Carlo Levi e l’emigrazione 1975-2015

Pubblicato il 22 novembre 2015 da redazione

Carlo_Levi

ROMA – La Federazione dei lavoratori emigranti e delle loro famiglie (Filef) ricorda il suo fondatore Carlo Levi, in occasione dei 40 anni dalla sua scomparsa, con una serie di iniziative a lui dedicate e organizzate nelle prossime settimane a Roma, Torino, Reggio Emilia, Salerno e Matera.

Ricorre quest’anno anche l’anniversario della pubblicazione del suo romanzo più famoso, “Cristo si è fermato ad Eboli” (era il 1945) segnala la Filef, – mentre sui temi di cui si occupò l’intellettuale si continua ancora a discutere: questione meridionale, nuove povertà, immigrazione e nuova emigrazione. Attraverso la Filef, fondata nel 1967, Levi ha promosso azioni sociali e politiche e incentivato la nascita di associazioni in grado di difendere i diritti degli emigrati in molti paesi del mondo. Anche la sua attività politica – fu senatore per due legislature – si è concentrata su questo tema.

A Carlo Levi dedicherà un convegno anche il Comitato per le questioni degli italiani all’estero del Senato, in programma il 24 novembre alle ore 14 (Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani). L’incontro, intitolato “Carlo Levi senatore, scrittore e pittore a 40 anni dalla morte: uno sguardo partecipato sull’emigrazione italiana”, sarà aperto dal presidente del Senato Pietro Grasso.

Interverranno il senatore Mario Tronti, il professore emerito di Sociologia Enrico Pugliese, il presidente della Filef Francesco Calvanese, Maurizio Spallaccini della Federazione delle Colonie Libere italiane in Svizzera e l’attore Alfonso Liguori. Le conclusioni sono affidate al presidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero del Senato, Claudio Micheloni.

Seguirà il 4 dicembre a Torino presso la Bibliomediateca “Mario Gromo” del Museo del Cinema (via Matilde Serao 8/a) alle ore 16 l’incontro “Ricordare Carlo Levi al tempo dei nuovi esodi”, cui interverranno Fabio Pezzetti Tonion del Museo, Calvanese, Francesco Berrettini della presidenza Filef nazionale e Alfonso Liguori. Previste letture scelte di Carlo Levi seguite dalla proiezione del film “Cristo si è fermato ad Eboli” di Francesco Rosi.

Il 5 dicembre l’appuntamento è alle ore 9 al Museo Cervi di Gattatico di Reggio Emilia per l’incontro “Quando Cristo si fermava a Eboli: il mondo contadino da sud a nord all’epoca di Carlo Levi”. Interverranno Laura Salsi e Stefano Morselli della Filef di Reggio Emilia, Albertina Soliani, presidente della Fondazione Alcide Cervi, lo storico Adolfo Pepe della Fondazione Di Vittorio, Franco Arminio, poeta e direttore del festival “La Luna e I Calanchi”, il docente di storia Romeo Guarnieri, Prospero Cerabona dell’Associazione Carlo Levi e della Fondazione Amendola di Torino, Leana Pignedoli, vice presidente della Commissione Agricoltura del Senato.

Al Teatro dell’Università di Salerno (Fisciano) il 10 dicembre alle ore 9 è in programma “Ricordare Carlo Levi nella giornata dei diritti umani: incontro con gli studenti dell’Università”, aperto dai saluti del Rettore Aurelio Tommasetti e del direttore di Dipartimento Annibale Elia. Prevista l’introduzione del coordinatore Filef Rodolfo Ricci e la proiezione di filmati sulle migrazioni con Maurizio del Bufalo del Festival Cinema dei diritti umani di Napoli.

Seguirà la lettura di passaggi tratti dai discorsi al Senato di Levi di Alfonso Liguori, l’intervento di Enrico Pugliese e il dibattito con gli studenti e i redattori delle radio libere. Parteciperanno inoltre Paolo Ferrero, già ministro della Solidarietà sociale, Grazia Moffa dell’Università di Salerno, Calvanese e Massimo Angrisano della Filef Campania. Alle 11.40 previsto l’intervento del Gruppo della Memoria dell’Università di Salerno seguito da quello dell’avvocato Franco Massimo Lanocita e dal concerto – ore 12.15 – del Conservatorio di Musica “G. Martucci” di Salerno.

Il 18 dicembre sarà invece il Liceo “Carlo Levi – Emanuele Duni” di Matera ad ospitare alle ore 10 il convegno “Il pensiero di Carlo Levi e la nuova emigrazione”. Previsti gli interventi di Piero Lacorazza, presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Antonio Sanfrancesco della Filef Basilicata, di Calvanese (Filef nazionale), Franco Vitelli dell’Università di Bari, Ettore Bove dell’Università della Basilicata, Pietro Simonetti della Task force Immigrazione della Regione Basilicata, Mimmo Calbi, docente di Filosofia, Domenico Notarangelo, studioso di Carlo Levi, Massimo Angrisano della Filef Campania, Domenico Guaragna (Filef Basilicata), Michele Speranza (Fiei), Rino Giuliani dell’Istituto Fernando Santi e Rodolfo Ricci.

Un’ulteriore iniziativa in programma a Bari viene annunciata per il 12 febbraio.

Ultima ora

16:37Calcio: aumentano spettatori stadio, media Serie A è 23mila

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Prosegue il trend positivo delle presenze negli stadi della Serie A. Ieri sera, fa sapere la Lega di Serie A, è stata sfiorata quota 23mila spettatori a partita, mentre nelle ultime due stagioni, nel turno infrasettimanale di settembre, non erano mai andati allo stadio più di 20mila tifosi. Con riferimento ai primi cinque turni di Campionato, la media a gara è finora di 23.814 spettatori (deve ancora disputarsi la sfida tra Sampdoria e Roma rinviata lo scorso 9 settembre). Rispetto alla passata stagione, si registra un incremento di oltre 3mila presenze a partita (nello stesso arco temporale della scorsa stagione la media era di 20.775). La partita più seguita allo stadio in assoluto è stata Inter-Spal, disputata alle 12.30 del 10 settembre, con 57.235 spettatori.

16:32Intercettazioni: Orlando, entro fine mese pronto decreto

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "Entro fine mese credo che lo consegnerò a Palazzo Chigi" per un'approvazione che potrebbe avvenire entro Natale. E' la tempistica del ministro della Giustizia Andrea Orlando sul decreto intercettazioni. "Non ci sarà il riassunto - dice il ministro a Corriere.it - per una ragione diversa da quanto detto con una campagna discutibile, il riassunto ci è stato contestato non dai giornalisti perché la Fnsi non si è presentata ma dai penalisti" sul diritto di difesa e "terremo in considerazione".

16:30Yoko Ono contro limonata ‘John Lemon’, bloccata vendita

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La vedova di John Lennon, Yoko Ono, ha bloccato la vendita della limonata 'John Lemon', accusando una startup polacca di volere trarre profitto dalla memoria del suo consorte assassinato nel 1980. Secondo quanto riporta la Cnn, Ono, che aveva sposato l'ex Beatles nel 1969, ha fatto causa all'azienda polacca lo scorso aprile presso un Tribunale dell'Aja. La società ha reso noto questa settimana che il caso e' stato risolto in sede stragiudiziale e che sostituirà il nome 'John Lemon' con 'On Lemon'. La startup ha sottolineato che respinge l'accusa di Yoko Ono, motivando la sua decisone di chiudere il caso per "evitare i costi estremamente alti del procedimento giudiziario".

16:28Trump, in arrivo nuove sanzioni contro Corea del Nord

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - "Imporremo nuove sanzioni alla Corea del Nord": lo ha detto il presidente americano, Donald Trump a margine dell'Assemblea generale dell'Onu, dove oggi si riunisce il Consiglio di sicurezza. Anche un funzionario dell'amministrazione Usa - come riportano i media - conferma la decisione di nuove sanzioni nella giornata di oggi.

16:26Messico:Frida tra macerie scuola muove dita,simbolo speranza

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 21 SET - I soccorritori sono ormai da ore vicini a Frida, una bambina intrappolate nella scuola 'Enrique Rebsamen' di Città del Messico dopo il sisma, che ieri è riuscita a muovere le dita, mostrando di essere ancora viva. Un particolare che è divenuto simbolo della speranza per tutto il Messico dopo la tragedia del terremoto. Frida si trova sotto il tavolo di marmo dell'aula di inglese della prima elementare della scuola, precisano i media locali, sottolineando i rischi di crolli provocati dai movimenti tra le macerie che potrebbero così compromettere le operazioni di soccorso. Dall'interno della scuola, sottolineano i media, è stato estratto il corpo di una maestra di 58 anni.

16:23Brexit: Barnier, su negoziato restano molte incertezze

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Sul negoziato sulla Brexit "restano molte incertezze". Lo ha detto il capo negoziatore Ue per la Brexit, Michel Barnier, alle commissioni riunite Esteri e Politiche dell'Unione europea al Senato. "Ascolteremo con grande attenzione e spirito costruttivo il discorso che domani la premier britannica Theresa May farà a Firenze". "Bisogna trovare un accordo corretto con il Regno Unito ma bisogna essere intransigenti sulle regole". "Le regole devono essere rispettate. Dobbiamo trovare un accordo con i britannici, ma non ci siamo ancora", ha aggiunto Barnier. "Spero entro la fine dell'anno di constatare progressi sufficienti per poi avviare la seconda parte del negoziato. Noi - ha concluso - siamo fermi sui principi, è il Regno Unito che lascia la Ue e non noi. L'uscita di Londra non può farsi a danno del mercato unico"

16:15Morta a 12 anni dopo intervento femore: indagati 2 medici

(ANSA) - BARI, 21 SET - La Procura di Bari ha indagato due medici dell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari, un chirurgo e un anestesista, per la morte di una 12enne di origini colombiane deceduta probabilmente a causa di una ipertermia maligna subito dopo un intervento di riduzione di una frattura al femore. Sul decesso il pm Bruna Manganelli ha aperto un' indagine per omicidio colposo disponendo l'acquisizione delle cartelle cliniche e l'autopsia. Stando a quanto ricostruito fino a questo momento, la 12enne - adottata da una coppia italiana all'età di sei anni - sarebbe arrivata all'ospedale pediatrico con una frattura al femore nel pomeriggio di martedì e sarebbe stata subito sottoposta ad intervento chirurgico. Subito dopo avrebbe avuto un improvviso innalzamento della temperatura corporea, fino a 44 gradi, e non si sarebbe più risvegliata. L'autopsia dovrà accertare se quella febbre riconducibile ad una ipertermia maligna, che è una patologia congenita che si manifesta soprattutto con l'anestesia.

Archivio Ultima ora