La Turchia abbatte un jet russo. L’ira di Putin

Pubblicato il 24 novembre 2015 da redazione

jet-russo2

ISTANBUL. – Alle 9.24 del mattino due caccia F-16 turchi aprono il fuoco al confine con la Siria contro un jet Su-24 russo, accusato di aver violato lo spazio aereo di Ankara. Per la prima volta dalla fine della Guerra Fredda, un membro della Nato abbatte un aereo militare di Mosca e apre un nuovo squarcio nella già difficile crisi siriana.

“È stata una pugnalata alle spalle da parte dei complici del terrorismo. Non possiamo tollerare un crimine del genere. Ci saranno conseguenze tragiche”, ha tuonato il presidente russo Vladimir Putin mentre ancora si cerca di chiarire la sorte dei due piloti, paracadutatisi prima che il jet venisse colpito. Secondo Mosca, uno è stato ucciso mentre atterrava. Sull’altro, invece, non si hanno notizie certe.

Il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov ha annullato la sua visita in Turchia, prevista domani, e ha ‘consigliato’ ai suoi connazionali di fare altrettanto. Ma Ankara non è arretrata: “Prenderemo ogni genere di misura contro le violazioni dei nostri confini”, ha detto il premier Ahmet Davutoglu. Un diritto di difesa ribadito anche dal presidente Recep Tayyip Erdogan, forte del sostegno giunto direttamente da Barack Obama.

Uno scontro ai massimi livelli, con la convocazione delle rispettive rappresentanze diplomatiche, che ha coinvolto inevitabilmente anche la Nato. Al termine del Consiglio Atlantico convocato nel pomeriggio, il segretario Jens Stoltenberg ha invitato alla “calma” e alla “de-escalation”, sottolineando la necessità di “rafforzare il meccanismo per evitare questi incidenti nel futuro”.

Anche l’inviato di Obama per la coalizione internazionale anti-Isis, Steve Warren, ha provato a gettare acqua sul fuoco definendo l’episodio “una questione tra i governi di Russia e Turchia” e assicurando che le operazioni contro il Califfato proseguiranno regolarmente in Siria e Iraq.

Secondo le tracce radar diffuse dall’esercito turco, il jet russo ha sconfinato nella provincia sudorientale di Hatay mentre volava nei pressi del confine, a seimila metri d’altezza. Dopo 10 avvertimenti di cambiare rotta nell’arco di 5 minuti, rimasti senza risposta, gli F-16 turchi hanno sparato “rispettando le regole d’ingaggio”. Una violazione dello spazio aereo confermata anche dalla Nato durata in tutto 17 secondi e compiuta anche da un secondo jet russo, poi allontanatosi.

Ma Mosca ha negato con fermezza. L’aereo, ha sostenuto il Cremlino, non rappresentava una minaccia per la Turchia ed è stato abbattuto a un km dal confine, dentro il territorio siriano, precipitando poi ad altri tre km di distanza nei pressi del villaggio di Yamadi, nella zona di Latakia, dove da alcuni giorni è in corso un’offensiva russa e dell’esercito siriano di Bashar al Assad. Anzi, sarebbero stati i turchi a violare lo spazio aereo siriano.

Il Cremlino ha escluso al momento minacce militari ma ha parlato di “conseguenze inevitabili”, tra cui lo stop proprio ai contatti militari. Prima che il jet venisse colpito, i due piloti sono riusciti a catapultarsi fuori con il paracadute. Gruppi di ribelli siriani hanno sostenuto di aver sparato a entrambi mentre stavano atterrando, ma Mosca ha confermato solo la morte di uno e fonti della sicurezza di Ankara hanno detto di aver aperto canali con le milizie locali, che potrebbero trattenere l’altro.

Diversi elicotteri russi sono stati inviati nella zona per cercarli. Uno di questi è stato colpito dal fuoco da terra di ribelli anti-Assad, che ha ucciso un soldato a bordo. Lo scontro tra Ankara e Mosca arriva al culmine di settimane già molto tese alla frontiera turco-siriana. A inizio ottobre la Turchia aveva denunciato almeno due violazioni del suo spazio aereo da parte di jet russi. Pochi giorni dopo, per lo stesso motivo Ankara aveva abbattuto un drone di provenienza rimasta ignota.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)

Ultima ora

02:35Etiopia: governo, centinaia di morti in scontri interetnici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Centinaia" di morti in scontri interetnici e "migliaia" di sfollati nelle ultime settimane in Etiopia. A denunciarlo è stato il ministro dell'Informazione di Addis Abeba, Negeri Lencho, che ha accusato il vicino Somaliland, territorio semi-autonomo nel nord della Somalia, di avere espulso a forza oltre confine circa 3.000 persone di etnia Oromo. Il gruppo vive a cavallo tra i due Paesi. Lo scrive Bloomberg online. Il 'ministro' degli Esteri del Somaliland, Saad Ali Shire, ha chiesto al suo staff di fare chiarezza su quanto accaduto prima di poter commentare.

01:53Usa: Protesta a Congresso in difesa Obamacare, arresti

(ANSA) - NEW YORK, 25 SET - Centinaia di attivisti, fra cui diversi disabili in sedia a rotelle, stanno manifestando al Congresso americano contro il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare, tentativo fallito con la defezione della senatrice Collins. Anche molti disabili sono stati allontanati con la forza dalla polizia e arrestati mentre chiedevano, cantando, di non tagliare fondi alla sanità.

01:35Usa: mancano voti Congresso per riformare Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 25 SET - Affonda il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare. Il progetto di legge per riformare la sanità messo a punto dai senatori Lindsey Graham e Bill Cassidy non ha i voti necessari per il passaggio in Senato. La senatrice repubblicana Susan Collins ha infatti annunciato che non sostiene il progetto, andandosi ad aggiungere ai senatori Rand Paul e John McCain. Nel frattempo è emerso che la nuova proposta dei repubblicani per abolire e sostituire l'Obamacare farebbe perdere la copertura sanitaria a "milioni di americani". Lo afferma il Congressional Budget Office, l'organismo bipartisan incaricato di fornire analisi economiche al Congresso. L'analisi preliminare condotta sulla prima versione del progetto di legge Graham-Cassidy farebbe "perdere la copertura a milioni. Il numero" di coloro che non sarebbero più coperti "è variabile e dipende da come gli stati attueranno la norma".

01:26Uccide marito con matterello durante una lite

(ANSA) - TERRANUOVA BRACCIOLINI (AREZZO), 26 SET - Ha ucciso il marito colpendolo alla testa con un matterello al culmine di una lite. A dare l'allarme è stata la figlia 25enne. E' accaduto poco prima delle 23 di lunedì a Terranuova Bracciolini (Arezzo), quando la figlia ha chiamato il 118 dicendo che i padre era a terra "con la testa fracassata" . I sanitari del 118 sono accorsi dandole intanto indicazioni per eventuali tentativi di rianimazione. Al loro arrivo hanno trovato il corpo dell'uomo, 62 anni, tra il bagno e il corridoio. Sul divano la donna, che poi avrebbe anche confessato il delitto. Già nel pomeriggio ci sarebbe stata una lite tra i coniugi.

00:36Calcio: l’Arsenal torna al successo, 2-0 al West Bromwich

(ANSA) - ROMA, 26 SET - L'Arsenal torna alla vittoria in Premier League battendo 2-0 il West Bromwich Albion nell'ultimo incontro della sesta giornata. Entrambe le reti sono state realizzate dal bomber francese, a segno al 20' pt e al 22' st, su rigore. La squadra guidata da Arsene Wenger è ora settima in classifica, a -7 dalla coppia di testa Manchester City-Manchester United. Uno dei protagonisti è stato anche il capitano del Wba Gareth Barry, che a 36 anni ha toccato le 633 presenze in Premier, migliorando il record fin qui detenuto dalla bandiera dello United Ryan Giggs.

23:32Calcio: Wanda “clausola Icardi? Per ora stiamo bene “

(ANSA) - MILANO, 25 SET - ''Per ora stiamo bene. Abbiamo firmato pochi mesi fa un prolungamento di contratto. Aumentare la clausola? Per ora non ci pensiamo, siamo a posto così''. Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, parla del futuro del capitano dell'Inter. Secondo alcune voci, l'entourage del giocatore starebbe trattando col club per aumentare l'attuale clausola. Lo stesso Spalletti, qualche settimana fa, aveva detto che serviva una clausola 'alla Isco', da campione. ''Se lo dice l'allenatore - commenta Wanda - siamo contenti ma adesso non ci stiamo pensando''. La convocazione di Icardi con l'Argentina è un obiettivo raggiunto. Ma la showgirl argentina era sicura che la chiamata sarebbe presto arrivata: ''Ho sempre saputo che noi argentini abbiamo bisogno di un attaccante come Icardi, così giovane. Se credo che si qualificherà per i Mondiali? Certo, senza l'Argentina non sarebbero Mondiali''.

23:30Champions: arrestati a Napoli tre tifosi olandesi

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - Gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato a Napoli tre tifosi olandesi giunti in città alla vigilia della sfida di Champions League tra la squadra partenopea e il Feyenoord, malgrado il divieto di vendita dei biglietti ai cittadini olandesi disposto dalla questura. La volante del commissariato è intervenuta in via dei Fiorentini, non lontano dalla Questura, a seguito della segnalazione della presenza di alcune persone moleste. Giunti sul posto, i poliziotti, ancora in auto, sono stati oggetto del lancio di alcune pietre. Gli agenti nel tentativo di bloccarli sono stati aggrediti e in una colluttazione hanno riportato lesioni. I tre aggressori, tutti 21enni, sono stati arrestati e verranno condotti nel carcere di Poggioreale.

Archivio Ultima ora