Per quanto tempo ancora l’Inps pagherà pensioni da fame in Venezuela?

Pubblicato il 27 novembre 2015 da redazione

pensionati-ambasciatore

CARACAS. – Circa un migliaio di pensionati si sono assiepati nel salone di conferenze di un noto hotel della capitale. Arrivano in tanti, alcuni soli, altri accompagnati da figli o nipoti. Nessuno vuole perdere l’occasione di ascoltare direttamente dalla bocca dell’Ambasciatore e dei Patronati quali possibilità ci siano di recuperare il valore della pensione da fame, in convenzione con l’Italia, che stanno ricevendo in questo momento o riceveranno dall’anno prossimo.

In un paese come il Venezuela, dove tra il tasso di cambio ufficiale preso in considerazione dalla Banca d’Italia e il tasso di cambio reale con il quale si muove l’economia e al cui valore vengono importati i prodotti poi venduti nei negozi, c’è una differenza di 100 volte, e l’inflazione ha ormai superato il 200% annuale. Come possono vivere i nostri pensionati con una pensione che per molti sfiora i 10 euro mensili?

pensionati-conferenzieri2

Sul tavolo dei conferenzieri erano schierati: Giovanni Di Vaira, coordinatore nazionale del patronato Inca in Venezuela; Maria Teresa Mastromatteo, del patronato Inas; Ugo Di Martino, presidente del Comites di Caracas; l’ambasciatore d’Italia Silvio Mignano; il console generale Mauro Lorenzini; Italo Berarducci, del patronato Acli; Gianluca Di Martino, del patronato Ital-Uil e Giuseppe Marinetti, del patronato Enas.

Dopo una breve presentazione di Gabriele Titone, dell’Organizzazione Italcambio, patrocinante dell’evento e sempre in prima fila nelle vicende che riguardano i nostri pensionati, prendeva la parola il presidente del Comites, Ugo Di Martino per chiarire l’obiettivo della convocazione: informare i pensionati dei passi che si stanno facendo in Italia presso i ministeri competenti e l’Inps per far conoscere la complessità della legge della convertibilità della moneta nazionale, il bolívar, con il dollaro e l’euro.

Quindi prendeva la parola l’ambasciatore Silvio Mignano per illustrare il perverso meccanismo che produce la riduzione delle pensioni in convenzione pagate dall’Inps: da un lato la pensione venezuelana nel corso degli ultimi anni è aumentata fino a raggiungere circa 9.500 bolívares, dall’altro lato il tasso di cambio ufficiale a cui il Banco Centrale calcola il valore della pensione in moneta straniera è rimasto invariato a 6,30 Bs per un dollaro, circa 7,00 bolívares per un euro.

Così i 9.500 bolívares si trasformano in circa 1.300,00 euro. Questo è l’importo che prende in considerazione l’Inps per calcolare la quota spettante all’Italia nella convenzione. Quindi si tratterebbe di far capire ai vari ministeri italiani implicati nella questione la realtà cambiaria del Venezuela affinché prendano in considerazione almeno il cambio Simadi.

Ha spiegato l’ambasciatore che personalmente ha sostenuto incontri con le Commissioni Bilancio
della Camera e del Senato; con il senatore Claudio Micheloni, presidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero; con l’on. Fabio Porta, presidente del Comitato permanente sugli italiani nel mondo; e con i direttori dei ministeri delle Finanze e del Lavoro che dovranno prendere, in ultima istanza, la decisione di come valorizzare il cambio da applicare alla quota pensione in convenzione pagata dall’Italia. Con la speranza che prima del 31 dicembre si possa avere una risposta positiva.

Per ultimo prendeva la parola Giovanni Di Vaira, coordinatore nazionale del Patronato Inca in Venezuela, il cui intervento riportiamo integralmente in quanto illuminante sui dubbi che ancora permangono sulla possibilità di trovare una soluzione adeguata alla problematica legata a una così profonda differenza tra i vari tipi di cambio nel paese.

pensionati-pubblico

Lo scopo di questa riunione è quello di spiegare i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni e quale potrebbe essere la situazione nel 2016. Con questa riunione si vuole anche chiedere ai pensionati di sostenere l’ iniziativa che stiamo portando avanti presso l’ INPS.
Di fronte al grave problema della riduzione delle pensioni i patronati abbiamo sempre operato in collaborazione con l’ Ambasciata e con il Consolato e abbiamo potuto contare sull’ impegno costante di tutti gli operatori e della Dottoressa Giannina Zusi del Consolato Generale d’Italia.

Molti pensionati si chiedono ancora perché la somma della loro pensione italiana é drasticamente diminuita mentre l’ Italia, è giustamente, tra i primi paesi a prodigare aiuti nel mondo.

Nei nostri uffici abbiamo spiegato che la pensione italiana percepita dai nostri anziani si basa, al 90% dei casi, sull’ accordo di sicurezza sociale firmato nel 1988 tra il Venezuela e l’ Italia.

Abbiamo anche chiarito molte volte che la somma annuale della pensione erogata dal “Seguro Social” è un elemento determinante per calcolare la parte di pensione italiana.

Infatti la normativa stabilisce che l’INPS, per calcolare la quota di pensione che gli compete pagare ai pensionati, deve obbligatoriamente prendere in considerazione, tra altre cose, anche il valore in euro della pensione pagata dall’altro paese, nel nostro caso il Venezuela.

L’elemento principale che determina questa operazione è il tasso di cambio. Come é noto, il tasso di cambio da vari anni non si é modificato ed é rimasto fermo a quello di 6,30 Bolivares per dollaro.

Nel frattempo, però, l’importo della pensione del “seguro social” si é più che triplicato passando da 2.047 Bolívares nel 2012 a 9.500 a novembre del 2015.

Questo vuol dire che al cambio ufficiale di 6,30 la pensione venezuelana, fuori dal paese, si rivaluta anno dopo anno e assume sempre un maggior valore. Negli ultimi 4 anni il valore di questa pensione é aumentato costantemente
2012 valeva 242 euro al mese;
2013 valeva 339 euro al mese
2014 valeva 319 euro al mese
2015 valeva 492 euro al mese.
Oggi, a novembre 2015, a seguito dell’ultimo aumento decretato dal Presidente della Repubblica, il valore in euro della pensione dell’IVSS é pari a 1.350 euro al mese.

Di fronte a questa somma di pensione così elevata l’INPS, applicando la normativa, comincia a ridurre e, man mano, a revocare tutti i benefici sociali che sono legati al reddito come l’assegno familiare, la maggiorazione, l’integrazione.

A partire da questa operazione l’INPS comincia a pagare solamente la quota di pensione spettante calcolata sulla sola contribuzione versata dai pensionati.

Ecco spiegato in parte perché moltissimi pensionati hanno cominciato a ricevere assegni di 15/20 euro ogni 3 mesi ed ecco perché tantissimi hanno ricevuto richieste di restituzione di somme non spettanti.

Quindi tutto il problema delle pensioni in Venezuela gira attorno al tasso di cambio di 6,30 che l’INPS ha dovuto adottare in virtù della legge cambiaria del paese.

Il punto su cui abbiamo tutti lavorato durante gli ultimi mesi è di far modificare questo tipo di cambio per uno più favorevole ai nostri pensionati, considerando che adesso in Venezuela esistono 3 tipi di tasso di cambio ufficiale.

La decisione spetta, ovviamente, alle autorità del paese, ma noi abbiamo comunque chiesto all’ INPS di cambiare posizione, di prendere una misura, se vogliano fuori dalla normalità, per far fronte ad un problema particolare ed unico, un problema che sta riducendo in povertà i nostri pensionati in Venezuela.

Abbiamo quindi chiesto all’INPS, con l’ appoggio di tutte le associazioni in Venezuela, del Deputato Fabio Porta e del Senatore Micheloni in Italia, di eliminare il cambio a 6,30 e considerare unicamente il cambio ufficiale chiamato “SIMADI” che si aggira attorno ai 190 bolivares e che si avvicina maggiormente al costo reale della vita.

I dirigenti dell’INPS si sono mostrati davvero molto sensibili ed hanno inviato un esaustivo rapporto al Ministero del Lavoro e a quello dell’ Economia e Finanza, chiedendo in sostanza l’autorizzazione ad applicare, per il Venezuela, il tasso di cambio “SIMADI” dal prossimo anno. Se una decisione positiva venisse adottata in questo senso, i nostri pensionati potrebbero riavere nel 2016 pensioni più alte e dignitose.

Noi siamo fiduciosi e crediamo che l’ Italia debba venire incontro ai pensionati italo-venezuelani che patiscono e soffrono più di chiunque ed hanno già pagato un caro prezzo ricevendo per tre anni briciole di pensioni.

Alla fine tutti i pensionati presenti hanno firmato il verbale per avvalorare quanto detto nella riunione e un documento di richiesta d’intervento dello Stato italiano sulla questione.

(epi/voce)

pensionati-pubblico3

LETTERA DELL’ON. FABIO PORTA

ALLA COMUNITA’ ITALIANA CHE VIVE IN VENEZUELA

Cari connazionali e amici,

quello del pagamento delle pensioni di importo irrisorio in Venezuela è un problema di giustizia e solidarietà che ci vede tutti impegnati per una sua rapida e definitiva soluzione.

Come sapete, mi sono da tempo attivato su più fronti – Inps, Ministero del Lavoro, Ministero dell’Economia e Parlamento – per sollecitare le varie istituzioni dello Stato italiano ad ascoltare con attenzione le proteste e le giuste rivendicazioni di migliaia di pensionati italiani che vivono in Venezuela una situazione di grave disagio economico e ho chiesto a tutti i miei interlocutori di non abbandonarli.

In particolare ed in concreto, al di là delle parole di circostanza, ho contattato e sensibilizzato i dirigenti della Direzione delle convenzioni internazionali dell’Inps, quelli della Direzione delle prestazioni previdenziali del Ministero del Lavoro e ho scritto una lettera ai Ministri del Lavoro Poletti e del’Economia Padoan.

Politici, funzionari ed istituzioni competenti sono quindi consapevoli del problema e mi risulta che stiano lavorando congiuntamente per una sua pronta e positiva definizione. Lo stesso Inps, in seguito alle mie sollecitazioni ed ai reclami che giungono dal Venezuela, ha predisposto poche settimane fa un “dossier” per i Ministeri interessati nel quale si spiegano le ragioni delle drastiche riduzioni degli importi delle pensioni dell’Istituto pagate in Venezuela e si propongono possibili soluzioni.

Ho nei giorni scorsi verificato direttamente al Ministero del Lavoro lo stato della situazione e mi è stato detto che il dossier è stato inviato dal Ministero del Lavoro al Ministero dell’Economia per un parere – che si presume debba essere quello risolutivo – e che la Ragioneria del Ministero dell’Economia abbia chiesto ulteriori chiarimenti all’Inps in ordine alla quantificazione dei costi nel caso in cui si adottasse il cambio più favorevole (“Simadi”) e alla Banca d’Italia in ordine alla fattibilità tecnica dell’utilizzo del cambio parallelo.

Insomma qualcosa si sta muovendo ai livelli decisionali e dobbiamo quindi seguire l’evoluzione della situazione con molta attenzione. Da parte mia vi garantisco il continuo impegno a seguire e vigilare l’attività di Ministeri ed enti coinvolti, attuando tutte gli interventi e sollecitazioni necessari per chiudere positivamente e definitivamente la vicenda.

Un affettuoso e cordiale saluto a tutti,

(On. Fabio Porta)

Ultima ora

19:36Funerale Riboldi: vescovo Acerra,è stato profeta di speranza

(ANSA) - ACERRA (NAPOLI), 13 DIC - "Il nostro don Antonio è stato un profeta, ha dato speranza al suo popolo, ha insegnato ai 'senzatutto' ad alzare la testa grazie al Vangelo e alla denuncia profetica". Così il vescovo di Acerra, Antonio Di Donna, durante l'omelia funebre per il suo predecessore Antonio Riboldi, vescovo emerito della città morto a Stresa nei giorni scorsi, che sarà tumulato nella cattedrale cittadina come da suo desiderio. Di Donna ha ricordato l'impegno di Don Riboldi per i terremotati della valle del Belice, e quello anticamorra ad Acerra. "Fino all'arrivo di Don Riboldi di camorra si parlava sottovoce - ha aggiunto il presule - lui si è esposto, l'ha fatto con la camorra, con le Br insieme al cardinale Martini, l'ha fatto per l'ambiente quando la camorra iniziava ad interrare ad Acerra i rifiuti tossici e forse questo è stato il suo più grande rammarico, perché non ha capito in tempo cosa stava succedendo".

19:31PyeongChang 2018: Malagò, se in doppia cifra facciamo molto

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Obiettivi per PyeongChang? Se andiamo in doppia cifra facciamo molto, poi bisogna capire la qualità del metallo che è sempre legata a tante variabili". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che in vista dei prossimi giochi invernali di PyeongChang 2018 alza l'asticella rispetto alle edizioni precedenti. "A Torino avevamo il vantaggio di giocare in casa e non fa testo - spiega il capo dello sport italiano a margine della festa di fine anno delle Fiamme Gialle al Salone d'Onore del Foro Italico -, a Vancouver abbiamo vinto cinque medaglie, a Sochi ne abbiamo vinte otto e negli ultimi giorni ne abbiamo rimediata un'altra per strada per la squalifica dell'atleta russo. Se a PyeongChang arriviamo in doppia cifra facciamo molto".

19:07Calcio: Atalanta, 4-1 in amichevole al Renate

(ANSA) - BERGAMO, 13 DIC - L'Atalanta ha vinto 4-1 l'amichevole d'allenamento contro il Renate (girone B della serie C) degli ex Oscar Magoni (direttore sportivo), Giuseppe Ungaro e Antonio Palma (infortunato il secondo prestito, Gabriel Lunetta). A segno, tutti nel primo tempo, Vido (1') su filtrante di Haas, Cornelius (5') di testa su traversone di Gosens, lo svizzero in spaccata (29') dopo il palo di Kurtic, Guido Gomez in diagonale per gli ospiti (38') e Orsolini (43') su rigore procurato dal tedesco. In campo anche i Primavera Guth, Del Prato, Kulusevski e Barrow; il tecnico Gian Piero Gasperini ha risparmiato tutti i titolari di ieri a Genova provando il 4-2-3-1.

19:02Sci: Sofia Goggia atleta dell’anno Fiamme Gialle

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Va alla sciatrice Sofia Goggia il premio di atleta dell'anno 2017 delle Fiamme Gialle. Il riconoscimento è stato reso noto oggi durante il tradizionale incontro di fine anno che si è svolto al Salone d'Onore del Coni alla presenza delle massime istituzioni sportive e del presidente Giovanni Malagò. Vera rivelazione della stagione invernale 2016-2017 con i suoi 13 podi in Coppa del Mondo e il bronzo conquistato nello slalom gigante di St. Moritz, Sofia Goggia è stata capace anche di salire sul podio in quattro delle cinque discipline dello sci alpino: discesa libera, super G, combinata e slalom gigante. Durante l'evento, organizzato da Unipol Sai, sono stati consegnati anche i premi alla carriera a quattro grandi atleti delle Fiamme Gialle che terminano l'attività agonistica: Luca Agamennoni, Elisabetta Sancassani, Laura Milani e Giulia Quintavalle, storico oro nel judo ai Giochi di Pechino 2008.

19:00Caccia a Igor: killer a processo per tre rapine del 2015

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Si è aperto al tribunale di Ferrara il processo a Igor il russo, alias di Norbert Feher, il killer serbo latitante accusato degli omicidi del barista di Budrio, Davide Fabbri, e della guardia volontaria Valerio Verri. Feher - chiamato Vaclavic Igor anche nel ruolo di udienza fuori dall'aula e non con il suo vero nome - viene processato per tre rapine commesse nell'estate 2015, secondo l'accusa di procura, carabinieri e polizia, con la sua banda composta da Ivan Pajdek e Patrik Ruszo, che sono già stati condannati in abbreviato rispettivamente a 15 e a 14 anni. "Sto difendendo un fantasma, lo so. Un imputato che in questo processo è accusato solamente dai suoi presunti complici, che lo indicano come capo della banda pur non ricordandone il nome (riferimento ai verbali di Pajdek e Ruszo, ndr)", ha detto l'avvocato Cristian Altieri, nominato da tempo d'ufficio. "Dove è Igor? - ha detto il legale - Me lo chiedono tanti giornalisti, ma non so cosa rispondere. Mai sentito né immagino dove possa essere". (ANSA).

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

Archivio Ultima ora