Mattarella: fase drammatica per l’Europa, ora unità e scelte condivise

Pubblicato il 25 novembre 2015 da redazione

Mattarella_Parlamento_europeo

STRASBURGO. – L’Europa vive un “momento drammatico”. Ne potrà uscire, ma solo con maggiore “unità” tra gli Stati. Tutto il mondo ha bisogno di una Europa unita, capace di “scelte condivise” in grado di combattere il terrorismo e le grandi sfide della modernità, a partire dall’emergenza migratoria. Guai a soluzioni apparentemente semplici, che portano solo “alla rinuncia di nostri diritti fondamentali”.

Sergio Mattarella tiene il suo primo discorso da Presidente della Repubblica all’Europarlamento davanti a una Plenaria sconvolta dalla tragedia di Parigi. A Bruxelles è ancora allarme rosso. L’Isis nelle ultime ore ha sparso il terrore a Tunisi, come in Egitto. E solo ieri la tragica vicenda del jet abbattuto ha messo a durissima prova i rapporti tra Mosca e Ankara. Ma il Capo dello Stato, agli eurodeputati riuniti in seduta solenne, lancia un appello forte a credere ancora di più al progetto di costruzione europea, di evitare ogni egoismo.

Prima di dargli la parola, il padrone di casa, il Presidente Martin Schulz sottolinea il suo profilo di grande europeista, ricordando come la sua prima visita all’estero, dopo la sua elezione, fu alle istituzioni Ue di Bruxelles. Accompagnato dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni e dal sottosegretario agli Affari Europei, Sandro Gozi, Mattarella esordisce in Aula parlando di un Europa “ferita” da “lacerazioni dolorose e incancellabili”.

Dopo aver ribadito la sua vicinanza al popolo francese, torna sugli attentati del 13 novembre: “A Parigi è stata colpita la nostra vita di tutti i giorni, la nostra concezione dello stare insieme, le nostre abitudini: quel modo di essere, pensare e vivere che è proprio e caratteristico dei cittadini dell’Unione”.

E ricorda commosso Valeria Solesin, a cui ha reso omaggio appena l’altro giorno, alle toccanti esequie laiche di Piazza San Marco. “Era una ragazza italiana, una ragazza europea – scandisce tra gli applausi – la cui giovane vita è stata stroncata, assieme a quella di altre 129 persone”. Ricorda che l’Europa di oggi è quella nata dalla solidarietà del secolo scorso, frutto degli “ex nemici”, “ex avversari nella Guerra Fredda”.

Ma ora, incalza il Capo dello Stato, “tutto questo non basta più”. “A noi tutti viene oggi prepotentemente chiesto un di più di responsabilità, un di più di iniziativa, un di più di coesione. Solo così – osserva – potremo vincere le sfide arroganti che il terrorismo porta sin dentro le nostre case”.

E tra le sfide, strettamente correlate con l’incubo jihadista, c’è quella dei migranti che, ricorda Mattarella “ripetono la tragedia degli ebrei in fuga dal nazismo”, “eredi di chi, a rischio della vita, valicavano il Muro di Berlino”. E su di loro, Mattarella è netto nell’opporsi a xenofobia vecchia e nuova: “Non sono loro, che fuggono da violenza e morte, il nostro nemico”.

Ammette che bisogna difendere la sicurezza dell’Europa, ma non si può “deturparla per renderla meno appetibile”. E avanza proposte chiare. Prima mette in soffitta l’accordo di Dublino “che fotografa un passato che non c’è più “, quindi chiede alle istituzioni di aggiornare le proprie regole “improntate a principi di umanità e sicurezza, solidarietà e responsabilità”.

Chiude citando Jean Monnet, uno dei ‘padri’ dell’Europa: ”Non possiamo fermarci quando il mondo intero è in movimento”.

In Aula tutti in piedi, ad applaudire, tranne la pattuglia leghista. “Mattarella non ha detto niente…Che ha detto? Il nulla. E applaudire il nulla non mi appartiene”, spiega Matteo Salvini. Di parere opposto il Presidente della Commissione Ue: “un discorso eccellente, in linea con la grande tradizione europeista italiana’, commenta Jean Claude Juncker.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

09:18Referendum autonomia, seggi aperti in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Apertura regolare alle 7 dei seggi per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il governatore Luca Zaia ha votato appena aperto il seggio nella scuola a San Vendemiano (Treviso). Sono oltre quattro milioni gli aventi diritto di voto in Veneto. Sulla scheda il quesito è "vuoi che alla regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?". Il referendum consultivo veneto prevede un quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto. Le urne resteranno aperte fino alle 23.

08:06Uragani: cinque ex presidenti Usa insieme per raccolta fondi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 OTT - Cinque ex presidenti insieme per chiedere agli americani di fare donazioni per le vittime degli uragani che nelle ultime settimane hanno colpito Texas, Florida, Puerto Rico e le Isole Vergini. Jimmy Carter, Bill Clinton, Barack Obama, Bush padre e figlio sono comparsi al concerto di beneficienza al campus della Texas A&M University di Austin, dove ha fatto una apparizione a sorpresa anche Lady Gaga. Tutti hanno fatto brevi dichiarazioni, tranne il 93/enne George W. Bush, che soffre di una forma di Parkinson ed era su una sedia a rotelle. Nessuno ha fatto riferimenti a Donald Trump. Finora la raccolta fondi tramite l'iniziativa One America appeal for hurricane relief ha raggiunto i 31 milioni di dollari, con donazioni da oltre 80 mila persone.

08:01Corea Nord: ex presidente Carter disposto andare a Pyongyang

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - L'ex presidente americano Jimmy Carter, 93 anni, si é detto disposto ad andare in missione diplomatica in Corea del Nord per conto del presidente Donald Trump in un momento di crescenti tensioni tra i due Paesi sulla questione delle armi nucleari. "Sì, io ci andrei", ha detto Carter alla giornalista Maureen Dowd del New York Times - riporta Fox News - rispondendo a una domanda su una sua eventuale disponibilità a recarsi a Pyongyang in missione diplomatica. Carter, che in passato ha già incontrato i leader nordcoreani, ha ammesso di essere "spaventato" dalla "situazione" attuale: "Non so cosa faranno", ha commentato, "perche' vogliono salvare il loro regime. E noi sovrastimiamo notevolmente l'influenza della Cina sulla Corea del Nord. In particolare su Kim Jong-un, che per quanto ne so non é mai stato in Cina". Carter ha poi definito Kim "imprevedibile".

01:37Razzismo:Sarri,noi non tutelati quando ci gridano ‘terroni’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - ''Ci sono forme di razzismo che vengono tutelate e a noi, quando ci gridano 'terroni' oppure 'Vesuvio lavali col fuoco' non ci viene concessa la stessa tutela: questo mi fa arrabbiare''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri risponde così ad una domanda sulla sua protesta nei confronti dell'arbitro Irrati nel corso del match del san Paolo contro l'Inter.

00:45F1: Usa, Hamilton in pole, seconda Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Sulla pista di Austin in Texas, il leader del Mondiale ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Quinta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo (stesso tempo di Raikkonen ma stabilito prima), mentre sesto tempo per il compagno di scuderia Max Verstappen che dovrà scontare una penalità di 15 posizioni in griglia per aver sostituito la Power Unit. Settimo crono per la Force India di Ocon davanti alla Renault di Sainz ed alla McLaren di Alonso. Decima l'altra Force India di Perez davanti alla Williams di Massa.

Archivio Ultima ora