Tensione tra Mosca e Ankara, Putin schiera i missili in Siria

Pubblicato il 25 novembre 2015 da redazione

In this photo taken on Saturday, Oct. 10, 2015, Syrian army personnel operate a cannon in Latakia province, about 12 from the border with Turkey in Syria. Backed by Russian airstrikes, the Syrian army has launched an offensive in central and northwestern regions. (Alexander Kots/Komsomolskaya Pravda via AP)

In this photo taken on Saturday, Oct. 10, 2015, Syrian army personnel operate a cannon in Latakia province, about 12 from the border with Turkey in Syria. Backed by Russian airstrikes, the Syrian army has launched an offensive in central and northwestern regions. (Alexander Kots/Komsomolskaya Pravda via AP)

MOSCA. – All’indomani dell’abbattimento di un Sukhoi-24 al confine con la Turchia, primo rovescio militare e mediatico per Putin in Siria con la perdita anche di due militari, Mosca annuncia che continuerà i suoi raid in quella zona di frontiera e rivede minacciosamente il suo dispositivo tattico mentre Ankara, sollecitata anche da Washington e dalla Ue, cerca di abbassare i toni.

Dopo aver avvicinato alla costa siriana l’incrociatore lancia missili Moskva e deciso di proteggere i bombardieri con i caccia, la Russia ha annunciato che dispiegherà i micidiali missili anti aerei S-400 nella base di Latakia, dove nel frattempo è stato portato il secondo pilota, tratto in salvo dall’esercito siriano.

“Dopo quello che è successo ieri, non possiamo escludere qualche altro incidente, ma se succederà dovremo reagire in un modo o nell’altro”, ha ammonito Putin, che si prepara a ricevere al Cremlino il presidente francese Francois Hollande, al termine di una reciproca spola diplomatica.

Un incontro cruciale, sul quale pesano l’abbattimento del jet russo e le accuse di Mosca ad Ankara: “una pugnalata alle spalle”, aveva tuonato Putin, “un’azione criminale”, gli ha fatto eco il premier Dmitri Medvedev, “una provocazione premeditata”, ha rincarato il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov, forte anche delle accuse del co-pilota (“nessuno sconfinamento e nessun avvertimento dai turchi”), respinte da Ankara che ha diffuso alcune registrazioni audio come presunta prova degli avvertimenti lanciati dal centro di comando della base militare di Diyarbakir.

Se dopo gli attentati di Parigi il leader del Cremlino ha sperato che potesse decollare la sua idea di una grande coalizione anti-Isis con l’Occidente e i Paesi della regione, ora appare difficile immaginare Russia e Turchia nella stessa alleanza. Tanto più dopo la proposta di Hollande, subito condivisa da Lavrov, di chiudere il confine turco-siriano, lo stesso sul quale Ankara ha rafforzato il controllo aereo con 18 F16.

Ma Mosca sembra non voler perdere un’occasione unica per riconciliarsi con l’Occidente: l’ambasciatore russo a Parigi, Alexandre Orlov, ha assicurato ai media francesi che il suo Paese sarebbe pronto a costituire uno “stato maggiore comune” nella lotta all’Isis, che comprenda la Francia, gli Usa e anche la Turchia. Una coalizione, a suo avviso, “ancora possibile: torneremo a parlare con la Turchia. E’ un nostro vicino, e un vicino importante”.

Segnali di distensione arrivano anche da Ankara. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha assicurato di non avere “assolutamente alcuna intenzione di provocare un’escalation dopo questa vicenda”, concordando su questo punto con Obama.

Sulla stessa lunghezza d’onda il suo premier, Ahmet Davutoglu: “La Russia è nostra amica e nostra vicina. Abbiamo fornito alle autorità russe le informazioni necessarie sul jet” abbattuto, “non vogliamo un’ulteriore escalation. I canali di comunicazione restano aperti”.

A rompere il ghiaccio è stato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, che ha telefonato a Lavrov e, pur giustificando l’abbattimento del jet, ha espresso le condoglianze e il rammarico per l’accaduto. I due dovrebbero incontrarsi a breve, forse a Belgrado, secondo fonti di Ankara, ma Lavrov per ora non conferma.

Del resto la ferita è ancora fresca e l’opinione pubblica è irritata, con sporadiche ma preoccupanti proteste contro simboli turchi, come l’ambasciata a Mosca, presa a sassate, e la birreria Efes di Ulianovsk, bersagliata con le uova. Per questo la leadership russa minaccia la revisione dei rapporti bilaterali, la perdita di quote di mercato per le aziende turche, la rinuncia ad accordi e progetti comuni, come la realizzazione di una centrale nucleare o il gasdotto Turkish Stream.

Ma per ora è stato colpito solo il turismo, con la sospensione della vendita dei viaggi in Turchia: un danno anche per i tour operator russi, rimasti già orfani dell’Egitto. Sullo sfondo di una crisi economica che attanaglia entrambi i Paesi, neppure la Russia è interessata davvero a privarsi di un partner commerciale ed energetico di primo piano.

E Putin dovrà forse prendere atto di aver sottovalutato gli interessi di Ankara in un conflitto che, prima di essere una crisi internazionale, è una crisi regionale dove la Turchia gioca il suo ruolo indipendentemente dalle grandi potenze e non rinuncia a proteggere ai suoi confini la minoranza turcofona dei turcomanni siriani, anche in funzione anti curdi.

(di Claudio Salvalaggio-ANSA)

Ultima ora

16:46Nato, disaccordo con Russia su Ucraina

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - "Gli alleati e la Russia continuano ad avere un chiaro disaccordo sulla crisi in Ucraina" dove "la situazione della sicurezza resta di profonda preoccupazione" e "le violazioni del cessate-il-fuoco nell' Ucraina Orientale hanno raggiunto livelli record". Lo ha detto il segretario generale Jens Stoltenberg dopo il primo Consiglio Nato-Russia del 2017, durato 4 ore. La tregua è "solo sulla carta" ha detto,, aggiungendo che l'Osce "in settimana" ha riferito di violazioni "quasi due volte al minuto".

16:43Camera, ok a legge “toghe in politica”, ora torna al Senato

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sì dell'Aula della Camera alla proposta di legge sui giudici in politica. Il testo, approvato con 211 voti a favore, 2 contrari e 29 astenuti (Si e Mdp), torna però al Senato che dovrà esaminare lemodifiche introdotte a Montecitorio. Il provvedimento fissa una serie di paletti per il ritorno dei magistrati al loro lavoro dopo l'esperienza politica: dovranno cambiare sede e per tre anni non potranno svolgere funzioni inquirenti né svolgere funzioni direttive e potranno svolgere esclusivamente funzioni giudicanti collegiali.

16:39Calcio: squadra invita a pranzo avversari colpiti da sisma

(ANSA) - ALVIANO (TERNI), 30 MAR - Sarà una sorta di terzo tempo anticipato quello organizzato dal Gs Alviano Calcio alla squadra del Cascia, prossima avversaria, domenica, per il campionato di calcio di prima categoria. La società ha infatti deciso di invitare a pranzo la compagine della Valnerina in segno di solidarietà dopo il terremoto. A tavola ci saranno gli atleti e i dirigenti di entrambe le squadre. "Rispondere uniti come una squadra di calcio, questo l'Umbria, questa l'Italia tutta contro il terremoto", ha sottolineato il sindaco di Alviano Giovanni Ciardo. "Per questo - ha aggiunto - l'iniziativa del Gs Alviano ha una valenza forte. Dal primo giorno il nostro paese si è messo all'opera con iniziative benefiche per aiutare i territori più colpiti. Questa si inserisce in quel solco. Ora è anche doveroso ribadire che è il momento di tornare a visitare le bellezze dell'Umbria e di tutte le altre regioni, ferite ma non arrese". "Abbiamo deciso di invitare a pranzo i nostri avversari - ha spiegato invece il presidente del Gs Alviano, Michele Ceccaccio - perché siamo consapevoli di quanto possa costare in termini economici la trasferta di un'intera squadra, considerando, soprattutto, gli sfortunati eventi che hanno colpito il comune di Cascia e gli abitanti della Valnerina". (ANSA).

16:31Patenti turche false, Procura Torino apre inchiesta

(ANSA) - TORINO, 30 MAR - La Procura di Torino ha aperto un'inchiesta su 38 patenti turche false, tra cui circa una decina relative alla guida di autocarri, presentate agli uffici della Motorizzazione per essere convertite in documenti validi sul territorio italiano. L'ha scoperto la Polizia Municipale, grazie a un protocollo di collaborazione con la Motorizzazione. I magistrati hanno emesso 38 decreti di perquisizioni domiciliari in tutta Italia, di cui 23 a Torino, e il materiale recuperato è ora al vaglio degli inquirenti. Gli investigatori pensano che dietro ai documenti falsi ci sia un'articolata rete criminale dedica alla stampa, allo smercio e alla vendita delle patenti. Gli indagati, ad oggi sono 38, tutti di nazionalità turca e residenti in Italia. I reati ipotizzati, oltre al concorso nella falsità materiale del documento di guida straniero, c'è anche l'induzione in errore del pubblico ufficiale. (ANSA).

16:28Terremoto: Cretu,’taglio’ Stati a fondi Ue è brutto segnale

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - "È un cattivo segnale, perché stiamo vivendo in tempi in cui bisogna mostrare solidarietà con le persone che ne hanno bisogno". Così la commissaria Ue alla Politica Regionale, Corina Cretu, commenta la decisione presa ieri daglii ambasciatori dei 28 Stati Ue d'introdurre una quota del 10% di cofinanziamento nazionale per le opere di ricostruzione post-disastri naturali, invece che consentire di finanziarle al 100% con fondi europei. La proposta di cambiare il regolamento del fondo Fesr era stata avanzata nel novembre scorso dalla stessa Cretu, che ora confida "che gli Stati membri possano comprendere che oggi tocca all'Italia, ma domani potrebbe essere un altro Paese". "Non stiamo cambiando le regole solo per uno Stato, ma per tutti quelli che d'ora in avanti dovranno affrontare questi disastri naturali", spiega Cretu, "spero" che al termine dei negoziati fra Consiglio e Parlamento "si torni alla nostra proposta di finanziamento del 100% della ricostruzione". (ANSA).

16:21Francia: hackerato l’account Facebook di François Hollande

(ANSA) - PARIGI, 30 MAR - L'account Facebook di François Hollande invitava ieri sera i cittadini francesi il 7 maggio a partecipare a un brindisi di commiato del presidente dall'Eliseo, riporta il sito di Lelab Europe 1. Ma l'invito era un fake: l'account personale di Hollande è stato piratato da un sedicenete gruppo "Per le dimissioni di François Hollande". L'invito era formulato nel mondo seguente: "Eccoci. Aspettiamo questo momento con impazienza da 5 anni. Lo festeggeremo degnamente, venite numerosi, portate i bambini, è una festa popolare". Aggiungendo poi, a scanso di equivoci e di sbarchi massicci all'Eliseo il 7 maggio, che si trattava di uno scherzo. La pagina è stata cancellata ma l'invito ha ottenuto comunque un discreto successo, visto che 507 persone si erano prenotate e 1000 si erano mostrate interessate. Nel 2011 Nicolas Sarkozy era stato vittima dello stesso scherzo, ancor prima che dichiarasse se intendeva ripresentarsi nel 2012.

16:19Corona: teste ritratta, fino a 20mila euro incassati in nero

(ANSA) - MILANO, 30 MAR - "Fabrizio Corona incassava fino a venti mila euro per le sue serate, non l'ho detto prima quando sono stato interrogato dai carabinieri perché avevo paura". A dirlo, Mario Nicoli, un ex collaboratore di Fabrizio Corona, sentito come teste nel processo a carico dell'ex agente fotografico per i 2,6 milioni di euro ritrovati, in parte, nel controsoffitto dell'abitazione di Francesca Persi (anche lei imputata), in parte in Austria. Nicoli ha riferito in Tribunale di avere accompagnato più volte Corona a sue 'ospitate' nei locali notturni e di averlo visto "incassare molti soldi in contanti. In una discoteca di Verona riservata a 'milf', cioè a signore non più giovanissime, l'ho visto incassare un importo importante". Poco prima anche Alehandro Cardia, che ha deposto in quanto dipendente della 'Atena' (la società di promozione eventi facente capo alla Persi) ha spiegato di avere visto circolare "una grande quantità di denaro" negli uffici della società. "Fabrizio guadagnava in contanti e pagava in contanti".

Archivio Ultima ora