Usa 2016: irride giornalista disabile, bufera su Trump

Pubblicato il 26 novembre 2015 da redazione

Fermo immagine

Fermo immagine

WASHINGTON. – Irrefrenabile Donald Trump, prosegue nella sua campagna che ha spinto all’estremo lo slogan di suo vanto ‘senza peli sulla lingua’. Questa volta fa il verso ad un giornalista del New York Times che ha una disabilità fisica e sul candidato per la nomination repubblicana si scatena l’ennesima bufera che torna a sollevare quesiti su quanto il suo atteggiamento possa essere considerato “presidenziale”. Un comportamento che, se pur ancora apprezzato da parte dell’opinione pubblica stando ai sondaggi, tiene in ‘stand by’ finanziatori e donatori tradizionalmente vicini ai repubblicani.

L’ultimo episodio vede il magnate newyorchese prendere in giro – imitandolo durante un comizio martedì in South Carolina – un noto giornalista disabile del New York Times, Serge Kovaleski. Trump era ancora una volta intento a ripetere come, in occasione dell’11 settembre, avrebbe visto migliaia di musulmani gioire in New Jersey per l’attacco contro le Torri Gemelle e il Pentagono, cosa che secondo polizia e amministrazione locale in realtà non si è mai verificata.

Kovaleski, un premio Pulitzer, all’epoca lo aveva scritto in un articolo pubblicato una settimana dopo gli attacchi sul Washington Post per cui lavorava, ma secondo il suo resoconto solo un limitato numero di persone – non centinaia, non migliaia – avevano festeggiato in New Jersey dopo gli attacchi. Così, citandolo, Trump ha irriso Kovaleski, sostenendo poi di non avere mai pensato di prenderlo in giro e precisando di non conoscerlo.

Eppure il giornalista, piuttosto famoso negli Usa, ha seguito Trump da vicino per numerosi anni a cavallo tra gli ’80 e i ’90, quando il magnate attraversava serie difficoltà economiche. La vicenda ha assunto toni tali da indurre il New York Times a diffondere un comunicato che lascia poco spazio a dubbi: “Riteniamo sia vergognoso che ridicolizzi l’aspetto di uno dei nostri reporter”.

Ma Trump non demorde e twitta: “Il New York Times in declino dovrebbe concentrarsi sulla qualità del suo lavoro e sulla sopravvivenza finanziaria del giornale invece di attaccare costantemente Donald Trump”. Non si muove di un centimetro quindi il candidato poco propenso a rivedere i toni nelle sue posizioni controverse.

Anche di recente quando rispetto alla molto dibattuta accoglienza dei rifugiati siriani in Usa, Trump ha suggerito che bisognerebbe rispondere con una sorta di ‘schedatura’ su base religiosa, facendo sbottare anche diversi repubblicani secondo cui quelle del magnate sono “parole da fascista”. E intanto donatori e finanziatori del fronte repubblicano restano a guardare, in attesa di capire quale sarà il destino del ‘fenomeno Trump’.

Media in Usa notano infatti come a questo punto della campagna in passato diversi endorsement erano già stati palesati, soprattutto da parte di chi mette in gioco consistenti mezzi finanziari puntando su questo o quel candidato per la presidenza. Al momento invece questi particolari osservatori restano appunto tali: in platea e in attesa di capire se – alcuni sostengono ‘quando’ – Trump cederà la ribalta o semplicemente quando cominceranno ad esaurirsi le sue pur ingenti risorse economiche.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

Archivio Ultima ora