In Argentina vince Mauricio Macri, tramonta l’era Kirchner

Pubblicato il 22 novembre 2015 da redazione

macri-presidente

BUENOS AIRES. – Un ballottaggio storico in una domenica di sole a Buenos Aires soprattutto per Mauricio Macri: secondo i primi dati il leader della coalizione di centro-destra ‘Cambiemos’ ha battuto con un distacco consistente (53,48% contro 46,52) alle presidenziali in Argentina il peronista Daniel Scioli.

Pochi istanti dopo la chiusura delle urne (alle 18, le 22 in Italia) e la diffusione di indiscrezioni sugli exit poll che davano un forte distacco tra i due candidati, nel bunker di ‘Cambiemos’ a Buenos Aires è scattata la ‘fiesta’: i simpatizzanti del ‘macrismo’ hanno saltato e ballato, mentre urlavano ‘Mauricio presidente’.

Subito dopo è intervenuto Marcos Peña, uomo chiave dello ‘staff’ di Macri: “Siamo molto, molto, felici per quanto è successo oggi in Argentina”.

Completamente diverso invece il clima nel quartier generale di Scioli, l’hotel ‘Nh Bolivar’, dove c’era poca gente e il sentimento prevalente è l’amarezza. E dove s’invitava la stampa “ad aspettare i dati ufficiali”.

Come tante altre volte negli ultimi decenni, la scelta politica chiave delle elezioni di oggi nel paese sudamericano è stata quella tra peronismo e ‘non peronismo’. Tra dare ancora una chance in altre parole al peronismo al potere, oppure chiudere il ciclo e aprire le porte al centro-destra e al cambio: anzi, al ‘Cambiemos’ guidato da Macri.

Liberale e fautore di programmi marcatamente ‘pro-business’, durante la campagna elettorale ha attaccato duramente il ‘kirchnerismo’, il peronismo di sinistra al potere da 12 anni, prima con Nestor Kirchner, poi con la consorte, Cristina.

Il 56/enne sindaco della città di Buenos Aires è quindi riuscito a convincere la maggioranza degli elettori, dimostrando così di aver azzeccato la coalizione vincente, creata mesi fa tra il suo partito (Propuesta Republicana, Pro) e due forze centriste (radicali e Coalicion Civica).

Diversa la situazione sull’altro schieramento in corsa, quello del peronista Frente para la Victoria guidato da Scioli, governatore a sua volta della provincia di Buenos Aires. Scioli è infatti rimasto intrappolato in una contraddizione di fondo: non ha tagliato del tutto il cordone ombelicale con la presidente uscente, Cristina Fernandez de Kirchner.

E’ stato quindi poco chiaro, proponendosi come l’uomo del rinnovamento peronista ma anche come quello della continuità con la signora Kirchner. Uno emblema di un programma politico moderato, l’altro invece ‘Cristina-dipendente’, in sintonia cioè con l’irruenza, nello stile e nelle politiche, della Casa Rosada.

Lo scorso 25 ottobre, nel primo turno, il vincitore politico fu Macri, prova che la formidabile macchina elettorale del peronismo si era inceppata, tra l’altro anche a causa del complesso rapporto Scioli-Cristina.

La conferma dell’ascesa di ‘Cambiemos’ si è avuta nel cuore economico del Paese, la provincia di Buenos Aires dove si è imposta Maria Eugenia Vidal, 42/enne stella nascente del ‘macrismo’: forse, la vera sorpresa di questa storica tornata elettorale in Argentina.

Il Paese pare quindi essere cambiato in profondità e l’opposizione è avviata a chiudere la giornata con il controllo nei principali distretti elettorali. Il ‘kirchnerismo’ rischia invece di scomparire nell’implosione di un peronismo sconfitto e che da domani si rimetterà alla ricerca di una nuova leadership.

(di Martino Rigacci/ANSA)

Ultima ora

22:40Roma: Spalletti ‘ora chiariro’ futuro con società’

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Quando alleni una squadra come la Roma devi pensare all'obiettivo della vittoria sempre e a volte il secondo posto, da parte di qualcuno, non è accettabile, ma questo secondo posto è un grande traguardo. Questo traguardo ce lo siamo dovuti andare a prendere e, oggi in particolare, la squadra ha meriti infiniti per come si è sviluppata la partita". Lo ha detto Luciano Spalletti, a Mediaset Premium, dopo Roma-Genoa. "Il mio futuro? Faremo con la società un meeting di chiusura e dopo che ci saremo parlati chiarirò la mia posizione. Lo faremo il prima possibile, perché è giusto che si sappia". Infine l'addio di Totti: "Una cosa incredibile: stavano piangendo tutti, era impossibile non venire trasportato da e in questa emozione generale. Se Francesco decidesse di smettere, come penso abbia deciso di fare, sarebbe una perdita da colmare: ottavo re di Roma è poco, è più un imperatore".

22:34Deriso in caserma da cc, video virale in rete

(ANSA) - CAGLIARI, 28 MAG - Un uomo sui 35 anni, apparentemente ubriaco e con problemi di deambulazione, che, davanti ad alcuni carabinieri in una caserma, mostra passi di danza mentre i presenti ridono. E' il contenuto del video, poco meno di un minuto, che in questi giorni sta spopolando sul web e sui telefonini di molti cittadini di San Vito (Cagliari) e che ha fatto scattare un'indagine interna del Comando provinciale dei carabinieri di Cagliari. Il video è stato pubblicato il 26 maggio su una pagina Facebook con il titolo "Caserma dei carabinieri di San Vito, Cagliari", con sottotitolo "Rischiano la vita per 1000 euro al mese cit." e ha già raggiunto quasi 300mila visualizzazioni, 900 condivisioni e quasi altrettanti commenti, non teneri nei confronti dei militari. Nel filmato non ci sono scene di violenza o azioni contro il giovane, solo risate quando rischia di cadere. Adesso per i carabinieri coinvolti potrebbero scattare sanzioni.

22:33L’addio di Totti: tifosi, ora aiutatemi

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Le lacrime, le gambe che tremano, un microfono e una lettera d'addio: Francesco Totti si congeda così dalla Roma o, almeno dalla maglia, dopo un giro di campo infinito e quel pallone calciato in curva Sud con scritto "mi mancherai". "Non so se riuscirò a leggere queste righe", l'incipit con cui il capitano si rivolge ai 70mila dell'Olimpico, in un silenzio surreale dopo i festeggiamenti per il sofferto successo sul Genoa e la qualificazione alla Champions League. "Ora è finita veramente - continua - Mi levo la maglia per l'ultima volta (e i tifosi gli urlano di no, ndr). La piego per bene, anche se non sono pronto a dire basta e forse non lo sarò mai. Scusatemi se in questo periodo non ho rilasciato interviste e chiarito i miei pensieri, ma spegnere la luce non è facile. Adesso ho paura. E non è la stessa che si prova quando devi segnare un calcio di rigore. Questa volta sono io che ho bisogno di voi e del vostro calore. Con il vostro affetto riuscirò a voltare pagina e a buttarmi in una nuova avventura".

22:13Filippine: jihadisti massacrano i civili

(ANSA) - BANGKOK, 28 MAG - Bombardamenti aerei, combattimenti nelle strade, e ora anche esecuzioni di civili da parte dei militanti jihadisti ancora asserragliati: la città filippina di Marawi è arrivata al sesto giorno di guerra e a quasi un centinaio di morti, con l'esercito filippino che cerca di sradicare la minaccia dell'Isis prima che attecchisca nell'arcipelago, trovandosi però di fronte combattenti più organizzati del previsto. La scoperta di 19 cadaveri di civili uccisi dagli assalitori armati, e il contemporaneo aggiornamento dei militanti uccisi (arrivato a 61), hanno portato a 95 il numero dei morti dall'inizio delle violenze martedì scorso. Un cartello trovato sul corpo di alcuni uomini uccisi dai militanti ("traditori della fede") fa pensare a esecuzioni di musulmani considerati collaboratori delle autorità o comunque non inclini a schierarsi con i jihadisti, da parte di gruppi armati sempre più radicalizzati e ideologicamente affiliati - probabilmente meno a livello organizzativo - allo Stato islamico.

22:07Sri Lanka: frane, inondazioni, 151 morti

(ANSA) - COLOMBO, 28 MAG - Con il passare delle ore e l'arretramento delle acque in alcune zone inondate dello Sri Lanka, è salito ulteriormente a 151 il numero delle vittime causato dalle piogge battenti e dagli smottamenti del terreno avvenuti nelle ultime 72 ore. Lo riferisce il quotidiano Daily Mirror di Colombo. Nella sua pagina online il giornale ha pubblicato i dati più recenti a disposizione del Centro per la gestione dei disastri (Dmc). In base ad essi, oltre ai morti, vi sono 112 persone considerate disperse e 52 ferite. Nel complesso, poi, sono oltre 442.000 gli abitanti colpiti in 14 distretti dello Sri Lanka occidentale e meridionale, appartenenti a 114.000 famiglie.

21:51Merkel, ‘di Trump non ci si può fidare’

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Degli Usa di Donald Trump non ci si può fidare. Angela Merkel non usa giri di parole per spiegare come le alleanze globali non sono più affidabili come un tempo, "me ne sono accorta negli ultimi giorni", dice. Giorni trascorsi fra il vertice Nato e il G7, che hanno segnato l'esordio sul palcoscenico internazionale del presidente americano che ha mostrato le profonde differenze fra gli Stati Uniti e i suoi alleati. La prova più lampante sono le divisioni sul clima, con un comunicato finale del G7 che ha fatto emergere un 'sei contro uno'. Trump non ha ceduto alle pressioni del G7 per restare nell'accordo di Parigi, prendendo tempo e riservandosi una decisione nei prossimi giorni. Il nuovo volto degli Usa però alla cancelliera tedesca non è sfuggito: senza nominare espressamente gli Stati Uniti, Merkel dice che "i tempi in cui si poteva fare pieno affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo, l'ho capito negli ultimi giorni. Noi europei dobbiamo prendere il nostro destino nelle nostre mani".

20:54Calcio: Roma in Champions, ma quanta sofferenza

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con un'imprevista sofferenza supplementare, nel giorno dell'ultima gara di Totti con la Roma, i giallorossi battono - solo in extremis - il Genoa 3-2 e mantengono il secondo posto che vale l'accesso diretto alla Champions League. Rendendo vana la larga vittoria del Napoli sul campo della Sampdoria (2-4). Questo l'esito delle gare delle 18 della 38/a e ultima giornata di Serie A. All'Olimpico stracolmo per l'addio di Totti alla maglia giallorossa, gli ospiti vanno in vantaggio con il baby Pellegri al 3' e Dzeko pareggia al 10'. La Roma preme, ma non sfonda. E il pubblico invoca l'ingresso in campo di Totti che si materializza al 54'. Così, arriva il 2-1 con De Rossi al 74' e sembra fatta. Ma 5 minuti dopo, il Genoa sorprende i giallorossi con Lazovic, il quale all'82' colpisce anche un palo. La Roma sembra stordita e trova il 3-2 solo in pieno recupero con l'ex Perotti. E la festa, a quel punto, può cominciare. A Marassi le reti sono state di Mertens, Insigne, Hamsik, Quagliarella, Callejon e Alvarez.

Archivio Ultima ora