Putin lancia la rappresaglia economica contro Ankara

Pubblicato il 26 novembre 2015 da redazione

putin

MOSCA. – All’indomani dell’abbattimento del jet militare alla frontiera tra Siria e Turchia, Mosca passa alla rappresaglia economica contro Ankara. Proprio nel giorno in cui Putin incontra Hollande al Cremlino per discutere di una coalizione globale anti-Isis, la Russia annuncia la preparazione di dure misure economiche contro la Turchia, rafforza i controlli sulle importazioni di generi alimentari turchi e – con una tempistica che lascia pochi dubbi sulle motivazioni politiche – denuncia che il 15% di questi prodotti non è conforme alle sue norme sanitarie.

In Russia, insomma, si pensa a come mettere in pratica le “serie conseguenze” ventilate da Putin già poche ore dopo l’abbattimento del jet russo. Il premier Medvedev ha annunciato che entro due giorni il governo proporrà delle misure economiche contro Ankara per “l’atto di aggressione”.

Mosca minaccia di bloccare il flusso di turisti russi (che vale 4 miliardi di dollari l’anno) e i voli da e verso la Turchia, ma anche di congelare o addirittura far saltare il progetto per il gasdotto Turkish Stream e quello, da 20 miliardi di dollari, per la centrale nucleare di Akkuiu.

Le restrizioni potrebbero riguardare anche la cooperazione finanziaria, i dazi doganali, gli investimenti, l’edilizia e l’uso di manodopera turca, con gravi danni economici per Ankara, che rischia così di perdere i vantaggi ottenuti dal non aver aderito alle sanzioni occidentali contro la Russia per la crisi ucraina. Ma probabilmente anche per Mosca, che è il secondo partner commerciale della Turchia con un interscambio commerciale pari a 31 miliardi di dollari l’anno scorso.

E l’ulteriore prova del fatto che tra Mosca e Ankara non scorre buon sangue è il trattamento riservato dalle autorità russe ad un gruppo di circa 50 imprenditori turchi, fermati a Krasnodar con l’accusa pretestuosa di aver mentito sul motivo del loro ingresso nel paese. Intanto, se un conflitto militare tra Russia e Turchia è stato escluso già ieri dal capo della diplomazia russa, Serghiei Lavrov, tra Vladimir Putin e il presidente turco Erdogan ormai è guerra di parole.

“Finora non abbiamo sentito le scuse dal massimo livello politico turco, né tantomeno le proposte di risarcire i danni e di punire i criminali per il reato commesso”, ha tuonato Putin riferendosi all’abbattimento del jet russo, definito dal leader del Cremlino “una pugnalata alla schiena a tradimento da chi ritenevamo partner nella lotta al terrorismo”.

Pronta è arrivata la risposta piccata di Erdogan: “Se c’è una parte che deve scusarsi, non siamo noi” ma “chi ha violato il nostro spazio aereo”. Poi però ha tentato di frenare: “La Turchia avrebbe reagito diversamente se avesse saputo che l’aereo era russo”. Ma non ha digerito l’accusa del premier Medvedev: “Chi dice che compriamo il petrolio dall’Isis deve provarlo”.

Affondando poi la stoccata contro Damasco e la Russia: “L’Isis vende il petrolio al regime di Assad. Chi cerca l’origine del potere militare e finanziario dell’Isis dovrebbe guardare prima di tutto al regime di Assad e ai Paesi che collaborano con lui”, ha affermato, assicurando di aver telefonato a Putin dopo l’abbattimento del Su-24 e criticando il presidente russo per non avergli risposto.

I deteriorati rapporti tra Russia e Turchia fanno apparire al momento difficile un’alleanza che tenga dentro entrambi i paesi, e oggi Erdogan non ha esitato ad accusare Putin di non combattere “davvero l’Isis” ma di “uccidere turcomanni e siriani” al confine settentrionale turco-siriano. La Turchia – che d’altra parte bombarda nelle stesse zone i curdi – sembra però aver inavvertitamente regalato alla Russia il controllo dei cieli nella Siria nord-occidentale.

All’abbattimento del Su-24 Putin ha infatti risposto schierando nella base di Khmeimim i moderni sistemi di difesa antiaerea S-400. E questi, assieme ai razzi della nave Moskva, che si trova nel Mediterraneo, potrebbero essere un grave ostacolo alle operazioni degli F-16 turchi.

A Washington se ne sono ben resi conto, e l’ambasciata americana in Russia ha denunciato che gli S-400 russi in Siria non fanno che complicare la situazione e si è augurata che non siano rivolti contro gli aerei della coalizione a guida Usa, di cui la Turchia fa parte.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

21:35Sisma: Sala, ghisa che ridono non degni divisa Milano

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - "Ho visto in rete un video di pessimo gusto dei vigili milanesi di stanza nei luoghi del sisma. Ho chiesto al comandante della Polizia locale Antonio Barbato di prendere al più presto i giusti provvedimenti". Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando un video girato da alcuni agenti della Polizia locale ad Amatrice, in cui ridono ed escono dalle macerie di alcune case come degli zombie. Il video è stato diffuso su alcuni siti di quotidiani online. "Non sono questi i ghisa che noi conosciamo e per questo ritengo che vederli indossare la divisa del nostro corpo di Polizia Locale sia un'offesa per tutti noi milanesi", ha concluso. (ANSA).

21:27Poletti: presidente calcio a 5 “giocate e mandate curricula”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Purtroppo devo smentire il Ministro Poletti che ha detto ai giovani che per trovare lavoro è meglio 'giocare a calcetto che inviare il proprio curriculum vitae'. Se fosse vero in Italia non esisterebbe la disoccupazione". Sulla polemica del giorno in ambito lavoro, interviene anche il presidente della Divisione Calcio a 5 della Figc-Lega Dilettanti, Andrea Montemurro. "Il calcio a 5 - dice all'Ansa - e quindi non non il 'calcetto', come lo stesso ministro Poletti lo ha erroneamente definito, è lo sport di squadra più praticato in Italia, diffusissimo tra giovani, donne e adulti, conta oltre centomila iscritti e milioni di praticanti amatoriali. Ai giovani dico: se giocate a Futsal, a 'calcetto', sono assicurati il divertimento, lo spettacolo, la grande tecnica e uno sport sano, purtroppo non anche il lavoro. Quindi - conclude il dirigente - giocate a Futsal e mandate curricula".

21:24Neonata morta in ospedale Catanzaro, indagati otto medici

(ANSA) - CATANZARO, 28 MAR - La Procura della Repubblica di Catanzaro ha emesso otto informazioni di garanzia nei confronti di altrettanti medici in servizio nel reparto di ginecologia dell'ospedale cittadino nell'ambito di un'inchiesta avviata sulla morte di una neonata. L'inchiesta della Procura é stata avviata sulla base della denuncia presentata dai genitori della neonata. I carabinieri, su delega della Procura, hanno sequestrato la salma, il cordone ombelicale, la placenta e le cartelle cliniche di madre e figlia. Domani sul corpo della neonata verrà effettuata l'autopsia. L'ipotesi di reato a carico dei sanitari è quella di omicidio colposo. L'autopsia servirà ad accertare le cause del decesso contribuendo a chiarire se la morte della neonata sia riconducibile a responsabilità del personale medico. (ANSA).

20:47Sospeso vigile che esce dalla bara e fa lo zombi ad Amatrice

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - Il comandante delle Polizia Locale di Milano Antonio Barbato ha disposto il richiamo disciplinare per i due vigili protagonisti di un video offensivo girato ad Amatrice, in cui si vede un agente uscire da una bara facendo finta di essere uno zombie. L'agente fa parte della squadra inviata dal Comune ad Amatrice per aiutare le popolazioni colpite da sisma. Il procedimento implica la sospensione dal lavoro di 10 giorni. Successivamente entrambi saranno trasferiti a nuovi incarichi. "Sono comportamenti indegni per chi indossa una divisa - ha commentato il comandante Barbato - e non fanno onore al corpo dei ghisa. Per questo è stata predisposta la massima sanzione possibile in questi casi". "Un atteggiamento inaccettabile - ha aggiunto l'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza - perché danneggia il grande lavoro fatto dalla Polizia Locale ad Amatrice in tutti questi mesi. Mi scuso con i cittadini di Milano e Amatrice per questo gesto ingiustificabile".

20:43Uccide moglie e chiama Cc, la accusava di spendere troppo

(ANSA) - TORINO, 28 MAR - Uxoricidio a Pinerolo: un uomo di 64 anni ha accoltellato in casa la moglie di 52 anni uccidendola. Secondo le prime informazioni, è stato lo stesso uomo a chiamare i carabinieri e a confessare il delitto: "Venitemi a prendere". I militari stanno intervenendo in stradale Poirino 37. L'uomo, disoccupato, accusava la vittima, che lavorava come donna delle pulizie, di spendere troppo. La coppia aveva un figlio, anche lui disoccupato, ma il delitto è avvenuto quando marito e moglie erano soli in casa.

20:41Non dichiarò piscina,confermata condanna ex pm Trani Savasta

(ANSA) - BARI, 28 MAR - La Corte di Appello di Lecce ha confermato la condanna a 2 mesi di reclusione (pena sospesa e non menzione) per falso nei confronti dell'ex pm di Trani Antonio Savasta, nei mesi scorsi trasferito come giudice a Roma. Si tratta di uno dei procedimenti penali relativi alla trasformazione di una antica masseria di Bisceglie in resort di lusso. L'accusa di falso riguarda l'aver falsamente dichiarato dinanzi ad un notaio in due diverse occasioni (nel 2009 e nel 2010) di non aver fatto costruire una piscina, per la cui realizzazione sarebbe stata necessaria specifica autorizzazione edilizia. Nell'ambito della stessa vicenda Savasta è stato assolto nelle scorse settimane dall'accusa di concussione e sarà processato a partire da luglio insieme con familiari, soci e tecnici comunali per lottizzazione abusiva e violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio.

20:41Casa Bianca sostiene Congresso su riduzione privacy su web

(ANSA) - WASHINGTON, 28 MAR - La Casa Bianca sostiene fortemente la cancellazione delle regole sulle privacy su internet, cancellazione che la Camera ha in programma di approvare oggi, dopo che lo ha fatto il Senato nei giorni scorsi, con il plauso dei colossi del settore (Verizon, Comcast e At&t). Si tratta di regole dell'era Obama, che imponevano paletti ai colossi del web per vendere e condividere i dati dei consumatori per motivi pubblicitari. Le norme erano state approvate lo scorso anno e vietavano ai provider di abusare dei dati raccolti dai loro clienti durante la navigazione su internet da cellulari e computer. (ANSA).

Archivio Ultima ora