Venezuela: dirigente dell’opposizione assassinato durante un meeting

Pubblicato il 26 novembre 2015 da redazione

venezuela

CARACAS. – Si macchia di sangue la campagna elettorale in Venezuela: un dirigente dell’opposizione è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco durante un comizio politico nel centro del Paese, a dieci giorni dalle elezioni politiche che – secondo tutti i sondaggi – segneranno una dura sconfitta per il governo chavista di Nicolás Maduro.

Luis Manuel Díaz, responsabile del partito Azione Democratica nello stato di Guarico, stava partecipando a un meeting elettorale in una piazza della piccola località di Altagracia de Orituco, quando è stato raggiunto da una raffica di spari che hanno colpito il palco del comizio ed è morto sul colpo.

Lilian Tintori – moglie di Leopoldo López, che come si ricorderà sconta una pena di oltre 13 anni di carcere – era anche lei su quel palco e ha denunciato quello che ha chiamato “un attacco premeditato e organizzato”, i cui autori “hanno perfino aspettato che i giornalisti scendessero dalla tribuna per sparare”.

Rivolgendosi a Maduro, Tintori lo ha accusato di essere “personalmente responsabile” del “terrorismo di Stato”, sottolineando che l’uccisione di Díaz non è stato l’unico attacco contro la campagna elettorale antichavista. Negli ultimi giorni, infatti, vari dirigenti oppositori, fra i quali l’ex candidato presidenziale Henrique Capriles, hanno denunciato attacchi violenti contro la loro campagna, sferrati per lo più da gruppi di civili armati che appoggiano il governo, i cosiddetti “colectivos”.

“Stanno mostrando la loro peggiore faccia perché hanno paura, e hanno paura perché sanno di essere già sconfitti, sanno che perdono il 6 dicembre”, ha dichiarato la moglie di López, secondo la quale “il chavismo non è una dittatura qualsiasi, è una dittatura fallita”.

L’Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasud), che ha inviato in Venezuela una “missione di accompagnamento” in vista del voto – dado che il Cne rifiuta la presenza di osservatori indipendenti- ha chiesto alle autorità di svolgere “un’inchiesta completa” per garantire che la morte del dirigente oppositore non resti impunita.

Da parte sua, però, il presidente del Parlamento e numero due del chavismo, Diosdado Cabello, ha detto che le denuncie di attacchi violenti lanciate dall’opposizione sono “completamente false”.

“Questa destra solo pensa ad insultarci, si inventano qualsiasi cosa, parlano di violenza, di bande armate, che però non si vedono mai”, ha detto Cabello durante il suo programma tv settimanale, aggiungendo in tono ironico che “quello che succede è che non li segue nessuno, allora denunciano atti violenti, come ‘mi perseguitano, non mi fanno entrare’. Il fatto è che non c’è gente ai loro meeting e allora si inventano qualsiasi scusa possibile per giustificarlo”.

Ultima ora

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

21:42In sala con i propri cani, iniziativa del Museo del Cinema

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - Una cinquantina di cani sono andati oggi...al cinema, con i loro padroni, per partecipare ad un evento speciale promosso dal Museo del Cinema di Torino in occasione della mostra in corso alla Mole Antonelliana 'Bestiale! Animal Film Stars' dedicata agli animali sul grande schermo, a cura di Davide Ferrario e Donata Pesenti Campagnoni. In sala, al Cinema Massimo, c'era anche Randy Haberkamp, dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences venuto appositamente da Los Angeles. Dopo un suo saluto padroni e animali hanno assistito alla proiezione di 'Clash of the Wolves' di Noel Mason Smith, del 1925, nella versione restaurata dalla Library of Congress di Washington, accompagnato al pianoforte dal maestro Stefano Maccagno. Il film racconta di Lobo, il famosissimo Rin Tin Tin, leader di un branco di lupi su cui è stata messa una taglia. Grazie alle sue amicizie e alla sua furbizie, il gruppo si salverà.(ANSA).

21:41Aborto: comune del Varesotto, area cimitero per feti

(ANSA) - SARONNO (VARESE), 17 OTT - Un'area del cimitero di Saronno (Varese) sarà destinata ai feti abortivi, spontanei o volontari, a seguito di un accordo stipulato all'amministrazione comunale del Comune con l'associazione "Difendere la vita con Maria". Lo rende noto l'ente locale. Ogni mese l'amministrazione organizzerà una cerimonia, alla presenza di un sacerdote, al termine della quale saranno interrati i feti raccolti in apposite scatole di colore bianco. Ci sarà anche un cippo dove sarà indicata la data della sepoltura.

21:27Di Francesco, a Stamford Bridge la Roma vuole 3 punti

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - Il Chelsea è "forte, anzi fortissimo", ma la Roma a Stamford bridge giocherà per i tre punti. Questa la promessa di Eusebio Di Francesco, alla vigilia della sfida contro i 'Blues'. "Avrò la possibilità di cambiare qualcosa rispetto alla partita con il Napoli, qualcosa farò ma sono decisioni che prenderò domani. La cosa più importante in questo momento, comunque, è preparare la partita per conquistare i tre punti. Il Chelsea è una squadra forte, anzi fortissima. Ma per crescere bisogna puntare sempre al massimo".

21:20Champions:Di Francesco, con Chelsea voglio approccio diverso

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - Eusebio Di Francesco promette contro il Chelsea un approccio differente rispetto a quello, troppo morbido, che ha condizionato l'ultima uscita contro il Napoli. "Sicuramente voglio un approccio differente - le parole dell'allenatore della Roma -. E i ragazzi lo sanno benissimo. Ma dall'altra parte ci sarà una squadra che ha una faccia feroce, perché ha appena perso contro l'ultima in classifica (il Crystal Palace, nell'ultimo turno di Premier League). Nonostante l'approccio sbagliato, comunque, nel complesso generale sabato la squadra ha reagito alla grande, e non c'è un grande divario con il Napoli. Questa consapevolezza ci deve dare forza".

21:03Calcio: Zaccheroni negli Emirati, mi chiedono i risultati

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Il presidente e la Federazione mi hanno chiesto di ottenere dei risultati e io farò il possibile, anzi l'impossibile, per centrare questi obiettivi. La Coppa d'Asia verrà organizzata qui, negli Emirati arabi, e noi dovremo assolutamente essere i protagonisti di questa competizione fra due anni. Può rappresentare un trampolino di lancio per successive competizioni che affronteremo". Così Alberto Zaccheroni nella conferenza stampa di presentazione, a Dubai, da nuovo ct della Nazionale. Gli emiri hanno scelto 'Zac' dopo avere incassato l'eliminazione dalla fase finale dei Mondiali 2018 e avere sollevato dall'incarico di ct l'argentino Edgardo Bauza. Zaccheroni ha già vinto la Coppa d'Asia alla guida del Giappone, nel 2011. Sull'account Twitter della Federcalcio di Abu Dhabi c'è un messaggio dedicato al tecnico italiano, che recita: "Benvenuto Capitano". Anche l'ambasciata italiana degli Emirati ha voluto accogliere il tecnico: "Benvenuto Zaccheroni, ti auguriamo il meglio in questo meraviglioso Paese".

Archivio Ultima ora