Riaccendiamo la Ville Lumière, Parigi si rialza

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

villelumiere

PARIGI. – “Venerdì 20 novembre. Parigi, Francia, Mondo, in piedi! Riaccendiamo la Ville Lumière”. A una settimana dalla strage del 13 novembre, Parigi si rialza. Per riprendersi la vita e per onorare la memoria dei suoi 130 morti, rivendicando la sua natura di città libera e aperta.

Alle 21.20, l’ora del primo attacco kamikaze allo Stade de France, i caffè, le piazze e le strade si illuminano di candele alle finestre, di voci e allegria. Luci, baccano e tanta musica che risuona dalle finestre, “quella musica che i terroristi odiano” e che hanno voluto colpire al Bataclan durante un concerto.

In place de la Repubblique trionfa la musica con amplificatori sparsi per la piazza che diffondo le note a tutto volume. “Tutti in piedi. Bianco Rosso e Blues”, scandiscono le persone cantando e ballando, con un gioco di parole che ricorda la bandiera francese. Un camioncino con sul retro una decina di autoparlanti fa il giro della piazza facendo risuonare una canzone di Bob Marley, mentre si formano girotondi, si stappano bottiglie e si distribuiscono abbracci ‘gratuiti’.

“Facciamo rumore perché capiscano che hanno perso”, è stato l’invito di decine di personalità, cittadini comuni e istituzioni, tra cui l’ex ministro della cultura Jack Lang e il celebre cantante franco-armeno Charles Aznavour.

I social network hanno subito aderito all’iniziativa rilanciandola con l’hashtag #21h20. “Distruggono Palmira e Nimrod in Siria, sparano sul Bataclan e tutto ciò che è la Francia. Per Daesh, strappare vite non basta, si tratta anche di cancellarne ogni traccia”.

Ma Parigi non gliela dà vinta. La vita torna a scorrere e a riscaldare cuori ancora raggelati dall’orrore. Tanta la gente anche davanti al Bataclan che continua a portare il suo omaggio alle vittime, accendendo candeline e leggendo i tanti messaggi di solidarietà e colori.

Molte le reazioni in nome di una cultura che i jihadisti vorrebbero cancellare. “Paris est une fete” di Ernest Hemingway (“Festa mobile”, in italiano) diventa simbolo di resistenza: dal giorno degli attentati, il libro di memorie parigine del grande romanziere americano è salito in testa alle classifiche, con 500 copie vendute al giorno.

Il Centre Pompidou ha affisso un enorme striscione con la scritta “Liberté, j’écris ton nom”, Libertà scrivo il tuo nome, un celebre verso del poeta Paul Eluard. E dopo l’iniziativa “Tutti al bistrot” di martedì scorso, sette ristoranti della capitale lanciano “l’Operazione Tavolate”, invitando i locali delle altre città a fare lo stesso.

Durante tutto il weekend, uniranno fisicamente i loro tavolini, piccoli e tondi – caratteristici di tutti caffè di Parigi – in cui a mala pena si riesce a cenare in due, per creare un ambiente in cui tutti possano sedersi gli uni accanto agli altri. Per mangiare, bere vino, brindare alla vita e alla fratellanza.

(dell’inviata Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

19:11Kosovo: ucciso Ivanovic, stop a dialogo Belgrado-Pristina

(ANSA) - BELGRADO, 16 GEN - Dopo l'uccisione in Kosovo del leader politico serbo Oliver Ivanovic, il governo di Belgrado ha deciso di ritirare la propria delegazione impegnata da oggi a Bruxelles in una nuova sessione di negoziati a livello tecnico con rappresentanti del Kosovo. Lo ha annunciato il capo delegazione Marko Djuric, direttore dell'Ufficio governativo serbo per le questioni del Kosovo. "La nostra delegazione torna immediatamente a Belgrado", ha detto. Il dialogo tra Belgrado e Pristina si tiene con la mediazione della Ue. L'assassinio di Ivanovic è "un atto terroristico e criminale diretto a destabilizzare la situazione in Kosovo, un attacco all'intero popolo serbo", ha detto Djuric, annunciando ai cronisti a Bruxelles la decisione di ritirare la delegazione serba dai colloqui tecnici con Pristina e di far ritorno a Belgrado. "Lo scopo è di scatenare il caos e di spingere i serbi del Kosovo e l'intera Serbia nell'inferno di nuovi scontri", ha affermato Djuric.

19:11Coree: ct hockey Sud, atlete Nord un danno

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - L'ipotesi che alcune giocatrici di hockey femminile della Corea del Nord possano unirsi al suo team in una rappresentativa comune ai Giochi invernali di PyeongChang non ha entusiasmato Sarah Murray, ct della nazionale sudcoreana, secondo cui la sua squadra subirebbe un "danno". Di ritorno dalla preparazione negli Usa, Murray è stata netta: "credo sia un danno alle nostre giocatrici che hanno guadagnato la loro occasione e credo meritino di andare alle Olimpiadi". Il talento del Nord, in più, "non è sufficiente per fare la differenza".

19:07Alluvione Livorno: Nogarin,riflettere responsabilità sindaci

(ANSA) - LIVORNO, 16 GEN - "Tra qualche tempo arriverà il momento di aprire una riflessione, a livello di Anci ad esempio, sul grado di responsabilità che viene attribuita ai sindaci in caso di eventi calamitosi di questa portata e di questo impatto". Lo ha detto il sindaco di Livorno Filippo Nogarin nella sua breve comunicazione al Consiglio comunale sull'inchiesta per l'alluvione del settembre scorso che lo vede indagato, in concorso, per omicidio colposo. Nell'interrogatorio davanti al procuratore Ettore Squillace Greco e ai pm titolari dell'inchiesta sull'alluvione di Livorno, "ho risposto a tutte le domande e sono pronto a tornare in ogni momento davanti agli inquirenti per chiarire ulteriori dubbi", ha continuato confermando quanto lui stesso aveva postato su facebock dove aveva annunciato di essere indagato per "concorso in omicidio colposo". Nogarin ha poi confermato di voler restare al suo posto nonostante che dai banche delle opposizioni sia arrivata anche la richiesta di dimissioni.

19:04Moto: ds Ducati, vogliamo confermare i due piloti

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Il nostro obiettivo è quello di confermare Andrea (Dovizioso, ndr) e provare a confermare anche Jorge (Lorenzo, ndr)". Così Paolo Ciabatti, ds Ducati Corse, a 'Tutti Convocati' su Radio 24. "Bisogna vedere se ci saranno le condizioni, è prestino per parlarne. Devo dire che c'è la volontà, credo da entrambe le parti per trovare un accordo. Andrea si aspetta un ingaggio in linea con quello di altri top rider visto quello che ha dimostrato nel 2017" vincendo 6 gare. "Io credo che con la buona volontà da parte di entrambi si possa trovare una soluzione - aggiunge Ciabatti - spero nei prossimi mesi. Il 2018 è un anno in cui scadono i contratti di tutti i piloti ufficiali di tutte le case e di tutti i team, Ducati è nella stessa situazione di Honda, di Yamaha, di Suzuki, KTM e di Aprilia". La Ducati non si sente favorita della stagione che inizia il 18 marzo in Qatar, ma "partiamo con l'idea di essere protagonisti in tutte le gare con tutti e due piloti e quindi del mondiale, che vuol dire provare a aggiudicarselo".

18:54Calcio: Li, acquisizione Milan trasparente e regolare

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Il processo di acquisizione di AC Milan si è sempre svolto con la massima trasparenza, regolarità e correttezza, con il supporto e la consulenza di advisor finanziari e legali di livello internazionale. Tutte le procedure sono state seguite nel pieno rispetto delle leggi e delle prassi vigenti". Così il presidente rossonero Li Yonghong: "Ci riserviamo di avviare tutte le opportune azioni legali al fine di tutelare al meglio l'immagine, la reputazione e la consistenza economica delle società del Gruppo A.C. Milan S.p.A. I recenti articoli pubblicati dai quotidiani italiani 'La Stampa' e 'Il Secolo XIX', e poi ripresi da molti altri organi di informazione, relativi a una presunta indagine per riciclaggio a carico del gruppo Fininvest impongono di fare delle precisazioni in quanto parte coinvolta in questa vicenda", precisa Li in una nota pubblicata sul sito del Milan dopo il cda. "Ciò che ho letto in questi giorni non riflette nel modo più assoluto la realtà dei fatti".

18:52Rapinatore ucciso: pm scagiona gioielliere, legittima difesa

(ANSA) - PISA, 16 GEN - La procura di Pisa ha chiesto il giudizio immediato per i tre rapinatori che insieme a un complice, Simone Bernardi, rimasto ucciso, assaltarono una gioielleria nel centro cittadino il 13 giugno scorso. Contestualmente la procura ha riconosciuto la legittima difesa di Daniele Ferretti, il commerciane che sparò uccidendo Bernardi, e ha chiesto l'archiviazione. Lo ha reso noto il procuratore Alessandro Crini. "Ai malviventi abbiano contestato anche il reato di tentato omicidio in concorso - ha spiegato il magistrato - oltre che la tentata rapina e il porto abusivo di armi. La perizia balistica dei nostri consulenti ha infatti stabilito che il commerciante Daniele Ferretti sparò con la sua pistola legalmente detenuta successivamente ai colpi esplosi dai rapinatori". La procura ha contestato a tutti e tre gli indagati, fermati dai carabinieri il 20 luglio, gli stessi reati in concorso tra loro. Il commerciante ha cessato la sua attività il 31 dicembre scorso, in seguito allo choc subito.

18:33Ginnastica: Biles denuncia abusi, il padre ‘stateci vicino’

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Solo recentemente Simone ci ha parlato degli abusi che ha subito. E' un momento molto difficile per noi. Non ci sono parole per descrivere le nostre emozioni, ci vuole tempo per elaborare tutto questo, supportateci'': sono le parole alla tv di Houston Khou di Ron Biles, il padre della ginnasta statunitense Simone, campionessa olimpica, che ieri con un lungo post sui social ha rivelato di essere stata anche lei vittima di abusi da parte dell'ex medico della nazionale Usa di ginnastica, Larry Nassar. L'emittente texana ha anche intervistato l'ex psicologo della Biles, Robert Andrews. "Sono molto triste - ha detto - Odio dirlo, ma la cosa non mi sorprende. Dopo McKayla Maroney, Gabby Douglas e Ally Raisman, ora anche Simone Biles...spero non ci saranno altri casi dopo di loro, ma non lo escludo".

Archivio Ultima ora