Renzi, sulla lotta all’Isis l’Italia c’è e non si tira indietro

Pubblicato il 23 novembre 2015 da redazione

renzi

ROMA. – Sulla lotta all’Isis l’Italia c’è e non si tira indietro ma, allo stesso tempo, resta ferma sulla necessità di evitare semplificazioni e passi privi di una strategia complessiva, come è accaduto in Libia. Matteo Renzi compatta così il Pd sulla sua linea in una direzione aperta dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e nella quale il premier annuncia il lancio di una proposta del governo su sicurezza e identità culturale.

Sono queste, infatti, le due direttrici sulle quali Renzi richiama da giorni l’attenzione per una lotta al terrorismo che oggi, tuttavia, vede Italia e Eurogruppo distanti sullo scomputo delle spese di sicurezza dal patto di stabilità: Renzi ribadisce che è “un’ovvietà” laddove Jeroen Dijsselbloem frena, affermando che “non c’è urgenza”.

Alla direzione Dem Renzi si sofferma sugli appuntamenti dei prossimi giorni che, tra bilaterali e vertici, vedrà l’Italia in primo piano nell’agenda internazionale. Giovedì, alle 8, il premier sarà ricevuto a Parigi dal presidente Francois Hollande prima di recarsi alla Sorbona (l’ateneo dove studiava Valeria Solesin), seguendo così il binomio tra visita istituzionale e intervento accademico già utilizzato in altre missioni.

Il 25 e 26 novembre Firenze ospiterà la riunione del Gruppo Speciale sul Mediterraneo e il Medio Oriente dell’Assemblea parlamentare Nato mentre il 10 e 12 dicembre l’iniziativa ‘Rome Mediterranean Dialogue’ dovrebbe vedere la compresenza di quasi tutti gli attori impegnati nella crisi mediorientale, inclusi – sottolineano fonti Pd – i ministri degli Esteri di Usa e Russia, Kerry e Lavrov.

Sul piano dei contenuti, rispetto ai giorni immediatamente successivi agli attacchi di Parigi, la linea non cambia. “L’Italia non è un Paese che si tira indietro, ma lo fa in uno scenario in cui non ci possiamo permettere una Libia bis perché le conseguenze che dovremmo pagare sono superiori a quelle che è lecito attendersi”, spiega Renzi alla direzione mentre il titolare della Farnesina sottolinea che “dobbiamo reagire combattendo il terrorismo”, rilanciando il ruolo dell’Italia nella stabilizzazione in Libia ma tornando a rimarcare che l’Italia, a dispetto della Francia, non parla di “guerra”.

E sulla stessa scia si inserisce il ministro della Difesa Roberta Pinotti, secondo la quale serve “una strategia complessiva, e non solo militare”. Parole che vedono, nel giorno dello scontro interno sulle primarie, un Pd compatto, con Roberto Speranza che parla di linea “apprezzabile e corretta. Una linea che – è l’annuncio del premier – si arricchirà del lancio di una proposta “a tutte le forze politiche per una risposta al terrore” e che, spiega, riguarderà la “cruciale” questione delle forze dell’ordine e un secondo punto, “ugualmente importante: la risposta culturale”.

Di più il premier non dice ma l’idea, già filtrata nei giorni scorsi, sarebbe quella di inserire, con un emendamento alla Camera sulla legge di stabilità, risorse pari a 200-300 milioni per rafforzare il comparto sicurezza-intelligence puntando l’attenzione anche sull’aspetto culturale, scolastico, accademico. Un aspetto che va curato in ogni area perché, è il richiamo di Renzi, la politica estera la sia fa “partendo dal governo delle periferie”.

Fuori dal Nazareno, intanto, la politica italiana è tutt’altro che unita sulla linea da adottare e si arricchisce di una velenosa polemica tra Pd e M5S, con i Dem che accusano i grillini di voler dialogare con i terroristi e tagliare le risorse alla Difesa e i secondi che, con Beppe Grillo, ribattono: “la linea del Pd è dire sempre e comunque il contrario della verità”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

13:43Terrorismo: espulso un marocchino

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stata eseguita l'espulsione di un cittadino marocchino, per motivi di sicurezza dello Stato, con un volo diretto in Marocco. Con questo rimpatrio, il 26/mo del 2017, salgono a 158 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso, espulsi con accompagnamento alla frontiera dal gennaio 2015 ad oggi. Si tratta di un 44nne, residente a Santhià (Vercelli) e coniugato con una cittadina italiana convertita all'islam. L'uomo era stato segnalato a seguito di approfondimenti investigativi nell'ambito di indagini condotte dalla Digos di Vercelli per aver manifestato un percorso di radicalizzazione che lo aveva portato a considerare l'Italia un paese di miscredenti, non idoneo alla permanenza della sua famiglia. Inoltre, nel 2012 aveva rifiutato di prestare giuramento per ottenere la cittadinanza italiana, confidando ad alcuni connazionali che l'accettazione dello status avrebbe offeso la sua religione.

13:37Schulz, ‘mi batto per parità, a casa stiro e lavo i panni’

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - A casa è in grado di lavare i panni, stirare e rifare - bene - i letti. E in Germania, se diventasse cancelliere, si impegnerebbe subito per le pari opportunità. Martin Schulz, candidato dell'SDP alla guida della Germania contro Angela Merkel, ne ha parlato con la Bild am Sonntag, che gli ha chiesto delle priorità dei suoi primi 100 giorni, se vincesse, e di qualche abitudine domestica. "Affronterei subito due cose, un riconoscimento per un'Ue più forte e l'eliminazione di una delle più grandi ingiustizie: il fatto che le donne guadagnano meno degli uomini", ha detto. Schulz risponde anche sulle sue attitudini casalinghe: "So lavare i panni, con tutte le fasi del lavaggio, e so stirare. E mi viene davvero bene fare i letti. Ovviamente spalo la neve, e porto la spazzatura" mentre la cucina non è il suo forte. "Quando si dice 'cucina papà' viene consultata la lista di tutti i ristoranti della città". Come vede la candidatura sua moglie Inge? "E' molto sobria, mi dice di restare coi piedi a terra".

13:37F1:Australia, Sticchi ‘orgogliosi per Ferrari e Giovinazzi’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "Il successo della Ferrari e di Vettel e la grande prestazione di Antonio Giovinazzi al debutto in Formula 1, tingono la Formula 1 con i colori del tricolore''. Il presidente dell'Aci, Angelo Sticchi Damiani, saluta così la grande giornata per i motori del Bel Paese con la vittoria della Ferrari e il ritorno di un pilota italiano in Formula 1. ''Siamo felici per la vittoria della Ferrari tutta italiana fortemente voluta da Sergio Marchionne e orgogliosi per la prestazione di Giovinazzi e per il lavoro svolto dall'Automobile Club d'Italia a favore non solamente del pilota pugliese ma anche di tanti altri talenti dell'automobilismo tricolore. In questo momento - aggiunge il numero uno dell'Aci - credo vada sottolineato l'enorme sforzo che, ormai da anni, Automobile Club d'Italia sta facendo per riportare il nostro paese ad essere protagonista assoluto del Campionato del Mondo di Formula 1''.

13:32Iran: sanzioni a 15 aziende Usa, sostengono terrorismo

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - L'Iran ha deciso sanzioni nei confronti di 15 aziende statunitensi accusandole di "sostegno al terrorismo" e a Israele. Lo riferisce al Arabiya.

13:16Pronta la Dallara di Cetilar Villorba Corse per Le Mans

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La location di "Piazza dei "Miracoli" a Pisa è stata l'ineguagliabile cornice della presentazione del team Cetilar Villorba Corse e della Dallara P217 che affronteranno la prossima 24 Ore di Le Mans. Una squadra tutta italiana che sotto una benaugurante pioggia ha svelato i programmi sportivi 2017 e il prototipo di classe LMP2 con la quale sarà impegnata nella più celebre e leggendaria gara di durata e nell'intero campionato internazionale European Le Mans Series. Il team principal Raimondo Amadio e i piloti Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi hanno tolto il velo alla nuova sportscar al fianco dello stesso costruttore Giampaolo Dallara e alla presenza del primo cittadino di Pisa Marco Filippeschi. Proprio Dallara ha sottolineato durante la presentazione: "Senza dubbio è una magnifica squadra, con dei bravi piloti e un team di alto livello. Guardiamo con fiducia a Le Mans e credo che torneremo sorridenti".

13:08Incidenti stradali: fugge alt e travolge passanti, 5 feriti

(ANSA) - PISA, 26 MAR - Un auto con a bordo tre persone è fuggita, la scorsa notte intorno alle 4, all'alt intimato dalla polizia, in Lungarno Mediceo a Pisa. Nella sua corsa la vettura si è ribaltata finendo contro un palo della luce e ha travolto due passanti, secondo quanto riferito dalla polizia stradale, un italiano e un peruviano, che sono stati soccorsi e ricoverati. Feriti lievemente i tre occupanti dell'auto, alla guida un cittadino marocchino e i due passeggeri, un connazionale e una donna italiana. L'investitore, ha spiegato la polstrada, è stato denunciato per lesioni causate da incidente stradale ed è stato sottoposto ad alcoltest. I due passanti, per i quali in un primo momento si sono temuti danni gravi, hanno riportato ferite guaribili in 35 e 40 giorni. Non sono in pericolo di vita. L'auto con a bordo i tre è stata intercettata da una volante della polizia stradale e da una della questura. Sul posto anche i vigili del fuoco per rimuovere l'auto e soccorrere i feriti.

13:06Carceri: arrestato detenuto evaso da carcere Frosinone

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - I Carabinieri di Caserta hanno arrestato il detenuto evaso il 18 marzo dal carcere di Frosinone. Il suo compagno di cella, che aveva tentato anche lui la fuga, era rimasto ferito nel tentativo di scavalcare il muro di cinta del carcere. Sono tutt'ora in corso le indagini per accertare eventuali complici dell'evasione. L'uomo è stato rintracciato ed arrestato dai carabinieri a Recale (Caserta) suo paese d'origine. Qui era tornato dopo la fuga rocambolesca dall'istituto penitenziario del Lazio.

Archivio Ultima ora