Assalto all’hotel degli stranieri, terrore in Mali

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

The Radisson Blu hotel, left, that was stormed by gunmen during an attack on the hotel in Bamako, Mali, Friday, Nov. 20, 2015. Islamic extremists armed with guns and throwing grenades stormed the Radisson Blu hotel in Mali's capital Friday morning, killing at least three people and initially taking numerous hostages, authorities said.  (ANSA/AP Photo/Harouna Traore)

The Radisson Blu hotel, left, that was stormed by gunmen during an attack on the hotel in Bamako, Mali, Friday, Nov. 20, 2015. Islamic extremists armed with guns and throwing grenades stormed the Radisson Blu hotel in Mali’s capital Friday morning, killing at least three people and initially taking numerous hostages, authorities said. (ANSA/AP Photo/Harouna Traore)

PARIGI. – Dopo la Francia, il terrore globale ha colpito nel Mali, mentre ancora si cercano i responsabili delle stragi di Parigi. A Bamako l’attacco contro l’hotel più blindato, il Radisson Blu, è stato sferrato dai jihadisti di Mourabitoun, un gruppo che era di al Qaida e avrebbe successivamente sposato la folle causa dell’Isis.

Centosettanta ostaggi detenuti per ore, il gruppo di assalitori in preda a fanatismo delirante ha lasciato uscire soltanto quelli che dimostravano “di saper recitare il Corano”. Alla fine, intervento delle forze speciali di diversi Paesi con militari sul posto, ostaggi liberati e 27 morti. Fra questi, almeno due terroristi, anche se secondo altre fonti ne sarebbero stati uccisi di più.

Al Radisson Blu, hotel degli uomini d’affari nel quartiere ACI 2000, preferito dai responsabili politici in missione ed esponenti di organismi internazionali, sono le 7 del mattino quando un’auto – stando a un impiegato dell’hotel al seguito di un veicolo con targa diplomatica – si ferma e fa scendere alcuni terroristi, 2 o 3 uomini secondo le testimonianze poi raggiunti da un altro gruppo, in tutto sembra 12 persone.

Il gruppo, armato fino ai denti, entra in hotel urlando ‘Allahu Akhbar’ e blocca le uscite, tenendo in ostaggio fra le 150 e le 170 persone. Alle 10.30 scatta il blitz delle forze dell’ordine maliane, che però non sortisce effetti immediati. Per arrivare ad un annuncio di chiusura della situazione critica bisognerà aspettare 9 ore, dopo che alle forze maliane si saranno unite quelle francesi, arrivate dalla vicina Ouagadogou, supportate da rinforzi internazionali, in particolare americani e del Minusma, la forza Onu presente nel Paese. I quindici militari italiani che fanno parte di questa forza non sono rimasti coinvolti.

La Francia guida un intervento militare nel Mali dal gennaio 2013 e ha inviato anche un gruppo di una quarantina di teste di cuoio del GIGN da Parigi. In un’atmosfera di terrore, mentre si annunciava la liberazione dell’hotel, gli inviati sul posto raccontavano di operatori della Protezione civile che portavano via cadaveri avvolti in sacchi color arancione adagiati sulle barelle. Fra i morti due terroristi, secondo la maggior parte delle fonti, ma in serata l’operazione di ‘bonifica’ dell’intero edificio del Radisson era ancora in corso.

Le forze di sicurezza stanno ancora cercando eventuali assalitori rimasti nascosti nelle stanze. Secondo una rivendicazione postata su Twitter, l’azione è firmata dai jihadisti di al Mourabitoun, gruppo legato ad al Qaida ma confluito – secondo recenti sviluppi – nell’Isis.

In serata il ministro della Difesa francese, Jean-Yves Le Drian, ha citato Mokhtar Belmokhtar – già mente della strage all’impianto di gas dell’Is Amenas in Algeria – uno dei fondatori del gruppo, come possibile stratega dell’attacco.

Lo scorso 7 agosto, un sequestro di clienti di un hotel nel centro del Paese, a Sevaré, si era concluso con la morte di 13 persone. Il 7 marzo un attentato sanguinoso a Bamako contro un bar ristorante frequentato da stranieri aveva lasciato sul terreno cinque morti, fra i quali un francese e un belga.

Fra gli stranieri ostaggi nell’hotel nessun italiano. Quattordici le nazionalità rappresentate, fra le quali Algeria, Germania, Belgio, Canada, Cina, Costa d’Avorio, Spagna, Stati Uniti, Francia, India, Marocco, Russia, Senegal e Turchia. Air France ha annunciato che i 12 membri di equipaggio presenti nell’hotel erano al sicuro su un piano non interessato all’assalto dei jihadisti.

Quindici cittadini francesi sono stati liberati e in serata Le Drian ha ufficializzato che fra le vittime non ci sono francesi. Così come non ci sono americani tra i morti o i feriti, ha fatto sapere il Dipartimento di Stato. Il presidente francese Francois Hollande ha invitato i francesi che si trovano in “paesi a rischio” in tutto il mondo a “prendere precauzioni”: “Non bisogna smettere di vivere – ha detto – ma in questo momento diamo priorità alla sicurezza”.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

16:05Bankitalia: Renzi, evidente mancanza vigilanza efficace

(ANSA) - RECANATI, 18 OTT - "Se qualcuno vuol raccontare che in questi anni nel settore banche non è successo niente, non siamo noi, perché è successo di tutto. È mancata evidentemente una vigilanza efficace. C’è bisogno di scrivere una pagina nuova". Lo dice Matteo Renzi, segretario Pd, tornando su Bankitalia. “Se qualcuno spiega la mancanza di vigilanza di questi anni risponde agli italiani, non al Pd".

15:49Bankitalia: Renzi, rispetteremo scelta ma pagina nuova

(ANSA) - RECANATI (ANCONA), 18 OTT - "La nostra mozione di ieri spiega con forza che c'è bisogno di scrivere una pagina nuova. Chiunque sarà il governatore e le scelte che farà il Governo e le autorità preposte, avranno il pieno rispetto istituzionale da parte del Pd ma ieri la mozione l'ha votata il Pd sulla base delle indicazioni del Governo". Lo ribadisce Matteo Renzi, segretario del Pd, a margine di un incontro a Recanati.

15:48Calcio: Napoli, contrattura per Insigne

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Lorenzo Insigne ha riportato ieri sera nel match contro il Manchester City una contrattura da affaticamento all'adduttore destro. Lo afferma in una nota il Napoli, precisando che le condizioni dell'attaccante verranno valutate "giorno per giorno". Oggi Insigne non si è allenato con i compagni a Manchester, in un campo vicino all'Etihad Stadium messo a disposizione dal City, ma ha svolto terapie. Difficile che Insigne possa essere impiegato sabato sera contro l'Inter. il tecnico Sarri sta valutando le diverse opzioni, tra cui l'impiego di Ounas.

15:47Università italiane riunite a Torino in nome Francofonia

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - L' Università di Torino da due giorni è capitale italiana della Francofonia riunendo rettori e rappresentanti d' ateneo, tra cui quelli di Napoli, Genova, Firenze, Udine, Milano, Marche, Valle d'Aosta, assieme al rettore dell'Agenzia Universitaria della Francofonia, Jean Paul De Gaudemar e al poeta e diplomatico Salah Stétié. La realtà Francofona conta nel mondo 274 milioni di persone e coinvolge 84 Stati. La rete Auf, che federa 845 atenei di 111 nazioni, è la più importante al mondo con un budget per il 2017 di 39,46 milioni di euro. L' aver avuto dal Miur la gestione delle attività dell' Università Italo-Francese, la posizione geografica, la sua tradizione e la sua storia, candida l'Università di Torino - ha detto il rettore Gianmaria Ajani - a ospitare un ufficio permanente dell'Auf. Una possibilità che ha visto il favore di De Gaudemar. Torino conta, infatti, 251 accordi bilaterali di mobilità con università francesi e 135 accordi di cooperazione internazionale, di cui 68 stipulati con la Francia. Nell'anno accademico 2016-2017 dei 3993 studenti stranieri, 688 erano francofoni. Il mondo sconfinato della Francofonia - hanno sottolineato Stétié e De Gaudemar - che va dal Canada al Madagascar, passando per l'Africa e il bacino Mediterraneo, non è caratterizzato soltanto dalla lingua. Le docenti Marie-Berthe Vittoz e Cristina Giacoma dell'ateneo torinese che hanno promosso l'evento, hanno sottolineato come nel mondo si sia passati in 5 anni da 100 milioni studenti a 200 milioni e che parlare di Francofonia non significhi soltanto imparare il francese, ma, in un ottica interdisciplinare, coinvolgere i diversi rami dei sapere. Il francese è materia di studio in diversi Dipartimenti, da quello di Giurisprudenza a quelli di Filosofia e Scienze economico-sociali. (ANSA).

15:45Sieropositivo contagiò donne: procura chiede l’ergastolo

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - La procura di Roma ha chiesto la condanna all'ergastolo, con isolamento diurno per due anni, di Valentino Talluto, il sieropositivo accusato di aver contagiato con rapporti sessuali non protetti una trentina di donne. L'uomo è accusato di epidemia dolosa e di lesioni gravissime. Secondo il pm Elena Neri, all'imputato "non possono essere concesse le attenuanti generiche non avendo mai dimostrato pentimento". "Talluto - ha detto il rappresentante dell'accusa durante la requisitoria - non ha mai collaborato, ha reso false dichiarazioni: il suo era un modo per seminare morte". Sono 57 i casi contestati tra contagi diretti (oltre 30), indiretti (un bimbo e tre partner di donne in precedenza infettate), nonché episodi di donne scampate alla trasmissione del virus. Il processo si tiene in corte di assise e la sentenza è prevista per il 25 ottobre prossimo.

15:31Battisti: appello dell’ex moglie a presidente Corte Suprema

(ANSA) - SAN PAOLO, 18 OTT - L'ex moglie di Cesare Battisti, Priscila Pereira, ha inviato una lettera alla presidente del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano, Carmen Lucia, chiedendole che all'ex membro dei Pac sia concesso di rimanere in Brasile per occuparsi del figlio. Lo ha reso noto la giornalista Monica Bergamo nella sua colonna sul quotidiano Folha de Sao Paulo, citando vari brani della missiva, nella quale l'ex moglie sottolinea che Battisti ha "il diritto di continuare ad esercitare la sua paternità in modo totale". "Ho vissuto queste ultime giornate al limite dell'angoscia", scrive Pereira, spiegando che non dispone dei mezzi necessari per sostentarsi ed occuparsi del figlio che ha avuto con Battisti. Il prossimo 24 ottobre la Corte deve riunirsi per emettere un parere sulla richiesta di 'habeas corpus' presentata dagli avvocati dell'ex terrorista. Il governo di Michel Temer ha fatto sapere che non prenderà nessuna iniziativa su un'eventuale estradizione di Battisti finché l'alta corte non avrà preso una decisione

15:28Lavoro: rider fanno causa a Foodora, è la prima in Italia

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - È iniziata a Torino la causa, la prima in Italia, intentata da sei rider contro Foodora. I fattorini, seguiti dagli avvocati Sergio Bonetto e Giulia Druetta, chiedono di essere reintegrati nel posto di lavoro. Dopo la mobilitazione dello scorso anno, l'azienda non ha più fatto lavorare i sei giovani, nonostante avessero dato la disponibilità. A quanto si apprende dagli avvocati, il tentativo di conciliazione è fallito e l'impresa ha escluso ogni possibilità di reintegro. Si tratta della prima azione legale in Italia nei confronti di Foodora. Dopo gli scioperi dello scorso anno contro le condizioni di lavoro di Foodora, i sei rider non vennero più chiamati. "Un licenziamento orale", che secondo i ricorrenti è illegittimo.(ANSA).

Archivio Ultima ora