Muro contro muro tra Putin e Erdogan. Mosca rimette i visti

Pubblicato il 27 novembre 2015 da redazione

A handout picture provided by Turkish Presidential Press Office shows Russian President Vladimir Putin (L) and his Turkish counterpart Recep Tayyip Erdogan (R) attend a press conference in the new presidential palace in Ankara, Turkey, 01 December 2014.

A handout picture provided by Turkish Presidential Press Office shows Russian President Vladimir Putin (L) and his Turkish counterpart Recep Tayyip Erdogan (R) attend a press conference in the new presidential palace in Ankara, Turkey, 01 December 2014.

MOSCA. – Si fanno sempre più incandescenti i rapporti tra Mosca e Ankara dopo l’abbattimento di un jet militare russo da parte degli F-16 turchi. La Russia ha annunciato di avere nel pentolone dure misure economiche contro la Turchia e, in attesa di concretizzare le “serie conseguenze” minacciate da Putin, sta già assestando i primi colpi.

Innanzitutto ha deciso di ripristinare il regime dei visti tra i due Paesi a partire dal primo gennaio: una misura adottata dopo aver raccomandato ai cittadini russi di non visitare la Turchia e a quelli che si trovano là di rimpatriare a causa della “minaccia terroristica”. E poi – già da ieri – ha rafforzato i controlli sulle importazioni di generi alimentari turchi.

Erdogan non sta di certo a guardare. Da un lato cerca di ricucire la spaccatura con Mosca invitando Putin a una chiacchierata a quattr’occhi lunedì al vertice sul clima a Parigi: una proposta che però il leader del Cremlino non intende per ora accettare pretendendo prima delle scuse per “l’azione ostile” delle forze aeree turche.

Dall’altro non risparmia un duro monito alla Russia avvertendola che è meglio “non scherzare col fuoco”. Infuocate sono anche le parole che il presidente turco riserva a Mosca nel suo discorso in tv, in pratica un elenco di lunghe accuse: “Supportare il regime di Assad in Siria, che ha ucciso 380 mila persone, significa giocare col fuoco. Colpire gruppi di opposizione che hanno una legittimazione internazionale con la scusa di combattere contro l’Isis significa giocare col fuoco”.

Il ‘sultano’ tuttavia non chiude la porta del dialogo, lo stesso Cremlino ha ammesso che il leader turco ha chiamato Putin al telefono “circa 7-8 ore dopo” l’abbattimento del Su-24 russo al confine tra Siria e Turchia per una presunta violazione dello spazio aereo turco (che la Russia nega con decisione). L’uomo forte di Mosca pretende però delle scuse ufficiali da parte di Erdogan, e finché non arriveranno non sembra aver alcuna intenzione di parlare con lui né al telefono né in un faccia a faccia a Parigi.

Il rischio è quello di un lungo muro contro muro: “Se c’è una parte che deve scusarsi” è quella “che ha violato lo spazio aereo” turco, aveva infatti tuonato Erdogan appena ieri. Salvo poi tentare di gettare acqua sul fuoco dichiarando che “la Turchia avrebbe reagito diversamente se avesse saputo che l’aereo era russo”.

Ma questa è una versione che Mosca respinge con fermezza: anzi, secondo il capo di Stato maggiore dell’aeronautica russa, Viktor Bondarev, gli F-16 turchi avrebbero aspettato l’aereo militare russo in aria per un’ora e un quarto, dalle 9.11 alle 10.26 di martedì, e questo – stando al generale – proverebbe che “l’attacco era stato pianificato in anticipo”. Con il capo della Duma russa Serghei Narishkin che in un’intervista ad una tv romena arriva ad evocare il diritto ad una “risposta militare”.

Mosca e il regime di Damasco rivolgono però anche altre accuse alla Turchia: innanzitutto quella di acquistare greggio dall’Isis in quantità industriali. Una tesi ribadita dal ministro degli Esteri siriano, secondo cui Ankara fornisce all’Isis “armi e supporto logistico” in cambio di “petrolio rubato” dai jihadisti. Ma per la Turchia è invece il regime di Assad a comprare il petrolio del Califfato. In ogni caso, secondo il capo della diplomazia russa, Serghiei Lavrov, chiudere la frontiera turco-siriana sarà di grande utilità per “sradicare il terrorismo”.

Dietro il braccio di ferro tra Russia e Turchia – che fa parte sia della Nato sia della coalizione anti-Isis a guida Usa – ci sono gli interessi divergenti sulla Siria: i caccia e i bombardieri russi oltre a colpire l’Isis si abbattono coi loro raid sulle forze che contrastano le truppe del dittatore Bashar al Assad, fedele alleato di Putin.

Ankara – che pure nella stessa zona bombarda i curdi – accusa innanzitutto Mosca di aver preso di mira gli alleati turcomanni della Siria nord-occidentale e preme perché Assad lasci la poltrona presidenziale al più presto.

Nel frattempo, per evitare il rischio di ‘incidenti’ con le batterie di missili S-400 che Putin ha dispiegato al confine, la Turchia ha sospeso temporaneamente i suoi voli militari in Siria nell’ambito della coalizione in attesa di riaprire i canali di dialogo con Mosca.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

22:54Maltempo: 90enne muore in casa, neve impedisce funerale

(ANSA) - ARSITA (TERAMO), 21 GEN - In contrada San Nicola manca la corrente da una settimana, i cumuli di neve sfiorano i 4 metri, troppi perché qualsiasi mezzo possa raggiungere l'abitazione di una famiglia che, ad Arsita, gestisce un'azienda agricola con 150 capi di bestiame imprigionati in un capannone. E nella notte fra mercoledì e giovedì è morta, per cause naturali, una signora 90enne; in casa la figlia, il genero e due nipoti che solo domenica potranno ricevere la visita di un un medico legale e, forse, delle pompe funebri. L'altro giorno un 'gatto delle nevi' arrivato da Belluno, insieme a una turbina disponibile sul posto, ha aperto la strada principale del paese, ma per raggiungere questa abitazione i parenti della defunta hanno dovuto inforcare le ciaspole e camminare due ore. Lo hanno fatto per condividere il dolore con i congiunti, ma anche per portare taniche di benzina per un piccolo gruppo elettrogeno, generi alimentari e medicine. Con amici hanno spalato la neve dal tetto della stalla. Ora chiedono aiuto.

Archivio Ultima ora