Muro contro muro tra Putin e Erdogan. Mosca rimette i visti

Pubblicato il 27 novembre 2015 da redazione

A handout picture provided by Turkish Presidential Press Office shows Russian President Vladimir Putin (L) and his Turkish counterpart Recep Tayyip Erdogan (R) attend a press conference in the new presidential palace in Ankara, Turkey, 01 December 2014.

A handout picture provided by Turkish Presidential Press Office shows Russian President Vladimir Putin (L) and his Turkish counterpart Recep Tayyip Erdogan (R) attend a press conference in the new presidential palace in Ankara, Turkey, 01 December 2014.

MOSCA. – Si fanno sempre più incandescenti i rapporti tra Mosca e Ankara dopo l’abbattimento di un jet militare russo da parte degli F-16 turchi. La Russia ha annunciato di avere nel pentolone dure misure economiche contro la Turchia e, in attesa di concretizzare le “serie conseguenze” minacciate da Putin, sta già assestando i primi colpi.

Innanzitutto ha deciso di ripristinare il regime dei visti tra i due Paesi a partire dal primo gennaio: una misura adottata dopo aver raccomandato ai cittadini russi di non visitare la Turchia e a quelli che si trovano là di rimpatriare a causa della “minaccia terroristica”. E poi – già da ieri – ha rafforzato i controlli sulle importazioni di generi alimentari turchi.

Erdogan non sta di certo a guardare. Da un lato cerca di ricucire la spaccatura con Mosca invitando Putin a una chiacchierata a quattr’occhi lunedì al vertice sul clima a Parigi: una proposta che però il leader del Cremlino non intende per ora accettare pretendendo prima delle scuse per “l’azione ostile” delle forze aeree turche.

Dall’altro non risparmia un duro monito alla Russia avvertendola che è meglio “non scherzare col fuoco”. Infuocate sono anche le parole che il presidente turco riserva a Mosca nel suo discorso in tv, in pratica un elenco di lunghe accuse: “Supportare il regime di Assad in Siria, che ha ucciso 380 mila persone, significa giocare col fuoco. Colpire gruppi di opposizione che hanno una legittimazione internazionale con la scusa di combattere contro l’Isis significa giocare col fuoco”.

Il ‘sultano’ tuttavia non chiude la porta del dialogo, lo stesso Cremlino ha ammesso che il leader turco ha chiamato Putin al telefono “circa 7-8 ore dopo” l’abbattimento del Su-24 russo al confine tra Siria e Turchia per una presunta violazione dello spazio aereo turco (che la Russia nega con decisione). L’uomo forte di Mosca pretende però delle scuse ufficiali da parte di Erdogan, e finché non arriveranno non sembra aver alcuna intenzione di parlare con lui né al telefono né in un faccia a faccia a Parigi.

Il rischio è quello di un lungo muro contro muro: “Se c’è una parte che deve scusarsi” è quella “che ha violato lo spazio aereo” turco, aveva infatti tuonato Erdogan appena ieri. Salvo poi tentare di gettare acqua sul fuoco dichiarando che “la Turchia avrebbe reagito diversamente se avesse saputo che l’aereo era russo”.

Ma questa è una versione che Mosca respinge con fermezza: anzi, secondo il capo di Stato maggiore dell’aeronautica russa, Viktor Bondarev, gli F-16 turchi avrebbero aspettato l’aereo militare russo in aria per un’ora e un quarto, dalle 9.11 alle 10.26 di martedì, e questo – stando al generale – proverebbe che “l’attacco era stato pianificato in anticipo”. Con il capo della Duma russa Serghei Narishkin che in un’intervista ad una tv romena arriva ad evocare il diritto ad una “risposta militare”.

Mosca e il regime di Damasco rivolgono però anche altre accuse alla Turchia: innanzitutto quella di acquistare greggio dall’Isis in quantità industriali. Una tesi ribadita dal ministro degli Esteri siriano, secondo cui Ankara fornisce all’Isis “armi e supporto logistico” in cambio di “petrolio rubato” dai jihadisti. Ma per la Turchia è invece il regime di Assad a comprare il petrolio del Califfato. In ogni caso, secondo il capo della diplomazia russa, Serghiei Lavrov, chiudere la frontiera turco-siriana sarà di grande utilità per “sradicare il terrorismo”.

Dietro il braccio di ferro tra Russia e Turchia – che fa parte sia della Nato sia della coalizione anti-Isis a guida Usa – ci sono gli interessi divergenti sulla Siria: i caccia e i bombardieri russi oltre a colpire l’Isis si abbattono coi loro raid sulle forze che contrastano le truppe del dittatore Bashar al Assad, fedele alleato di Putin.

Ankara – che pure nella stessa zona bombarda i curdi – accusa innanzitutto Mosca di aver preso di mira gli alleati turcomanni della Siria nord-occidentale e preme perché Assad lasci la poltrona presidenziale al più presto.

Nel frattempo, per evitare il rischio di ‘incidenti’ con le batterie di missili S-400 che Putin ha dispiegato al confine, la Turchia ha sospeso temporaneamente i suoi voli militari in Siria nell’ambito della coalizione in attesa di riaprire i canali di dialogo con Mosca.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

00:28Calcio: harakiri il Real Madrid, 0-1 in casa contro il Betis

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Real Madrid fa harakiri e perde al 94' in casa contro il Betis Siviglia, in gol con Sanabria, su servizio di Barragan, nel posticipo 5/a giornata della Liga. La sconfitta del Bernabeu fa sprofondare i 'blancos' a -7 dal Barcellona, che in classifica ha fatto percorso netto (cinque partite, cinque vittorie, 15 punti), e a -3 dai 'cugini' dell'Atletico Madrid, oggi vittoriosi nei Paesi Baschi, sull'Athletic Bilbao per 2-0. Malgrado il rientro di Cristiano Ronaldo, dopo la lunga squalifica, che si è vista infliggere per avere messo le mani addosso a un arbitro, non c'è stato nulla da fare per la formazione di Zidane che colleziona la prima sconfitta nella Liga, contro due vittorie e altrettanti pareggi. Il Real Madrid si trova in classifica alle spalle di Barcellona, Atletico e Siviglia, Valencia e Real Sociedad. Domani tre partite. (ANSA).

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

00:08Calcio: Pecchia “atteggiamento giusto, punto importante”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento, stasera la squadra ha messo in campo l'atteggiamento giusto, si è applicata bene, ha dimostrato i suoi veri valori. Forse potevamo essere più convinti nelle ripartenze, anche se onestamente negli episodi siamo stati fortunati". L'allenatore del Verona, Fabio Pecchia può finalmente sorridere per il punto conquistato con la Samp dopo due ko. "In questo momento non è semplice per la squadra esprimersi. Dobbiamo migliorare nel palleggio, magari con più personalità. Però l'atteggiamento è stato quello giusto, siamo stati più ordinati. E' un punto importante che deve far crescere la nostra autostima e farci lavorare con più voglia", ha proseguito. Marco Giampaolo analizza con serenità il pareggio del Bentegodi. "Nel primo tempo abbiamo avuto difficoltà nel trovare le giuste linee di passaggio, mentre nella ripresa abbiamo creato tanto. Abbiamo trovato comunque un Verona tonico, deciso a fare una buona prestazione. Comunque, la squadra ha finito in crescita e questo è certamente un ottimo aspetto".

23:57Calcio: Sarri,Mertens fuoriclasse ma non scomodiamo Maradona

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Il primo tempo non mi ha lasciato nessuna perplessità, perché eravamo pienamente in partita e infatti all'intervallo ho detto ai ragazzi di continuare così, perché l'avremmo messa a posto. Abbiamo incontrato una squadra in salute e abbiamo preso gol su una situazione sporca, ma il primo tempo è stato diverso rispetto a Bologna". Così Maurizio Sarri commenta la vittoria di Roma sulla Lazio. "In testa insieme alla Juventus? Cinque partite sono poche - aggiunge l'allenatore del Napoli -. Faccio i complimenti ai ragazzi, ma finisce lì. Il gol di Mertens come quello di Maradona? Non scomoderei Maradona, perché lì andiamo su livelli memorabili storici e assoluti, però Dries sta dimostrando di essere un fuoriclasse. Continua a cresce". "Fino a questo momento abbiamo fatto meno errori individuali rispetto alla passata stagione - conclude - ma il periodo è talmente limitato da risultare riduttivo: la vera sfida è mantenere questa attenzione per 10 mesi".

23:57Calcio:Milan, Montella “l’inizio campionato che speravamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "La squadra mi è piaciuta, anche se si può e si deve migliorare nella gestione dei vari momenti di gioco. Ma gli aspetti positivi sono molti, siamo sempre stati in partita. Ci auguravamo questo inizio, pur sapendo che era difficile con tanti giocatori nuovi: il Milan è destinato a crescere". Queste le parole dell'allenatore del Milan, Vincenzo Montella, dopo il successo sulla Spal a S.Siro. "Il 3-5-2 in questo momento è il modulo che mi dà più garanzie, a volte con due prime punte e a volte con una seconda punta - ha detto ancora -. André Silva è sempre stato partecipe, sono soddisfatto della sua prova: ha cercato di dare gol fino al 90', questa voglia deve mantenerla perché si toglierà delle soddisfazioni. In campo assieme Suso, Calhanoglu e Bonaventura? Può succedere".

23:54Calcio: Bucchi,felice per vittoria, per Sassuolo è anno zero

(ANSA) - CAGLIARI, 20 SET - Cristian Bucchi, tecnico del Sassuolo, è raggiante dopo la prima vittoria dei suoi, arrivata dopo tre sconfitte di fila. "Ogni giorno mi metto in discussione - dice -, però il lavoro si vede. Abbiamo vinto meritatamente per gioco e per occasioni, abbiamo creato tanto. Se qualcosa dobbiamo rimproverarci è che non dovevamo arrivare alla fine con il risultato aperto, dovevamo chiuderla prima". Ora come vede il futuro? "Questo è un anno zero per il Sassuolo - risponde Bucchi -, stiamo costruendo dopo cinque anni con Di Francesco con il suo gioco. Stiamo cambiando modulo. E penso che anche i ragazzi stanno facendo il massimo per interpretare questi schemi". Per Rastelli invece la sconfitta del suo Cagliari è immeritata. "È stata una partita molto aperta contro una grande squadra - spiega -. Abbiamo dato tutto ciò che potevamo. Nella ripresa abbiamo avuto tante occasioni, il pareggio ci stava: se fossimo stati più fortunati non sarebbe finita così. Abbiamo fatto una prestazione buona e i miei meritavano di più".

23:40Calcio: Allegri “vittoria importante. Higuain? Gol arrivano”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Questa è una vittoria importante, innanzitutto perché non abbiamo subìto gol. Abbiamo sofferto in alcuni momenti, senza mai rischiare, all'inizio e rischiando qualcosa nel finale, ma in generale devo fare i complimenti ai ragazzi: ci godiamo la vittoria, da domani pensiamo al derby". Così l'allenatore della Juve, Massimiliano Allegri, dopo la vittoria sulla Fiorentina. "Higuain? Si è sacrificato molto: deve solo continuare a giocare, piangersi addosso non serve a niente - ha detto il tecnico -. I gol arriveranno, sono momenti che passano: la prestazione di stasera è stata buona. Come tutta la squadra, deve migliorare la condizione, ma non mi preoccupa. Bentancur? Ha fatto una partita davvero importante, per personalità e tempi di gioco". "Il Napoli è cresciuto molto, gioca bene e lotterà per il titolo, ma i nostri antagonisti sono anche la Roma, l'Inter e il Milan".

Archivio Ultima ora