Riaccendiamo la Ville Lumière, Parigi si rialza

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

villelumiere

PARIGI. – “Venerdì 20 novembre. Parigi, Francia, Mondo, in piedi! Riaccendiamo la Ville Lumière”. A una settimana dalla strage del 13 novembre, Parigi si rialza. Per riprendersi la vita e per onorare la memoria dei suoi 130 morti, rivendicando la sua natura di città libera e aperta.

Alle 21.20, l’ora del primo attacco kamikaze allo Stade de France, i caffè, le piazze e le strade si illuminano di candele alle finestre, di voci e allegria. Luci, baccano e tanta musica che risuona dalle finestre, “quella musica che i terroristi odiano” e che hanno voluto colpire al Bataclan durante un concerto.

In place de la Repubblique trionfa la musica con amplificatori sparsi per la piazza che diffondo le note a tutto volume. “Tutti in piedi. Bianco Rosso e Blues”, scandiscono le persone cantando e ballando, con un gioco di parole che ricorda la bandiera francese. Un camioncino con sul retro una decina di autoparlanti fa il giro della piazza facendo risuonare una canzone di Bob Marley, mentre si formano girotondi, si stappano bottiglie e si distribuiscono abbracci ‘gratuiti’.

“Facciamo rumore perché capiscano che hanno perso”, è stato l’invito di decine di personalità, cittadini comuni e istituzioni, tra cui l’ex ministro della cultura Jack Lang e il celebre cantante franco-armeno Charles Aznavour.

I social network hanno subito aderito all’iniziativa rilanciandola con l’hashtag #21h20. “Distruggono Palmira e Nimrod in Siria, sparano sul Bataclan e tutto ciò che è la Francia. Per Daesh, strappare vite non basta, si tratta anche di cancellarne ogni traccia”.

Ma Parigi non gliela dà vinta. La vita torna a scorrere e a riscaldare cuori ancora raggelati dall’orrore. Tanta la gente anche davanti al Bataclan che continua a portare il suo omaggio alle vittime, accendendo candeline e leggendo i tanti messaggi di solidarietà e colori.

Molte le reazioni in nome di una cultura che i jihadisti vorrebbero cancellare. “Paris est une fete” di Ernest Hemingway (“Festa mobile”, in italiano) diventa simbolo di resistenza: dal giorno degli attentati, il libro di memorie parigine del grande romanziere americano è salito in testa alle classifiche, con 500 copie vendute al giorno.

Il Centre Pompidou ha affisso un enorme striscione con la scritta “Liberté, j’écris ton nom”, Libertà scrivo il tuo nome, un celebre verso del poeta Paul Eluard. E dopo l’iniziativa “Tutti al bistrot” di martedì scorso, sette ristoranti della capitale lanciano “l’Operazione Tavolate”, invitando i locali delle altre città a fare lo stesso.

Durante tutto il weekend, uniranno fisicamente i loro tavolini, piccoli e tondi – caratteristici di tutti caffè di Parigi – in cui a mala pena si riesce a cenare in due, per creare un ambiente in cui tutti possano sedersi gli uni accanto agli altri. Per mangiare, bere vino, brindare alla vita e alla fratellanza.

(dell’inviata Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

21:44Terremoto: Salvini, ho riportato voci sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

Archivio Ultima ora