I giornalisti Nuzzi e Fittipaldi, processo alla libertà di stampa

Pubblicato il 23 novembre 2015 da redazione

vaticano

ROMA. – Un processo non solo a singoli giornalisti, ma “alla libertà di stampa”. Così Emiliano Fittipaldi e Gianluigi Nuzzi, autori dei due bestseller sugli scandali finanziari vaticani “Avarizia” e “Via Crucis”, definiscono il processo in cui – primi giornalisti ad essere giudicati in Vaticano – dovranno comparire come imputati di concorso nella divulgazione di documenti riservati della Santa Sede.

Con loro alla sbarra andranno i presunti “corvi”, mons. Lucio Angel Vallejo Balda e la ‘pierre’ Francesca Immacolata Chaouqui, oltre all’ex collaboratore di mons. Vallejo Nicola Maio, accusati anche di associazione a delinquere nell’aver – secondo le imputazioni – sottratto le carte segrete della Commissione referente sulle finanze vaticane, di cui facevano parte, e averle passate ai due giornalisti.

Sia Nuzzi sia Fittipaldi, che secondo la legge vaticana rischiano dai quattro agli otto anni di carcere, hanno già fatto sapere che saranno in aula, ma entrambi contestano con forza il principio per cui dei giornalisti possano essere processati solo per aver fatto il loro mestiere, con grave minaccia, quindi, alla libertà di informazione.

“Questo che inizia non è un processo contro di me. E’ un processo alla libera stampa”, ha scritto Fittipaldi in una lettera a Repubblica. “La giurisprudenza vaticana – sottolinea – considera un delitto l’essenza stessa del nostro mestiere, ossia il dovere di pubblicare i fatti che il potere, qualunque forma esso prenda, vuole tenere occultati alla pubblica opinione”.

E riguardo all’accusa di aver messo a rischio “interessi vitali della Santa Sede” domanda: “ma davvero le notizie sul patrimonio immobiliare vaticano o sui costi necessari a parenti e ordini religiosi per canonizzare un loro beniamino mettono a repentaglio la sicurezza nazionale della Santa Sede? Ho i miei dubbi”.

L’accusa di Fittipaldi è che, dinanzi alle malefatte denunciate nel libro, “alla fine s’è addirittura preferito incriminare non i mercanti del tempio, ma chi li ha smascherati”. Il giornalista dell’Espresso pone anche l’accento sul fatto che in Vaticano “non esiste alcuna legge che possa essere paragonata all’articolo 21 della nostra Costituzione, né commi a difesa del diritto di cronaca, o codici deontologici che permettano al giornalista di opporre il segreto professionale a tutela delle proprie fonti”.

Sulla stessa linea Nuzzi, che da giorni su Twitter e Facebook, sotto l’hashtag #noinquisizione, ha lanciato una campagna di mobilitazione contro il bavaglio all’informazione. “Non si processa chi fa informazione! Politica tace, Ordine dei giornalisti pure”, twitta. E ancora: “Domani a processo nessuno è accusato di furto. I furti veri sono quelli in Vaticano, denunciati nel libro, ma non se ne deve parlare”.

Nuzzi punta il dito anche contro le regole imposte per il procedimento penale: “Il tribunale vaticano vieta agli avvocati di dare agli imputati copia degli atti, possiamo solo vederli. Vergogna”.

A sostegno dei due giornalisti si è alzato un fitto tam-tam sui social network, con lettori che si fanno ritrarre con in mano i loro libri. “Il bavaglio é sempre intollerabile, sempre, comunque, di qualsiasi colore”, afferma Beppe Giulietti, di Articolo 21. Per l’ex direttore del Corriere Ferruccio De Bortoli, Nuzzi e Fittipaldi “hanno fatto semplicemente, e bene, il loro lavoro”.

E mentre in diversi ne sottolineavano il silenzio, l’Ordine Nazionale dei Giornalisti ha diffuso una nota per ricordare che “i suoi iscritti attenendosi alla verità sostanziale dei fatti devono dare notizie e non essere custodi dei segreti”.

Intanto, da Vienna l’Osce, attraverso la sua rappresentante per la libertà dei media, Dunja Mijatovic, ha chiesto oggi alle autorità della Città del Vaticano di ritirare le accuse penali nei confronti dei due giornalisti.

Ultima ora

09:51Mafia: scacco alla Sacra Corona Unita, 14 fermi in Puglia

(ANSA) - CASARANO (LECCE), 30 MAG - I carabinieri del comando provinciale di Lecce, su disposizione della Dda, hanno eseguito un provvedimento di fermo nei confronti di 14 persone, numerose delle quali legate alla organizzazione mafiosa Sacra Corona Unita. Sono accusate a vario titolo di associazione mafiosa, tentato omicidio aggravato, associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione di armi, ricettazione, furto aggravato. L'indagine avrebbe documentato il processo di riorganizzazione del sodalizio mafioso della Scu facente capo a Tommaso Montedoro, operante su Casarano e in Comuni limitrofi. Ed é proprio la nuova lotta per il controllo del traffico illecito degli stupefacenti che avrebbe determinato la scissione della compagine mafiosa casaranese, un tempo retta congiuntamente da Montedoro e da Augustino Potenza, portando all'uccisione di quest'ultimo avvenuta il 26 ottobre scorso e al tentato omicidio di Luigi Spennato, compiuto il 28 novembre scorso.

09:42Terremoti: Indonesia, scossa magnitudo 6.7, danni e feriti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - E' di almeno tre persone ferite e diversi edifici danneggiati il bilancio della forte scossa di terremoto che ha colpito ieri sera l'isola indonesiana di Sulawesi. Lo riportano i media locali. Secondo i dati dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma si è verificato alle 22:35 ora locale (le 16:35 ora italiana) con magnitudo 6.7 e con ipocentro a 20 km di profondità. Il servizio geologico statunitense Usgs ne ha localizzato l'epicentro 78 km a sudest di Palu.

09:40Calcio: Roma, ufficiale divorzio fra club e Spalletti

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Luciano Spalletti lascia la Roma. L'ufficialità del divorzio tra tecnico e società giallorossa è arrivata in mattinata con una nota pubblicata sul sito del club in cui si annuncia "la fine del rapporto di lavoro". "La società è attualmente impegnata nella nomina del nuovo tecnico" prosegue la nota. Il candidato numero uno come successore di Spalletti è l'attuale tecnico del Sassuolo, Eusebio Di Francesco.

08:00Panama: media, morto ex dittatore Manuel Noriega

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - L'ex dittatore panamense, Manuel Noriega, e' morto ieri all'età di 83 anni: lo scrive sul suo sito online l'emittente panamense Telemetro. La notizia, spiega l'emittente, e' stata confermata al giornalista Álvaro Alvarado dall'ospedale Santo Tomás di Città di Panama. Noriega era stato ricoverato in condizioni critiche lo scorso sette marzo ed era stato stato sottoposto ad un intervento per rimuovere un tumore benigno al cervello.

07:32Istituto Bellini ha un ‘buco’ da 14 milioni, 23 arresti

(ANSA) - CATANIA, 30 MAG - Ventitre persone sono state arrestate dalla Guardia di finanza a conclusione di un'indagine sull'Istituto superiore di studi musicali 'Vincenzo Bellini' di Catania che ha portato alla scoperta di un 'buco' di bilancio di 14 milioni di euro. Gli indagati sono funzionari e dipendenti della scuola e persone giuridiche esterne all'ente pubblico. Il Gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei degli indagati e 17 arresti domiciliari, e anche disposto il sequestro preventivo equivalente di beni per 14 milioni di euro. I reati contestati, a vario titolo, sono peculato continuato, ricettazione, riciclaggio e associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio connessi alla illecita distrazione e depauperamento di risorse finanziarie dell'Istituto pubblico catanese.

02:02Iraq: autobomba a Baghdad, almeno 10 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 10 persone sono morte e altre 22 rimaste ferite per l'esplosione ieri sera di una autobomba fuori da una popolare gelateria di Baghdad. L'attentato è avvenuto pochi giorni dopo l'inizio del Ramadan, mese sacro durante il quale i musulmani digiunano durante le ore diurne: al tramonto bar e ristoranti si riempiono rapidamente di avventori, tra cui molte famiglie. L'attacco ha colpito un locale nel centro della capitale irachena ed è stato effettuato con dell'esplosivo piazzato in una macchina lasciata parcheggiata. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione ma nel passato l'Isis ha rivendicato attentanti simili, come quello con un camion bomba esploso durante il Ramadan dello scorso anno che ha ucciso centinaia di persone.

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

Archivio Ultima ora