In Italia a rischio povertà una persona su quattro

Pubblicato il 23 novembre 2015 da redazione

poveri

ROMA. – La povertà e l’esclusione sociale, in Italia, minacciano oltre una persona su quattro. L’Istat stima che è a rischio il 28,3% della popolazione nel 2014, una situazione in linea con quella dell’anno precedente. Restano un lusso le ferie, che una famiglia su due non può permettersi nemmeno per una settimana, e per tanti è impossibile anche solo riscaldare casa o fare un pasto adeguato ogni due giorni.

Sono in questa situazione 6 milioni di persone, secondo la Coldiretti. In Europa il rischio medio è inferiore a quello italiano di quasi quattro punti (24,4%), e fanno peggio dell’Italia solo la Grecia e alcuni paesi dell’Est.

In questo contesto di pesanti difficoltà, non mancano però alcuni passi avanti. Le persone con maggiori problemi economici – l’Istat parla di “grave deprivazione materiale” – calano per il secondo anno consecutivo fino 11,6%, la quota più bassa dal 2011. E ci sono progressi anche al Sud, dove il rischio di povertà o esclusione sociale passa dal 46,4% del 2013 al 45,6%, pur continuando a colpire più di quattro persone su dieci.

La distanza del Mezzogiorno rispetto al resto del paese rimane ampia. Le persone in grave deprivazione al Sud sono più del doppio rispetto al Nord Italia (il 19,9% contro il 7,1%). Inoltre sette abitanti su dieci nelle regioni meridionali non possono permettersi una settimana di ferie e uno su due non riesce ad affrontare una spesa imprevista di 800 euro (il 52,5% rispetto a una media nazionale del 38,8%).

Difficoltà molto superiori alla media contraddistinguono anche i genitori single e le famiglie con tre o più figli, categorie nelle quali il rischio di povertà o emarginazione supera il 39%. Rispetto al 2013 la situazione è in miglioramento per le famiglie numerose, mentre si aggrava per i monogenitori.

Sono particolarmente esposte anche le persone sole (con un rischio del 31,5%), mentre le famiglie più solide economicamente risultano le coppie senza figli, soprattutto se di 65 anni o più (che hanno un rischio del 14,1%).

L’Istat presenta anche un’analisi sui redditi netti relativi al 2013. Ne emerge che una famiglia su due non supera 2 mila euro circa al mese, 24.310 euro l’anno. Il reddito mediano più alto è al Nord (27.089 euro), mentre nel Mezzogiorno il livello è pari al 75% di quello settentrionale e nell’Italia centrale al 95%.

Infine il 20% più ricco delle famiglie accumula il 37,5% del reddito totale, mentre al 20% più povero spetta solo il 7,7%.

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

19:00Calcio: Juve, Mandzukic si ferma “in dubbio per Napoli”

(ANSA) - TORINO, 30 MAR - Mario Manduzkic è in dubbio per la trasferta di domenica a Napoli. L'attaccante croato non si è allenato oggi per un'infiammazione al ginocchio sinistro, solo domani si potrà capire l'entità del problema. Questa sera, altri accertamenti clinici per Marko Pjaca, che verrà visitato a Roma a Villa Stuart, dal professor Mariani. Il giovane esterno croato ha subito la rottura del legamento crociato anteriore nel secondo tempo della partita Estonia-Croazia. Dopo il controllo, "verrà presa - precisa la Juventus - la decisione per il proseguimento delle cure".

18:56Stadio Roma:Frongia,noi nei tempi,atto in conferenza servizi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Abbiamo rispettato i tempi, la Giunta ha oggi approvato la delibera per le nuove linee guida per la revisione della delibera originaria. Come avevamo detto, sia assessori sia consiglieri procediamo secondo i tempi previsti. Questo è un documento che presenteremo anche il 5 aprile alla riunione della conferenza dei servizi. Se la conferenza dei servizi andrà avanti o se ne aprirà una nuova? A breve l'assessore all'urbanistica Luca Montuori darà maggiori informazioni sull'iter che seguirà". Lo ha detto l'assessore allo Sport, Daniele Frongia, interpellato a margine della cerimonia per l'allenatore Claudio Ranieri.

18:55M5s: firme false, in sei contro La Rocca, ‘tutto falso’

(ANSA) - PALERMO, 30 MAR - Sei dei cinquestelle indagati per le firme false alle Comunali 2012, a Palermo, hanno raccontato la loro versione ai magistrati che hanno chiuso le indagini. A chiedere di parlare con il pm, prima della eventuale richiesta di rinvio a giudizio, sono stati i parlamentari Riccardo Nuti, Giulia Di Vita e Claudia Mannino; Riccardo Ricciardi (marito della deputata Loredana Lupo), l'attivista Samantha Busalacchi e Pietro Salvino, marito di Claudia Mannino. Hanno spiegato di non essere a conoscenza dei fatti di quella notte, contraddicendo la collega Claudia La Rocca, la prima a parlare, seguita dal deputato regionale Giorgio Ciaccio; e hanno precisato che nei mesi precedenti alla presentazione delle liste c'erano stati problemi con altre firme raccolte e mai utilizzate. Proprio per questo precedente, mai si sarebbe tollerata la riscrittura delle firme mancanti. Samantha Busalacchi, indicata come l'amanuense, ha smentito di avere partecipato alla ricopiatura e ha messo in dubbio la perizia grafica.

18:53Studente Erasmus morto a Valencia, no segni violenza

(ANSA) - FERMO, 30 MAR - Non ci sono segni di violenza sul corpo di Giacomo Nicolai, lo studente 24enne di Fermo trovato morto con delle coltellate al petto in un appartamento di Valencia, dove si trovava per l'Erasmus, ma il consulente di parte Piergiorgio Fedeli, che oggi ha assistito alla seconda autopsia a Roma, non esclude alcuna ipotesi. Per le autorità spagnole, si tratta di un suicidio. Ipotesi a cui non credono i genitori del giovane, rappresentati dall'avv. Igor Giostra, che hanno chiesto ulteriori esami in Italia. La seconda autopsia, disposta dal pm Monteleone, è stata eseguita dal prof. Bolino. Il corpo era sotto formalina e il precedente esame autoptico fatto in Spagna è risultato eseguito correttamente. E' stato chiesto l'esame del Dna sulle unghie del giovane. Comunque non c'erano segni di lesioni che potessero far presupporre azioni violente ai danni di Giacomo. I colpi all'emitorace sinistro, infine, che secondo magistratura e polizia spagnole sarebbe stati autoinflitti, sono stati inferti con forza.

18:48Calcio:Cordaz, Crotone deve centrare 3 risultati per sperare

(ANSA) - CROTONE, 30 MAR - "Non dobbiamo guardare contro chi giochiamo, ma dobbiamo centrare due o tre risultati utili per sperare nella salvezza". A dirlo il capitano del Crotone, il portiere Alex Cordaz, in vista della trasferta di domenica contro il Chievo Verona, ma soprattutto in considerazione del difficile calendario di aprile dei rossoblù che affronteranno, una dopo l'altra, l'Inter in casa, Torino e Samp in trasferta e Milan ancora in casa. "Vista la classifica - aggiunge Cordaz - tutte le partite sono difficili. Noi ci crediamo, ma dobbiamo portare dei fatti. A iniziare da domenica a Verona, dove dobbiamo centrare la prima vittoria in trasferta. E questa è una delle ultime chance che abbiamo e non vogliamo sprecarla". Il portiere sottolinea che la squadra ha approfittato della pausa di campionato per ricaricare le energie, fisiche e mentali: "Abbiamo lavorato molto, la sosta per la Nazionale ci ha permesso di staccare mentalmente, Verona potrebbe essere la svolta del nostro campionato".

18:39Calcio: Murillo, Champions? Inter non deve mollare

(ANSA) - MILANO, 30 MAR - "Lavoriamo sempre guardando avanti, non dobbiamo mollare. L'obiettivo è sempre più difficile ma dobbiamo comunque continuare a lavorare. Nessuna partita è facile ma dobbiamo provare a vincerle tutte se vogliamo arrivare dove vogliamo": il difensore dell'Inter Jeison Murillo crede ancora nella Champions. Lunedì i nerazzurri cercheranno di riprendere la corsa contro la Samp, partita che all'andata sancì l'esonero di Frank De Boer. "Tutte le sfide sono diverse - spiega Murillo - all'andata avevamo fatto bene ma abbiamo perso. Questa sarà un'altra partita, abbiamo un altro obiettivo e dobbiamo fare bene". E con l'arrivo di Pioli, l'Inter ha cambiato faccia: "Ha fatto un bel lavoro, adesso siamo una famiglia. Il progetto della società è buono e noi giocatori dobbiamo continuare a lavorare per fare sempre meglio. Io parte di questo progetto? Speriamo di sì".

18:24Stadio Roma: Campidoglio, via libera a nuova delibera

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Cambieranno le linee guida per definire il pubblico interesse sul progetto rinnovato dello stadio della Roma. La Giunta Capitolina ha infatti approvato una delibera con cui si conferma l'interesse alla realizzazione dello stadio e si conferisce mandato al Dipartimento Programmazione ed Attuazione Urbanistica di procedere alla revisione della determinazione del pubblico interesse precedentemente dichiarato dall'amministrazione Marino.

Archivio Ultima ora