Riaccendiamo la Ville Lumière, Parigi si rialza

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

villelumiere

PARIGI. – “Venerdì 20 novembre. Parigi, Francia, Mondo, in piedi! Riaccendiamo la Ville Lumière”. A una settimana dalla strage del 13 novembre, Parigi si rialza. Per riprendersi la vita e per onorare la memoria dei suoi 130 morti, rivendicando la sua natura di città libera e aperta.

Alle 21.20, l’ora del primo attacco kamikaze allo Stade de France, i caffè, le piazze e le strade si illuminano di candele alle finestre, di voci e allegria. Luci, baccano e tanta musica che risuona dalle finestre, “quella musica che i terroristi odiano” e che hanno voluto colpire al Bataclan durante un concerto.

In place de la Repubblique trionfa la musica con amplificatori sparsi per la piazza che diffondo le note a tutto volume. “Tutti in piedi. Bianco Rosso e Blues”, scandiscono le persone cantando e ballando, con un gioco di parole che ricorda la bandiera francese. Un camioncino con sul retro una decina di autoparlanti fa il giro della piazza facendo risuonare una canzone di Bob Marley, mentre si formano girotondi, si stappano bottiglie e si distribuiscono abbracci ‘gratuiti’.

“Facciamo rumore perché capiscano che hanno perso”, è stato l’invito di decine di personalità, cittadini comuni e istituzioni, tra cui l’ex ministro della cultura Jack Lang e il celebre cantante franco-armeno Charles Aznavour.

I social network hanno subito aderito all’iniziativa rilanciandola con l’hashtag #21h20. “Distruggono Palmira e Nimrod in Siria, sparano sul Bataclan e tutto ciò che è la Francia. Per Daesh, strappare vite non basta, si tratta anche di cancellarne ogni traccia”.

Ma Parigi non gliela dà vinta. La vita torna a scorrere e a riscaldare cuori ancora raggelati dall’orrore. Tanta la gente anche davanti al Bataclan che continua a portare il suo omaggio alle vittime, accendendo candeline e leggendo i tanti messaggi di solidarietà e colori.

Molte le reazioni in nome di una cultura che i jihadisti vorrebbero cancellare. “Paris est une fete” di Ernest Hemingway (“Festa mobile”, in italiano) diventa simbolo di resistenza: dal giorno degli attentati, il libro di memorie parigine del grande romanziere americano è salito in testa alle classifiche, con 500 copie vendute al giorno.

Il Centre Pompidou ha affisso un enorme striscione con la scritta “Liberté, j’écris ton nom”, Libertà scrivo il tuo nome, un celebre verso del poeta Paul Eluard. E dopo l’iniziativa “Tutti al bistrot” di martedì scorso, sette ristoranti della capitale lanciano “l’Operazione Tavolate”, invitando i locali delle altre città a fare lo stesso.

Durante tutto il weekend, uniranno fisicamente i loro tavolini, piccoli e tondi – caratteristici di tutti caffè di Parigi – in cui a mala pena si riesce a cenare in due, per creare un ambiente in cui tutti possano sedersi gli uni accanto agli altri. Per mangiare, bere vino, brindare alla vita e alla fratellanza.

(dell’inviata Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

12:20Bambino di quattro anni cade da edificio, è grave

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Un bambino di quattro anni è grave in ospedale dopo essere caduto stamani da un edificio in via Isimbardi, a Milano. E' stato portato in ospedale in gravi condizioni ma all'arrivo dei soccorsi appariva cosciente. Sul posto gli operatori del 118 e gli agenti della Questura di Milano.

12:18Ubriaco entra in chiesa, urla e agita una borsa, arrestato

(ANSA) - BRESCIA, 22 OTT - Un uomo di nazionalità marocchina questa mattina durante la Messa delle 8.30 è entrato nella chiesa di Manerbio, nella Bassa Bresciana, e dopo aver preso posto nei primi posti ha iniziato ad urlare agitando una borsa. I presenti sono scappati spaventanti mentre il parroco invitava alla calma. L'uomo è stato bloccato dai carabinieri. Era ubriaco al momento del suo ingresso in chiesa e non sarebbero emersi profili legati all'integralismo islamico.

11:29Spari nella notte a Torino, morto albanese. Due ricercati

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Un albanese di 39 anni è morto all'ospedale Martini di Torino, dove era stato ricoverato perché ferito da alcuni colpi di pistola. La sparatoria nella notte in via Fidia, davanti ad un bar aperto tutta la notte. Due gli uomini che hanno fatto fuoco per poi dileguarsi, secondo la prima ricostruzione degli investigatori della Squadra Mobile intervenuti sul posto. Ancora da chiarire i motivi dell'agguato. Tra le ipotesi degli inquirenti, un regolamento di conti tra bande albanesi. La polizia è sulle tracce dei fuggitivi.(ANSA).

11:12Siria: liberato principale campo petrolifero Isis

(ANSA) - BEIRUT, 22 OTT - Le forze democratiche siriane a guida curda, alleate degli Usa, hanno preso il controllo del principale campo petrolifero siriano in mano all'Isis, quello di Al-Omar.

10:54Trump: De Niro, ‘prima lo arrestano meglio è’

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Robert De Niro non ha dubbi: prima arrestano o mettono in stato d'accusa (impeachment) il presidente americano Donald Trump, meglio è. La star di Hollywood non ha perso l'occasione per tornare ad attaccare l'inquilino della Casa Bianca anche dal Montenegro, dove si trovava venerdì per il Global Citizen Forum. "Nel mio Paese abbiamo un'amministrazione che non è affatto di aiuto", ha detto il 74enne attore democratico americano secondo quanto riporta Newsweek, sottolineando che il Paese ha perso la leadership nella lotta al cambiamento climatico perché "abbiamo un leader che non fa il leader, che non sa quello che fa". "Non posso immaginare che vada avanti per altri tre anni", ha aggiunto l'attore riferendosi sempre a Trump. "Prima può essere messo sotto accusa ('impeached')" meglio è, "o forse sarà arrestato e messo in prigione...". Non è la prima volta che de Niro attacca Trump: lo scorso ottobre l'aveva definito in un video "cane, maiale, truffatore": mi "piacerebbe prenderlo a pugni", aveva detto.

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

Archivio Ultima ora