Terrorismo, infiamma la polemica. Rafforzata la vigilanza a New York

Pubblicato il 19 novembre 2015 da redazione

polizia ny

Hanno alimentato la polemica. E sparigliato le carte in tavola. I tragici avvenimenti che hanno sconvolto la Francia e commosso il mondo hanno riproposto con forza negli Stati Uniti il tema del terrorismo. E trovato specialmente a New York, un terreno assai fertile. E’ ancora fresco l’orrore provocato dall’attentato alle “Torri Gemelle”.

Com’è ovvio, gli apparati di polizia, in tutte le metropoli degli “States”, hanno rafforzato la vigilanza in quelli considerati oggi i probabili obiettivi dei terroristi islamici. A New York, sono particolarmente controllati Times Square, la “Statua della Libertà”, la “Torre Rockfeller”, i musei, la metropolitana ed altri luoghi assai frequentati dai turisti. Ma non solo.

Anche Wall Street, la sede del Governo, la Biblioteca Pubblica, la Stazione Centrale… Insomma, non solo i luoghi affollati in cui un attentato provocherebbe una carneficina, ma anche i palazzi e le istituzioni emblematiche che rappresentano il cuore politico ed economico della città; spazi in cui un atto terroristico avrebbe un significato psicologico di grosso spessore.

Gli attentati a Parigi, eseguiti con cronometrica freddezza, hanno provocato una svolta nel dibattito politico in corso nel Paese. Terrorismo e migrazione, nell’architettura del pensiero politico dell’americano qualunque oggi si confondono e s’intrecciano. E di questo cercano di trarre vantaggio le correnti conservatrici del Paese.

E’ sempre più consistente il pericolo di un’ondata xenofoba in una nazione che è cresciuta e si è sviluppata grazie proprio all’impulso dato da migranti provenienti da ogni angolo del mondo.

L’amministrazione del presidente Obama, oggi, lavora sul programma di assistenza e accoglienza di oltre 10 mila rifugiati siriani. L’iniziativa del governo è stata osteggiata fin dal principio dai repubblicani. E, fin qui, nulla di cui sorprendersi.

A Capitol Hill, il neo-speaker della Camera, Paul Ryan, ha già reso noto che sta portando avanti iniziative orientate a sospendere il programma di accoglienza proposto dal capo dello Stato. Se la reazione dei repubblicani era prevista; quella degli Stati Federati ha spiazzato il governo centrale. E irritato il capo dello Stato. Oltre 30 Stati, dai più grandi ai più piccoli, si sono detti contrari ad ospitare rifugiati siriani. E, di fatto, hanno chiuso le loro frontiere.

L’amministrazione Obama ha respinto con forza l’equazione rifugiato=terrorista, che potrebbe condurre alla crescita di movimenti xenofobi latenti che non avevano mai avuto terreno fertile in una società aperta, accogliente e progressista. E si è fatta portavoce della posizione del G20: non si può negare soccorso e rifugio a chi fugge dalla guerra e, forse, da una morte certa senza sostenere un’altra forma di barbarie.

La polemica, come era prevedibile, ha avuto i suoi effetti sulle primarie democratiche e repubblicane. L’argomento infiamma la diatriba.

Hillary Clinton, che corregge le parole di Obama al sostenere che “l’Isis non va contenuta ma distrutta”, è stata attaccata duramente dal progressista Bernie Sanders che accusa la ex First Lady di aver votato, a suo tempo, a favore di un intervento militare in Irak. Questo, secondo il parere del senatore socialista, sarebbe stato la scintilla che ha infuocato la prateria e permesso la nascita di al qaeda e Isis.

Clinton si è difesa con autorità. A differenza di Sanders, che insiste nel suo “non intervenzionismo” ad oltranza, non ha scartato la possibilità di un intervento americano di terra, anche se solo come ultima risorsa e unicamente se assieme ai suoi alleati.

A differenza dei repubblicani, l’ex First Lady evita accuratamente di impiegare il termine “terrorismo islamico” e sottolinea con enfasi che non si è “in guerra col mondo musulmano e islamico”.

Se i candidati repubblicani Jed Bush e Marco Rubio esigono una svolta per contrastare quello che considerano “uno sforzo organizzato per distruggere la civiltà occidentale”, Trump si dice disposto ad acquistare un pezzo della Siria per ospitare i profughi, “cavallo di Troia dell’Isis per entrare negli Usa”. Un altro magnate, Rupert Murdoch, dal canto suo, propone l’accesso agli States unicamente a “cristiani doc”.

Una proposta choc, subito bollata come vergognosa e infame.

Ultima ora

04:26Corea Nord, possibile test bomba H in Pacifico

(ANSA) - PECHINO, 22 SET - La Corea del Nord potrebbe condurre il più potente test di bomba all'idrogeno nel Pacifico, tra le "azioni di più alto livello" contro gli Usa. E' l'ipotesi espressa dal ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong-ho in merito alle affermazioni del leader Kim Jong-un, che sta considerando iniziative in risposta al presidente americano Donald Trump e alla sua minaccia di "distruzione totale" del Paese asiatico.

01:37Corea del Nord, Kim: Trump è folle e pagherà per minacce

(ANSA) - PYONGYANG, 22 SET - Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha definito Donald Trump "un folle" e ha aggiunto che il presidente statunitense "pagherà caro" per le sue minacce. Kim ha accusato Trump di non essere adeguato per ricoprire il ruolo di "comandante in capo di un Paese". Il capo del regime nordcoreano ha descritto il presidente Usa come "una canaglia e un bandito, desideroso di giocare con il fuoco". Le parole di Kim arrivano in risposta al bellicoso discorso fatto da Trump sulla Corea del Nord all'assemblea generale dell'Onu.

00:40Calcio: Liga, nuovo stop per la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Nuovo stop per la Real Sociedad, battuta 3-0 a Valencia dal Levante, in una delle tre gare che giovedì sera hanno chiuso la quinta giornata di Liga. La formazione di San Sebastian, sconfitta in casa domenica scorsa dal Real Madrid, perde così ulteriore terreno dalle zone alte della classifica. Pareggi sugli altri due campi: 0-0 fra Villarreal ed Espanyol, 1-1 fra Celta Vigo e Getafe. Classifica: Barcellona 15 punti; Siviglia 13; Atletico Madrid 11; Valencia, Levante, Real Sociedad e Betis 9; Real Madrid 8; Villarreal, Athletic Bilbao e Leganes 7; Las Palmas ed Eibar 6; Getafe, Girona ed Espanyol 5; Celta e Deportivo 4; Alaves e Malaga 0.

00:16Calcio: primo dispiacere per Mancini, Zenit fuori in Coppa

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Primo dispiacere per Roberto Mancini alla guida dello Zenit: questa sera, infatti, la squadra di San Pietroburgo è stata eliminata dalla Coppa di Russia per mano di un club rivale cittadino di seconda divisione, la Dynamo San Pietroburgo. Lo Zenit, solitario in vetta al campionato (imbattuto dopo dieci giornate), è stato sconfitto per 3-2 ai tempi supplementari in una delle gare dei sedicesimi di finale. Rimasti in dieci dopo pochi minuti per l'espulsione di Mevlja, gli uomini di Mancini sono andati a riposo sotto di due reti ma, grazie alla reazione nella ripresa, sono riusciti a rimettere in equilibrio la situazione con i gol dell'ex romanista Paredes e di Poloz; ai supplementari, tuttavia, è arrivato il terzo gol della Dynamo con un rigore di Kulishev (autore di una doppietta, di Barsov l'altra marcatura).

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

Archivio Ultima ora