razzisti" in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora - retto da Naftali Bennett - relativo al 2017 e ripreso oggi dai media. Secondo il rapporto, l'aumento ha raggiunto il 78% "di violenza contro gli ebrei" in Gran Bretagna, mentre in Francia uno ogni tre "incidenti razzisti" è diretto contro gli ebrei che nel paese sono meno dell'1% della popolazione. Per i dati, in Ucraina il numero degli incidenti "è raddoppiato" e più del 50% dei profughi in Europa ha "opinioni antisemite".

16:17Sci: cdm, Kristoffersen vince slalom Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL, 2 GEN - Sotto una fitta nevicata, lo slalom speciale di cdm di Kitzbuehel e' stato vinto in 1.48.49 dal norvegese Henrik Kristoffersen. Per lui, a 23 anni, è il 16/o successo in carriera ma soprattutto ha battuto in casa l'austriaco Marcel Hirscher, secondo in 1.49.46. Terzo lo svizzero Daniel Yule in 1.49.84. Per l'Italia ancora una gara non esaltante. Il migliore è stato Manfred Moelgg 9/o in 1.51.28 seguito da Stefano Gross 11/o in 1.51.40 . Chiude Tommaso Sala 22/o in 1.53.65.

16:08Attacco Kabul: fonti sicurezza, 43 morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti dell'attacco di un commando di talebani all'Hotel Intercontinental di Kabul potrebbero essere 43, ha detto una "fonte credibile della sicurezza" alla tv Tolo. Finora i portavoce del ministero dell'Interno hanno ammesso solo sei vittime, anche se altre fonti anonime hanno alzato il bilancio a 18 morti. Intanto un responsabile della compagnia Kam Air ha comunicato a 1TvNews che undici suoi dipendenti, fra cui cittadini ucraini e venezuelani, sono morti ed altri nove risultano dispersi.

16:06Re Giordania a Pence, ricreare fiducia Mo

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Re Abdallah di Giordania ha rivolto un appello al vice presidente americano Mike Pence di "ricostruire la fiducia" dopo la decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. In occasione della visita di Pence ad Amman, il sovrano ha sottolineato che la decisione del presidente americano "non fa parte di un piano complessivo" per risolvere il conflitto israelo-palestinese e adesso "gli Stati Uniti hanno una grande sfida da affrontare". Pence dal canto suo ha detto che gli "Usa sono impegnati per la ripresa del processo di pace".

16:04Ritirata candidatura Parigi Expo 2025

(ANSA) - PARIGI, 21 GEN - Il primo ministro francese Edouard Philippe ha deciso di ritirare la candidatura di Parigi a ospitare l'Expo del 2025, per motivi di bilancio. Philippe ha espresso i suoi dubbi ad un giornale francese circa la fattibilità economica del progetto, con il rischio anche di sforare il tetto di spesa previsto, in una fase in cui il governo è impegnato a tagliare il bilancio pubblico. Philippe ha rilevato anche la mancanza di investitori privati. I candidati per Expo 2025, a questo punto, rimangono la città russa di Yekaterinburg, Osaka (Giappone) e Baku (Azerbaijan).

Archivio Ultima ora