Tensione tra Mosca e Ankara, Putin schiera i missili in Siria

Pubblicato il 25 novembre 2015 da redazione

In this photo taken on Saturday, Oct. 10, 2015, Syrian army personnel operate a cannon in Latakia province, about 12 from the border with Turkey in Syria. Backed by Russian airstrikes, the Syrian army has launched an offensive in central and northwestern regions. (Alexander Kots/Komsomolskaya Pravda via AP)

In this photo taken on Saturday, Oct. 10, 2015, Syrian army personnel operate a cannon in Latakia province, about 12 from the border with Turkey in Syria. Backed by Russian airstrikes, the Syrian army has launched an offensive in central and northwestern regions. (Alexander Kots/Komsomolskaya Pravda via AP)

MOSCA. – All’indomani dell’abbattimento di un Sukhoi-24 al confine con la Turchia, primo rovescio militare e mediatico per Putin in Siria con la perdita anche di due militari, Mosca annuncia che continuerà i suoi raid in quella zona di frontiera e rivede minacciosamente il suo dispositivo tattico mentre Ankara, sollecitata anche da Washington e dalla Ue, cerca di abbassare i toni.

Dopo aver avvicinato alla costa siriana l’incrociatore lancia missili Moskva e deciso di proteggere i bombardieri con i caccia, la Russia ha annunciato che dispiegherà i micidiali missili anti aerei S-400 nella base di Latakia, dove nel frattempo è stato portato il secondo pilota, tratto in salvo dall’esercito siriano.

“Dopo quello che è successo ieri, non possiamo escludere qualche altro incidente, ma se succederà dovremo reagire in un modo o nell’altro”, ha ammonito Putin, che si prepara a ricevere al Cremlino il presidente francese Francois Hollande, al termine di una reciproca spola diplomatica.

Un incontro cruciale, sul quale pesano l’abbattimento del jet russo e le accuse di Mosca ad Ankara: “una pugnalata alle spalle”, aveva tuonato Putin, “un’azione criminale”, gli ha fatto eco il premier Dmitri Medvedev, “una provocazione premeditata”, ha rincarato il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov, forte anche delle accuse del co-pilota (“nessuno sconfinamento e nessun avvertimento dai turchi”), respinte da Ankara che ha diffuso alcune registrazioni audio come presunta prova degli avvertimenti lanciati dal centro di comando della base militare di Diyarbakir.

Se dopo gli attentati di Parigi il leader del Cremlino ha sperato che potesse decollare la sua idea di una grande coalizione anti-Isis con l’Occidente e i Paesi della regione, ora appare difficile immaginare Russia e Turchia nella stessa alleanza. Tanto più dopo la proposta di Hollande, subito condivisa da Lavrov, di chiudere il confine turco-siriano, lo stesso sul quale Ankara ha rafforzato il controllo aereo con 18 F16.

Ma Mosca sembra non voler perdere un’occasione unica per riconciliarsi con l’Occidente: l’ambasciatore russo a Parigi, Alexandre Orlov, ha assicurato ai media francesi che il suo Paese sarebbe pronto a costituire uno “stato maggiore comune” nella lotta all’Isis, che comprenda la Francia, gli Usa e anche la Turchia. Una coalizione, a suo avviso, “ancora possibile: torneremo a parlare con la Turchia. E’ un nostro vicino, e un vicino importante”.

Segnali di distensione arrivano anche da Ankara. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha assicurato di non avere “assolutamente alcuna intenzione di provocare un’escalation dopo questa vicenda”, concordando su questo punto con Obama.

Sulla stessa lunghezza d’onda il suo premier, Ahmet Davutoglu: “La Russia è nostra amica e nostra vicina. Abbiamo fornito alle autorità russe le informazioni necessarie sul jet” abbattuto, “non vogliamo un’ulteriore escalation. I canali di comunicazione restano aperti”.

A rompere il ghiaccio è stato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, che ha telefonato a Lavrov e, pur giustificando l’abbattimento del jet, ha espresso le condoglianze e il rammarico per l’accaduto. I due dovrebbero incontrarsi a breve, forse a Belgrado, secondo fonti di Ankara, ma Lavrov per ora non conferma.

Del resto la ferita è ancora fresca e l’opinione pubblica è irritata, con sporadiche ma preoccupanti proteste contro simboli turchi, come l’ambasciata a Mosca, presa a sassate, e la birreria Efes di Ulianovsk, bersagliata con le uova. Per questo la leadership russa minaccia la revisione dei rapporti bilaterali, la perdita di quote di mercato per le aziende turche, la rinuncia ad accordi e progetti comuni, come la realizzazione di una centrale nucleare o il gasdotto Turkish Stream.

Ma per ora è stato colpito solo il turismo, con la sospensione della vendita dei viaggi in Turchia: un danno anche per i tour operator russi, rimasti già orfani dell’Egitto. Sullo sfondo di una crisi economica che attanaglia entrambi i Paesi, neppure la Russia è interessata davvero a privarsi di un partner commerciale ed energetico di primo piano.

E Putin dovrà forse prendere atto di aver sottovalutato gli interessi di Ankara in un conflitto che, prima di essere una crisi internazionale, è una crisi regionale dove la Turchia gioca il suo ruolo indipendentemente dalle grandi potenze e non rinuncia a proteggere ai suoi confini la minoranza turcofona dei turcomanni siriani, anche in funzione anti curdi.

(di Claudio Salvalaggio-ANSA)

Ultima ora

16:50Imposte riscosse e non versate, 100 Comuni da risarcire

(ANSA) - BOLOGNA, 20 SET - La Corte dei conti dell'Emilia-Romagna ha condannato Aipa, agenzia italiana per le pubbliche amministrazioni Spa, ora in amministrazione straordinaria e gli ex vertici della società, Daniele Santucci e Maria Grazia Badiali, a risarcire 98 comuni emiliano-romagnoli e due lombardi con 430.597 euro, danno provocato da imposte comunali di pubblicità riscosse e non versate da Aipa, tra 2008 e 2013, agli enti titolari. Si tratta di uno dei versanti contabili di una vicenda che ha avuto nel 2014 risvolti penali, con l'arresto per peculato di Santucci, all'epoca presidente Aipa, condannato con l'accusa di essersi 'intascato' somme dovute a enti in più regioni. L'ex società di riscossione è commissariata da una sentenza del 2016 del tribunale di Milano che ne ha dichiarato lo stato di insolvenza. Dalle indagini della Gdf di Lecco, citate nella sentenza contabile, è emerso che Aipa riscuoteva le imposte versate su conti intestati a Santucci, fondi poi distratti con prelievi per spese personali. (ANSA).

16:29Ius soli: Delrio, ci sia voto coscienza

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Se si è lasciato un voto di coscienza su altre questioni come le unioni civili dove i 5 Stelle hanno ragionato con la loro testa, è possibile astenersi al Senato? I singoli parlamentari non si pongono un tema di fare un voto coscienza su questo? Questo è il senso del mio appello". Così il ministro dei trasporti Graziano Delrio è tornato sul tema di un voto di coscienza sullo Ius soli. "Penso - ha detto a Radio Capital - che in Senato ci siano culture, intelligenze e capacità per valutare con la propria scelta non per ordini di partito. Gli ordini di partito sui diritti a me fanno un po' ridere". All'ipotesi di un voto di fiducia sul tema, il ministro ha risposto: "Penso che sia uno dei risultati cui dobbiamo stare legati, per una questione di diritti. Penso che il Governo, se non vi sarà altra ratio, dovrà valutare e fare questa proposta".

16:27M5s: Di Maio, non ci sono divisioni, programma unico

(ANSA) - GALLODORO (MESSINA), 20 SET - "Sicuramente quello che sta accadendo in questi giorni è utilizzare ogni piccola dichiarazione per enfatizzare delle divisioni. Ma nel M5s non possono esistere divisioni perché il programma è unico per tutti i candidati. Tutti quanti ci rifacciamo alle 5 stelle e intorno a un'idea, a un programma col quale vogliamo andare al governo del Paese. Poi gli iscritti decideranno chi sarà il portavoce". Lo ha detto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio a margine di un incontro a Gallodoro, nel Messinese. "Si vota, vediamo. Io sono tra i candidati, decideranno gli iscritti a Italia 5 stelle, che non sarà l'arrivo di un percorso, ma di partenza al governo del Paese". E "il candidato premier - ha sottolineato Di Maio - sarà a capo di una squadra di ministri che lavorerà in gruppo con tutti i vari componenti del M5s per ambire al governo".

16:26Iran: violentò e uccise bimba, impiccato

(ANSA) - TEHERAN, 20 SET - Un pedofilo assassino di 40 anni, Esmail Rangraz, è stato impiccato in pubblico questa mattina nella città iraniana di Parsabad Moghan, in provincia di Ardebil. Rangraz era stato arrestato nel giugno scorso per aver violentato e ucciso una bambina di sette anni, Atena Aslani, nascondendone poi il corpo nel parcheggio della sua abitazione. L'uccisione della piccola era avvenuto il 18 giugno scorso, ma il corpo fu scoperto venti giorni dopo. L'episodio aveva suscitato notevole collera ed emozione in Iran - ha ricordato il il procuratore di Ardebil, Nasser Atabati - e ciò ha spinto le autorità a svolgere le indagini e il processo il più presto possibile, arrivando in due mesi all'esecuzione della pena.

16:23Noemi: autopsia, lesioni provocate da mezzi diversi

(ANSA) - SPECCHIA (LECCE), 20 SET - Le "lesioni multiple" rilevate durante l'autopsia compiuta ieri sul collo e sulla testa di Noemi Durini sono state "indotte da mezzi diversi". Quali siano questi mezzi, al momento non è certo perché il corpo è fortemente interessato dai ditteri cadaverici che hanno alterato le lesioni. Saranno quindi necessari esami istologici sui tessuti. Sul corpo non sono presenti segni di colpi di pietra. Lo si apprende da fonti vicine alle indagini secondo cui i medici legali ieri sono riusciti a ricostruire quanto è avvenuto il 3 settembre scorso, giorno della scomparsa e dell' uccisione della giovane. Sulla ricostruzione dei fatti, la Procura di Lecce ha imposto il riserbo per non influenzare ulteriori atti d'indagine. Durante l'autopsia sono stati anche eseguiti tamponi che saranno inviati al Ris di Roma per verificare se vi siano tracce del Dna di altre persone che potrebbero avere avuto contatti con la vittima anche dopo la morte.

16:20Terremoto:prime 11 Sae a Castelsantangelo il 23 settembre

(ANSA) - CASTELSANTANGELO SUL NERA (MACERATA), 20 SET - "Sabato 23 settembre consegniamo le prime 11 casette a Castelsantangelo sul Nera, nella frazione Gualdo. E speriamo di velocizzare le altre assegnazioni, colmando i ritardi". Lo annuncia all'ANSA Mauro Falcucci, il sindaco del comune maceratese devastato dal sisma di un anno fa. "Le Sae sono complete di tutto, allacci della luce, dell'acqua ecc., abbiamo aspettato che fossero immediatamente abitabili prima di consegnare le chiavi alle famiglie" aggiunge Falcucci. Alla cerimonia parteciperà il presidente della Regione Luca Ceriscioli. (ANSA).

16:18Grasso, indipendenza toghe e tutela diritti cuore Stato

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "I principi dello Stato di diritto e dell'indipendenza della magistratura e la tutela dei diritti fondamentali sono al cuore della concezione italiana dello Stato e dell'evoluzione del pensiero moderno trasfuso nelle principali convenzioni internazionali". Lo afferma il presidente del Senato Pietro Grasso alla presentazione della traduzione italiana del libro di Xi Jinping. Una "ricca antologia di interventi" della quale Grasso dice di apprezzare soprattutto la parte che riguarda "la costruzione di uno Stato di diritto e la lotta alla corruzione".

Archivio Ultima ora