In Argentina vince Mauricio Macri, tramonta l’era Kirchner

Pubblicato il 22 novembre 2015 da redazione

macri-presidente

BUENOS AIRES. – Un ballottaggio storico in una domenica di sole a Buenos Aires soprattutto per Mauricio Macri: secondo i primi dati il leader della coalizione di centro-destra ‘Cambiemos’ ha battuto con un distacco consistente (53,48% contro 46,52) alle presidenziali in Argentina il peronista Daniel Scioli.

Pochi istanti dopo la chiusura delle urne (alle 18, le 22 in Italia) e la diffusione di indiscrezioni sugli exit poll che davano un forte distacco tra i due candidati, nel bunker di ‘Cambiemos’ a Buenos Aires è scattata la ‘fiesta’: i simpatizzanti del ‘macrismo’ hanno saltato e ballato, mentre urlavano ‘Mauricio presidente’.

Subito dopo è intervenuto Marcos Peña, uomo chiave dello ‘staff’ di Macri: “Siamo molto, molto, felici per quanto è successo oggi in Argentina”.

Completamente diverso invece il clima nel quartier generale di Scioli, l’hotel ‘Nh Bolivar’, dove c’era poca gente e il sentimento prevalente è l’amarezza. E dove s’invitava la stampa “ad aspettare i dati ufficiali”.

Come tante altre volte negli ultimi decenni, la scelta politica chiave delle elezioni di oggi nel paese sudamericano è stata quella tra peronismo e ‘non peronismo’. Tra dare ancora una chance in altre parole al peronismo al potere, oppure chiudere il ciclo e aprire le porte al centro-destra e al cambio: anzi, al ‘Cambiemos’ guidato da Macri.

Liberale e fautore di programmi marcatamente ‘pro-business’, durante la campagna elettorale ha attaccato duramente il ‘kirchnerismo’, il peronismo di sinistra al potere da 12 anni, prima con Nestor Kirchner, poi con la consorte, Cristina.

Il 56/enne sindaco della città di Buenos Aires è quindi riuscito a convincere la maggioranza degli elettori, dimostrando così di aver azzeccato la coalizione vincente, creata mesi fa tra il suo partito (Propuesta Republicana, Pro) e due forze centriste (radicali e Coalicion Civica).

Diversa la situazione sull’altro schieramento in corsa, quello del peronista Frente para la Victoria guidato da Scioli, governatore a sua volta della provincia di Buenos Aires. Scioli è infatti rimasto intrappolato in una contraddizione di fondo: non ha tagliato del tutto il cordone ombelicale con la presidente uscente, Cristina Fernandez de Kirchner.

E’ stato quindi poco chiaro, proponendosi come l’uomo del rinnovamento peronista ma anche come quello della continuità con la signora Kirchner. Uno emblema di un programma politico moderato, l’altro invece ‘Cristina-dipendente’, in sintonia cioè con l’irruenza, nello stile e nelle politiche, della Casa Rosada.

Lo scorso 25 ottobre, nel primo turno, il vincitore politico fu Macri, prova che la formidabile macchina elettorale del peronismo si era inceppata, tra l’altro anche a causa del complesso rapporto Scioli-Cristina.

La conferma dell’ascesa di ‘Cambiemos’ si è avuta nel cuore economico del Paese, la provincia di Buenos Aires dove si è imposta Maria Eugenia Vidal, 42/enne stella nascente del ‘macrismo’: forse, la vera sorpresa di questa storica tornata elettorale in Argentina.

Il Paese pare quindi essere cambiato in profondità e l’opposizione è avviata a chiudere la giornata con il controllo nei principali distretti elettorali. Il ‘kirchnerismo’ rischia invece di scomparire nell’implosione di un peronismo sconfitto e che da domani si rimetterà alla ricerca di una nuova leadership.

(di Martino Rigacci/ANSA)

Ultima ora

17:06Maltempo: Protezione civile, in arrivo temporali al nord

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Un avviso di avverse condizioni meteo è stato emesso dal Dipartimento della Protezione civile, che prevede dal pomeriggio di oggi temporali al nord, in particolare su Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, provincia di Bolzano e Veneto. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Per oggi e domani è stata valutata allerta gialla su alcuni settori di Veneto e Piemonte, sulla provincia di Bolzano e su buona parte della Lombardia, e solo per oggi su gran parte della Valle d'Aosta. (ANSA).

17:05Calcio: Caf studia riforma, Coppa d’Africa a giugno-luglio

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Addio Coppa d'inverno, con tutte le problematiche che si portava dietro. La Coppa d'Africa 2019 non si giocherà più a gennaio-febbraio ma, quasi sicuramente, nei mesi estivi, come accade per le altre 'consorelle' continentali. Lo ha stabilito l'Esecutivo della Federcalcio africana (Caf) che ha dato mandato a un gruppo di lavoro di studiare la riforma, decidendo anche di innalzare il numero dei Paesi partecipanti da 16 a 24 e questo già dalla prossima edizione che si disputerà in Camerun nel 2019. La novità stagionale soprattutto rappresenta una grande vittoria per i club europei, costretti a rinunciare a tanti giocatori (e diverse 'stelle') in una fase cruciale della stagione. La prossime edizioni della Coppa d'Africa si disputeranno in Camerun (2019), Costa d'Avorio (2021) e Guinea (2023).

17:00Putin, non ho ancora deciso se mi candiderò nel 2018

(ANSA) - MOSCA, 21 LUG - "Non ho ancora deciso se devo continuare ad espletare le mie funzioni da presidente. Sapete che ci saranno le elezioni nel 2018, prima del voto c'è ancora tempo". Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin in un incontro con i giovanissimi allievi del centro di istruzione 'Syrius' di Sochi trasmesso in diretta dal canale televisivo Ntv.

16:55Migranti: giunti 111mila, l’85% in Italia

(ANSA) - GINEVRA, 21 LUG - Un totale di 111.514 migranti e rifugiati sono giunti in Europa via mare dall'inizio dell'anno e 2.360 sono morti mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo. Lo riferisce l'Oim (Organizzazione internazionale delle migrazioni). L'agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni precisa che circa l'85% arrivi sono stati registrati in Italia.

16:53Appalto truccato in cambio di assunzione figlio, 5 condanne

(ANSA) - SAVONA, 21 LUG - Si è concluso con 5 condanne il processo per l'inchiesta "Trash", riguardante irregolarità nell'assegnazione dell'appalto per la gestione dei rifiuti a Pietra Ligure Savona. Il tribunale di Savona ha condannato l'allora responsabile del settore servizi tecnici specializzati Fabio Basso (4 anni e 10 mesi di reclusione) ed i funzionari di Ata Spa Roberto Balbis (3 anni) e Mario Cena (2 anni e 8 mesi). Condannati anche due dipendenti del Comune, Vincenzo Trevisano ed Andrea Nencioni (per entrambi 8 mesi con la sospensione condizionale). Trevisano e Basso sono stati inoltre assolti da due dei capi d'accusa. Le indagini erano iniziate nel marzo 2013: l'accusa della Procura era che i cinque avessero "truccato" la gara per l' assegnazione del servizio di raccolta differenziata favorendo Ata Spa, società partecipata del Comune di Savona. Un "favore" ricambiato dalla promessa di assumere in azienda il figlio di Basso.(ANSA).

16:47Orban a Gentiloni, Italia chiuda i porti

(ANSA) - BUDAPEST, 21 LUG - L'Italia dovrebbe "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori dal Mediterraneo. Lo sostiene il premier ungherese Viktor Orban, annunciando che i quattro leader del gruppo di Visegrad (oltre all'Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) hanno scritto una lettera in questo senso al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Secondo Orban, che non esclude l'opzione militare, il problema deve essere risolto in Libia.

16:43Incendi in Toscana: Rossi, dichiarato stato emergenza

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - Stato di emergenza regionale per gli incendi in Toscana. "A fronte della situazione in atto in Toscana da maggio ad oggi, e dell'intensificarsi del numero e della gravità degli incendi nell'ultimo periodo ho ritenuto indispensabile procedere alla dichiarazione di stato d'emergenza regionale che permetterà alla giunta, nell'immediato, di valutare le prime azioni necessarie da intraprendere per mitigare le criticità e i presupposti per richiedere l'eventuale dichiarazione dello stato d'emergenza nazionale", ha detto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. "Abbiamo rafforzato l'attività di tutto il sistema antincendi e in particolare dell'attività della Sala operativa regionale che ormai costantemente, da maggio, gestisce l'emergenza 24ore su 24", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora