Niang scatenato, il Milan cala il poker alla Sampdoria

Pubblicato il 28 novembre 2015 da redazione

Ac Milan forward M'baye Niang scores a penalty against Uc Sampdoria goalkeeper Emiliano Viviano during the Italian Serie A soccer match between AC Milan and Uc Sampdoria  at Giuseppe Meazza stadium in Milan, 28 november  2015.  ANSA / MATTEO BAZZI

Ac Milan forward M’baye Niang scores a penalty against Uc Sampdoria goalkeeper Emiliano Viviano during the Italian Serie A soccer match between AC Milan and Uc Sampdoria at Giuseppe Meazza stadium in Milan, 28 november 2015.
ANSA / MATTEO BAZZI

MILANO. – Una donna capricciosa intriga e non annoia, dice Adriano Galliani poco prima della partita, riprendendo la metafora di Mihajlovic: il Milan è vivo, divertente, non delude e soprattutto non fa i capricci. Gioca bene e vince alla grande, 4-1, su una Sampdoria scialba e senza mordente. La mano di Montella ancora non si vede, nonostante le attese e le speranze che il presidente Ferrero appunta su di lui.

I rossoneri trovano un grande Niang che dimostra di aver imparato la lezione di Genova, presentandosi in campo come un giocatore maturo e scafato a dispetto dei sui 21 anni. E’ lui il protagonista, il mattatore e l’uomo gol ed è un peccato che Silvio Berlusconi non sia venuto a San Siro a godersi un Milan pimpante ispirato dal giovane attaccante francese.

Il presidente sognava una squadra giovane e italiana e la sua idea si sta facendo largo. Donnarumma è titolare stabile anche se all’inizio della partita si prende un grande rischio con un passaggio sfortunato che lo costringe a travolgere Eder. Niente di grave solo un’occasione persa per la Samp.

Il Milan sale subito in cattedra e già al 5′ fa capire che sarà la sua serata: Niang fa partire un velenoso cross che taglia l’area e si spegne sul fondo. Poco dopo, all’8′, Cerci va in gol su una respinta di Viviano ma la rete viene annullata per fuorigioco dell’attaccante rossonero. Prove tecniche di gol che arriva al 16′ e porta la firma di Jack Bonaventura che mette in rete un pallone perfetto pennellato per lui da Niang.

Meritato vantaggio del Milan che sbaglia poco o niente: veloce, aggressivo, solido e finalmente cinico. I blucerchiati sembrano non avere la forza di reagire: Eder si spegne, Fernando è assente ingiustificato, Muriel non pervenuto, De Silvestri deve trovare la forma dopo la lunga assenza. Errori e rassegnazione per la squadra di Montella che ha davvero tanto da lavorare.

Il Milan macina occasioni con Niang, Romagnoli e Cerci. Nella Sampdoria si mette in evidenza Soriano che al 25′ semina il panico in area cercando il triangolo con Muriel. L’azione non si concretizza e il Milan riprende a spingere alla ricerca del raddoppio. La carica dei rossoneri viene premiata al 37′ quando l’arbitro assegna un rigore per un plateale fallo di De Silvestri che trattiene Bonaventura. Trasforma Niang, freddo e preciso nel calciare dal dischetto.

La Sampdoria è tramortita: una rimonta sembra impossibile. Mihajlovic è tranquillo, finalmente vede il suo Milan che in apertura della ripresa fa tris ancora con Niang: dopo due occasioni (una di tacco), firma la sua prima doppietta in rossonero grazie a uno splendido destro che trafigge Viviano.

Il Milan prosegue il suo soliloquio, gioca in scioltezza, si diverte e fa divertire il pubblico. Bonaventura si conferma un pilastro e ora Niang pone la sua forte candidatura per una maglia da titolare. Così la Sampdoria si sgretola, vani i tentativi non troppo convinti di Soriano ed Eder. Le telecamere inquadrano Cassano, perplesso e infreddolito. Quest’anno non gira niente, Montella non può fare miracoli e non sarà facile raddrizzare una situazione che si fa sempre più difficile.

Il Milan avanza come una ruspa, affonda impietoso contro un avversario ormai inerme, ma Mihajlovic non si accontenta: poco dopo la mezz’ora, ‘sgrida’ Niang che si attarda in qualche preziosismo di troppo. Decide di sostituirlo con Luiz Adriano ed è subito poker: stop di petto e tiro al volo del brasiliano che sfrutta al meglio l’imbeccata di Cerci. Sempre lui manca la cinquina al 40′. Per la Samp gol della bandiera al 42′: arriva su rigore per un fallo di Poli su Eder che poi trasforma.

Il Milan risale la corrente e forse sta per lasciarsi definitivamente alle spalle il periodo dell’instabilità cronica e dei tentennamenti psicologici: gli obiettivi riprendono forma e sostanza, si avvicina la zona Champions con 23 punti in classifica, migliora il gioco, cresce la fiducia. Il Milan, da moglie capricciosa e bella, potrebbe trasformarsi in partner affidabile e matura, per la gioia del suo vulcanico allenatore, abile in campo e geniale anche con le parole.

Ultima ora

13:35Calcio: Allegri, fra 5 anni farò cose diverse da oggi

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Vincere a Cardiff sarebbe il coronamento del lavoro fatto in questi tre anni". Massimiliano Allegri è a caccia della vittoria più prestigiosa per il suo palmares, quella della Champions League. "Non sarà facile, ma sarebbe bello - spiega il tecnico della Juventus - Dobbiamo concentrarci su questo evento mondiale, che per eco mediatica è paragonabile al Superbowl". "Su cosa farò tra 5 anni - risponde poi a un'altra domanda in conferenza stampa - una vaga idea ce l'ho; anzi, ho un'idea abbastanza chiara, però non la dico ora perché altrimenti viene fuori un pandemonio. Quindi, la dirò più avanti. Ma credo che tra cinque anni la mia strada sarà completamente diversamente da quella di ora". Infine, sull'addio di Francesco Totti: "Gli faccio un grosso in bocca al lupo, per il suo futuro e per quello che deciderà. Bisogna ringraziarlo: ha fatto vedere all'Italia e al mondo quanto è bello il calcio, soprattutto quando è giocato ad altissimo livello. Per lui e per la Roma sono stati 20 anni indimenticabili".

13:31Cartucce e minacce in busta a sindaco nel Nuorese

(ANSA) - NUORO, 26 MAG - Quattro cartucce cal. 12 e una lettera con parole offensive nei confronti del sindaco di Siniscola (Nuoro), Gian Luigi Farris. E' il contenuto di una busta trovata dallo stesso primo cittadino questa mattina davanti al municipio. La missiva è stata aperta dagli artificieri della Polizia di Cagliari, chiamati dagli agenti del Commissariato, dopo l'allarme lanciato da Farris. Si tratta di una nuova minaccia nei suoi confronti. In meno di un mese è il secondo atto intimidatorio ai danni del sindaco: il 28 aprile all'apertura della suo bar caffetteria aveva trovato una finta bomba davanti alla porta d'ingresso. "Non mi fermeranno, continueremo ad agire nella legalità e trasparenza come abbiamo sempre fatto" aveva detto Farris in quell' occasione. La zona davanti al municipio era stata transennata in attesa dell'arrivo degli artificieri ma ora tutto è tornato alla normalità. Sul posto oltre agli agenti di Siniscola sono giunti anche gli quelli della Digos che hanno avviato le indagini.

13:31Boldrini, Laura Biagiotti un esempio per imprenditoria

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Sono vicina alla famiglia di Laura Biagiotti, una donna che ha rappresentato un modello per l'imprenditoria italiana". Lo dice la presidente della Camera Laura Boldrini dopo la scomparsa della stilista.

13:24Voucher: Lupi, per Palazzo Chigi ci saranno, bene

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Basta fare melina e confusione sui voucher. La nota di palazzo Chigi dice chiaramente che nella manovra verranno inseriti gli strumenti per regolamentare il lavoro saltuario. D'altronde il presidente del Consiglio si era così impegnato con me e con la capogruppo di Alternativa popolare al Senato Laura Bianconi. Ci sono in gioco centinaia di migliaia di giovani che altrimenti resterebbero senza questi lavori o sarebbero costretti ad accettarli in nero, una cosa ingiusta e inaccettabile". Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare.

13:22Cei: Bassetti, riflettere su grido bimbi in fondo al mare

(ANSA) - PERUGIA, 26 MAG - "Invito a riflettere sul grido dei bambini in fondo al mare mangiati dai pesci, sul grido delle persone straziate e su quello dei tanti poveri che vanno solo in cerca di pace e benessere": lo ha detto stamani il presidente Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, alla sua prima uscita pubblica, a Perugia, dopo la nomina a capo dei vescovi italiani. "Meno male che c'è chi li accoglie e speriamo che l'Europa faccia uno sforzo più grande", ha auspicato Bassetti. Secondo il porporato, "non sono le religioni che provocano violenze e terrorismo, sono loro schegge impazzite. Vediamo creature pazze di furore e impazzite di odio, ma anche per noi in passato è stato così: i terroristi rossi venivano anche dalle nostre università cattoliche". "Musulmani, ebrei e cristiani credono in un unico creatore - ha detto - e il mescolarsi delle razze è inevitabile".

13:22Egitto: attaccato bus copti, almeno 23 morti

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Almeno 23 persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite dopo che un gruppo di uomini armati ha attaccato un bus sul quale viaggiavano cristiani copti. Lo riferiscono i media locali. L'attacco è avvenuto a Minya, nel sud dell'Egitto. Il bilancio delle vittime è stato poi confermato dal governatore di Minya alla Tv CNBC e dal ministero della Sanità. A quanto si apprende, il bus con a bordo i cristiani copti era diretto al monastero di Anba Samuel, sulla rotta desertica a ovest dell'Alto Egitto. Gli uomini armati, riferisce Al Arabiya, hanno usato mitragliatrici nell'attacco contro il bus. Alcuni dei feriti, secondo quanto si apprende, sarebbero gravi.

13:19Migranti: Boldrini, no a commozione selettiva

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Si fa fatica a ricordare i lutti, questa sequenza continua di morti. Ci sono le stragi del terrorismo, ci sono i morti in mare: dovremmo riuscire a sentire lo stesso dolore per gli uni e per gli altri. Invece c'è chi si commuove in modo selettivo, c'è chi dà un ordine di commozione a scopo di consenso politico, abituando le persone alla disumanità. Perché questo è il tentativo: diventare disumani per essere più felici. Delegittimando le ong, che salvano le vite in mare, così nessuno ci farà sapere quanti sono i morti e giù la campagna di fango contro le ong. Tutto questo è molto inquietante". Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, parlando di sicurezza, accoglienza e cittadinanza durante un incontro a Montecitorio per i 60 anni dell'Arci.

Archivio Ultima ora