Terrorismo, infiamma la polemica. Rafforzata la vigilanza a New York

Pubblicato il 19 novembre 2015 da redazione

polizia ny

Hanno alimentato la polemica. E sparigliato le carte in tavola. I tragici avvenimenti che hanno sconvolto la Francia e commosso il mondo hanno riproposto con forza negli Stati Uniti il tema del terrorismo. E trovato specialmente a New York, un terreno assai fertile. E’ ancora fresco l’orrore provocato dall’attentato alle “Torri Gemelle”.

Com’è ovvio, gli apparati di polizia, in tutte le metropoli degli “States”, hanno rafforzato la vigilanza in quelli considerati oggi i probabili obiettivi dei terroristi islamici. A New York, sono particolarmente controllati Times Square, la “Statua della Libertà”, la “Torre Rockfeller”, i musei, la metropolitana ed altri luoghi assai frequentati dai turisti. Ma non solo.

Anche Wall Street, la sede del Governo, la Biblioteca Pubblica, la Stazione Centrale… Insomma, non solo i luoghi affollati in cui un attentato provocherebbe una carneficina, ma anche i palazzi e le istituzioni emblematiche che rappresentano il cuore politico ed economico della città; spazi in cui un atto terroristico avrebbe un significato psicologico di grosso spessore.

Gli attentati a Parigi, eseguiti con cronometrica freddezza, hanno provocato una svolta nel dibattito politico in corso nel Paese. Terrorismo e migrazione, nell’architettura del pensiero politico dell’americano qualunque oggi si confondono e s’intrecciano. E di questo cercano di trarre vantaggio le correnti conservatrici del Paese.

E’ sempre più consistente il pericolo di un’ondata xenofoba in una nazione che è cresciuta e si è sviluppata grazie proprio all’impulso dato da migranti provenienti da ogni angolo del mondo.

L’amministrazione del presidente Obama, oggi, lavora sul programma di assistenza e accoglienza di oltre 10 mila rifugiati siriani. L’iniziativa del governo è stata osteggiata fin dal principio dai repubblicani. E, fin qui, nulla di cui sorprendersi.

A Capitol Hill, il neo-speaker della Camera, Paul Ryan, ha già reso noto che sta portando avanti iniziative orientate a sospendere il programma di accoglienza proposto dal capo dello Stato. Se la reazione dei repubblicani era prevista; quella degli Stati Federati ha spiazzato il governo centrale. E irritato il capo dello Stato. Oltre 30 Stati, dai più grandi ai più piccoli, si sono detti contrari ad ospitare rifugiati siriani. E, di fatto, hanno chiuso le loro frontiere.

L’amministrazione Obama ha respinto con forza l’equazione rifugiato=terrorista, che potrebbe condurre alla crescita di movimenti xenofobi latenti che non avevano mai avuto terreno fertile in una società aperta, accogliente e progressista. E si è fatta portavoce della posizione del G20: non si può negare soccorso e rifugio a chi fugge dalla guerra e, forse, da una morte certa senza sostenere un’altra forma di barbarie.

La polemica, come era prevedibile, ha avuto i suoi effetti sulle primarie democratiche e repubblicane. L’argomento infiamma la diatriba.

Hillary Clinton, che corregge le parole di Obama al sostenere che “l’Isis non va contenuta ma distrutta”, è stata attaccata duramente dal progressista Bernie Sanders che accusa la ex First Lady di aver votato, a suo tempo, a favore di un intervento militare in Irak. Questo, secondo il parere del senatore socialista, sarebbe stato la scintilla che ha infuocato la prateria e permesso la nascita di al qaeda e Isis.

Clinton si è difesa con autorità. A differenza di Sanders, che insiste nel suo “non intervenzionismo” ad oltranza, non ha scartato la possibilità di un intervento americano di terra, anche se solo come ultima risorsa e unicamente se assieme ai suoi alleati.

A differenza dei repubblicani, l’ex First Lady evita accuratamente di impiegare il termine “terrorismo islamico” e sottolinea con enfasi che non si è “in guerra col mondo musulmano e islamico”.

Se i candidati repubblicani Jed Bush e Marco Rubio esigono una svolta per contrastare quello che considerano “uno sforzo organizzato per distruggere la civiltà occidentale”, Trump si dice disposto ad acquistare un pezzo della Siria per ospitare i profughi, “cavallo di Troia dell’Isis per entrare negli Usa”. Un altro magnate, Rupert Murdoch, dal canto suo, propone l’accesso agli States unicamente a “cristiani doc”.

Una proposta choc, subito bollata come vergognosa e infame.

Ultima ora

08:46Mafia: Gabrielli, reato da cambiare

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Dobbiamo convincerci tutti che la corruzione è l'incubatrice delle mafie. E invece vedo un atteggiamento da scampato pericolo nei confronti della sentenza sul Mondo di Mezzo". Il capo della polizia Franco Gabrielli interviene a sostegno della tesi della procura di Roma sull'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. "Il procuratore capo Giuseppe Pignatone - dice - ha fornito un'interpretazione avanzata del reato. Non credo che in questo processo sia stato sconfitto". Probabilmente, osserva "bisogna rimodellare la formulazione del reato 416 bis".

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

Archivio Ultima ora