Usa 2016: irride giornalista disabile, bufera su Trump

Pubblicato il 26 novembre 2015 da redazione

Fermo immagine

Fermo immagine

WASHINGTON. – Irrefrenabile Donald Trump, prosegue nella sua campagna che ha spinto all’estremo lo slogan di suo vanto ‘senza peli sulla lingua’. Questa volta fa il verso ad un giornalista del New York Times che ha una disabilità fisica e sul candidato per la nomination repubblicana si scatena l’ennesima bufera che torna a sollevare quesiti su quanto il suo atteggiamento possa essere considerato “presidenziale”. Un comportamento che, se pur ancora apprezzato da parte dell’opinione pubblica stando ai sondaggi, tiene in ‘stand by’ finanziatori e donatori tradizionalmente vicini ai repubblicani.

L’ultimo episodio vede il magnate newyorchese prendere in giro – imitandolo durante un comizio martedì in South Carolina – un noto giornalista disabile del New York Times, Serge Kovaleski. Trump era ancora una volta intento a ripetere come, in occasione dell’11 settembre, avrebbe visto migliaia di musulmani gioire in New Jersey per l’attacco contro le Torri Gemelle e il Pentagono, cosa che secondo polizia e amministrazione locale in realtà non si è mai verificata.

Kovaleski, un premio Pulitzer, all’epoca lo aveva scritto in un articolo pubblicato una settimana dopo gli attacchi sul Washington Post per cui lavorava, ma secondo il suo resoconto solo un limitato numero di persone – non centinaia, non migliaia – avevano festeggiato in New Jersey dopo gli attacchi. Così, citandolo, Trump ha irriso Kovaleski, sostenendo poi di non avere mai pensato di prenderlo in giro e precisando di non conoscerlo.

Eppure il giornalista, piuttosto famoso negli Usa, ha seguito Trump da vicino per numerosi anni a cavallo tra gli ’80 e i ’90, quando il magnate attraversava serie difficoltà economiche. La vicenda ha assunto toni tali da indurre il New York Times a diffondere un comunicato che lascia poco spazio a dubbi: “Riteniamo sia vergognoso che ridicolizzi l’aspetto di uno dei nostri reporter”.

Ma Trump non demorde e twitta: “Il New York Times in declino dovrebbe concentrarsi sulla qualità del suo lavoro e sulla sopravvivenza finanziaria del giornale invece di attaccare costantemente Donald Trump”. Non si muove di un centimetro quindi il candidato poco propenso a rivedere i toni nelle sue posizioni controverse.

Anche di recente quando rispetto alla molto dibattuta accoglienza dei rifugiati siriani in Usa, Trump ha suggerito che bisognerebbe rispondere con una sorta di ‘schedatura’ su base religiosa, facendo sbottare anche diversi repubblicani secondo cui quelle del magnate sono “parole da fascista”. E intanto donatori e finanziatori del fronte repubblicano restano a guardare, in attesa di capire quale sarà il destino del ‘fenomeno Trump’.

Media in Usa notano infatti come a questo punto della campagna in passato diversi endorsement erano già stati palesati, soprattutto da parte di chi mette in gioco consistenti mezzi finanziari puntando su questo o quel candidato per la presidenza. Al momento invece questi particolari osservatori restano appunto tali: in platea e in attesa di capire se – alcuni sostengono ‘quando’ – Trump cederà la ribalta o semplicemente quando cominceranno ad esaurirsi le sue pur ingenti risorse economiche.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

07:51Venezuela: Maduro, agli ordini popolo se mi vuole candidare

(ANSA) - CARACAS, 23 GEN - Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha detto oggi che è "agli ordini delle forze rivoluzionarie" se lo vogliono proporre come "candidato della patria" per le elezioni presidenziali che si svolgeranno entro la fine del prossimo mese di aprile, secondo quanto deciso oggi dall'Assemblea Costituente. "Io sono solo un umile lavoratore, un operaio del popolo, ma se il Psuv e il Grande Polo Patriottico (partito e coalizione di governo, Ndr), se i lavoratori, le donne e i giovani pensano che io debba essere il candidato della patria delle forze rivoluzionarie, allora io sono agli ordini per una candidatura presidenziale", ha detto Maduro alla stampa. L'erede di Hugo Chavez ha aggiunto che "in questo modo Venezuela dice al mondo che più ci imporranno sanzioni e più convocheremo elezioni" perché nel suo paese "non decide Donald Trump né le elite dominanti dell'Unione Europea, non decidono gli imperi, decide il popolo".

06:20Libia: attentato Bengasi, sale a 27 bilancio morti

(ANSA) - BENGASI, 24 GEN - E' salito ad almeno 27 morti il bilancio delle esplosioni provocate ieri sera da due autobomba davanti ad una moschea a Bengasi. I feriti sono oltre 30. Il portavoce delle forze militari e della polizia della città, il capitano Tarek Alkharraz, ha detto che la prima autobomba e' esplosa nel quartiere di Salmani verso le 8:20 ora locale (le 7:20 in Italia) e la seconda mezz'ora più tardi, mentre i residenti ed il personale medico evacuavano i feriti.

23:26Vino adulterato: pm chiede rinvio a giudizio per 9 persone

(ANSA) - FIRENZE, 23 GEN - Commercializzavano vino di bassa qualità, adulterato con l'aggiunta di alcol, che poi veniva venduto come Chianti doc, Brunello di Montalcino o Sassicaia. Al termine dell'inchiesta condotta dai carabinieri del Gruppo tutela della salute di Roma e del Nas di Firenze e coordinata dalla Dda fiorentina, il pm Giulio Monferini ha chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone. Il gip Fabio Frangini ha fissato la prima udienza il 5 aprile. L'inchiesta, avviata nel 2015, portò all'arresto di 3 persone (poi ai domiciliari) mentre altre 7 vennero iscritte nel registro degli indagati. Le accuse vanno dall'associazione per delinquere per frode in commercio alla contraffazione di marchio e origine del vino, dalla frode in commercio alla vendita di sostanze non genuine e riciclaggio. Il vino dopo essere adulterato veniva imbottigliato in un'azienda di Empoli, dove poi erano apposte false etichette prima di inviarlo a dei depositi in Lazio e Emilia Romagna. Da qui partiva per l'estero, in particolare per il Costa Rica.

23:15Fotografia: ‘Sangue bianco’,leucemia raccontata con immagini

(ANSA) - SIENA, 23 GEN - Immagini in mostra, accompagnate dalle parole di un libro, per raccontare la vita con la leucemia. E' 'Sangue bianco', esposizione della fotografa Marta Viola al via dal 2 febbraio alla galleria Seipersei di Siena. Poco più di un anno dopo il trapianto, Viola ha documentato con una serie di scatti la sua esperienza con la malattia, componendo una sorta di personale diario visivo, arricchito da pensieri messi nero su bianco. "La fotografia e la scrittura sono stati i mezzi utilizzati per vivere le mie giornate dopo la diagnosi di leucemia acuta mieloide - spiega Marta -. Inizialmente l'idea di fotografare si è imposta a causa di un disturbo visivo: tra i vari effetti della malattia c'erano anche fluorescenze e sfocature. Ho pensato di fare foto ogni volta che intravedevo qualcosa che mi incuriosiva, così avrei avuto modo di vederlo bene quando sarei stata meglio". Fotografa professionista, classe 1986, Viola lavora per cooperative sociali e associazioni, oltre che nel campo della comunicazione.

21:56Consiglio Liguria unito nel dire sì all’autonomia

(ANSA) - GENOVA, 23 GEN - Il Consiglio regionale della Liguria ha approvato all'unanimità dei votanti (Rete a sinistra /LiberaMente Liguria, gruppo di opposizione, non ha partecipato al voto) una risoluzione per chiedere una maggiore autonomia della Liguria dallo Stato. Il documento, sottoscritto da maggioranza e opposizione, impegna la Giunta Toti a "proseguire il confronto con il Governo per definire i contenuti di un'intesa, con il coinvolgimento del Consiglio regionale". "Abbiamo approvato all'unanimità il documento sull'autonomia - dice il governatore Giovanni Toti - Siamo in marcia, tutti insieme, verso un futuro di maggiore efficienza, libertà e vicinanza della politica ai cittadini". "Prendiamo atto della mancanza di volontà da parte di Toti a dare la parola ai cittadini attraverso un referendum sull'autonomia", commenta il M5S. Il Pd ha espresso soddisfazione per "l'approvazione all'unanimità di una sua mozione sull'autonomia finanziaria dei porti liguri che consentirà di finanziare opere infrastrutturali strategiche".

21:48Strage bus ungherese su A4:presentata denuncia contro ignoti

(ANSA) - VERONA, 23 GEN - Una piastra di ferro in disuso, con pezzi sporgenti, che sarebbe stata presente sull'autostrada al di la' del guardrail, è l'elemento che ha portato l'Associazione Italiana familiari vittime della strada a presentare in Procura a Verona una denuncia contro ignoti, per disastro colposo, in relazione all'incidente del 20 gennaio 2017 che vide 16 studenti ungheresi morire nel rogo del loro pullman. Basandosi su un documento redatto da esperti ungheresi, sarebbero state individuate - sostiene l'Aifvs - presunte responsabilità "da parte del gestore del tratto autostradale, dei progettisti e dei manutentori". Stando a questa ipotesi, la piastra di ferro in disuso, presente sul luogo dell'incidente, potrebbe aver causato l'esplosione degli pneumatici del bus, che contribuì a modificarne la traiettoria in uscita di strada, portandolo a schiantarsi contro il pilone della A4 e incendiandosi. Per quel disastro è indagato per omicidio stradale l'autista del pullman, un 52enne ungherese, che sopravvisse all'incidente.

21:42Tramvia: Firenze, tratto nuove linee da rifare, già smontato

(ANSA) - FIRENZE, 23 GEN - Un tratto dei binari delle nuove linee tramviarie in corso di realizzazione a Firenze nell'area vicina alla stazione, dovrà essere smontato e ricostruito da capo: ne dà notizia Tram spa, la società che sta curando i lavori, spiegando che lo "smontaggio, iniziato oggi, si è reso necessario perché le procedure di qualità hanno verificato difformità rispetto al progetto nell'esecuzione dei lavori". Si tratta di un segmento di circa 25 metri tra via Valfonda, Villa Vittoria e piazza Bambine e Bambini di Beslan. La difformità riscontrata, informa Tram spa, "consiste in un dislivello di circa 10 centimetri che dovrà essere riportato alla quota di progetto. In concreto i binari saranno smontati, si procederà alla demolizione puntuale della soletta che poi sarà rifatta alla giusta quota". Le operazioni dureranno due settimane. Per l'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti: "ci preoccupa molto. Ma abbiamo chiesto e ricevuto rassicurazione sul rispetto dei tempi dei lavori".

Archivio Ultima ora