Giubileo ai tempi dell’Isis, da lunedì piano sicurezza Roma

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

sicurezza-Giubileo

ROMA. – Duemila uomini in strada, pattuglie anche sugli autobus e controlli elettronici nei principali luoghi a rischio attentati, da San Pietro allo stadio Olimpico, passando per il Colosseo, oltre alla già annunciata no-fly zone sull’intera città di Roma.

Da lunedì partirà l’imponente piano di sicurezza varato da questore e prefetto della Capitale in vista dell’apertura di quello che lo stesso Nicolò D’Angelo ha definito il “Giubileo ai tempi dell’Isis”. Un faldone top secret da 200 pagine che predispone l’intera attività delle forze dell’ordine durante i dodici mesi dell’Anno Santo della Misericordia.

“Questa è una sfida che si vince con un gioco di squadra, del quale fanno parte tutti”, il messaggio lanciato dal questore durante la presentazione dell’ordinanza sul piano sicurezza. Da lunedì, dunque, saranno intensificati i controlli praticamente dovunque, ma in particolare sulle vie di accesso in città da parte dei pellegrini e sui principali luoghi di ritrovo, dallo stadio alle arene per i concerti, fino alle piazze della movida, dove il questore non esclude attività di perquisizione “qualora fosse necessario”.

Saranno implementati ed aumentati i servizi di videosorveglianza, mentre la città sarà divisa in tre zone concentriche, da quella più esterna a quella di “massima sicurezza”. E ai duemila uomini al lavoro nella quotidianità dell’Anno Santo, se ne aggiungeranno altri durante gli eventi considerati più a rischio, come “l’esposizione della salma di Padre Pio o la santificazione di Madre Teresa di Calcutta”, come sottolinea D’Angelo.

Da prefetto e questore arriva anche un messaggio diretto alla stampa, chiamata a “verifiche serie, senza strumentalizzare e allargare notizie false”. Un appello giunto proprio mentre il premier Matteo Renzi – che ieri ha inaugurato il nuovo pronto soccorso dell’ospedale Santo Spirito – si affrettava a smentire il presunto allarme che nelle ultime ore girava sui telefonini attraverso Whatsapp.

“Il livello di guardia era già stato innalzato dopo il primo attentato di Parigi (a Charlie Hebdo, ndr) – sottolinea il questore – in questi mesi abbiamo messo in campo tutte le risorse di cui disponiamo facendo un lavoro di intelligence anche attraverso un maggiore flusso informativo con i partner nazionali ed europei interessanti nell’anti-terrorismo”.

“Nessuno nega che il nostro paese sia un possibile obiettivo – ribadisce il prefetto Gabrielli -. Ma un conto è la minaccia, un conto è che le cose possano poi verificarsi”. Ed ieri Roma ha dovuto fare i conti con gli ennesimi falsi allarmi che hanno bloccato la metropolitana per due volte, e mandato nel panico San Giovanni dove un medico ha detto di aver visto un uomo armato all’ingresso dell’ospedale.

“Così a Roma si rischia il caos. Roma è a rischio caos per i troppi allarmi – fa notare il Codacons -, meglio celebrare il Giubileo nelle chiese di tutto il mondo senza la massa di fedeli nella Capitale”.

(di Domenico Palesse e Luca Laviola/ANSA)

Ultima ora

10:24Afghanistan: arrestati in Kandahar 16 talebani

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - La polizia afghana ha arrestato nelle ultime ore nella provincia meridionale di Kandahar 16 talebani, appartenenti a "tre gruppi terroristici" responsabili di attacchi coordinati e dell'uccisione di membri delle forze di sicurezza afghane. Lo ha reso noto il Dipartimento nazionale per la sicurezza (Nds, servizi). Gli arresti, ha precisato una fonte del Nds, sono avvenuti nell'ambito di specifiche operazioni realizzate nei distretti di Arghandab, Shahwali Kot e Daman. "questi gruppi terroristici - ha aggiunto la fonte - operavano sotto il comando dei Mullah Sayed Muhammad, Raz Muhammad e Mirza, che sono stati arrestati insieme ai loro uomini". Dopo il recente cruento attacco alla guesthouse del governatore di Kandahar in cui sono morte 12 persone, fra cui cinque diplomatici degli Emirati arabi uniti, la polizia ha intensificato le operazioni miranti a localizzare i talebani operanti nella provincia.

10:16India:scontro a fuoco in Arunachal Pradesh, uccisi 2 soldati

(ANSA) - NEW DELHI, 22 GEN - Due soldati del Corpo dei Fucilieri dell'Assam sono morti oggi in uno scontro a fuoco con un commando di militanti del Consiglio nazionale socialista del Nagaland (Nscn-k) nello stato nord-orientale indiano di Arunachal Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. L'incidente, precisa l'agenzia, è avvenuto nell'area di Jairampur del distretto di Changlang, confinante con lo Stato di Assam quando i militanti, che si battono per uno Stato indipendente cristiano per la popolazione di etnìa Naga del nord-est indiano e di Myanmar, hanno attaccato i fucilieri che perlustravano il territorio.

09:56Trump: primo briefing Casa Bianca dura 5 minuti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, tiene il suo primo briefing. E dura poco più di cinque minuti, durante i quali attacca la stampa e non prende domande, dopo essersi fatto attendere per più di un'ora. Il briefing, già inconsueto di sabato, era stato infatti inizialmente convocato per le 16.30 ore locali, le 22.30 italiane, ma Spicer si è presentato con oltre un'ora di ritardo.

09:45Trump: ex direttore Brennan, vergognoso comportamento a Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - L'ex direttore della Cia, John Brennan, ha detto che il presidente Donald Trump ''dovrebbe vergognarsi'' per il suo comportamento al quartier generale della Cia. Lo ha rivelato Nick Shapiro, ex braccio destro di Brennan. Shapiro dice che Brennan ''e' profondamente rattristato e arrabbiato per la deprecabile dimostrazione di autoglorificazione di Trump di fronte al Muro della memoria degli eroi dell'agenzia''. Parlando agli ufficiali della Cia di fronte al memoriale per gli agenti caduti, Trump aveva bacchettato i giornalisti per la copertura riservata alla cerimonia dell'Inaugurazione e aveva contestato che il numero delle persone presenti era piu' grande di quello riferito dai media.

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

Archivio Ultima ora