Violenza donne: 152 uccise in Italia nel 2014, sempre da un uomo

Pubblicato il 24 novembre 2015 da redazione

Scarpe rosse esposte in piazza SS. Annunziata in occasione dell'iniziativa 'Scarpe rosse, trecce e solidarietà' per dire no alla violenza sulle donne, Firenze, 8 marzo 2014. ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

Scarpe rosse esposte in piazza SS. Annunziata in occasione dell’iniziativa ‘Scarpe rosse, trecce e solidarietà’ per dire no alla violenza sulle donne, Firenze, 8 marzo 2014. ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

ROMA. – Sono state ben 152 le donne che nel 2014 sono state uccise in Italia; un numero importante, drammatico, visto che rappresenta il 32% delle vittime totali. Di queste morti, 117 sono state causate in ambito familiare, numero molto simile ai 122 casi del 2013, e 35 per mano criminale. Evidente la responsabilità dell’uomo, ‘protagonista’ nel 94% dei casi, quasi allo stesso modo dei familiari (77%).

Insomma, un quadro ancora allarmante che torna ad essere illuminato dai dati del Terzo Rapporto Eures sul Femminicidio in Italia, naturalmente cogliendo l’occasione della giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che si celebrerà in tutto il mondo domani 25 novembre.

In ogni caso, evidenzia il Rapporto, il numero dei femminicidi nel Sud nel 2014 è diminuito del 42,7%% (da 75 a 43), a fronte di una crescita dell’8,3% a Nord (da 60 a 65) e di una certa stabilità al Centro (44 vittime). La fotografia scattata dall’Eures, nonostante un calo complessivo del 15,1% di femminicidi rispetto al 2013, mette al primo posto a livello regionale la Lombardia (con 30 vittime nel 2014, in aumento del 58% rispetto alle 19 vittime del 2013).

Casi in aumento anche in Toscana (da 13 a 16), in Veneto (da 4 a 7), Basilicata (da zero a 3), Liguria (da 4 a 5) e Sicilia (da 18 a 19), che, insieme al Lazio, si colloca al secondo posto per numero di vittime censite nel 2014 (19 in entrambe le regioni).

Sul fronte opposto la flessione più rilevante si osserva in Campania (da 20 a 7 vittime), Puglia (da 15 a 4) e Calabria (da 10 a 3), mentre nessun femminicidio si conta nel 2014 in Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Molise e Valle d’Aosta.

Se i femminicidi familiari rappresentano la parte preponderante del fenomeno, al loro interno sono gli ‘omicidi di coppia’, vale a dire quelli compiuti da coniugi/partner o da ex partner a evidenziare la maggiore frequenza, con 81 vittime nel solo 2014, pari al 69,2% dei 117 femminicidi familiari censiti (il dato relativo al quinquennio 2010-2014 indica 393 femminicidi di coppia, pari al 68%).

Il più alto numero di femminicidi nel 2014 è stato per mano del coniuge o convivente (48, pari al 59,3% dei casi), seguito da ex coniugi/ex partner (16 vittime, 19,8%) e partner non conviventi (6 vittime, 7,4%). Lo scorso anno poi, rileva ancora il Rapporto, è diminuita l’età media delle vittime, anche se a fronte di un incremento della percentuale delle donne anziane uccise (33,6%).

Un capitolo fondamentale per comprendere il fenomeno è inevitabilmente quello dei moventi, che sono stati ‘gelosia e possesso’ nel 32,5% dei femminicidi familiari, e liti e conflitti nel 20,6%. A questo proposito lo studio ricorda come 140 donne siano state uccise nel nostro Paese dal 2010 al 2014 per aver lasciato il proprio compagno, di cui oltre la metà nei primi 90 giorni della separazione. Ma soprattutto, ribadisce il rapporto, il femminicidio è un delitto particolarmente efferato, visto che tra le donne uccise in ambito familiare si rileva una prevalenza di casi commessi con armi da taglio (30,3%).

Ultima ora

15:33Calcio: Inzaghi, Lazio ha pagato abbastanza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Due turni con lo stadio chiuso chiesti dalla Procura? Penso che la Lazio abbia già pagato abbastanza. Abbiamo avuto due partite senza la nostra curva, la Lazio si è sempre dimostrata contro ogni forma di razzismo e antisemitismo e penso che abbiamo già pagato abbastanza. Sono convinto che non possa succedere altro". Così l'allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, in conferenza stampa, commentando la richiesta della Procura federale avanzata ieri per il caso degli adesivi antisemiti affissi dai tifosi laziali nella partita del 22 ottobre scorso contro il Cagliari.

15:25Coree: team Nord domani farà sopralluogo siti Seul

(ANSA) - PECHINO, 20 GEN - La Corea del Nord ha notificato che domani invierà al Sud il team incaricato di fare i sopralluoghi ai siti di Seul e Gangnueng dove si esibiranno i suoi gruppi artistici di 240 persone, parte degli accordi di partecipazione alle Olimpiadi invernali di PyeongChang (9-25 febbraio). Lo riferisce il ministero dell'Unificazione di Seul, annunciando lo sblocco della missione che avrebbe dovuto iniziare oggi il suo lavoro di due giorni, prima che nella tarda serata di ieri il Nord informasse l'improvviso stop.

15:24Calcio: Verona, Osvaldo Bagnoli nominato presidente onorario

(ANSA) - VERONA, 20 GEN - Osvaldo Bagnoli, l'allenatore dello scudetto gialloblù conquistato nel 1985, è stato nominato presidente onorario dell'Hellas Verona. Lo ha ufficializzato stamattina il presidente del club, Maurizio Setti, intervenendo alla cerimonia d'inaugurazione di alcuni murales dedicati proprio a Bagnoli e a Preben Elkjaer Larsen, uno dei due attaccanti titolari (l'altro era Giuseppe Galderisi) di quella stagione trionfale, vicino allo stadio Marc'Antonio Bentegodi. Bagnoli, 81 anni, guidò la panchina del Verona dal 1981 al 1990, conquistando lo scudetto nella stagione 1984/85 - con 43 punti, quando all'epoca ogni vittoria valeva 2 punti e non 3 - e portando i gialloblù a disputare due finali di Coppa Italia.

15:23Norman Atlantic: relitto resta sotto sequestro in porto Bari

(ANSA) - BARI, 20 GEN - Il relitto del traghetto 'Norman Atlantic' rimane sotto sequestro perché potrebbe essere necessario tornare a bordo e perché si rischierebbe una infrazione comunitaria. Lo ha deciso il gip del Tribunale di Bari Alessandra Piliego, rigettando l'appello proposto dai difensori dell'armatore proprietario del traghetto, Carlo Visentini, gli avvocati Filiberto Palumbo e Pietro Palandri. Il traghetto naufragò dopo un incendio a bordo nel dicembre del 2014 che costò la vita a 12 persone (19 sono ancora disperse) e il ferimento di altre 64; il relitto è ormeggiato nel porto di Bari dal febbraio 2015. Per il giudice, che ha accolto le tesi della Procura, è necessario "assicurare la nave a fini probatori" perché anche nel corso del processo "potrebbero profilarsi nuove esigenze istruttorie". Concluso l'incidente probatorio, la Procura ha ipotizzato responsabilità a carico di nuovi indagati i quali, per il gip, potrebbero chiedere perizie tecniche a bordo, non avendo partecipato all'incidente probatorio.

15:18Sci. Cdm, tedesco Dressen vince libera Kitzbuehel e Fill 9/o

(ANSA) - KITZBUEHEL, 20 GEN - Favorito da un momentaneo arrivo del sole, e da una migliore visibilità, il tedesco Thomas Dressen, 24 anni e al primo successo in carriera, ha vinto a sorpresa (1'56"15) la discesa sulla leggendaria Streif a Kitzbuehel, la pista più famosa e difficile del mondo. Al secondo posto lo svizzero Beat Feuz (1'56"35), che già pensava a festeggiare di nuovo dopo il trionfo di una settimana fa a Wengen. Terzo l'austriaco Hannes Reichelt (1'56"56), che è riuscito a salvare l'onore dei padroni di casa. Caduto senza danni Christof Innerhofer, miglior azzurro è risultato Peter Fill, vincitore due stagioni fa, 9/o in 1'57"41. Poi c'è, pettorale 44 e miglior risultato in carriera, il veneto Emanuele Buzzi 11/o in 1'57"60. Dominik Paris - vincitore l'anno scorso e nel 2013, ha chiuso invece all'11/o posto, 1'57"79. L'attesissimo azzurro Matteo Marsaglia - primo e terzo tempo nelle due prove, nonostante il pettorale altissimo - è sceso da 49/o, ma con il cielo completamente chiuso: per lui solo il tempo di 1'58"80.

15:18Siria: Erdogan, al via operazione contro enclave curda

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato che le forze armate turche hanno iniziato 'de facto' "un'operazione anti-terrorismo" di terra contro le postazioni curde nell'enclave di Afrin, nel nord-ovest della Siria. Lo riferisce l'agenzia Anadolu. L'esercito di Ankara era già schierato al confine siriano, e le autorità avevano avvertito che l'offensiva a Afrin era imminente.

15:17PyeongChang: Cio, ci saranno 22 atleti della Corea del Nord

(ANSA) - LOSANNA, 20 GEN - Sì alla sfilata sotto un'unica bandiera delle due delegazioni di Corea del Nord e Corea del Sud, alla cerimonia di apertura dei Giochi di Pyeongchang: lo ha stabilito il Cio nella riunione di Losanna con i rappresentanti dei due comitati olimpici e dei due governi. Il Cio ha stabilito anche che saranno 22 gli atleti nordcoreani che parteciperanno ai Giochi, al via dal 9 febbraio, in 5 discipline: hockey su ghiaccio femminile (con un'unica nazionale coreana), pattinaggio artistico, short track, sci alpino e sci di fondo. "PyeonChang 2018, si spera, aprirà le porte a un futuro più luminoso per la penisola coreana": così Thomas Bach, presidente del Cio, ha annunciato la scelta di una sfilata sotto una bandiera delle due Coree. "Lo spirito olimpico e' fatto di rispetto, dialogo, comprensione: con questa scelta invita il mondo a una celebrazione della speranza", ha detto Bach, che ha ringraziato i due governi per le loro scelte: "I Giochi ci mostrano il mondo cos' come tutti vorremmo che fosse".

Archivio Ultima ora