Carlo Levi e l’emigrazione 1975-2015

Pubblicato il 22 novembre 2015 da redazione

Carlo_Levi

ROMA – La Federazione dei lavoratori emigranti e delle loro famiglie (Filef) ricorda il suo fondatore Carlo Levi, in occasione dei 40 anni dalla sua scomparsa, con una serie di iniziative a lui dedicate e organizzate nelle prossime settimane a Roma, Torino, Reggio Emilia, Salerno e Matera.

Ricorre quest’anno anche l’anniversario della pubblicazione del suo romanzo più famoso, “Cristo si è fermato ad Eboli” (era il 1945) segnala la Filef, – mentre sui temi di cui si occupò l’intellettuale si continua ancora a discutere: questione meridionale, nuove povertà, immigrazione e nuova emigrazione. Attraverso la Filef, fondata nel 1967, Levi ha promosso azioni sociali e politiche e incentivato la nascita di associazioni in grado di difendere i diritti degli emigrati in molti paesi del mondo. Anche la sua attività politica – fu senatore per due legislature – si è concentrata su questo tema.

A Carlo Levi dedicherà un convegno anche il Comitato per le questioni degli italiani all’estero del Senato, in programma il 24 novembre alle ore 14 (Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani). L’incontro, intitolato “Carlo Levi senatore, scrittore e pittore a 40 anni dalla morte: uno sguardo partecipato sull’emigrazione italiana”, sarà aperto dal presidente del Senato Pietro Grasso.

Interverranno il senatore Mario Tronti, il professore emerito di Sociologia Enrico Pugliese, il presidente della Filef Francesco Calvanese, Maurizio Spallaccini della Federazione delle Colonie Libere italiane in Svizzera e l’attore Alfonso Liguori. Le conclusioni sono affidate al presidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero del Senato, Claudio Micheloni.

Seguirà il 4 dicembre a Torino presso la Bibliomediateca “Mario Gromo” del Museo del Cinema (via Matilde Serao 8/a) alle ore 16 l’incontro “Ricordare Carlo Levi al tempo dei nuovi esodi”, cui interverranno Fabio Pezzetti Tonion del Museo, Calvanese, Francesco Berrettini della presidenza Filef nazionale e Alfonso Liguori. Previste letture scelte di Carlo Levi seguite dalla proiezione del film “Cristo si è fermato ad Eboli” di Francesco Rosi.

Il 5 dicembre l’appuntamento è alle ore 9 al Museo Cervi di Gattatico di Reggio Emilia per l’incontro “Quando Cristo si fermava a Eboli: il mondo contadino da sud a nord all’epoca di Carlo Levi”. Interverranno Laura Salsi e Stefano Morselli della Filef di Reggio Emilia, Albertina Soliani, presidente della Fondazione Alcide Cervi, lo storico Adolfo Pepe della Fondazione Di Vittorio, Franco Arminio, poeta e direttore del festival “La Luna e I Calanchi”, il docente di storia Romeo Guarnieri, Prospero Cerabona dell’Associazione Carlo Levi e della Fondazione Amendola di Torino, Leana Pignedoli, vice presidente della Commissione Agricoltura del Senato.

Al Teatro dell’Università di Salerno (Fisciano) il 10 dicembre alle ore 9 è in programma “Ricordare Carlo Levi nella giornata dei diritti umani: incontro con gli studenti dell’Università”, aperto dai saluti del Rettore Aurelio Tommasetti e del direttore di Dipartimento Annibale Elia. Prevista l’introduzione del coordinatore Filef Rodolfo Ricci e la proiezione di filmati sulle migrazioni con Maurizio del Bufalo del Festival Cinema dei diritti umani di Napoli.

Seguirà la lettura di passaggi tratti dai discorsi al Senato di Levi di Alfonso Liguori, l’intervento di Enrico Pugliese e il dibattito con gli studenti e i redattori delle radio libere. Parteciperanno inoltre Paolo Ferrero, già ministro della Solidarietà sociale, Grazia Moffa dell’Università di Salerno, Calvanese e Massimo Angrisano della Filef Campania. Alle 11.40 previsto l’intervento del Gruppo della Memoria dell’Università di Salerno seguito da quello dell’avvocato Franco Massimo Lanocita e dal concerto – ore 12.15 – del Conservatorio di Musica “G. Martucci” di Salerno.

Il 18 dicembre sarà invece il Liceo “Carlo Levi – Emanuele Duni” di Matera ad ospitare alle ore 10 il convegno “Il pensiero di Carlo Levi e la nuova emigrazione”. Previsti gli interventi di Piero Lacorazza, presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Antonio Sanfrancesco della Filef Basilicata, di Calvanese (Filef nazionale), Franco Vitelli dell’Università di Bari, Ettore Bove dell’Università della Basilicata, Pietro Simonetti della Task force Immigrazione della Regione Basilicata, Mimmo Calbi, docente di Filosofia, Domenico Notarangelo, studioso di Carlo Levi, Massimo Angrisano della Filef Campania, Domenico Guaragna (Filef Basilicata), Michele Speranza (Fiei), Rino Giuliani dell’Istituto Fernando Santi e Rodolfo Ricci.

Un’ulteriore iniziativa in programma a Bari viene annunciata per il 12 febbraio.

Ultima ora

08:06Wp, legali Trump studiano come minare l’inchiesta Russiagate

(ANSA) - WASHINGTON, 21 LUG - Alcuni degli avvocati che assistono il presidente Donald Trump stanno esplorando modi per limitare o minare l'inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller sul cosiddetto 'Russiagate', nel tentativo di montare il caso su quanto presumono costituisca conflitto di interesse. Lo scrive il Washington Post citando fonti informate, secondo cui inoltre i legali di Trump stanno esaminando i termini della facolta' del presidente di concedere amnistia. Per il New York Times componenti della squadra del presidente, tra avvocati e collaboratori, stanno passando al setaccio il vissuto professionale e politico degli investigatori che collaborano con il procuratore speciale.

07:58Venezuela: ucciso manifestante 24enne in periferia Caracas

(ANSA) - CARACAS, 20 LUG - Un giovane manifestante è morto e almeno altri due sono rimasti feriti oggi dopo essere stati raggiunti da spari di arma da fuoco nel quartiere di Santa Eulalia, a Los Teques, una zona popolare nell'hinterland di Caracas. La notizia, diffusa da vari media locali, è stata confermata dalla deputata Delsa Solorzano, che ha identificato la vittima come Ronney Tejera, di 24 anni. Si tratta della 96/a persona uccisa dall'inizio delle proteste antigovernative che si susseguono in Venezuela da inizio aprile. Fonti locali citate dalla stessa Solorzano hanno indicato che "uomini vestiti di nero" e presunti agenti della polizia hanno aperto il fuoco contro un gruppo nel quale si trovava Tejera e gli altri manifestanti che sono rimasti feriti.

07:50Gerusalemme: Città vecchia chiusa a chi ha meno 50 anni

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 LUG - La polizia di Gerusalemme ha adottato misure di emergenza per prevenire disordini oggi durante le preghiere del venerdi'. In particolare - ha reso noto una portavoce - l'ingresso in Citta' Vecchia e alla Spianata delle moschee sara' limitato ai musulmani di eta' superiore ai 50 anni, mentre per le donne non ci sono limitazioni. ''Sappiamo - ha precisato - che elementi estremisti vogliono infrangere l'ordine pubblico ricorrendo a violenze''. Ieri in quella zona si sono verificati incidenti. Intanto il governo israeliano ha deciso che i metal detector alla Spianata delle Moschee restano.

07:45Gerusalemme: Città vecchia chiusa a chi ha meno 50 anni

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 LUG - La polizia di Gerusalemme ha adottato misure di emergenza per prevenire disordini oggi durante le preghiere del venerdi'. In particolare - ha reso noto una portavoce - l'ingresso in Citta' Vecchia e alla Spianata delle moschee sara' limitato ai musulmani di eta' superiore ai 50 anni, mentre per le donne non ci sono limitazioni. ''Sappiamo - ha precisato - che elementi estremisti vogliono infrangere l'ordine pubblico ricorrendo a violenze''. Ieri in quella zona si sono verificati incidenti. Intanto il governo israeliano ha deciso che i metal detector alla Spianata delle Moschee restano.

07:41Terremoto Kos: anche piccolo tsunami

(ANSA) - KOS (GRECIA), 21 LUG - Alcuni testimoni oculari sull'isola di Kos hanno visto il mare ''gonfiarsi'' dopo la scossa di terremoto di magnitudo 6.7 che nella notte ha provocato anche uno tsunami circoscritto. Le autorita' avevano avvertito in effetti della possibilita' di un piccolo maremoto dopo il sisma dell'1.30 della notte ora locale. L'acqua ha invaso una strada di fronte al mare e parte dell'abitato principale dell'isola, dove si trova anche la ''citta' vecchia''. Un'imbarcazione e' stata spinta sulla strada principale e diverse automobili si sono scontrate fra loro a causa dell'innalzamento del livello dell'acqua.

07:32Terremoti: Kos, soccorsi cercano persone intrappolate

KOS (GRECIA) - I soccorritori stanno cercando di recuperare persone intrappolate nell'isola greca di Kos dove un terremoto di magnitudo 6,7 ha colpito l'area nella notte. Le autorita' hanno confermato la morte di due persone mentre circa altre 30 sono ferite. Il sindaco di Kos Giorgos Kyritsis ha detto ai media locali che le costruzioni nel centro della localita' turistica sono state danneggiate ma quelle situate nel resto dell'isola sembrano non aver subito danni.

07:16Terremoti: scossa 6,7 in Mar Egeo, due morti a Kos

ATENE - Due persone sono morte e una dozzina sono rimaste ferite nell'isola greca di Kos, nel mar Egeo, a causa di una scossa di terremoto di magnitudo 6,7 che ha colpito la citta' turca di Bodrum (l'antica Alicarnasso), la costa turca meridionale e le vicine isole greche. La notizia e' riportata fra l'altro dal Daily Mail on line, che parla anche di un'allerta tsunami.

Archivio Ultima ora