Macri ricorda la Calabria e promette un ponte Baires-Roma

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

macri

BUENOS AIRES. – Italia e Argentina condividono “un’identità comune, abbiamo tanto da fare insieme”. A sottolineare i rapporti tra quelli che sono “più di due paesi amici” è un italo-argentino del tutto particolare: Mauricio Macri, che domenica potrebbe vincere le elezioni presidenziali nel paese sudamericano.

Macri, 56 anni nato a Tandil, nella provincia di Buenos Aires, sangue calabrese nelle vene, in un’intervista ieri all’Ansa ha affrontato il tema dei rapporti bilaterali e delle relazioni con l’Ue, senza mai dimenticare la propria provenienza.

“La mia è la storia di milioni di argentini la cui origine è l’Italia, una presenza permanente nella mia vita – ha detto Macri – mio padre e i fratelli, la famiglia, che viene dalla Calabria. L’anno scorso sono stato a Polistena, dove vive una prozia, un viaggio pieno di emozioni profonde: la lingua, il suono delle parole, l’accento, il cibo, tutto fa parte della mia identità”.

“L’Argentina è fatta dai suoi popoli originari e dagli immigranti di tutto il mondo. Qualche volta sento di rappresentare la volontà degli immigranti, quel sogno di ‘fare l’America’ che li ha portati qui con uno sforzo e una volontà incrollabile. L’Italia è la mia famiglia”.

Alla domanda su come impostare il rapporto Italia-Argentina, Macri sottolinea diversi fronti. “La diplomazia è una strada, non l’unica”, precisa, puntando inoltre su “investimenti, commercio, cultura, ricerca, scienza: tutti i ponti sono benvenuti, andiamo verso una cultura dell’incontro, così come accade peraltro tra gli argentini, e tra gli argentini e il mondo”.

E quali sono i settori chiave per rafforzare l’asse Roma-Buenos Aires? “Tra i più vari, in quanto più diversifichiamo maggiori sono i benefici e le possibilità di allargare il commercio e gli investimenti. Per esempio, le telecomunicazioni, strategiche per il futuro, oppure la metallurgia e l’auto, l’alimentare, le industrie culturali e creative, area nella quale entrambi i nostri paesi hanno un ruolo importante nel mondo”.

In questo contesto c’è spazio per le piccole e medie imprese? “Condividiamo un reticolato produttivo con una forte predominanza delle pmi, fondamentali per creare lavoro e valore aggiunto. Guardiamo con interesse alle esperienze italiane del modello associativo e cooperazione imprenditoriale, che favoriscono le ‘best practice’, le economie di scala e la competitività”.

L’Europa? Qual’è lo sguardo verso l’Ue del sindaco di Buenos Aires e leader della coalizione ‘Cambiemos’? “Abbiamo molto da fare, tramite l’Argentina e il Mercosur. Condividiamo valori e idee, siamo insieme nell’impegno sui diritti umani e la difesa della democrazia. E siamo d’altro lato dalla stessa parte nella lotta al terrorismo. Porteremo avanti l’approfondimento e l’allargamento dei rapporti con l’Ue”.

Infine, il Papa argentino: “Siamo molto orgogliosi del suo pontificato. Ne conosciamo personalità e idee. La sua visione del mondo va molto al di là degli aspetti strettamente religiosi. E la sua presenza a Roma, e comprensione delle realtà sociali latinoamericane, danno alla lotta alla povertà una dimensione spirituale ed etica che per noi rappresenta una guida”.

(di Martino Rigacci/ANSA)

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora