La polemica tra Almagro e Maduro. Scende in campo il “Generale Carestia”

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

MADURO-ALMAGRO

Botta e risposta. Luis Almagro, Segretario Generale dell’Osa, non ci sta. E agli insulti del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, che l’ha chiamato “immondizia”, risponde a brutto muso. Non, come in precedenza, con una “lettera privata”, alla quale comunque hanno poi avuto accesso i mass-media, ma con un comunicato pubblico.

In pratica, una “Lettera Aperta”, scritta con garbo ma con fermezza, nel corso della quale sciorina i tanti problemi insiti nel sistema democratico venezuelano. Almagro, nel comunicato, esprime preoccupazione per la violenza nel paese e sottolinea la necessità di assicurare ai differenti attori politici, siano essi protagonisti di rilievo o no, protezione durante il processo elettorale che si concluderà domenica 6 dicembre.

Il Segretario Generale dell’Osa ricorda il vile assassinio del leader socialdemocratico Luis Manuel Díaz e reitera che “la morte di un esponente politico, durante una campagna elettorale, è una ferita mortale alla democrazia”. Almagro, inoltre, sottolinea che “non si è ‘immondizia’ quando si condanna l’assassinio di un dirigente politico, né quando si chiede l’intervento delle autorità per fermare la violenza nel Paese”.

Neanche lo si è, prosegue il Segretario dell’Osa nel suo comunicato, quando si afferma che “l’assassinio di un leader politico, di qualunque persona, è un fatto abominevole” che la nostra coscienza non può né deve accettare.

Almagro, nella sua lunga “Lettera Aperta”, ha chiesto che ogni venezuelano, “indistintamente dal suo credo politico, possa esprimere liberamente le proprie idee politiche e tornare a casa tranquillamente e sicuro”. Ha quindi sostenuto che “ogni morte deve essere fonte di profondo dolore”.

E che non si è ‘immondizia’ quando si sostiene “che non vi devono essere altri morti, che non vi devono essere altre minacce, e che è ora di mettere punto finale alla paura”.

Le parole di Almagro, a occhio e croce, ricalcano il coro di voci che si è alzato nei giorni scorsi, sia internamente che a livello internazionale, chiedendo al presidente Maduro di fare luce sull’assassinio del leader di Acción Democrática e di provvedere alla sicurezza dei leader politici che aspirano a un posto in Parlamento, siano essi filo-governativi o dell’Opposizione.

L’assassinio di Luis Manuel Dìaz, colpito a morte durante un comizio, ha provocato l’indignazione dell’Opinione pubblica mondiale. Il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, non ha indugiato nel commentare che “quanto accaduto in Venezuela merita la condanna unanime del mondo”.

Non meno energica è stata la nota ufficiale del governo degli Stati Uniti, immediatamente rispedita al mittente dalla ministro degli Esteri, Delcy Rodríguez, che l’ha considerata “un’ingerenza inaccettabile nei fatti interni del Paese”.

L’assassinio del dirigente socialdemocratico non è passato inosservato all’Onu. Zeid Ra’ad Al Hussein, che ne presiede la Commissione dei Diritti Umani, ha invitato le autorità a dare protezione ai leader dell’Opposizione e ai difensori dei Diritti Umani nel Paese. E ha ricordato, come già fatto personalmente al presidente Maduro durante la sua recente visita all’Onu, che “uno Stato sovrano deve accettare le critiche e proteggere chi si oppone alle politiche del Governo”.

Dal Sud di questa parte dell’America non mancano le critiche al governo del presidente Maduro. Marcos Peña, capo del Gabinetto del neo-eletto presidente argentino Mauricio Macri ha reiterato l’orientamento in politica estera a suo tempo annunciata dal capo dello Stato. E ha sostenuto che “quanto accade in Venezuela rappresenta una frattura dello spirito democratico” e del “rispetto dei Diritti Umani”. Parole pronunciate nonostante la cautela dei soci del Mercosur, in particolare degli alleati tradizionali del governo del presidente Maduro.

Bisognerà attendere lo sviluppo della campagna elettorale, il rush finale, e quindi l’esame delle urne. Comunque sia, la corsa al Parlamento prosegue dando nuovi spunti agli analisti dei fenomeni politici. Il Consiglio Nazionale Elettorale ha ordinato il black-out sui sondaggi per permettere agli elettori un periodo prudente di riflessione.

Tra le file del Governo si teme il “Generale Carestia”. Non sarà come il “Generale Inverno”, che in Russia determinò l’inizio della ritirata e della posteriore débâcle prima dell’esercito invincibile di Napoleone, poi della travolgente armata tedesca. Comunque, fa paura poiché le conseguenze potrebbero essere ugualmente disastrose.

Oscar Schemel, analista e direttore di Hinterlaces, ha commentato che quelli dell’opposizione non saranno “voti militanti” ma di protesta. In parte è vero. L’Opposizione non ha presentato un programma organico in cui l’elettorato potesse riconoscersi. Ha fatto invece leva sull’anti-chavismo. Per Schemel, molto prudente nei suoi apprezzamenti, il vero avversario del governo è la sua performance nell’ambito dell’economia.

E, in effetti, la mancanza di beni essenziali, specialmente nelle ultime settimane, ha obbligato i venezuelani a rivolgersi sempre più ai “bachaqueros” (venditori ambulanti che offrono i prodotti irreperibili nei supermarket a prezzi esorbitanti). Così il salario, già per sé insufficiente per l’acquisto di un carrello della spesa, diventa fumo. Si teme che a metà gennaio, senza importare chi trionferà nelle Parlamentari di domenica, si dovranno approvare provvedimenti severi per superare la crisi.

In primo piano, l’incremento della benzina e la svalutazione progressiva della moneta. La proposta più accreditata, oggetto di analisi nei ministeri dell’economia, pare sia quella dell’incremento mensile della benzina. L’obiettivo, raggiungere a fine anno un prezzo di equilibrio, tale da permettere almeno di sostenere le spese di produzione.

D’altro canto, pare che da tempo sia in studio la svalutazione programmata e progressiva della moneta. Il provvedimento dovrebbe permettere lentamente di ridurre la forbice tra mercato parallelo e mercato ufficiale. L’obiettivo, alla fine del prossimo anno, è quello di poter stabilire un sistema di fasce entro il quale permettere alla moneta di oscillare liberamente. Dovrebbe comunque restare un tasso di cambio ufficiale per le operazioni del governo e alcune importazioni.

Il pericolo latente è che, come avvenuto negli anni ’60 e ’70 con la proposta “cepalina” dell’Industrializzazione Sostitutiva delle Importazioni, per aiutare la fascia più umile della popolazione si stimolino le importazioni di beni di prima necessità e, contemporaneamente si castighi un settore dell’industria nazionale, proprio quella orientata al consumo di beni di prima necessità.

Domenica, quindi, si vota. E tutti, a prescindere dalle passioni politiche, non possono mancare all’appuntamento con la democrazia. Partecipare è non permettere ad altri di decidere per noi. E’ essere protagonisti e non semplici spettatori.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

23:41Manchester: Telegraph, arrestata una donna

(ANSA) - MANCHESTER 24 MAG - Una donna è stata arrestata a Manchester, in relazione all'attacco suicida di lunedì sera, che ha provocato la morte di almeno 22 persone e decine di feriti al termine del concerto di Ariana Grande, nell'Arena della città inglese. Lo scrive su Twitter il Telegraph. Secondo l'emittente Itv, l'arresto è frutto di una operazione armata della polizia locale e di unità antiterrorismo, in un quartiere di torri residenziali a nord della città. Testimoni hanno sentito una forte esplosione, mentre la polizia penetrava in serata in una palazzina di Northland Road a Blackley. Uno degli abitanti del quartiere, Chris Barlow, ha detto di aver parlato con uno degli agenti dell'unità antiterrorismo, secondo cui la polizia ha fatto saltare per aria la porta di uno degli appartamenti e ha portato via un paio di persone. Secondo fonti della polizia di Manchester "c'è stata una perquisizione e una donna è stata arrestata in relazione all'inchiesta sull'incidente all'Arena di Manchester".

23:35Venezuela: procura accusa forze ordine per morte dimostrante

(ANSA) - CARACAS, 24 MAG - La Procuratrice nazionale venezuelana, Luisa Ortega Diaz, ha detto oggi che un manifestante morto il 26 aprile a Caracas è stato ucciso durante una protesta antigovernativa da un lacrimogeno sparato dalla Guardia Nazionale ad altezza d'uomo, sottolineando che questa pratica è illegale e proibita. In una conferenza stampa, Ortega Diaz ha mostrato ai cronisti la granata lacrimogena che avrebbe ucciso lo studente ventenne Juan Pernalete: "E' molto pesante", ha detto, spiegando che gli avrebbe provocato uno shock cardiaco per trauma del torace. Questa versione sulla morte di Pernalete smentisce in modo categorico quella presentata in precedenza dal ministro per la Comunicazione, Ernesto Villegas, e dal suo collega degli Interni, Nestor Reverol, che avevano escluso ogni responsabilità della Guardia Nazionale nella morte del giovane.

23:35Calcio: 2-0 all’Ajax, Europa League allo United

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Con un gol per tempo, il Manchester United piega l'Ajax e si aggiudica la sua prima Europa League, già Coppa Uefa, l'unico trofeo che mancava nella sua sontuosa bacheca. Riscattando così una stagione in Premier League non esaltante, conclusa al 6/o posto che, evidentemente, non sarebbe bastato per accedere alla prossima Champions League. Alla Friends Arena di Stoccolma, si comincia con un minuto di silenzio per le vittime dell'attentato di lunedì scorso, rotto ben prima del termine dall'applauso del pubblico che inneggia alla città colpita dal terrorismo. Poi, spazio al calcio, anche se lo spettacolo, come spesso nelle finali, non è quello delle partite indimenticabili. L'equilibrio si rompe al 18' con il gol di Pogba, il cui tiro dal limite viene deviato dal difensore Sanchez, che inganna Onana. L'Ajax, ben arginato dal Manchester, non riesce ad organizzare una vera reazione e così, al 3' della ripresa, arriva il 2-0: lo segna Mkhitaryan raccogliendo in acrobazia sotto porta una deviazione di Smalling.

22:53Calcio: Milan, Gattuso vicino alla panchina della Primavera

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Gennaro Gattuso è vicino a tornare al Milan come allenatore della squadra Primavera. Oggi, infatti, c'è stato un contatto tra la nuova dirigenza e l'ex centrocampista, reduce dalla sfortunata esperienza con il Pisa in Serie B culminata con la retrocessione: si respira ottimismo sulla possibilità di trovare un accordo per sostituire alla guida della Primavera l'altro ex rossonero Stefano Nava. Gattuso ha militato nel Milan dal '99 al 2012, vincendo tra le altre cose due scudetti, due Champions League e una Coppa del mondo per club.

22:24Nepal: primo ministro maoista si dimette per patto governo

(ANSA) - KATHMANDU, 24 MAG - Il primo ministro nepalese Pushpa Kamal Dahal, del Partito comunista di ispirazione maoista) ha rassegnato oggi le sue dimissioni a Kathmandu, in rispetto di un accordo di alternanza raggiunto con il partner della coalizione governativa (Partito del Congresso). Lo ha annunciato in un messaggio televisivo lo stesso Dahal, conosciuto anche con il suo vecchio nome di battaglia di 'Prachanda'. Dopo l'annuncio, il premier si è recato dalla presidente, Bidya Devi Bhandari, a cui ha consegnato la lettera ufficiale di dimissioni. Dopo i primi nove mesi di governo della coalizione di centro-sinistra, cominciati nell'agosto scorso, ora la guida del governo sarà assunta dal leader del partito del Congresso, Sher Bahadur Deuba. La transizione durerà alcune settimane durante le quali Dahal resterà in carica per assicurare la copertura degli affari correnti.

22:19Usa: Amnesty, perse tracce 1 mld dlr armi anti-Isis a Iraq

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAG - Le forze armate Usa non sono riuscite a mantenere adeguatamente le tracce di centinaia di veicoli militari (humvee), di decine di migliaia di fucili e di altri pezzi di equipaggiamenti militare mandati in Iraq per armare l'esercito governativo, le milizie sciite e i peshmerga curdi, per un totale di oltre un miliardo di dollari. Lo rivela un controllo governativo iracheno del 2016 ottenuto e diffuso da Amnesty International (Ai), scrive il Wp. Un audit del 2015 aveva evidenziato gli stessi problemi, compresa la quasi totale assenza di una registrazione da parte di Baghdad. Il materiale bellico era stato fornito nell'ambito dell'Iraq Train and Equip Fund, un programma per sostenere l'esercito iracheno a combattere l'Isis. Il timore è che parte delle forniture possa essere finite nelle mani sbagliate.

21:30Calcio: Manchester, lutto al braccio e minuto di silenzio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Manchester United e Ajax, squadre finaliste di Europa League, hanno osservato un minuto di silenzio prima della partita in corso ora alla Friends Arena di Stoccolma, in onore delle vittime dell'attentato di lunedì sera al concerto di Ariana Grande. Ben prima del termine dell'omaggio, con i giocatori abbracciati in mezzo al campo, il pubblico non ha trattenuto il silenzio e si è unito in un applauso inneggiando alla città colpita dal terrorismo. La squadra di Mourinho gioca con il lutto al braccio.

Archivio Ultima ora