Renzi, sulla lotta all’Isis l’Italia c’è e non si tira indietro

Pubblicato il 23 novembre 2015 da redazione

renzi

ROMA. – Sulla lotta all’Isis l’Italia c’è e non si tira indietro ma, allo stesso tempo, resta ferma sulla necessità di evitare semplificazioni e passi privi di una strategia complessiva, come è accaduto in Libia. Matteo Renzi compatta così il Pd sulla sua linea in una direzione aperta dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e nella quale il premier annuncia il lancio di una proposta del governo su sicurezza e identità culturale.

Sono queste, infatti, le due direttrici sulle quali Renzi richiama da giorni l’attenzione per una lotta al terrorismo che oggi, tuttavia, vede Italia e Eurogruppo distanti sullo scomputo delle spese di sicurezza dal patto di stabilità: Renzi ribadisce che è “un’ovvietà” laddove Jeroen Dijsselbloem frena, affermando che “non c’è urgenza”.

Alla direzione Dem Renzi si sofferma sugli appuntamenti dei prossimi giorni che, tra bilaterali e vertici, vedrà l’Italia in primo piano nell’agenda internazionale. Giovedì, alle 8, il premier sarà ricevuto a Parigi dal presidente Francois Hollande prima di recarsi alla Sorbona (l’ateneo dove studiava Valeria Solesin), seguendo così il binomio tra visita istituzionale e intervento accademico già utilizzato in altre missioni.

Il 25 e 26 novembre Firenze ospiterà la riunione del Gruppo Speciale sul Mediterraneo e il Medio Oriente dell’Assemblea parlamentare Nato mentre il 10 e 12 dicembre l’iniziativa ‘Rome Mediterranean Dialogue’ dovrebbe vedere la compresenza di quasi tutti gli attori impegnati nella crisi mediorientale, inclusi – sottolineano fonti Pd – i ministri degli Esteri di Usa e Russia, Kerry e Lavrov.

Sul piano dei contenuti, rispetto ai giorni immediatamente successivi agli attacchi di Parigi, la linea non cambia. “L’Italia non è un Paese che si tira indietro, ma lo fa in uno scenario in cui non ci possiamo permettere una Libia bis perché le conseguenze che dovremmo pagare sono superiori a quelle che è lecito attendersi”, spiega Renzi alla direzione mentre il titolare della Farnesina sottolinea che “dobbiamo reagire combattendo il terrorismo”, rilanciando il ruolo dell’Italia nella stabilizzazione in Libia ma tornando a rimarcare che l’Italia, a dispetto della Francia, non parla di “guerra”.

E sulla stessa scia si inserisce il ministro della Difesa Roberta Pinotti, secondo la quale serve “una strategia complessiva, e non solo militare”. Parole che vedono, nel giorno dello scontro interno sulle primarie, un Pd compatto, con Roberto Speranza che parla di linea “apprezzabile e corretta. Una linea che – è l’annuncio del premier – si arricchirà del lancio di una proposta “a tutte le forze politiche per una risposta al terrore” e che, spiega, riguarderà la “cruciale” questione delle forze dell’ordine e un secondo punto, “ugualmente importante: la risposta culturale”.

Di più il premier non dice ma l’idea, già filtrata nei giorni scorsi, sarebbe quella di inserire, con un emendamento alla Camera sulla legge di stabilità, risorse pari a 200-300 milioni per rafforzare il comparto sicurezza-intelligence puntando l’attenzione anche sull’aspetto culturale, scolastico, accademico. Un aspetto che va curato in ogni area perché, è il richiamo di Renzi, la politica estera la sia fa “partendo dal governo delle periferie”.

Fuori dal Nazareno, intanto, la politica italiana è tutt’altro che unita sulla linea da adottare e si arricchisce di una velenosa polemica tra Pd e M5S, con i Dem che accusano i grillini di voler dialogare con i terroristi e tagliare le risorse alla Difesa e i secondi che, con Beppe Grillo, ribattono: “la linea del Pd è dire sempre e comunque il contrario della verità”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

20:48Rogo capannone-rifugio: gesuiti, intervengano le istituzioni

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "L'occupazione non è la giusta soluzione ai problemi dei rifugiati". Lo afferma in una nota padre Gianfranco Matarazzo, superiore maggiore della Provincia d'Italia della Compagnia di Gesù, sull'occupazione di una proprietà della stessa compagnia a Firenze da parte di un gruppo di migranti. I gesuiti chiedono per questo l'intervento delle istituzioni. "La solidarietà - dice padre Matarazzo - non può essere fatta prescindendo dalla legalità. L'occupazione non è la giusta soluzione ai problemi dei rifugiati; confidiamo nell'intervento delle istituzioni locali per arrivare a una soluzione pacifica e cordiale". "Servirebbe una presa di coscienza delle istituzioni, in primis quelle locali, che riesca ad andare al di là della media emergenza e preveda efficaci risposte immediate e poi adeguati progetti d'integrazione, che in occupazione non sono possibili né legali. Confidiamo nell'intervento delle istituzioni locali per arrivare a una soluzione pacifica e cordiale", osserva ancora padre Matarazzo.

20:45Pallavolo: 28 e 29 a Bologna la ‘Final 4’ di Coppa Italia

(ANSA) - BOLOGNA, 18 GEN - Quattro squadre che si giocheranno la Coppa Italia di pallavolo. E' in programma all'Unipol Arena di Casalecchio di Reno (Bologna) la 'Final four': le quattro regine della competizione, vincitrici dei quarti, si affronteranno sabato 28 nelle due semifinale e, il giorno successivo, ci sarà la finale fra le due vincitrici. Il programma delle semifinali della 'Dal Monte Coppa Italia 2017' vedrà sfidarsi alle 15.30 la Cucine Lube Civitanova e la Lpr Piacenza, poi, alle 18, la Diatec Trentino e la Azimut Modena. La finale, domenica, sarà alle 17,30, preceduta, alle 14, dalla finale di Coppa Italia di A2 fra la Emma Villas Siena e la Maury's Italiana Assicurazioni Tuscania. "Sul fronte dei biglietti - ha detto Massimo Righi, ad di Legavolley - stiamo viaggiando verso il tutto esaurito per domenica 29. E' una bella risposta e l'esempio di come, quando politica e organizzazione sportiva lavorano insieme con grande feeling, come abbiamo avuto con Regione e Città Metropolitana, si fanno grandi cose"

20:38Prete accusato orge in canonica, almeno 9 le donne coinvolte

(ANSA) - PADOVA, 18 GEN - E' una storia boccaccesca che pare senza fine quella delle orge in canonica organizzate da un prete padovano, don Andrea Contin, con parrocchiane e altri amici sacerdoti. Emerge dall'inchiesta che sono almeno nove le donne che avrebbero avuto rapporti sessuali con il religioso e con almeno un altro sacerdote: è stato lui a confessarlo, confermando agli investigatori di aver avuto incontri hard 'a tre' - con l'amante del parroco, e quest'ultimo - in un'altra parrocchia della provincia di Padova. Le nove donne sono state già sentite dai carabinieri e dal pm Roberto Piccione, e hanno ammesso gli incontri di sesso con don Andrea, nel frattempo allontanato dalla Curia. L'ex parroco resta per ora l'unico indagato, per violenza privata e sfruttamento della prostituzione. (ANSA).

20:38Sardegna: bilancio di metà mandato, “Isola va avanti”

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - Cinque capitoli e 53 pagine per illustrare il bilancio della Regione Sardegna di metà mandato con una pubblicazione, consegnata oggi dal vicepresidente della Giunta Raffaele Paci ai capigruppo di maggioranza e al presidente del Consiglio Gianfranco Ganau, dopo la condivisione con il governatore Francesco Pigliaru, ancora in ospedale per una patologia immunologica. Il resoconto delle cose fatte dal governo di centrosinistra, intitolato "2014-2016 Sardegna va avanti", analizza cinque linee di azione: "le persone, il nostro primo investimento, le politiche per l'investimento e le imprese, beni comuni e gestione innovativa, nuove reti infrastrutturali e trasporti e qualità istituzionale e programmazione delle risorse". "Siamo arrivati alla metà di un percorso complesso quanto entusiasmante - scrive il Pigliaru nella prefazione dell'opuscolo pubblicato sul sito istituzionale della Regione - Alcuni passaggi fondamentali per la nostra idea di Sardegna sono già diventati realtà a cominciare dalle riforme che segnano il cambiamento come quelle di sanità ed enti locali, portate a compimento con l'essenziale contributo della nostra maggioranza in Consiglio. Convinti che il futuro passa attraverso l'istruzione dei nostri ragazzi - prosegue il governatore - abbiamo puntato sul progetto Iscol@ per dare loro scuole belle, nuove, di cui essere orgogliosi. Abbiamo messo in campo tutte le migliori energie nella lotta contro la peste suina, perché l'illegalità di pochi deve smettere di tenere in ostaggio l'economia di tutti, contribuendo a far diventare il settore agroalimentare volano di sviluppo diffuso. E per la prima volta abbiamo misurato gli svantaggi causati dalla condizione di insularità, ottenendo dal Governo risorse straordinarie per mitigarli". "Questo e molto altro abbiamo fatto e avviato, ancora tanto resta da fare - sottolinea Pigliaru - Ci riusciremo continuando a unire le forze, ascoltando i territori. Proseguiamo con fiducia, tenendo al centro del nostro impegno condivisione, semplificazione e trasparenza, per una Sardegna che deve essere finalmente terra di innovazione, di attrazione di investimenti, di benessere per i cittadini".(ANSA).

20:35In ‘Lussuria’ scandali sessuali Chiesa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nel 2014 su 587 cause (chiamate "ponenze") aperte dall'ufficio disciplinare dell'ex Sant'Uffizio, oltre 500 riguardano i crimini più disonorevoli, gli abusi sessuali sui minori. E' uno dei dati pubblicati in 'Lussuria', il nuovo-libro inchiesta di Emiliano Fittipaldi, in uscita domani per Feltrinelli. Per il 2013, primo anno di pontificato di Francesco, su 522 ponenze arrivate dalle diocesi, dagli istituti ed entità ecclesiastiche "dei vari paesi del mondo", l'84,8% del totale (443 casi) ha interessato i graviora delicta, "di cui 401 riguardanti accuse credibili a carico di un sacerdote con un minore di meno di 18 anni", ha spiegato a maggio 2014 mons. Silvano Tomasi, allora osservatore della Santa Sede all'Onu di Ginevra. Il trend, spiegano fonti interne alla Congregazione, "è stato confermato anche negli ultimi anni": vuol dire che durante i primi tre anni di pontificato di Francesco sono arrivate a Roma all'incirca 1.200 denunce di casi di molestie e atti sessuali sui Minori, 400 segnalazioni l'anno.

20:31Terremoto: Vigili fuoco salvano bimbo e mamma da macerie

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Un bambino e la sua mamma rimasti sepolti sotto le macerie di una abitazione crollata per le nuove scosse di terremoto a Castiglione Messer Raimondo in provincia di Teramo, sono stati estratti vivi dai vigili del fuoco. Entrambi sono in ipotermia. I vigili del fuoco segnalano che ci sono difficoltà per l'elitrasporto e per questo il soccorso e il trasporto in ospedale procedono via terra.

20:29Terremoto: Curcio, stiamo lavorando al limite del proibitivo

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "C'è la difficoltà di operare, tutto è reso più difficile dalla viabilità complicata dalla neve". Lo ha detto il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio nella sede Dicomac a Rieti. "Stiamo lavorando al limite del proibitivo" ha osservato aggiungendo che "diverse zone non sono state raggiunte, abbiamo contatti ma molte zone sono isolate. Il tutto reso più difficile dalla viabilità". Il Capo della Protezione civile ha quindi chiesto di evitare spostamenti: "Chi si deve muovere lo faccia dopo essersi informato. Non si deve forzare ciò che non è forzabile". E chi può - ha aggiunto - vada in strutture alberghiere. "Noi abbiamo riaperto tutte le possibilità di assistenza alla popolazione che avevamo ristretto. Regioni e sindaci hanno attivato percorsi di ricovero" ha detto. Curcio ha quindi confermato che non risultano decessi. Sull'uomo che sarebbe stato travolto dalla slavina a Campotosto "sono in corso verifiche".

Archivio Ultima ora