Clima: blocchi contrapposti sulla riduzione delle emissioni

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

Smog a Pechino

Smog a Pechino

ROMA,. – E’ uno scenario in chiaro-scuro e molto complesso quello dei Paesi che trattano per raggiungere un accordo sul clima. In grandi linee si possono dividere in tre blocchi: paesi industrializzati, paesi in via di sviluppo e paesi emergenti. Ma a differenza dei tempi del protocollo di Kyoto nel 1997, l’economia e la politica sono cambiate.

Nel rush finale che si sta compiendo a Parigi verso un patto con l’obiettivo di contenere l’aumento della temperatura media globale fra 1,5 e 2 gradi ciascuno va per la propria strada con indicazioni diverse sul contenimento dei gas serra. Seguendo non solo logiche ambientaliste. Fra i grandi inquinatori, gli Stati Uniti con Obama per la prima volta non sollevano problemi, anzi, vogliono trainare i negoziati.

Ci sono invece posizioni diverse fra i Paesi emergenti del gruppo Basic (Brasile, Sud Africa, India e Cina) mentre fanno vero blocco i Paesi del Cvf (Climate vulnerable Forum), quelli più a rischio a causa dei cambiamenti climatici che temono di ‘affogare’, letteralmente, sommersi dall’innalzamento degli oceani.

La Russia per la prima volta sembra non mettersi di traverso, alle prese piuttosto con questioni internazionali, mentre chi questa volta potrebbe vestire i panni del ‘guastatore’ possono essere i paesi che producono petrolio, in particolare Arabia Saudita e Venezuela.

USA – Obama vuole guidare il cambiamento, ammettendo il ruolo degli Stati Uniti nell’aver creato il problema. Conta sul fatto che l’accordo quadro sarà un ‘executive agreement’, cioè un accordo in applicazione della Convenzione quadro delle nazioni Unite sul clima di Rio del 1992, che fu un trattato internazionale. Essendo stato quest’ultimo già sottoscritto dal Senato americano, per il ‘Paris agreement’ non occorrerebbe il voto del Senato (che sarebbe negativo) ma solo la ratifica di Obama.

BASIC – Brasile e Sud Africa sono alle prese con problemi interni rispettivamente di ordine politico ed economico e vedono questa occasione per rilanciare la propria economia puntando su aiuti da parte dei Paesi industrializzati. Sulle emissioni di CO2, invece, Cina e India hanno posizioni diverse.

La Cina, primo grande inquinatore e alle prese con livelli record di smog, ‘da rischio sopravvivenza’, vuole riconvertire la propria economia. Ha versato l’equivalente di tre miliardi di dollari in un fondo per la cooperazione con i Paesi del sud del mondo, per aiutarli nell’uso di energie pulite. Punta ad andare, quindi, in scia a Usa e Ue, anche se i suoi impegni di riduzione di gas serra slittano al 2030.

L’India, invece, terzo grande inquinatore al mondo, è più recalcitrante. E’ disposta ad un piano di riduzione di emissioni ambizioso in proporzione agli aiuti economici che potrà ricevere.

CVF – I Paesi del Sud del mondo, dalle Filippine alle Maldive, che sono più vittime che protagonisti dell’inquinamento, vogliono essere risarciti dei danni che hanno subito a causa soprattutto di inondazioni e sono disposti a produrre energia green. A condizione di avere aiuti economici.

Il loro potere nei negoziati è in un centinaio di voti che possono muovere nella votazione sull’accordo. Infine, un ostacolo nei negoziati potrebbe essere rappresentato dai big del petrolio, Venezuela e Arabia Saudita in primis, che ne risentirebbero dalla prospettiva di un’economia senza combustibili fossili.

(di Stefania De Francesco/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora