In Argentina vince Mauricio Macri, tramonta l’era Kirchner

Pubblicato il 22 novembre 2015 da redazione

macri-presidente

BUENOS AIRES. – Un ballottaggio storico in una domenica di sole a Buenos Aires soprattutto per Mauricio Macri: secondo i primi dati il leader della coalizione di centro-destra ‘Cambiemos’ ha battuto con un distacco consistente (53,48% contro 46,52) alle presidenziali in Argentina il peronista Daniel Scioli.

Pochi istanti dopo la chiusura delle urne (alle 18, le 22 in Italia) e la diffusione di indiscrezioni sugli exit poll che davano un forte distacco tra i due candidati, nel bunker di ‘Cambiemos’ a Buenos Aires è scattata la ‘fiesta’: i simpatizzanti del ‘macrismo’ hanno saltato e ballato, mentre urlavano ‘Mauricio presidente’.

Subito dopo è intervenuto Marcos Peña, uomo chiave dello ‘staff’ di Macri: “Siamo molto, molto, felici per quanto è successo oggi in Argentina”.

Completamente diverso invece il clima nel quartier generale di Scioli, l’hotel ‘Nh Bolivar’, dove c’era poca gente e il sentimento prevalente è l’amarezza. E dove s’invitava la stampa “ad aspettare i dati ufficiali”.

Come tante altre volte negli ultimi decenni, la scelta politica chiave delle elezioni di oggi nel paese sudamericano è stata quella tra peronismo e ‘non peronismo’. Tra dare ancora una chance in altre parole al peronismo al potere, oppure chiudere il ciclo e aprire le porte al centro-destra e al cambio: anzi, al ‘Cambiemos’ guidato da Macri.

Liberale e fautore di programmi marcatamente ‘pro-business’, durante la campagna elettorale ha attaccato duramente il ‘kirchnerismo’, il peronismo di sinistra al potere da 12 anni, prima con Nestor Kirchner, poi con la consorte, Cristina.

Il 56/enne sindaco della città di Buenos Aires è quindi riuscito a convincere la maggioranza degli elettori, dimostrando così di aver azzeccato la coalizione vincente, creata mesi fa tra il suo partito (Propuesta Republicana, Pro) e due forze centriste (radicali e Coalicion Civica).

Diversa la situazione sull’altro schieramento in corsa, quello del peronista Frente para la Victoria guidato da Scioli, governatore a sua volta della provincia di Buenos Aires. Scioli è infatti rimasto intrappolato in una contraddizione di fondo: non ha tagliato del tutto il cordone ombelicale con la presidente uscente, Cristina Fernandez de Kirchner.

E’ stato quindi poco chiaro, proponendosi come l’uomo del rinnovamento peronista ma anche come quello della continuità con la signora Kirchner. Uno emblema di un programma politico moderato, l’altro invece ‘Cristina-dipendente’, in sintonia cioè con l’irruenza, nello stile e nelle politiche, della Casa Rosada.

Lo scorso 25 ottobre, nel primo turno, il vincitore politico fu Macri, prova che la formidabile macchina elettorale del peronismo si era inceppata, tra l’altro anche a causa del complesso rapporto Scioli-Cristina.

La conferma dell’ascesa di ‘Cambiemos’ si è avuta nel cuore economico del Paese, la provincia di Buenos Aires dove si è imposta Maria Eugenia Vidal, 42/enne stella nascente del ‘macrismo’: forse, la vera sorpresa di questa storica tornata elettorale in Argentina.

Il Paese pare quindi essere cambiato in profondità e l’opposizione è avviata a chiudere la giornata con il controllo nei principali distretti elettorali. Il ‘kirchnerismo’ rischia invece di scomparire nell’implosione di un peronismo sconfitto e che da domani si rimetterà alla ricerca di una nuova leadership.

(di Martino Rigacci/ANSA)

Ultima ora

00:38Calcio: Mondiali 2018, Argentina sconfitta in Bolivia

(ANSA) - LA PAZ, 29 MAR - La Bolivia ha battuto 2-0 l'Argentina in una partita valida per le eliminatorie mondiali del Sudamerica. L'Albiceleste ha giocato senza Lio Messi, squalificato qualche ora prima dell'incontro per quattro gare dalla Fifa. Le due reti sono state segnate ai 31' da Juan Carlos Arce e al 52' da Marcelo Moreno Martins.

00:16Calcio: Ventura, “campionato dal 13/8? Bisogna fare scelta”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Siamo di fronte ad una scelta: o prendiamo la strada della costruzione, per rendere la nazionale più competitiva, o ci affidiamo solo alla buona sorte e alla casualità". Lo ha detto il ct azzurro, Gian Piero Ventura, in merito alla possibilità di cominciare il campionato a metà agosto in vista dell'importantissima sfida a settembre con la Spagna. "Non conta una data, il discorso è più ampio - ha aggiunto -. Tanto per fare un esempio, nell'anno dopo il Mondiale la Germania comincia il campionato a fine agosto, mentre l'anno prima inizia il 10 agosto e l'anno dell'Europeo il 12. Perché? Perché vogliono vincere. E' un segnale di quanto la federazione sia forte".

00:10Calcio: Spagna batte 2-0 la Francia, anche grazie alla Var

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - La Spagna batte 2-0 la Francia in un'amichevole disputata allo Stade de France, un monito per gli Azzurri che a settembre dovranno affrontare la Roja per le qualificazioni Mondiali. Risultato di rilievo, soprattutto perché ha inciso l'utilizzo della Var (Video assistance referee). Il sistema ha consentito di annullare, per fuorigioco, una rete di Griezmann all'inizio della ripresa. Scampato il pericolo, la Spagna è andato in vantaggio al 23' su rigore per un fallo su Deulofeu trasformato da David Silva. Al 32', il raddoppio delle Furie Rosse è stato messo a segno dal milanista e ancora la Var è stata decisiva, annullando la segnalazione di fuorigioco fatta dal guardalinee.

23:51Calcio: Pjaca si infortuna con la nazionale croata

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Infortunio per Marko Pjaca durante il secondo tempo dell'amichevole tra Estonia e Croazia. Il giocatore della Juventus è uscito in barella, in lacrime, a causa di un problema ad un ginocchio che, al 20', ha subito una brutta torsione. Pjaca è rimasto a terra portandosi le mani al volto, visibilmente sofferente. Ora si attende l'esito degli esami, ma sono state pessimiste le prime parole del Ct della Croazia, Ante Cacic, nel dopo partita: "L'infortunio sembra qualcosa di serio". La partita è terminata con la vittoria per 3-0 dell'Estonia.

23:35Calcio: Bonucci, in Spagna difficile ma non battuti

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Sono contento perché sta nascendo un bel gruppo con i giovani che stanno portando entusiasmo e spensieratezza, alle quali si aggiunge l'esperienza dei 'vecchi'". Leonardo Bonucci, autore del gol vittoria contro l'Olanda, vede una crescita dell'Italia ed - ai microfoni di Raiuno - afferma "tutto è utile per la crescita della squadra. Ci credevamo ed ora bisogna acquisire personalità". Il 2 settembre in Spagna l'Italia si giocherà la qualificazione al Mondiale in Russia: "Sarà difficile - afferma il difensore bianconero - ma non partiamo certo battuti". Ultima battuta sul caso Barzagli: "Ha già risposto il mister, lui si è sempre comportato da grande professionista".

23:32Calcio: Ventura “se andremo in Russia saremo sorpresa”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Stiamo cercando di esportare un'immagine e di costruirci una certa mentalità. Contava il risultato, ma la duplice posta in palio era quella e credo che l'abbiamo centrata". Così il ct dell'Italia, Gian Piero Ventura, dopo la vittoria sull'Olanda ad Amsterdam. "Sarebbe bello andare in Russia, ma ci si va solo attraverso il lavoro e un gruppo che sta nascendo. Sono convinto che lì saremo la sorpresa del Mondiale", ha aggiunto il tecnico ai microfoni Rai. "Verratti? ha fatto una partita di spessore".

23:31Calcio: l’Italia vince 2-1 in Olanda

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Successo per 2-1 dell'Italia nell'amichevole contro l'Olanda giocata ad Amsterdam. La formazione schierata dal Ct Ventura, con ben quattro esordienti (compreso il 18enne Donnarumma tra i pali), si è ben comportata, soprattutto nel primo tempo, nel quale si sono concentrate tutte le reti. L'inizio è sfortunato con l'autorete di Romagnoli al 10'. Ma appena un minuto dopo arriva il pareggio grazie al diagonale di Eder, bravo a sfruttare un errore di rinvio degli avversari. Ed al 32' Bonucci realizza il gol vittoria, ribadendo in rete una deviazione del portiere olandese su un colpo di testa di Parolo. Nella ripresa tante sostituzioni ed un paio di interventi importanti del giovane portiere del Milan che ha 'blindato' il risultato fino al fischio finale.

Archivio Ultima ora