Parte il piano sicurezza per il Giubileo, Roma blindata

Pubblicato il 23 novembre 2015 da redazione

Carabinieri a cavallo all'esterno del Colosseo nell'ambito del piano sicurezza anti terroristico per il Giubileo. Roma 23 novembre 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

Carabinieri a cavallo all’esterno del Colosseo nell’ambito del piano sicurezza anti terroristico per il Giubileo. Roma 23 novembre 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – Roma si blinda per quello che passerà alla storia come il Giubileo ai tempi dell’Isis. Scatta nella Capitale il piano sicurezza intensificato dopo gli attentati di Parigi. Da ieri la Città Eterna è sorvegliata speciale: più controlli non solo in centro ma anche in periferia, aumenta la presenza di militari e forze dell’ordine e dall’8 dicembre no-fly zone, divieto di sorvolo per gli ultraleggeri e misure ‘anti-droni’.

E nel giorno dell’esordio non è mancato un allarme bomba che ha tenuto ancora una volta i romani col fiato sospeso. Dall’alba è operativa l’ordinanza che rafforza ulteriormente i controlli in città, a due settimane dall’inizio del Giubileo.

Quindici giorni di “prova generale” per le forze dell’ordine la cui presenza a Roma aumenterà notevolmente: dopo gli attacchi terroristici di Parigi si punta ad alzare l’asticella della percezione della sicurezza in città.

Per questo nella Capitale saranno impiegati duemila uomini, a presidiare non solo gli oltre mille obiettivi sensibili e gli eventi considerati a rischio, ma anche autobus e metropolitane. Agenti in divisa saliranno sui mezzi di trasporto per garantire la sicurezza dei passeggeri – inoltre Atac, la municipalizzata che si occupa di trasporti nella Capitale – ha rafforzato la sua sicurezza predisponendo oltre 3.000 telecamere e centinaia di sensori anti-intrusione.

Ovviamente ‘sorvegliati speciali’, dopo gli allarmi lanciati anche dall’Fbi, saranno piazza San Pietro, la sinagoga e il ghetto ebraico ma anche i monumenti più importanti come Colosseo e Fontana di Trevi. E dopo le stragi nella Ville Lumiere un’attenzione particolare sarà rivolta anche ai luoghi di ritrovo con “controlli serratissimi”, ha assicurato il questore Niccolò D’Angelo, nelle piazze della movida.

Ma la militarizzazione della città a poco serve contro l’ Isis, anzi “sarebbe una sconfitta”. Ne è convinto il prefetto Franco Gabrielli. “La battaglia contro il terrorismo – spiega – non si vince o si perde per la presenza in strada di agenti in divisa o militari che presidiano ma per il sistema di sicurezza nel suo complesso che vede l’attività non visibile come la principale”.

Si punta quindi a lavorare tantissimo di intelligence per prevenire qualsiasi tipo di attentato. E per questo “nulla deve essere sottovalutato” ci tiene a precisare Gabrielli. Tanto che, precisa lo stesso prefetto, sono stati messi a punto dispositivi “contro attacchi Nbcr”.

Proprio ieri mattina si è registrato un altro falso allarme bomba: il Traforo in via Nazionale, nel centro di Roma, è stato chiuso dalle forze dell’ordine dopo la segnalazione di una borsa sospetta ma i controlli sono stati negativi. “Ci possono essere 100 falsi allarmi. E poi il centunesimo si rivela vero. Non potendolo sapere io non mi sognerò mai di dire alla forze di polizia di non vagliare e verificare tutto” dice Gabrielli che si scusa con romani e turisti per i disagi che il sistema sicurezza può causare.

E li avvisa anche che con il passare del tempo si assisterà ad un’escalation di allarmi. “Le misure sono molto più stringenti ma non cambierà nulla dal punto di vista delle libertà e dei diritti dei cittadini” assicura Gabrielli.

(di Davide Muscillo/ANSA)

Ultima ora

15:46Tav:rapporti con recluso No Tav,ricorso contro licenziamento

(ANSA) - TORINO, 25 MAG - Una educatrice torinese di una cooperativa che opera nella casa circondariale 'Lorusso e Cutugno' è stata sospesa dall'incarico per avere intrattenuto rapporti con alcuni attivisti nell'area anarco-insurrezionalista e per aver pubblicato su Facebook foto di alcuni No Tav arrestati in segno di solidarietà. Il legale, l'avvocato Roberto Lamacchia, ha chiesto ai giudici del Tar la revoca del divieto di lavorare nel carcere delle Vallette. "Per tre anni lei ha svolto la sua attività nel padiglione dei tossicodipendenti, che nulla hanno a che fare con il Movimento No Tav, e l'ha fatto con buoni risultati - ha spiegato il legale - Tutto questo non determina l'esistenza di ragioni di sicurezza tali da allontanarla dal carcere". "Voglio riavere il mio lavoro - commenta Angela - Non mi è stato nemmeno permesso di salutare i ragazzi che seguivo". Alcuni autonomi hanno organizzato un presidio di solidarietà davanti agli uffici del Tar.

15:29M5s: La Rocca, se rinviata a giudizio non mi ricandido

(ANSA) - PALERMO, 24 MAG - "Se sarò rinviata a giudizio non mi ricandiderò alle regionali, come ho già annunciato nei giorni scorsi". Lo dice Claudia La Rocca, deputata dei 5stelle che si è auto-sospesa dopo avere ricevuto l'avviso di garanzia nell'inchiesta firme false della Procura di Palermo con la quale ha collaborato ammettendo di essere stata presente nel giorno della ricopiatura degli autografi di chi aveva firmato a sostegno della lista per le comunali del 2012.

15:27Manchester: Bonino, dobbiamo resistere culturalmente

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Attentato a Manchester? La sicurezza al 100% rispetto ai lupi solitari è impossibile. Ci saranno stati sicuramente degli errori nella prevenzione. Non dobbiamo cedere alla paura. Non dobbiamo dargliela vinta. Dobbiamo resistere culturalmente". Queste le parole di Emma Bonino presente stamani all'Università Statale di Milano.

15:22L.elettorale: Gelmini, nessun inciucio ma accelerazione urne

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Nessun Nazareno bis, nessun inciucio. Silvio Berlusconi con Forza Italia è impegnato a garantire una legge elettorale in grado di portare rapidamente gli italiani alle urne. Il centrodestra non ha bisogno di continui distinguo ma di una forte azione comune che racconti agli italiani qual è il Paese che vogliamo costruire". Così Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera.

15:21Boldrini, bene Confindustria su coesione e crescita

(ANSA) - ROMA, 24 MAY - "Ho trovato molto interessante l'accento posto sulla coesione e sulla crescita, così come mi è piaciuta l'insistenza sull'importanza di investire di più sui giovani". Lo dice la presidente della Camera Laura Boldrini a margine dell'Assemblea di Confindustria. "Ho anche trovato importante la sottolineatura sulla necessità di rafforzare una casa comune in Europa per le aziende, che se non saranno capaci di stare insieme non avranno uno spazio in futuro", aggiunge.

15:18Calcio: serie B, una giornata a Vignali

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Una giornata di squalifica a Vignali dello Spezia, espulso per doppia ammonizione nel primo turno dei playoff di Serie B. Il giocatore sconterà la squalifica nella prossima stagione, essendo stata la squadra ligure eliminata dal Benevento.

15:18Vaccini: Rosato, non c’era altra strada che obbligo

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "I vaccini sono farmaci efficaci e sicuri. Hanno permesso di sconfiggere malattie terribili di cui ormai non abbiamo più memoria, come il vaiolo cancellato dalla faccia della Terra solo alcuni decenni fa. Di altre malattie infettive abbiamo sentito parlare ma non le avvertiamo più come una minaccia, anche se circolano ancora nell'Europa dell'Est. Per anni siamo stati protetti dal progresso della scienza ma ultimamente c'è stata un'inversione di rotta, ingiustificata". Lo scrive il capogruppo del Pd alla Camera Ettore Rosato in un post su Facebook rispondendo alle preoccupazioni per l'obbligo delle vaccinazioni. "Il calo delle vaccinazioni, rispetto ad altri Paesi europei, è diventato preoccupante. Gli italiani si vaccinano sempre meno contro la poliomielite, il tetano, la difterite, la rosolia, il morbillo, con un trend in discesa. Occorreva invertire la tendenza prima che fosse troppo tardi. Per affrontare questa emergenza non c'era altra strada che rendere obbligatorie le vaccinazioni".

Archivio Ultima ora