I big della Terra e il nodo di come tagliare le emissioni di gas serra

Pubblicato il 28 novembre 2015 da redazione

Delegation members walk amongst poles bearing national flags at the front entrance of the COP21 World Climate Change Conference 2015 in Le Bourget, north of Paris, France, 28 November 2015.  ANSA/IAN LANGSDON

Delegation members walk amongst poles bearing national flags at the front entrance of the COP21 World Climate Change Conference 2015 in Le Bourget, north of Paris, France, 28 November 2015. ANSA/IAN LANGSDON

ROMA. – Quando, quanto e come tagliare le emissioni di gas serra: detta in soldoni, la questione sul tavolo del summit di Parigi è questa. E i soldi c’entrano eccome, perché un’economia ‘carbon free’ costa, anche se promette un buon ritorno d’investimento. In ballo, tra l’altro, ci sono 100 miliardi di dollari all’anno sino al 2020 che le nazioni ricche dovrebbero dare a quelle povere per far sì che la loro crescita non poggi sui combustibili fossili, com’è avvenuto in Occidente con due secoli di industrializzazione “sporca”.

Da Parigi dovrebbe uscire un accordo più che un trattato in questo senso, come ha annunciato il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, che presiederà il summit, in quella che è una concessione alle richieste Usa (in caso di trattato il presidente Obama dovrebbe sottoporlo al voto del Congresso).

“Ma alcune delle clausole saranno comunque legalmente vincolanti, non stiamo facendo letteratura”, ha detto Fabius al Financial Times. Progressi sul fronte delle emissioni sono stati già fatti, tanto che la ‘decarbonizzazione’ sembra una strada senza ritorno ormai imboccata (il nodo è la velocità a cui percorrerla). Nel 2014 le emissioni globali sono aumentate solo dello 0,5% totalizzando 35,7 miliardi di tonnellate di CO2. Per il 61% di questo carbonio i colpevoli sono soltanto quattro: Cina (30%), Stati Uniti (15%), Ue (10%) e India (6,5%), che sono anche i Paesi con il peso maggiore al tavolo negoziale della Cop21.

L’Unione Europea ha fatto i compiti a casa, e l’anno scorso ha tagliato le sue emissioni del 5,4%. Cina e Usa hanno registrato entrambe un incremento dello 0,9%, inferiore rispetto agli anni precedenti, mentre l’India ha avuto un aumento del 7,8%. I quattro big dell’inquinamento, insieme ad altri 170 Stati, hanno messo nero su bianco i propri impegni ‘non vincolanti’ per diminuire la CO2.

Gli Stati Uniti si impegnano a ridurre le emissioni del 26-28% nel 2025 rispetto ai livelli del 2005. L’Ue vuole ridimensionarle del 40% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. La Cina punta a raggiungere il picco massimo di emissioni entro il 2030, e a ridurre la CO2 per unità di Prodotto interno lordo del 60-65%. Le promesse dell’India prevedono di abbassare la CO2 legata al Pil del 30-35% nel 2030, e soprattutto di arrivare a produrre il 40% dell’elettricità da fonti non fossili nel giro di 15 anni. Tra le restanti nazioni, alcune come Etiopia, Messico e Marocco hanno presentato piani ambiziosi; altre come la Russia, il Canada, il Giappone e l’Australia non si sono sprecate troppo.

Facendo la somma degli impegni di tutti i Paesi, e assumendo che saranno rispettati, l’aumento della temperatura globale entro il 2100 sarà di 2,7-3 gradi. Troppi. L’obiettivo su cui il mondo converge è limitare l’impennata del termometro a due gradi rispetto ai livelli preindustriali, meglio ancora un grado e mezzo. Se si sfora, sostengono gli scienziati, gli effetti del cambiamento climatico potrebbero essere devastanti.

Un’economia ‘carbon free’ non è certo gratis, per metterla in atto la volontà politica va accompagnata allo stanziamento di risorse. Però i vantaggi, anche economici, superano i costi. Lo ha già detto da tempo la Banca Mondiale: combattere il cambiamento climatico farà crescere il Pil mondiale fino a 2.600 miliardi di dollari all’anno entro il 2030 in termini di nuovi posti di lavoro, aumento dei rendimenti agricoli e benefici di salute pubblica.

La scelta tra lotta al cambiamento climatico e crescita economica, insomma, è un falso dilemma. Non intervenire, al contrario, ha un costo notevole che finisce soprattutto sulle spalle dei più poveri. Un incremento delle temperature pari a tre gradi, avverte l’Oxfam, da qui al 2050 porterà a 790 miliardi di dollari all’anno il conto che i Paesi in via di sviluppo dovranno pagare per adattarsi al cambiamento climatico, cui si aggiungono 1.700 miliardi all’anno di perdite economiche. A quel punto i 100 miliardi elargiti dagli Stati ricchi sarebbero davvero poca cosa.

(di Laura Giannoni/ANSA)

Ultima ora

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

00:08Calcio: Pecchia “atteggiamento giusto, punto importante”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento, stasera la squadra ha messo in campo l'atteggiamento giusto, si è applicata bene, ha dimostrato i suoi veri valori. Forse potevamo essere più convinti nelle ripartenze, anche se onestamente negli episodi siamo stati fortunati". L'allenatore del Verona, Fabio Pecchia può finalmente sorridere per il punto conquistato con la Samp dopo due ko. "In questo momento non è semplice per la squadra esprimersi. Dobbiamo migliorare nel palleggio, magari con più personalità. Però l'atteggiamento è stato quello giusto, siamo stati più ordinati. E' un punto importante che deve far crescere la nostra autostima e farci lavorare con più voglia", ha proseguito. Marco Giampaolo analizza con serenità il pareggio del Bentegodi. "Nel primo tempo abbiamo avuto difficoltà nel trovare le giuste linee di passaggio, mentre nella ripresa abbiamo creato tanto. Abbiamo trovato comunque un Verona tonico, deciso a fare una buona prestazione. Comunque, la squadra ha finito in crescita e questo è certamente un ottimo aspetto".

23:57Calcio: Sarri,Mertens fuoriclasse ma non scomodiamo Maradona

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Il primo tempo non mi ha lasciato nessuna perplessità, perché eravamo pienamente in partita e infatti all'intervallo ho detto ai ragazzi di continuare così, perché l'avremmo messa a posto. Abbiamo incontrato una squadra in salute e abbiamo preso gol su una situazione sporca, ma il primo tempo è stato diverso rispetto a Bologna". Così Maurizio Sarri commenta la vittoria di Roma sulla Lazio. "In testa insieme alla Juventus? Cinque partite sono poche - aggiunge l'allenatore del Napoli -. Faccio i complimenti ai ragazzi, ma finisce lì. Il gol di Mertens come quello di Maradona? Non scomoderei Maradona, perché lì andiamo su livelli memorabili storici e assoluti, però Dries sta dimostrando di essere un fuoriclasse. Continua a cresce". "Fino a questo momento abbiamo fatto meno errori individuali rispetto alla passata stagione - conclude - ma il periodo è talmente limitato da risultare riduttivo: la vera sfida è mantenere questa attenzione per 10 mesi".

23:57Calcio:Milan, Montella “l’inizio campionato che speravamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "La squadra mi è piaciuta, anche se si può e si deve migliorare nella gestione dei vari momenti di gioco. Ma gli aspetti positivi sono molti, siamo sempre stati in partita. Ci auguravamo questo inizio, pur sapendo che era difficile con tanti giocatori nuovi: il Milan è destinato a crescere". Queste le parole dell'allenatore del Milan, Vincenzo Montella, dopo il successo sulla Spal a S.Siro. "Il 3-5-2 in questo momento è il modulo che mi dà più garanzie, a volte con due prime punte e a volte con una seconda punta - ha detto ancora -. André Silva è sempre stato partecipe, sono soddisfatto della sua prova: ha cercato di dare gol fino al 90', questa voglia deve mantenerla perché si toglierà delle soddisfazioni. In campo assieme Suso, Calhanoglu e Bonaventura? Può succedere".

23:54Calcio: Bucchi,felice per vittoria, per Sassuolo è anno zero

(ANSA) - CAGLIARI, 20 SET - Cristian Bucchi, tecnico del Sassuolo, è raggiante dopo la prima vittoria dei suoi, arrivata dopo tre sconfitte di fila. "Ogni giorno mi metto in discussione - dice -, però il lavoro si vede. Abbiamo vinto meritatamente per gioco e per occasioni, abbiamo creato tanto. Se qualcosa dobbiamo rimproverarci è che non dovevamo arrivare alla fine con il risultato aperto, dovevamo chiuderla prima". Ora come vede il futuro? "Questo è un anno zero per il Sassuolo - risponde Bucchi -, stiamo costruendo dopo cinque anni con Di Francesco con il suo gioco. Stiamo cambiando modulo. E penso che anche i ragazzi stanno facendo il massimo per interpretare questi schemi". Per Rastelli invece la sconfitta del suo Cagliari è immeritata. "È stata una partita molto aperta contro una grande squadra - spiega -. Abbiamo dato tutto ciò che potevamo. Nella ripresa abbiamo avuto tante occasioni, il pareggio ci stava: se fossimo stati più fortunati non sarebbe finita così. Abbiamo fatto una prestazione buona e i miei meritavano di più".

23:40Calcio: Allegri “vittoria importante. Higuain? Gol arrivano”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Questa è una vittoria importante, innanzitutto perché non abbiamo subìto gol. Abbiamo sofferto in alcuni momenti, senza mai rischiare, all'inizio e rischiando qualcosa nel finale, ma in generale devo fare i complimenti ai ragazzi: ci godiamo la vittoria, da domani pensiamo al derby". Così l'allenatore della Juve, Massimiliano Allegri, dopo la vittoria sulla Fiorentina. "Higuain? Si è sacrificato molto: deve solo continuare a giocare, piangersi addosso non serve a niente - ha detto il tecnico -. I gol arriveranno, sono momenti che passano: la prestazione di stasera è stata buona. Come tutta la squadra, deve migliorare la condizione, ma non mi preoccupa. Bentancur? Ha fatto una partita davvero importante, per personalità e tempi di gioco". "Il Napoli è cresciuto molto, gioca bene e lotterà per il titolo, ma i nostri antagonisti sono anche la Roma, l'Inter e il Milan".

23:40Calcio: Sarri, successo importante,questa era gara difficile

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ero tranquillo all'intervallo, la squadra stava facendo bene. La Lazio era in salute, ed è passata in vantaggio in una delle poche occasioni concesse. I ragazzi sono stati bravi nel secondo tempo, l'abbiamo ribaltata, bene anche la gestione. Sono punti che ci fanno piacere. In questo momento è un successo importante, perché loro avevano vinto contro la Juventus e il Milan, e questa era una partita a forte rischio". Così Maurizio Sarri, dopo il successo del Napoli in casa laziale. Anche il match di oggi ha evidenziato la forza dell'attacco napoletano, che ha segnato altre quattro reti, ma il tecnico sottolinea che "il nostro pensiero, oltre all'attacco, deve essere rivolto alla difesa. Oggi abbiamo fatto bene, abbiamo preso gol su una situazione sporca. Nella prima frazione loro si difendevano con ordine, grande gamba di Immobile sulle ripartenze, negli ultimi minuti della frazione siamo venuti fuori. Ci siamo comportati meglio rispetto alle ultime gare. Sono contento per i ragazzi, stanno lavorando bene".

Archivio Ultima ora