Venezuela: dirigente dell’opposizione assassinato durante un meeting

Pubblicato il 26 novembre 2015 da redazione

venezuela

CARACAS. – Si macchia di sangue la campagna elettorale in Venezuela: un dirigente dell’opposizione è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco durante un comizio politico nel centro del Paese, a dieci giorni dalle elezioni politiche che – secondo tutti i sondaggi – segneranno una dura sconfitta per il governo chavista di Nicolás Maduro.

Luis Manuel Díaz, responsabile del partito Azione Democratica nello stato di Guarico, stava partecipando a un meeting elettorale in una piazza della piccola località di Altagracia de Orituco, quando è stato raggiunto da una raffica di spari che hanno colpito il palco del comizio ed è morto sul colpo.

Lilian Tintori – moglie di Leopoldo López, che come si ricorderà sconta una pena di oltre 13 anni di carcere – era anche lei su quel palco e ha denunciato quello che ha chiamato “un attacco premeditato e organizzato”, i cui autori “hanno perfino aspettato che i giornalisti scendessero dalla tribuna per sparare”.

Rivolgendosi a Maduro, Tintori lo ha accusato di essere “personalmente responsabile” del “terrorismo di Stato”, sottolineando che l’uccisione di Díaz non è stato l’unico attacco contro la campagna elettorale antichavista. Negli ultimi giorni, infatti, vari dirigenti oppositori, fra i quali l’ex candidato presidenziale Henrique Capriles, hanno denunciato attacchi violenti contro la loro campagna, sferrati per lo più da gruppi di civili armati che appoggiano il governo, i cosiddetti “colectivos”.

“Stanno mostrando la loro peggiore faccia perché hanno paura, e hanno paura perché sanno di essere già sconfitti, sanno che perdono il 6 dicembre”, ha dichiarato la moglie di López, secondo la quale “il chavismo non è una dittatura qualsiasi, è una dittatura fallita”.

L’Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasud), che ha inviato in Venezuela una “missione di accompagnamento” in vista del voto – dado che il Cne rifiuta la presenza di osservatori indipendenti- ha chiesto alle autorità di svolgere “un’inchiesta completa” per garantire che la morte del dirigente oppositore non resti impunita.

Da parte sua, però, il presidente del Parlamento e numero due del chavismo, Diosdado Cabello, ha detto che le denuncie di attacchi violenti lanciate dall’opposizione sono “completamente false”.

“Questa destra solo pensa ad insultarci, si inventano qualsiasi cosa, parlano di violenza, di bande armate, che però non si vedono mai”, ha detto Cabello durante il suo programma tv settimanale, aggiungendo in tono ironico che “quello che succede è che non li segue nessuno, allora denunciano atti violenti, come ‘mi perseguitano, non mi fanno entrare’. Il fatto è che non c’è gente ai loro meeting e allora si inventano qualsiasi scusa possibile per giustificarlo”.

Ultima ora

08:46Agguato all’alba in un pub a Napoli, ucciso 29enne

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAG - Agguato all'alba in un pub di via Riviera di Chiaia a Napoli dove un uomo con il viso nascosto da un passamontagna è entrato nel locale e ha esploso alcuni colpi d'arma da fuoco contro Carmine Picale, 29 anni, già noto alle forze dell'ordine, ferendolo gravemente. L'uomo, di San Giorgio a Cremano (Napoli), è stato accompagnato da alcuni amici nell'ospedale Loreto Mare della città, dove è deceduto. Sull'accaduto sono in corso indagini dei carabinieri. (ANSA).

08:35Libia: assalto carcere Tripoli, giallo su prigionieri

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Una milizia armata fedele al governo di unione nazionale del premier Fayez al Sarraj (le brigate rivoluzionarie di Tripoli di Haitem Tajouri) ha assaltato ieri sera e preso il controllo del carcere di Al Hadaba, a Tripoli. Lo riferiscono i media libici. Nella struttura sono reclusi diversi esponenti dell'ex regime, compresi Saadi Gheddafi - figlio del defunto rais Muammar - e l'ex capo degli 007 Abdallah al Senoussi. Secondo diverse fonti, i prigionieri sono stati trasferiti in un "luogo sicuro".

08:32Mo: finito sciopero fame detenuti palestinesi

(ANSAmed) - TEL AVIV, 27 MAG - Dopo oltre 40 giorni e' terminato oggi lo sciopero della fame dei membri di al-Fatah detenuti in Israele indetto dal loro dirigente Marwan Barghouti. Lo rende noto il servizio carcerario israeliano. Secondo i media nella notte e' stato raggiunto un accordo fra Israele, Anp e la Croce rossa che prevede ''benefici di carattere umanitario'' per i palestinesi detenuti in Israele. Questo sviluppo e' giunto in concomitanza con l'inizio del digiuno del Ramadan.

06:53Usa: morto Brezinski, consigliere sicurezza di Jimmy Carter

WASHINGTON - E' morto Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti durante la presidenza di Jimmy Carter. La notizia e' stata data dalla figlia Mika, conduttrice televisiva nel programma mattutino 'Morning Joe' dell'emittente MsNbc. Brzezinski aveva 89 anni.

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

Archivio Ultima ora