Giubileo ai tempi dell’Isis, da lunedì piano sicurezza Roma

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

sicurezza-Giubileo

ROMA. – Duemila uomini in strada, pattuglie anche sugli autobus e controlli elettronici nei principali luoghi a rischio attentati, da San Pietro allo stadio Olimpico, passando per il Colosseo, oltre alla già annunciata no-fly zone sull’intera città di Roma.

Da lunedì partirà l’imponente piano di sicurezza varato da questore e prefetto della Capitale in vista dell’apertura di quello che lo stesso Nicolò D’Angelo ha definito il “Giubileo ai tempi dell’Isis”. Un faldone top secret da 200 pagine che predispone l’intera attività delle forze dell’ordine durante i dodici mesi dell’Anno Santo della Misericordia.

“Questa è una sfida che si vince con un gioco di squadra, del quale fanno parte tutti”, il messaggio lanciato dal questore durante la presentazione dell’ordinanza sul piano sicurezza. Da lunedì, dunque, saranno intensificati i controlli praticamente dovunque, ma in particolare sulle vie di accesso in città da parte dei pellegrini e sui principali luoghi di ritrovo, dallo stadio alle arene per i concerti, fino alle piazze della movida, dove il questore non esclude attività di perquisizione “qualora fosse necessario”.

Saranno implementati ed aumentati i servizi di videosorveglianza, mentre la città sarà divisa in tre zone concentriche, da quella più esterna a quella di “massima sicurezza”. E ai duemila uomini al lavoro nella quotidianità dell’Anno Santo, se ne aggiungeranno altri durante gli eventi considerati più a rischio, come “l’esposizione della salma di Padre Pio o la santificazione di Madre Teresa di Calcutta”, come sottolinea D’Angelo.

Da prefetto e questore arriva anche un messaggio diretto alla stampa, chiamata a “verifiche serie, senza strumentalizzare e allargare notizie false”. Un appello giunto proprio mentre il premier Matteo Renzi – che ieri ha inaugurato il nuovo pronto soccorso dell’ospedale Santo Spirito – si affrettava a smentire il presunto allarme che nelle ultime ore girava sui telefonini attraverso Whatsapp.

“Il livello di guardia era già stato innalzato dopo il primo attentato di Parigi (a Charlie Hebdo, ndr) – sottolinea il questore – in questi mesi abbiamo messo in campo tutte le risorse di cui disponiamo facendo un lavoro di intelligence anche attraverso un maggiore flusso informativo con i partner nazionali ed europei interessanti nell’anti-terrorismo”.

“Nessuno nega che il nostro paese sia un possibile obiettivo – ribadisce il prefetto Gabrielli -. Ma un conto è la minaccia, un conto è che le cose possano poi verificarsi”. Ed ieri Roma ha dovuto fare i conti con gli ennesimi falsi allarmi che hanno bloccato la metropolitana per due volte, e mandato nel panico San Giovanni dove un medico ha detto di aver visto un uomo armato all’ingresso dell’ospedale.

“Così a Roma si rischia il caos. Roma è a rischio caos per i troppi allarmi – fa notare il Codacons -, meglio celebrare il Giubileo nelle chiese di tutto il mondo senza la massa di fedeli nella Capitale”.

(di Domenico Palesse e Luca Laviola/ANSA)

Ultima ora

14:08Migranti: Kompatscher, serve cambio di rotta dell’Europa

(ANSA) - BOLZANO, 28 MAR - "Dobbiamo cambiare rotta. Serve una svolta della politica comunitaria per la gestione dei migranti". Lo ha detto il governatore altoatesino Arno Kompatscher in riferimento all'annuncio di Vienna di voler disattendere il piano di ricollocamento. "La posizione di Vienna - ha aggiunto - in un certo senso è comprensibile, visto che i numeri in rapporto agli abitanti sono nettamente sopra la media europea e anche sopra la media italiana". Kompatscher ha espresso rammarico "che ora dal piano di ricollocamento si sfila anche l'Austria e resta praticamente solo la Germania che sta già facendo moltissimo su questo fronte". Il presidente della provincia di Bolzano incontrerà domani ad Innsbruck il suo omologo tirolese Günther Platter e il ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka.

14:06Ue: Gentiloni, flessibilità possibile e necessaria

(ANSA) - ROMA, 28 MAR -"Dobbiamo essere certi che sui margini del patto di stabilità c'è una discussione in corso e non riguarda solo l'Italia. Andrà avanti nei prossimi mesi e noi vi parteciperemo perché la flessibilità non solo è possibile ma anche necessaria in un momento in cui la crescita va incoraggiata". Così il premier Paolo Gentiloni ribadisce, dopo l'incontro a Palazzo Chigi sul terremoto, la linea italiana in Ue.

14:03Gentiloni, cerchiamo altri soldi per terremoto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Ho detto che stanzieremo almeno 1 miliardo all'anno e per 3 anni, ma stiamo lavorando per avere risorse più ingenti possibili. Le modalità con cui questo fondo sarà utilizzato saranno rese note dal governo ad aprile". Lo ha annunciato a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni parlando delle norme per il terremoto del Centro Italia.

13:59Card. Ravasi, fuggire facile via nazionalismo e populismo

(ANSA) - PADOVA, 28 MAR - "E' una visione del tutto non cristiana quella che considera che la via più semplice di fronte all'altro è di considerarlo un rischio e un pericolo mettendo quindi in atto la paura o l'attacco, l'assalto. Ed è proprio questo che i fondamentalisti vogliono perché su quel terreno sono capaci di contrastarci. Il compito della cultura e delle religioni è di stabilire un duetto, non un duello, con voci diverse ma che possono costruire qualcosa insieme. Dobbiamo fuggire la facile via del nazionalismo e del populismo che purtroppo fa sempre scattare adesioni istintive". Così il cardinal Gianfranco Ravasi, parlando di integrazione e interculturalità a margine dell'intervento tenuto a Padova all'inaugurazione dell'anno accademico della Facoltà Teologica del Triveneto.

13:59Calcio: Simeone insegue Lacazette, lo vuole all’Atletico

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Alexandre Lacazette è finito nel mirino dell'Atletico Madrid, dove Diego Simeone vorrebbe comporre un tandem d'attacco tutto francese: Antoine Griezmann insieme all'attuale centravanti del Lione. Il miglior marcatore francese in Europa (29 gol finora) è infatti al primo posto, riferisce France Football, nella lista del ds dei 'Colchoneros', Andrea Berta, che ha cominciato già a contattare l'entourage del giocatore e il club. Secondo la rivista sportiva francese, l'Atletico sarebbe pronto a mettere sul piatto 60 milioni per il cartellino dell'attaccante che ha ancora due anni di contratto col Lione.

13:54Migranti:Ue a Austria,conseguenze da ritiro relocation

(ANSA) - BRUXELLES, 28 MAR - "Nessun Paese può ritirarsi unilateralmente" dal piano europeo di ricollocamenti, che è "legalmente vincolante. Se lo facessero sarebbero fuori dalla legge e questo sarebbe profondamente deplorevole e non senza conseguenze". Così il portavoce della Commissione europea per la Migrazione Natasha Bertaud a chi chiede se l'Austria possa ritirarsi dal piano di ricollocamenti.

13:52Gentiloni, sarà Def di crescita e non depressione

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Il fondo per il terremoto non incide sull'indebitamento netto e farà parte di un decreto che ho volutamente definito correttivo ma anche di sostegno alla crescita, il Def, perché sin dal primo momento il governo ha parlato di un'operazione non di depressione dei segnali di crescita ma di incoraggiamento". Così il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

Archivio Ultima ora