Obama, distruggeremo l’Isis. Assad via, ma senza caos

Pubblicato il 22 novembre 2015 da redazione

obama

NEW YORK. – Barack Obama dichiara guerra all’Isis e ammorbidisce i toni su Bashar al Assad, lasciando intravedere gli sforzi diplomatici in corso per rafforzare la coalizione contro lo Stato Islamico contando anche sul possibile appoggio della Russia. Scalda i muscoli intanto il premier britannico, David Cameron, al lavoro per spuntare il via libera delle camere ai raid in Siria che potrebbero iniziare già fra due settimane.

”Distruggeremo l’Isis. E’ un obiettivo realistico. E lo faremo senza tradire i nostri valori” afferma il presidente americano, riferendosi al nodo dei rifugiati ma anche al ”voltarsi le spalle l’uno contro l’altro per motivi religiosi o di razza. L’America non sarà mai in guerra con nessuna religione perché è fatta da più religioni”.

Dalla Malesia il suo messaggio è chiaro: ”Non accetteremo l’idea che gli assalti terroristici siano il nuovo normale. Non cederemo alla paura” perché la ”paura è la prima forza che i terroristi hanno su di noi. Non ho paura che l’Isis ci batta con le sue operazioni”. Nella lotta allo Stato Islamico ”andremo avanti senza sosta” e – assicura Obama – non peseranno le indagini sul Centcom che avrebbe ritoccato le informazioni sull’Isis per renderle più ottimiste rispetto alla realtà.

Obama nelle prossime ore incontrerà a Washington il presidente francese, Francois Hollande, che farà successivamente tappa in Russia per un incontro con Vladimir Putin. La diplomazia è al lavoro e punta a rafforzare la coalizione contro l’Isis, anche con l’appoggio di Mosca. Gli Stati Uniti restano guardinghi e, pur apprezzando le ultime iniziative russe, mostrano cautela.

Ammettendo che da quando l’aereo russo è stato abbattuto dall’Isis la Russia sembra aver rivisto la propria strategia, finora rivolta solo a proteggere Assad, ”il punto è ora vedere” se Mosca ”può effettuare l’aggiustamento strategico che le consenta di essere partner efficace della coalizione contro l’Isis.

Ancora non lo sappiamo” mette in evidenza Obama, aprendo alla possibilità che l’uscita di scena di Assad in Siria possa anche non essere immediata. E’ inevitabile allontanarlo ma ”abbiamo tutti interesse a mantenere uno stato siriano perche’ non vogliamo un caos completo”, ragiona.

Toni più morbidi quelli di Obama, che quattro anni fa aveva dichiarato apertamente che Assad avrebbe dovuto lasciare dal primo giorno di transizione politica. Con l’attenzione puntata sull’Isis, Assad è passato in secondo piano di fronte agli sforzi diplomatici in corso che puntano come primo obiettivo al cessate il fuoco nel paese.

E il governo Assad potrebbe restare al potere più di quello di Obama. Un nuovo piano di pace appoggiato dagli Stati Uniti non fa riferimento al futuro del rais, limitandosi a dire che ”libere e giuste elezioni dovrebbero tenersi in seguito alla nuova costituzione in 18 mesi”.

L’orologio insomma comincerà il conto alla rovescia per Assad quando i suoi funzionari e l’opposizione inizieranno a trattare sulla nuova costituzione”.

Ultima ora

09:46Calcio: Mondiali 2018, Brasile-Paraguay 3-0

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il Brasile ha battuto a San Paolo il Paraguay per 3-0 in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali 2018. Verdeoro in vantaggio al 33' con Coutinho, raddoppio di Neymar al 63' e terzo gol di Marcelo all'85'. Con la vittoria il Brasile, leader della classifica del girone, si porta a 33 punti, 9 di vantaggio sulla Colombia seconda a 24.

09:43Calcio:Mondiali 2018, Cile-Venezuela 3-1, Sanchez record gol

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Allo stadio Monumental di Santiago il Cile ha battuto per 3-1 il Venezuela in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali del 2018. Alexis Sanchez ha aperto le marcature al 4'. Grazie alla rete l'attaccante dell'Arsenal, ex Udinese, ha raggiunto Marcelo Salas a 37 gol come maggior cannoniere di sempre della 'Roja'. Sanchez avrebbe anche potuto scavalcare Salas se il portiere del Venezuela Farinez non gli avesse respinto un rigore al 75'. Sanchez ha comunque poi propiziato anche gli altri due gol del Cile, entrambi segnati da Esteban Paredes al 7' e al 23'. Per il Venezuela ha accorciato le distanze Rondon al 63'.

09:38Mondiali 2018: squalifica Messi, interviene anche Macri

(ANSA) - BUENOS AIRES, 29 MAR - Sulla pesante squalifica di Lio Messi da parte della Fifa si muove anche il presidente argentino Mauricio Macri, che ha definito ''esagerata'' la misura. ''Avergli dato il massimo, tra una e quattro gare... un'esagerazione, speriamo si possa appellare e ridurre questa condanna. E' terribile'', ha commentato il presidente dall'Olanda, dove si trova in visita.

09:38Morti marito e moglie, forse omicidio-suicidio

(ANSA) - NAPOLI, 29 MAR - Un probabile caso di omicidio-suicidio è avvenuto a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), in via Della Valle, dove i carabinieri nella notte sono intervenuti rinvenendo sul selciato il corpo senza vita dell'80enne Gennaro Merola: si sarebbe lanciato dal balcone dell'abitazione al primo piano in cui risiedeva. In casa, é stato invece trovato nel letto, il cadavere della moglie, Gerarda Di Pietro di 77 anni. La donna aveva evidenti lesioni al volto causate da un probabile corpo contundente.

09:36Calcio: Mondiali 2018, Ecuador-Colombia 0-2, in gol Cuadrado

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - La Colombia ha battuto l'Ecuador a Quito per 2-0 in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali del 2018. Le reti sono state segnate dal madridista James Rodriguez al 19' e dallo juventino Juan Cuadrado al 33'. I 'cafeteros' sono così tornati a vincere a Quito, a 2.850 metri di altitudine, dopo oltre 20 anni. L'ultimo successo risaliva infatti all'ottobre 1996 nelle qualificazioni ai Mondiali di Francia 1998 e la nazionale dell'allora ct Francisco 'Pacho' Maturana si era imposta per 1-0 grazie ad un gol di Faustino Asprilla, che vestiva la maglia del Parma.

05:58Trump: Melania padrona di casa a cena con senatori

WASHINGTON - Rara apparizione della first lady Melania Trump in una occasione ufficiale alla Casa Bianca ospitando da padrona di casa una cena con i senatori, sia repubblicani sia democratici. ''E' stato un grande piacere aprire le porte della Casa Bianca agli stImati membri del Senato degli Stati Uniti, insieme con consorti e ospiti'', ha detto intervenendo in apertura dell'evento.

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

Archivio Ultima ora