Terrorismo, infiamma la polemica. Rafforzata la vigilanza a New York

Pubblicato il 19 novembre 2015 da redazione

polizia ny

Hanno alimentato la polemica. E sparigliato le carte in tavola. I tragici avvenimenti che hanno sconvolto la Francia e commosso il mondo hanno riproposto con forza negli Stati Uniti il tema del terrorismo. E trovato specialmente a New York, un terreno assai fertile. E’ ancora fresco l’orrore provocato dall’attentato alle “Torri Gemelle”.

Com’è ovvio, gli apparati di polizia, in tutte le metropoli degli “States”, hanno rafforzato la vigilanza in quelli considerati oggi i probabili obiettivi dei terroristi islamici. A New York, sono particolarmente controllati Times Square, la “Statua della Libertà”, la “Torre Rockfeller”, i musei, la metropolitana ed altri luoghi assai frequentati dai turisti. Ma non solo.

Anche Wall Street, la sede del Governo, la Biblioteca Pubblica, la Stazione Centrale… Insomma, non solo i luoghi affollati in cui un attentato provocherebbe una carneficina, ma anche i palazzi e le istituzioni emblematiche che rappresentano il cuore politico ed economico della città; spazi in cui un atto terroristico avrebbe un significato psicologico di grosso spessore.

Gli attentati a Parigi, eseguiti con cronometrica freddezza, hanno provocato una svolta nel dibattito politico in corso nel Paese. Terrorismo e migrazione, nell’architettura del pensiero politico dell’americano qualunque oggi si confondono e s’intrecciano. E di questo cercano di trarre vantaggio le correnti conservatrici del Paese.

E’ sempre più consistente il pericolo di un’ondata xenofoba in una nazione che è cresciuta e si è sviluppata grazie proprio all’impulso dato da migranti provenienti da ogni angolo del mondo.

L’amministrazione del presidente Obama, oggi, lavora sul programma di assistenza e accoglienza di oltre 10 mila rifugiati siriani. L’iniziativa del governo è stata osteggiata fin dal principio dai repubblicani. E, fin qui, nulla di cui sorprendersi.

A Capitol Hill, il neo-speaker della Camera, Paul Ryan, ha già reso noto che sta portando avanti iniziative orientate a sospendere il programma di accoglienza proposto dal capo dello Stato. Se la reazione dei repubblicani era prevista; quella degli Stati Federati ha spiazzato il governo centrale. E irritato il capo dello Stato. Oltre 30 Stati, dai più grandi ai più piccoli, si sono detti contrari ad ospitare rifugiati siriani. E, di fatto, hanno chiuso le loro frontiere.

L’amministrazione Obama ha respinto con forza l’equazione rifugiato=terrorista, che potrebbe condurre alla crescita di movimenti xenofobi latenti che non avevano mai avuto terreno fertile in una società aperta, accogliente e progressista. E si è fatta portavoce della posizione del G20: non si può negare soccorso e rifugio a chi fugge dalla guerra e, forse, da una morte certa senza sostenere un’altra forma di barbarie.

La polemica, come era prevedibile, ha avuto i suoi effetti sulle primarie democratiche e repubblicane. L’argomento infiamma la diatriba.

Hillary Clinton, che corregge le parole di Obama al sostenere che “l’Isis non va contenuta ma distrutta”, è stata attaccata duramente dal progressista Bernie Sanders che accusa la ex First Lady di aver votato, a suo tempo, a favore di un intervento militare in Irak. Questo, secondo il parere del senatore socialista, sarebbe stato la scintilla che ha infuocato la prateria e permesso la nascita di al qaeda e Isis.

Clinton si è difesa con autorità. A differenza di Sanders, che insiste nel suo “non intervenzionismo” ad oltranza, non ha scartato la possibilità di un intervento americano di terra, anche se solo come ultima risorsa e unicamente se assieme ai suoi alleati.

A differenza dei repubblicani, l’ex First Lady evita accuratamente di impiegare il termine “terrorismo islamico” e sottolinea con enfasi che non si è “in guerra col mondo musulmano e islamico”.

Se i candidati repubblicani Jed Bush e Marco Rubio esigono una svolta per contrastare quello che considerano “uno sforzo organizzato per distruggere la civiltà occidentale”, Trump si dice disposto ad acquistare un pezzo della Siria per ospitare i profughi, “cavallo di Troia dell’Isis per entrare negli Usa”. Un altro magnate, Rupert Murdoch, dal canto suo, propone l’accesso agli States unicamente a “cristiani doc”.

Una proposta choc, subito bollata come vergognosa e infame.

Ultima ora

10:58Tornano gli Italian sport awards, Immobile fra i premiati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Ritornano gli Italian sport awards, i premi ai calciatori italiani protagonisti della stagione 2016/17. Appuntamento lunedì a Cappacio-Paestum (Sa). L'evento, ideato da Donato Alfani è giunto alla 7/a edizione e si è contraddistinto come uno dei riconoscimenti più importanti nel panorama nazionale, tanto da ricevere il patrocinio di Coni e Figc. Tanti gli ospiti presenti alla serata di gala: per la Serie A incetta di premi per la Lazio, con Immobile, Parolo e Inzaghi. Premiati anche Cordaz, Nalini, il tecnico Rastelli, il ds Zamagna dell'Atalanta, l'arbitro Rocchi. Grande spazio anche alla Serie B, con i premi ad Amato Ciciretti, Coda, Dionisi, Soddimo, Favilli, oltre agli allenatori Semplici e Bucchi, protagonisti con Spal e Perugia, all'arbitro Manganiello. Tanti anche i premi destinati ai club di Serie C e D. "Siamo alla 7/a edizione e questo è già motivo d'orgoglio - dice Alfani -. Vorrei ringraziare tutti i membri della giuria che hanno supportato questo format".

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

Archivio Ultima ora