Parigi, assalto al covo jihadista

Pubblicato il 19 novembre 2015 da redazione

Saint-Denis, assedio

Saint-Denis, assedio

PARIGI – All’alba scatta l’assalto e sotto le macerie del suo covo finisce la jihad di Abdelhamid Abaaoud, la ‘mente’ delle stragi di Parigi. Non c’è la certezza assoluta, sono in corso gli esami del Dna, ma fonti degli inquirenti non hanno più dubbi, anche se il procuratore francese Francois Molins non si sbilancia, parla solo di “localizzazione” di Abaaoud e di esami in corso su un corpo irriconoscibile. Per l’annuncio ufficiale vuole essere sicuro al 100 per 100.

Il blitz di Saint-Denis era pronto da 24 ore, dopo l’individuazione del covo del mandante delle stragi. Il gruppo, gli inquirenti sono certi, stava per passare nuovamente all’azione, alla Defense, forse all’aeroporto di Roissy.

A ‘parlare’, il cellulare gettato in un cestino da uno dei kamikaze del Bataclan prima di entrare nel teatro. Sullo schermo, l’ultimo sms inviato alle 21.42: “Siamo pronti, si comincia”.

Un’operazione “difficilissima” ma “riuscita”, ha detto il procuratore di Parigi Francois Molins illustrando ai giornalisti il bilancio della giornata: almeno due terroristi morti, otto fermati. Fra gli uccisi, una donna del commando trincerato al terzo piano del numero 8 della rue Corbillon che prima ha fatto fuoco sugli uomini del RAID e del BRI, poi ha fatto saltare la propria cintura esplosiva.

Perde la vita anche un secondo terrorista, crivellato dopo un’ora di resistenza al fuoco da un’infinità di colpi sparati dalla polizia durante l’irruzione, 5.000 ha riferito Molins. Forse ce n’è un terzo, sotto le macerie, ma manca l’ufficialità: l’immobile è pericolante dopo la tempesta di proiettili, il soffitto del terzo piano è crollato, in alcune parti si teme il collasso.

Sui cadaveri finora trovati sono in corso gli esami del DNA per avere la conferma definitiva su Abdelhamid Abaaoud. E, ipotizza qualcuno, anche su Salah Abdeslam, il super ricercato dalle polizie di tutta Europa che ha partecipato attivamente agli attacchi di venerdì notte e poi si è dato alla fuga. La presenza della ‘mente’ ventottenne della tentacolare azione terroristica a Parigi era stata segnalata da “un testimone”, ha detto il procuratore, precisando che per 24 ore “si è dovuto procedere alle accurate verifiche telefoniche e bancarie”. Un’attesa snervante, se si pensa che gli inquirenti – localizzato il covo a Saint-Denis – si sono resi conto che quel commando “stava per passare all’azione”.

– Tutto lo lasciava pensare – ha detto Molins – dalla raccolta di testimonianze alle prove, agli indizi, alle intercettazioni.

Cellulari, automobili, covi: questi i tre elementi sui quali hanno lavorato per ore febbrili 830 poliziotti delle varie squadre di intervento e investigative. Il primo elemento è stato decisivo per la localizzazione del commando di Saint-Denis. Le auto utilizzate venerdì per le stragi erano tre: la Polo trovata parcheggiata dai tre kamikaze del Bataclan, la Seat del sanguinoso raid davanti ai bistrot, dove i terroristi erano i due fratelli Abdeslam e un altro di cui si ignora tutto e una Clio trovata parcheggiata nei pressi di Montmartre. Tutte nere e tutte entrate a Parigi a dieci minuti di distanza l’una dall’altra, in convoglio, per compiere gli attentati.

Nella Seat ritrovata a Montreuil c’era il Gps che ha consentito di ricostruire il percorso che ha seminato morte nei bistrot. A queste auto si aggiunge la Golf con la quale due persone, arrestate in Belgio, sono venute a prendere Salah Abdeslam per riportarlo indietro dopo l’attentato, su sua richiesta. Infine i covi: il residence di Alfortville, dove Salah Abdeslam aveva prenotato una camera dall’11 al 17 novembre, una pensione a Bobigny, dove il fratello Brahim (morto suicida in un ristorante) aveva preso una stanza e il covo di Saint-Denis. Quest’ultimo, quello del blitz di ieri, composto da due appartamenti adiacenti, al terzo piano.

– Coraggio, rigore, sangue freddo -queste le parole usate dal procuratore per rendere omaggio all’azione del RAID e del BRI, resa difficilissima “dalla porta blindata, che ha resistito e ha consentito agli occupanti di armarsi e reagire”. Per un’ora è stato fuoco ininterrotto, che il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve ha descritto “di una violenza mai vista in precedenza”.

Ultima ora

16:49Comuni: Imperia, sindaco firma ordinanza anticlochard

(ANSA) - IMPERIA, 25 MAG - Il sindaco di Imperia Carlo Capacci, ha firmato l'ordinanza che vieta la dimora e il bivacco sul suolo pubblico della città, sostanzialmente una ordinanza anticlochard. Il provvedimento ha valenza su tutto il territorio comunale e in particolare nelle intersezioni stradali e vicino a queste, nelle vie e nelle piazze del centro abitato come individuato dall'apposita delibera di Giunta, in mercati e fiere e all'ingresso di cimiteri, ospedali e luoghi di culto e in corrispondenza di servizi commerciali o pubblici e scuole. "Vengono vietate le suddette attività mediante l'utilizzo di minori, anziani, disabili e lo sfruttamento di animali di affezione - è scritto nel documento -. Le forze dell'ordine e la polizia municipale sono incaricate della vigilanza e le violazioni alle disposizioni della presente ordinanza saranno puniti con sanzione amministrativa di un importo da 100 a 300 euro". "Se tutti mantenessimo un comportamento civile, non sarebbe necessario applicare norme di questo genere - commenta il sindaco -. Purtroppo l'uso improprio del suolo pubblico ha influito sulla qualità della vita dei cittadini di Imperia, qualità che secondo statistiche ufficiali si trovava in netto miglioramento. Per questo si è resa necessaria l'ordinanza: è doveroso da parte dell'Amministrazione garantire ai cittadini e ai visitatori la giusta sicurezza".(ANSA).

16:46‘Ndrangheta: faida Platì, carabinieri eseguono cinque fermi

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - I carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno fermato cinque persone accusate di una serie di omicidi avvenuti tra la fine degli anni '90 ed i primi anni duemila nell'ambito della cosiddetta "faida di Platì" che contrappose all'epoca le famiglie Marando e Trimboli. I fermi sono stati fatti in esecuzione di provvedimenti emessi dalla Dda di Reggio Calabria. Le persone fermate sono Rosario Barbaro, di 77 anni, Saverio Trimboli (43), Rosario Marando (49), Bruno Polito (45) e Domenico Trimboli (36). Le indagini che hanno portato ai fermi sono partite dalla scomparsa nel 2002 di Pasquale Marando. I carabinieri hanno accertato che Marando fu ucciso ed il suo cadavere fatto sparire ad opera di esponenti della famiglia Trimboli con l'autorizzazione di Rosario Barbaro, capo del "locale" di Platì, intenzionato a ridimensionare i Marando, che insidiavano la sua leadership sul territorio. La faida finì dopo l'intervento della struttura sovraordinata del "Crimine".

16:45Brasile: Temer revoca decreto uso esercito a Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 MAG - Passo indietro del presidente del Brasile, Michel Temer, che ieri aveva deciso di mobilitare le forze armate per difendere gli edifici pubblici a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate nella capitale federale: il decreto con il quale veniva autorizzato l'uso dell'esercito - rende noto Agencia Brasil - è stato revocato oggi dal capo di Stato, dopo le roventi critiche ricevute sia dall'opposizione che dalla maggioranza per la polemica scelta, che ha fatto subito pensare ai tempi della dittatura militare (1964-1985).

16:34Erdogan lascia incontro Tusk-Juncker scuro in volto

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato ricevuto all'Europa Building dal presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e dal presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. Al termine dell'incontro, sullo sfondo delle tensioni tra Ue e Turchia, non è stata fatta alcuna dichiarazione, ma il turco ha lasciato l'edificio scuro in volto. Il portavoce della Commissione Margaritis Schinas ha scritto su Twitter che "Ue e Turchia devono lavorare insieme e lo faranno". Ieri Erdogan aveva chiesto all'Ue di prendere una decisione sull'adesione della Turchia all'Ue, che non va trattata come un "mendicante" tenuto sulla porta. Prima di partire per Bruxelles aveva affermato che "l'Ue aspetta che sia la Turchia a ritirarsi". Nell'accordo con la Ue sui migranti è prevista la liberalizzazione dei visti, che è tenuta bloccata perché Amkara non rispetta 7 dei 'benchmark' richiesti dall'Ue, e l'apertura di nuovi capitoli negoziali, che si è allontanata dopo la repressione seguita al fallito golpe luglio.

16:27Calcio: Gattuso, non è passo indietro

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - In attesa di firmare il contratto che lo porterà sulla panchina della Primavera del Milan, Gennaro Gattuso parla già con entusiasmo dell'esperienza che gli permetterà di tornare a lavorare in un posto che considera casa sua: "La proposta di allenare la Primavera è arrivata tre settimane fa. Secondo me è la scelta giusta, nessun passo indietro: torno in una società gloriosa che vuole essere di nuovo grande. Allenerò i giovani: spero di trasmettere il senso di appartenenza e farli migliorare. Ascolterò i consigli di Montella: è un tecnico preparatissimo, c'è solo da imparare".

16:26Gentiloni, a G7 Taormina non sarà confronto semplice

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - "A Taormina ci sarà un confronto su temi che interessano tutta l'umanità, come i cambiamenti climatici, i commerci, le migrazioni, i rapporti con l'Africa. Non sarà un confronto semplice, ma l'Italia, che ospita il vertice, cercherà di renderlo un confronto utile e capace di far convergere le posizioni": lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni arrivando al vertice Nato a Bruxelles. Gantiloni ha quindi detto che "l'Italia è impegnatissima in Iraq", dove ha la seconda forza militare dopo quella americana, "ma è importante sottolineare che l'impostazione non è solo militare, ma anche politica, coinvolgendo tutte le forze possibili per trovare soluzioni" a sfide come quella del terrorismo. "Il terrorismo si vince sul piano militare ma anche sul paino della cultura", come l'Italia sostiene da sempre, ha detto Gentiloni, che ha sottolineato come a questo fine sia utile l'"unità fra le due sponde dell'Atlantico".

16:22Università: dg Stranieri Perugia nuovo presidente Codau

(ANSA) - PERUGIA, 25 MAG - Il direttore generale dell'Università per Stranieri di Perugia Cristiano Nicoletti è il nuovo presidente del Codau, l'associazione nazionale costituita dai dg di tutti gli atenei italiani. E' stato eletto a Roma, insieme alla giunta, dai direttori generali delle 87 Università chiamate a partecipare al rinnovo delle cariche per il triennio 2017-2020. Per Nicoletti le priorità sono "promuovere una più forte cultura della qualità della didattica e della ricerca, snellire le procedure, incrementare l'internazionalizzazione, instaurare solidi rapporti di collaborazione con organizzazioni nazionali e sovranazionali, per scambi di esperienze e conoscenza per il miglioramento ed il consolidamento dell'integrazione a livello europeo ed extraeurope". "Il Codau - ha aggiunto - punterà a creare le basi per rendere l'università italiana più competitiva sullo scenario internazionale e per accrescere in questo modo la competitività del Paese". "Ma punterà anche - ha sottolineato Nicoletti - a rafforzare gli obiettivi nei rapporti sistematici con Ministeri, enti di ricerca, comitati di settore e altri organismi istituzionali per la promozione di studi congiunti, ricerche e proposte di soluzioni su problematiche attinenti la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa delle nostre università". (ANSA).

Archivio Ultima ora