Ue blinda frontiere esterne. Bruxelles vuole gli 007 europei

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

French customs control and check a car coming from Italy at the Franco-Italian border in Menton, southeastern France, Friday, Nov. 13, 2015. (ANSA/AP Photo/Lionel Cironneau)

French customs control and check a car coming from Italy at the Franco-Italian border in Menton, southeastern France, Friday, Nov. 13, 2015. (ANSA/AP Photo/Lionel Cironneau)

BRUXELLES. – L’Europa blinda le sue frontiere esterne dopo gli attacchi kamikaze di Parigi, con controlli sistematici e coordinati anche per i cittadini Ue, nel tentativo di stringere le maglie sul fenomeno dei foreign fighters, arma letale in mano all’Isis, mentre il commissario Dimitris Avramopoulos, si spinge “un passo oltre” e al consiglio straordinario Interni-Giustizia Ue lancia “l’idea ideale” di “un’agenzia di 007 europei”, obiettivo su cui cominciare a lavorare, “gettandone le basi”.

Ma sul progetto di un’agenzia di intelligence comunitaria Berlino e Parigi tirano il freno a mano. “Non siamo pronti a cedere sovranità su questo punto. Piuttosto dobbiamo fare in modo che i singoli Paesi collaborino di più”, mette in guardia il tedesco Thomas de Maiziere. “Per un’agenzia serve tempo. E qui di tempo non ce n’è. Ciò che si può fare è rafforzare al massimo la cooperazione”, avverte il francese Bernard Cazeneuve.

E il coordinatore antiterrorismo Ue Gilles De Kerchove, che si dice niente affatto stupito per quanto accaduto a Parigi, ricordando i suoi inascoltati appelli fin dal 2013 sulla pericolosità dei foreign fighter, chiarisce: un’agenzia di 007 Ue “nell’attuale contesto legale non è fattibile” perché l’intelligence è di competenza degli Stati, oltre al fatto che “i Paesi più grandi non sono interessati”.

Intanto il ministro Alfano propone di replicare a livello comunitario il modello del Comitato di analisi strategica antiterrorismo, che in Italia “sta dando risultati”. Quello che è certo, spronano De Kerchove e Avramopoulos, è che occorre una maggiore condivisione del lavoro delle intelligence, anche per rendere davvero efficace la stretta dei controlli alle frontiere. E citano un esempio su tutti: solo 5 Paesi su 28 partecipano al ‘focal point’ di Europol sui foreign fighter, fornendo il 50% delle informazioni.

Quanto alla stretta sulle frontiere esterne, il capo del Viminale la definisce “un indurimento pesante” ma “necessario”. “Tutti i cittadini europei saranno controllati in entrata e in uscita”. Non saranno tenuti solo a mostrare il proprio documento, ma verranno sottoposti anche ad un controllo di polizia su nome e posizione giudiziaria sulla base di banche dati interconnesse.

Dal canto loro invece Francia e Germania manterranno i controlli anche ai confini interni fino a quando la crisi terrorismo non si sarà normalizzata. In realtà i controlli sistematici alle frontiere esterne per i cittadini Ue, erano già possibili da febbraio. La decisione era stata presa dopo l’attacco a Charlie Hebdo, ma molti Stati non li hanno messi in atto, visti anche i costi elevati per l’acquisto dei macchinari necessari per eseguirli.

Per questo motivo la Francia, col sostegno degli altri Paesi, ora preme sulla Commissione affinché presenti una revisione mirata dell’articolo 7.2 del Codice Schengen, entro fine anno, per renderli obbligatori. Ma in questo caso è l’esecutivo di Bruxelles a frenare, nel timore che “mettere mano al codice Schengen sia come aprire un vaso di Pandora”.

Qualche passo avanti sembra all’orizzonte anche sul fronte del Pnr, il registro sui passeggeri dei voli su cui da anni Commissione e Consiglio battagliano col Parlamento Ue. Un accordo sembra possibile già per il prossimo consiglio Interni e Giustizia di inizio dicembre. Dovrà includere i voli intra-Ue e i dati dovranno essere conservati almeno per un anno. “La reazione collettiva per la lotta al terrorismo deve essere implacabile. L’Europa esca dagli indugi o si perderà”, avverte Cazeneuve.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

16:26Calcio: Sousa, allenare Kalinic è una gioia

(ANSA) - FIRENZE, 20 GEN - "Ho sempre detto e lo ripeto che allenare giocatori come Kalinic è una gioia per chi fa questo mestiere". Così Paulo Sousa parla dell'attaccante croato da tempo chiacchierato sul mercato, nel mirino dei cinesi del Tianjin. Intanto per domani, in trasferta contro il Chievo, Kalinic mancherà per squalifica, sarà l'occasione per Babacar per confermare di essere pronto se il tecnico viola lo schiererà titolare. Dall'Inghilterra confermano la chiusura dell'acquisto di Zarate per circa 2,5 milioni da parte del Watford di Mazzarri.

16:24Tenta rapina a poliziotto ma lascia curriculum nello scooter

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Era in cerca di lavoro, girava con un curriculum vitae, ma nel frattempo faceva il rapinatore: è stato grazie ai dati contenuti in quei fogli A4, lasciati sotto la sella del suo scooter, che la Polizia è riuscita a rintracciare e arrestate, nella sua abitazione di Napoli, un pregiudicato di 31 anni, Luca Donnarumma, che all'alba ha tentato di rapinare un sovrintendente capo della Polizia di Stato. Donnarumma è entrato in azione in via Salvator Rosa: ha preso di mira una persona in strada - il poliziotto - che stava per salire a bordo della sua auto per recarsi a lavoro. Ne è nata una colluttazione al termine della quale il rapinatore, approfittando della strada in discesa, è comunque riuscito a scappare. L'agente ha fornito un'esatta descrizione sia dell'abbigliamento indossato dal rapinatore sia dello scooter, intercettato a poco distanza. Sotto la sella c'era il curriculum vitae, grazie al quale la Polizia è riuscita a individuare e arrestare il rapinatore.

16:23Calcio: Pioli, concentrati per vincerle tutte

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 20 GEN - "Champions? Ho l'esperienza necessaria per capire che dobbiamo aspettare la fine della stagione. Ma dobbiamo rimanere concentrati e vincerle tutte": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli in vista della partita con il Palermo. "Insieme a noi - aggiunge - c'e' una società molto forte con grande ambizione. Vogliamo costruire un buon presente che sia base per un grande futuro". L'allenatore ha molte alternative a centrocampo ma non teme che i giocatori possano essere delusi dalle sue scelte: "La squadra viene prima di tutto e i giocatori sono sintonizzati in questa direzione. Sono contento di avere l'imbarazzo della scelta". Il mercato nerazzurro non e' finito: "Mi aspetto delle cessioni oltre a quelle che sono già state fatte".

16:20Calcio: Sarri “Milan cresciuto, sarà difficilissima”

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - "La gara con il Milan ci dirà a che punto siamo noi e loro. Il Milan ha fatto passi in avanti giganteschi negli ultimi mesi, fanno benissimo in casa e hanno ricompattato un ambiente difficile, per noi sarò una gara difficilissima". Maurizio Sari si prepara così al big match con i rossoneri. "Ci saranno momenti in cui dovremo usare il fioretto e altri in cui servirà la sciabola, loro ci creeranno sofferenza ma avremo anche delle opportunità. Dobbiamo essere bravi a interpretare i momenti della partita". Sui singoli, Sarri ha spiegato che "Suso e Bonaventura sono bravi tecnicamente, saltano avversario e ci creeranno difficoltà, sicuramente saranno un punto di pericolo".

16:11Merkel riceve Fillon in cancelleria lunedì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 20 GEN - La cancelliera tedesca Angela Merkel riceverà il candidato alla presidenza francese François Fillon, lunedì prossimo in cancelleria. Lo ha comunicato il suo portavoce, Steffen Seibert, oggi in conferenza stampa. Subito dopo Fillon terrà un discorso alla Fondazione Adenauer, vicina alla Cdu. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Seibert ha affermato che un incontro del genere "non rappresenta alcuna interferenza" nella campagna elettorale francese, e ha ricordato che Merkel in passato ha incontrato altri candidati, sia conservatori che socialdemocratici.

16:11Di Maio, eroi salvano persone, antieroi le banche

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Ci sono eroi e antieroi. Gli eroi sono quelli che si mettono a disposizione, rischiando l'incolumità, per salvare gli altri. Gli antieroi sono quelli che si nascondono dietro sobrietà per celare disorganizzazione e incapacità". Così Luigi Di Maio commentando i salvataggi a Rigopiano. "Non è polemica è la verità. Gli antieroi hanno tempi da Bolt quando si tratta di tirar fuori dalle tasche degli italiani 20 mld per salvare la banca che hanno distrutto e sono insopportabilmente lenti quando si tratta di dare ai terremotati 28 milioni che gli italiani hanno donato con grande solidarietà".

16:11Calcio: Coppa Italia, tre giornate a Zarate

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Tre giornate di squalifica sono state inflitte a Mauro Zarate (Fiorentina) dal giudice sportivo che ha esaminato i referti relativi alla gare degli ottavi di Coppa Italia. L'attaccante argentino è stato fermato "per condotta violenta avendo, al 26' del secondo tempo, con il pallone non a distanza di giuoco, colpito con un calcio un avversario", ovvero Bastien, del Chievo. Una giornata dovranno scontare Barreca (Torino) e Radovanovic (Chievo), entrambi espulsi per doppia ammonizione.

Archivio Ultima ora