Bruxelles in allerta massima, operazione a Grand Place

Pubblicato il 22 novembre 2015 da redazione

Belgian security forces during a police operation in Brussels, Belgium, 22 November 2015. EPA/OLIVIER HOSLET

Belgian security forces during a police operation in Brussels, Belgium, 22 November 2015. EPA/OLIVIER HOSLET

BRUXELLES. – La minaccia resta “seria e imminente” a Bruxelles, e il Belgio mantiene l’allerta al massimo livello, cioè 4. Subito dopo la conferma, verso le 19.30, la polizia entra in azione vicino alla Grand Place, transennando un ampio perimetro, sbarrando strade e ordinando ai clienti dei ristoranti e di un hotel Radisson di restare dentro e ai residenti di stare lontani dalle finestre.

Alcuni postano su twitter le foto dell’ ‘assedio’. Nel perimetro transennato con nastro adesivo giallo gli obiettivi ‘sensibili’ sono numerosi, includono stazioni di polizia, hotel, ristoranti, monumenti, la stessa sede della municipalità. Alle 21 l’operazione era ancora in corso, le strade deserte, poliziotti e soldati in pattugliamento.

Oggi scuole, asili, università e uffici pubblici saranno chiusi, metro e tram sotterranei fermi, centri commerciali serrati, tutti gli eventi aperti al pubblico annullati. Un inedito per il Belgio, una situazione eccezionale dettata dalla gravità della situazione, con un terrorista in fuga pronto a farsi esplodere aiutato da parecchi complici, forse una decina.

Il Governo belga e l’antiterrorismo temono ancora “offensive a più riprese contro molteplici obiettivi”, soprattutto quelli affollati, esattamente con a Parigi. E non hanno intenzione di correre rischi, nonostante ammettano di essere consapevoli dei danni “economici e professionali” che tali misure estreme hanno come conseguenza. La capitale d’Europa continua dunque ad essere ‘chiusa per Isis’, e solo le istituzioni europee lavoreranno come al solito.

Non c’è una minaccia specifica contro di loro, quindi apriranno ai dipendenti rafforzando solo la sicurezza esterna. Ma per tutti gli altri, la vita dopo il weekend di paura non riparte. I dipendenti pubblici resteranno a casa, e per gli altri, come ad esempio le banche, i datori di lavoro si stanno attrezzando per consentire il telelavoro.

Il premier Charles Michel non nasconde la difficoltà della situazione che di fatto paralizza la capitale. Ma, dopo aver presieduto il gabinetto anticrisi, non ha esitazioni: “La minaccia è considerata seria e imminente, temiamo attacchi simili a Parigi da più individui contro più obiettivi”.

L’allerta sarà rivista nuovamente oggi pomeriggio ma nel frattempo restano in piedi le misure eccezionali, a partire dal massiccio dispiegamento di polizia ed esercito che pattugliano tutte le deserte strade di Bruxelles, presidiano i pochi negozi aperti, pronti ad entrare in azione. E infatti nel corso della giornata sono diverse le operazioni di polizia.

La più importante nella Grand Place, con la polizia che ha chiesto ai clienti di alcuni ristoranti di restare dentro, allontanandosi dalle finestre, mentre nel poco distante hotel Radisson è stato chiesto di chiudersi nelle stanze per consentire i controlli dell’area. Ma finora, nessun nuovo elemento è emerso.

La caccia resta sempre al ricercato numero uno, Salah Abdeslam, e ai suoi complici, che sarebbero una decina. Tra i sospetti potrebbe esserci anche un sospetto jihadista britannico, indicato come sodale del boia ‘Jihadi John’ e ricercato da Londra, che avrebbe usato i suoi stessi contatti belgi per nascondersi a Bruxelles.

Il ministro degli Interni Jan Jambon conferma che si cercano “molteplici sospetti, è per questo che abbiamo messo in campo una simile concentrazione di risorse”. All’indagine si lavora 24 ore su 24, assicura il premier Michel. Utilizzando ogni mezzo, forse anche suo fratello Mohamed, che oggi ha rilasciato interviste a tutte le tv belghe e straniere, chiedendo di nuovo a Salah di consegnarsi, perché la famiglia preferisce vederlo “in prigione piuttosto che al cimitero”.

Ma di Salah e dei suoi ignoti complici, e del tipo di attacco che sono in grado di sferrare, non si sa nulla. E il Governo chiede il massimo riserbo.

(di Chiara De Felice/ANSA)

Ultima ora

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

22:47Tennis: Laver Cup, si parte con Cilic-Tiafoe

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Saranno Marin Cilic e Frances Tiafoe a inaugurare domani la prima edizione della Rod Laver Cup, il nuovo format del tennis che vedrà a Praga i campioni della racchetta difendere i colori dell'Europa da una parte e del resto del mondo dall'altra, sulla falsariga della Ryder Cup golfistica. I capitani dei due team, Bjorn Borg per l'Europa e John McEnroe per il Resto del mondo hanno comunicato le loro scelte per la giornata d'esordio che, oltre al croato e allo statunitense, vedrà scendere in campo Dominic Thiem (Europa) e John Isner (Mondo) e nella sessione serale Alexander Zverev (Europa) contro Denis Shapovalov (Mondo) e il primo doppio, Tomas Berdych/Rafa Nadal (Europa) contro Nick Kyrgios/Jack Sock (Mondo). Roger Federer, tra i più attesi nel team Europa, riposerà nella prima giornata. Sede dei match, da domani a domenica, il veloce indoor della O2 Arena della capitale ceca. La formula del torneo prevede tre giorni di incontri, con 3 singolari e un doppio al dì, e un doppio decisivo in caso di parità.

22:44Tedesca violentata: ci sarebbe una foto del sospettato

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Ci sarebbe un sospettato per la violenza subita da una cittadina tedesca alcune notti fa a Villa Borghese, nel cuore di Roma. Secondo quanto si è appreso, durante un'attività di controllo nel parco sarebbe stata scattata una foto di un uomo con tratti e abbigliamento che coincidono con la descrizione della vittima.

22:29Pedofilia: lieve sconto di pena all’ex prete Inzoli di Crema

(ANSA) - CREMONA, 21 SET - Mauro Inzoli, ex capo di Comunione e Liberazione di Cremona e fondatore del Banco Alimentare, spretato lo scorso maggio, oggi si è visto ridurre dalla corte d'appello di Brescia la condanna a 4 anni, 7 mesi e 10 giorni di reclusione contro i 4 anni e 9 mesi che gli erano stati inflitti dal giudice dell'udienza preliminare del tribunale di Cremona. Inzoli, soprannominato 'don Mercedes' per la sua passione ostentata per le auto di lusso, era accusato di abusi sessuali su cinque minorenni, il più giovane di 12, il più grande di 16. La sentenza è stata pronunciata nel giorno in cui papa Francesco prometteva che non concederà la grazia ai preti colpevoli di pedofilia nel discorso pronunciato alla Pontificia Commissione per la tutela dei minori. Il Pontefice ha oggi fatto riferimento proprio al caso di Inzoli, di 67 anni, che è stato anche parroco della Santissima Trinità a Crema (Cremona). Gli abusi furono compiuti tra il 2004 e il 2008.

22:24Scuola: dà 9 a tutti gli studenti, insegnante a processo

(ANSA) - VARESE, 21 SET - Per mesi non avrebbe programmato verifiche o interrogazioni in classe assegnando, alla fine dell'anno, come voto 9 a tutti gli studenti. L'insegnante, 40 anni, è stata rinviata a giudizio a Varese con l'accusa di falso. L'episodio è avvenuto nell'anno scolastico 2014-15 al liceo scientifico Ferraris di Varese. La segnalazione è partita dalla dirigenza scolastica, che ha riscontrato anomalie nei voti assegnati dall'insegnante di matematica e fisica, che non lavora più nell'istituto.

22:15Messico: non c’é nessuna bambina fra macerie scuola

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 21 SET - Non c'è nessuna bambina chiamata Frida o Frida Sofia intrappolata sotto le macerie della scuola elementare Enrique Rebsamen, crollata per il terremoto che ha scosso Citta' del Messico. Lo ha detto il sottosegretario messicano per la Marina, Angel Enrique Sarmiento. Non ci sono bambini, ha spiegato. Se vi è un sopravvissuto sotto le macerie si tratterebbe di una persona adulta, probabilmente che era impiegata nella scuola.

Archivio Ultima ora