Ue blinda frontiere esterne. Bruxelles vuole gli 007 europei

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

French customs control and check a car coming from Italy at the Franco-Italian border in Menton, southeastern France, Friday, Nov. 13, 2015. (ANSA/AP Photo/Lionel Cironneau)

French customs control and check a car coming from Italy at the Franco-Italian border in Menton, southeastern France, Friday, Nov. 13, 2015. (ANSA/AP Photo/Lionel Cironneau)

BRUXELLES. – L’Europa blinda le sue frontiere esterne dopo gli attacchi kamikaze di Parigi, con controlli sistematici e coordinati anche per i cittadini Ue, nel tentativo di stringere le maglie sul fenomeno dei foreign fighters, arma letale in mano all’Isis, mentre il commissario Dimitris Avramopoulos, si spinge “un passo oltre” e al consiglio straordinario Interni-Giustizia Ue lancia “l’idea ideale” di “un’agenzia di 007 europei”, obiettivo su cui cominciare a lavorare, “gettandone le basi”.

Ma sul progetto di un’agenzia di intelligence comunitaria Berlino e Parigi tirano il freno a mano. “Non siamo pronti a cedere sovranità su questo punto. Piuttosto dobbiamo fare in modo che i singoli Paesi collaborino di più”, mette in guardia il tedesco Thomas de Maiziere. “Per un’agenzia serve tempo. E qui di tempo non ce n’è. Ciò che si può fare è rafforzare al massimo la cooperazione”, avverte il francese Bernard Cazeneuve.

E il coordinatore antiterrorismo Ue Gilles De Kerchove, che si dice niente affatto stupito per quanto accaduto a Parigi, ricordando i suoi inascoltati appelli fin dal 2013 sulla pericolosità dei foreign fighter, chiarisce: un’agenzia di 007 Ue “nell’attuale contesto legale non è fattibile” perché l’intelligence è di competenza degli Stati, oltre al fatto che “i Paesi più grandi non sono interessati”.

Intanto il ministro Alfano propone di replicare a livello comunitario il modello del Comitato di analisi strategica antiterrorismo, che in Italia “sta dando risultati”. Quello che è certo, spronano De Kerchove e Avramopoulos, è che occorre una maggiore condivisione del lavoro delle intelligence, anche per rendere davvero efficace la stretta dei controlli alle frontiere. E citano un esempio su tutti: solo 5 Paesi su 28 partecipano al ‘focal point’ di Europol sui foreign fighter, fornendo il 50% delle informazioni.

Quanto alla stretta sulle frontiere esterne, il capo del Viminale la definisce “un indurimento pesante” ma “necessario”. “Tutti i cittadini europei saranno controllati in entrata e in uscita”. Non saranno tenuti solo a mostrare il proprio documento, ma verranno sottoposti anche ad un controllo di polizia su nome e posizione giudiziaria sulla base di banche dati interconnesse.

Dal canto loro invece Francia e Germania manterranno i controlli anche ai confini interni fino a quando la crisi terrorismo non si sarà normalizzata. In realtà i controlli sistematici alle frontiere esterne per i cittadini Ue, erano già possibili da febbraio. La decisione era stata presa dopo l’attacco a Charlie Hebdo, ma molti Stati non li hanno messi in atto, visti anche i costi elevati per l’acquisto dei macchinari necessari per eseguirli.

Per questo motivo la Francia, col sostegno degli altri Paesi, ora preme sulla Commissione affinché presenti una revisione mirata dell’articolo 7.2 del Codice Schengen, entro fine anno, per renderli obbligatori. Ma in questo caso è l’esecutivo di Bruxelles a frenare, nel timore che “mettere mano al codice Schengen sia come aprire un vaso di Pandora”.

Qualche passo avanti sembra all’orizzonte anche sul fronte del Pnr, il registro sui passeggeri dei voli su cui da anni Commissione e Consiglio battagliano col Parlamento Ue. Un accordo sembra possibile già per il prossimo consiglio Interni e Giustizia di inizio dicembre. Dovrà includere i voli intra-Ue e i dati dovranno essere conservati almeno per un anno. “La reazione collettiva per la lotta al terrorismo deve essere implacabile. L’Europa esca dagli indugi o si perderà”, avverte Cazeneuve.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

10:33Attacco Londra: Bbc, sette arresti in diversi raid

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Sono almeno sette, secondo quanto riporta il sito della BBc, i fermi effettuati dalla polizia nei raid legati all'attacco di ieri a Westminster. Secondo la Cnn, i sette arresti sarebbero stati compiuti in almeno sei diversi indirizzi in varie località del Paese.

09:59Attacco Londra: premier Cina, insieme contro il terrorismo

(ANSA) - PECHINO, 23 MAR - Il premier cinese Li Keqiang ha detto che l'attacco avvenuto a Londra davanti a Westminster, con vittime e feriti, è stato il primo tema di discussone nell' incontro avuto questa mattina col premier australiano Malcolm Turnbull. "Insieme inviamo le condoglianze al premier britannico, insieme condanniamo il terrorismo e insieme ci schieriamo contro tutte le forme di terrorismo", ha detto Li, a Canberra in visita ufficiale. "Non ci può essere un'instabilità continua nel mondo, ma dobbiamo apprezzare pace e stabilità", ha aggiunto.

09:52Corea Sud: riportato in superficie scafo traghetto Sewol

(ANSA) - PECHINO, 23 MAR - Lo scafo del traghetto sudcoreano Sewol, affondato ad aprile 2014 al largo dell'isola di Jindo, è riaffiorato questa mattina in superficie, come primo passo delle attività di sollevamento e stabilizzazione dello scafo di 6.825 tonnellate, finito sul fondale a 44 metri di profondità. Il governo di Seul ha reso noto che le operazioni finiranno con ogni probabilità nella notte: il relitto sarà trasportato nel porto di Mokpo per permettere il riconoscimento degli ultimi dispersi (ufficialmente 9) e ricostruire le cause della tragedia, la peggiore del suo genere nella storia della Corea del Sud, in cui morirono 295 persone, quasi tutti studenti in gita. L'operazione ha un costo di 85,1 miliardi di won (72 milioni di dollari) ed è guidata da un consorzio cinese capeggiato da Shanghai Salvage, un'azienda statale. I sommozzatori hanno finora lavorato all'iniezione di aria nello scafo e alla sistemazione di grandi boe di galleggiamento.

09:47Attacco Londra: media, raid polizia a Birmingham

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Reparti della polizia britannica hanno condotto nella notte un raid in un appartamento al piano di sopra di un negozio poco ad ovest del centro della città di Birmingham, attorno al quale le strade sono rimaste chiuse per diverse ore. Lo riferisce il quotidiano the Guardian nel suo sito online, notando che ieri sera la Bbc aveva reso noto che il suv usato per l'attacco, un Hyundai i40, potrebbe essere stato noleggiato a Birmingham. Secondo altre fonti, almeno una persona sarebbe stata arrestata.

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

Archivio Ultima ora