Parigi, assalto al covo jihadista

Pubblicato il 19 novembre 2015 da redazione

Saint-Denis, assedio

Saint-Denis, assedio

PARIGI – All’alba scatta l’assalto e sotto le macerie del suo covo finisce la jihad di Abdelhamid Abaaoud, la ‘mente’ delle stragi di Parigi. Non c’è la certezza assoluta, sono in corso gli esami del Dna, ma fonti degli inquirenti non hanno più dubbi, anche se il procuratore francese Francois Molins non si sbilancia, parla solo di “localizzazione” di Abaaoud e di esami in corso su un corpo irriconoscibile. Per l’annuncio ufficiale vuole essere sicuro al 100 per 100.

Il blitz di Saint-Denis era pronto da 24 ore, dopo l’individuazione del covo del mandante delle stragi. Il gruppo, gli inquirenti sono certi, stava per passare nuovamente all’azione, alla Defense, forse all’aeroporto di Roissy.

A ‘parlare’, il cellulare gettato in un cestino da uno dei kamikaze del Bataclan prima di entrare nel teatro. Sullo schermo, l’ultimo sms inviato alle 21.42: “Siamo pronti, si comincia”.

Un’operazione “difficilissima” ma “riuscita”, ha detto il procuratore di Parigi Francois Molins illustrando ai giornalisti il bilancio della giornata: almeno due terroristi morti, otto fermati. Fra gli uccisi, una donna del commando trincerato al terzo piano del numero 8 della rue Corbillon che prima ha fatto fuoco sugli uomini del RAID e del BRI, poi ha fatto saltare la propria cintura esplosiva.

Perde la vita anche un secondo terrorista, crivellato dopo un’ora di resistenza al fuoco da un’infinità di colpi sparati dalla polizia durante l’irruzione, 5.000 ha riferito Molins. Forse ce n’è un terzo, sotto le macerie, ma manca l’ufficialità: l’immobile è pericolante dopo la tempesta di proiettili, il soffitto del terzo piano è crollato, in alcune parti si teme il collasso.

Sui cadaveri finora trovati sono in corso gli esami del DNA per avere la conferma definitiva su Abdelhamid Abaaoud. E, ipotizza qualcuno, anche su Salah Abdeslam, il super ricercato dalle polizie di tutta Europa che ha partecipato attivamente agli attacchi di venerdì notte e poi si è dato alla fuga. La presenza della ‘mente’ ventottenne della tentacolare azione terroristica a Parigi era stata segnalata da “un testimone”, ha detto il procuratore, precisando che per 24 ore “si è dovuto procedere alle accurate verifiche telefoniche e bancarie”. Un’attesa snervante, se si pensa che gli inquirenti – localizzato il covo a Saint-Denis – si sono resi conto che quel commando “stava per passare all’azione”.

– Tutto lo lasciava pensare – ha detto Molins – dalla raccolta di testimonianze alle prove, agli indizi, alle intercettazioni.

Cellulari, automobili, covi: questi i tre elementi sui quali hanno lavorato per ore febbrili 830 poliziotti delle varie squadre di intervento e investigative. Il primo elemento è stato decisivo per la localizzazione del commando di Saint-Denis. Le auto utilizzate venerdì per le stragi erano tre: la Polo trovata parcheggiata dai tre kamikaze del Bataclan, la Seat del sanguinoso raid davanti ai bistrot, dove i terroristi erano i due fratelli Abdeslam e un altro di cui si ignora tutto e una Clio trovata parcheggiata nei pressi di Montmartre. Tutte nere e tutte entrate a Parigi a dieci minuti di distanza l’una dall’altra, in convoglio, per compiere gli attentati.

Nella Seat ritrovata a Montreuil c’era il Gps che ha consentito di ricostruire il percorso che ha seminato morte nei bistrot. A queste auto si aggiunge la Golf con la quale due persone, arrestate in Belgio, sono venute a prendere Salah Abdeslam per riportarlo indietro dopo l’attentato, su sua richiesta. Infine i covi: il residence di Alfortville, dove Salah Abdeslam aveva prenotato una camera dall’11 al 17 novembre, una pensione a Bobigny, dove il fratello Brahim (morto suicida in un ristorante) aveva preso una stanza e il covo di Saint-Denis. Quest’ultimo, quello del blitz di ieri, composto da due appartamenti adiacenti, al terzo piano.

– Coraggio, rigore, sangue freddo -queste le parole usate dal procuratore per rendere omaggio all’azione del RAID e del BRI, resa difficilissima “dalla porta blindata, che ha resistito e ha consentito agli occupanti di armarsi e reagire”. Per un’ora è stato fuoco ininterrotto, che il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve ha descritto “di una violenza mai vista in precedenza”.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora