Assalto all’hotel degli stranieri, terrore in Mali

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

The Radisson Blu hotel, left, that was stormed by gunmen during an attack on the hotel in Bamako, Mali, Friday, Nov. 20, 2015. Islamic extremists armed with guns and throwing grenades stormed the Radisson Blu hotel in Mali's capital Friday morning, killing at least three people and initially taking numerous hostages, authorities said.  (ANSA/AP Photo/Harouna Traore)

The Radisson Blu hotel, left, that was stormed by gunmen during an attack on the hotel in Bamako, Mali, Friday, Nov. 20, 2015. Islamic extremists armed with guns and throwing grenades stormed the Radisson Blu hotel in Mali’s capital Friday morning, killing at least three people and initially taking numerous hostages, authorities said. (ANSA/AP Photo/Harouna Traore)

PARIGI. – Dopo la Francia, il terrore globale ha colpito nel Mali, mentre ancora si cercano i responsabili delle stragi di Parigi. A Bamako l’attacco contro l’hotel più blindato, il Radisson Blu, è stato sferrato dai jihadisti di Mourabitoun, un gruppo che era di al Qaida e avrebbe successivamente sposato la folle causa dell’Isis.

Centosettanta ostaggi detenuti per ore, il gruppo di assalitori in preda a fanatismo delirante ha lasciato uscire soltanto quelli che dimostravano “di saper recitare il Corano”. Alla fine, intervento delle forze speciali di diversi Paesi con militari sul posto, ostaggi liberati e 27 morti. Fra questi, almeno due terroristi, anche se secondo altre fonti ne sarebbero stati uccisi di più.

Al Radisson Blu, hotel degli uomini d’affari nel quartiere ACI 2000, preferito dai responsabili politici in missione ed esponenti di organismi internazionali, sono le 7 del mattino quando un’auto – stando a un impiegato dell’hotel al seguito di un veicolo con targa diplomatica – si ferma e fa scendere alcuni terroristi, 2 o 3 uomini secondo le testimonianze poi raggiunti da un altro gruppo, in tutto sembra 12 persone.

Il gruppo, armato fino ai denti, entra in hotel urlando ‘Allahu Akhbar’ e blocca le uscite, tenendo in ostaggio fra le 150 e le 170 persone. Alle 10.30 scatta il blitz delle forze dell’ordine maliane, che però non sortisce effetti immediati. Per arrivare ad un annuncio di chiusura della situazione critica bisognerà aspettare 9 ore, dopo che alle forze maliane si saranno unite quelle francesi, arrivate dalla vicina Ouagadogou, supportate da rinforzi internazionali, in particolare americani e del Minusma, la forza Onu presente nel Paese. I quindici militari italiani che fanno parte di questa forza non sono rimasti coinvolti.

La Francia guida un intervento militare nel Mali dal gennaio 2013 e ha inviato anche un gruppo di una quarantina di teste di cuoio del GIGN da Parigi. In un’atmosfera di terrore, mentre si annunciava la liberazione dell’hotel, gli inviati sul posto raccontavano di operatori della Protezione civile che portavano via cadaveri avvolti in sacchi color arancione adagiati sulle barelle. Fra i morti due terroristi, secondo la maggior parte delle fonti, ma in serata l’operazione di ‘bonifica’ dell’intero edificio del Radisson era ancora in corso.

Le forze di sicurezza stanno ancora cercando eventuali assalitori rimasti nascosti nelle stanze. Secondo una rivendicazione postata su Twitter, l’azione è firmata dai jihadisti di al Mourabitoun, gruppo legato ad al Qaida ma confluito – secondo recenti sviluppi – nell’Isis.

In serata il ministro della Difesa francese, Jean-Yves Le Drian, ha citato Mokhtar Belmokhtar – già mente della strage all’impianto di gas dell’Is Amenas in Algeria – uno dei fondatori del gruppo, come possibile stratega dell’attacco.

Lo scorso 7 agosto, un sequestro di clienti di un hotel nel centro del Paese, a Sevaré, si era concluso con la morte di 13 persone. Il 7 marzo un attentato sanguinoso a Bamako contro un bar ristorante frequentato da stranieri aveva lasciato sul terreno cinque morti, fra i quali un francese e un belga.

Fra gli stranieri ostaggi nell’hotel nessun italiano. Quattordici le nazionalità rappresentate, fra le quali Algeria, Germania, Belgio, Canada, Cina, Costa d’Avorio, Spagna, Stati Uniti, Francia, India, Marocco, Russia, Senegal e Turchia. Air France ha annunciato che i 12 membri di equipaggio presenti nell’hotel erano al sicuro su un piano non interessato all’assalto dei jihadisti.

Quindici cittadini francesi sono stati liberati e in serata Le Drian ha ufficializzato che fra le vittime non ci sono francesi. Così come non ci sono americani tra i morti o i feriti, ha fatto sapere il Dipartimento di Stato. Il presidente francese Francois Hollande ha invitato i francesi che si trovano in “paesi a rischio” in tutto il mondo a “prendere precauzioni”: “Non bisogna smettere di vivere – ha detto – ma in questo momento diamo priorità alla sicurezza”.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

13:00Manchester: May, livello allerta resta critico

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Il livello dell'allerta anti-terrorismo resta "critico". Lo ha detto la premier britannica Theresa May parlando a Downing Street. Il primo ministro ha invitato i britannici a rimanere "vigili" contro la minaccia di nuovi attacchi.

12:56Nave Usa in mar Cinese meridionale, Pechino protesta

(ANSA) - PECHINO, 25 MAG - Il cacciatorpediniere Uss Dewey ha navigato entro le 12 miglia di una delle isole artificiali realizzate dalla Cina nelle Spratly, nelle acque contese del mar Cinese meridionale, nella prima operazione sulla "libertà di navigazione" della presidenza Trump. La Cina ha inviato due fregate che hanno "messo in guardia e allontanato" la Dewey dopo l'ingresso nelle acque territoriali "senza permesso", ha affermato il portavoce del ministero della Difesa. "Abbiamo presentato un grave reclamo alla parte americana", ha aggiunto.

12:55Renzi, noi fatto bene su musei, sbagliato non cambiare i Tar

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Il fatto che il Tar del Lazio annulli la nostra decisione merita il rispetto istituzionale che si deve alla giustizia amministrativa ma conferma - una volta di più - che non possiamo più essere una repubblica fondata sul cavillo e sul ricorso". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi. "Non abbiamo sbagliato perché abbiamo provato a cambiare i musei: abbiamo sbagliato perché non abbiamo provato a cambiare i TAR". Lo dice Matteo Renzi su facebook.

12:54Manchester: minuto silenzio in Gb

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Un minuto di silenzio per le vittime della strage di Manchester è stato rispettato in tutto il Regno Unito alle 11 locali (le 12 in Italia). Nel centro della città inglese colpita dall'attacco terroristico centinaia di persone si sono riunite ad Albert Square, diventato uno dei luoghi simbolo della risposta della comunità alla tragedia.

12:52Calcio: al via assemblea Lega Serie A su diritti tv

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - E' cominciata l'assemblea della Lega Serie A, che affronterà fra l'altro il bando di vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sono presenti tutti i venti club, oltre alla Spal, invitata come uditrice assieme all'altra società neopromossa dalla Serie B, il Verona. All'ordine del giorno ci sono anche le 'attività promozionali della Lega Serie A in Italia e all'estero', fra cui c'è la proposta al regista premio Oscar Paolo Sorrentino di realizzare delle produzioni video che esaltino la bellezza del nostro calcio, da utilizzare per commercializzare i diritti tv internazionali. Alle 13, sempre nel palazzo milanese di via Rosellini, è in programma l'assemblea della Lega B, chiamata a eleggere il nuovo presidente, con il dubbio che per la terza volta di fila manchi il numero legale, in questa occasione per una mossa del fronte legato a Claudio Lotito.

12:49Calcio: Zeman, pulizia fatta con Calciopoli non basta

(ANSA) - CHIETI, 25 MAG - "Con Calciopoli si è fatta della pulizia, ma non basta. Il sistema lo fanno quelli che stanno dentro, e sarebbe importante per questo cambiare chi rovina il sistema. Diversi anni fa feci delle denunce e non mi fu vicino nessuno". Così Zdenek Zeman al seminario "I giovani per la legalità nello sport", organizzato presso l'Università 'D'Annunzio' di Chieti. Il tecnico del Pescara ha spiegato agli studenti il motivo per cui decise di denunciare le cose che secondo lui nel mondo del calcio non andavano: "Mi fu chiesto in una conferenza stampa cosa non andasse e dissi che se comandavano le farmacie non andava bene. Dissi, e ripeto oggi, che bisogna difendere i valori sani del calcio. Siamo noi però che dobbiamo dare l'esempio per primi in campo".

12:45L. elettorale: Di Maio, non possono impedirci di vincere

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Penso si stia facendo di tutto per escludere il M5s dalle prossime elezioni con una legge elettorale che consenta a chi perderà di continuare a detenere il potere, e questo non è giusto. Siamo disponibili a fare una seria legge elettorale con gli altri partiti anche perché siamo la prima forza politica del Paese. E' prima di tutto una questione morale, non possono escluderci dalla formazione di una legge elettorale e dalla possibilità di vincere le prossime elezioni e governare". Così Luigi Di Maio a Benevento.

Archivio Ultima ora