Costruire il futuro del Paese

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da Mauro Bafile

Partecipazione. Questa è sempre stata, e deve esserlo anche oggi, la parola d’ordine. D’altronde la nostra Collettività è parte integrante del tessuto sociale del paese. Ha vissuto momenti di angoscia, di paura, di tristezza e di nostalgia quando, negli anni grigi della dittatura militare, lasciata l’Italia, cominciava a costruire il proprio futuro in questa terra generosa; di prosperità e di progresso, quando l’economia del Paese cresceva a ritmi incalzanti confortata da una moneta “forte”; e di difficoltà e preoccupazione, oggi che il tessuto produttivo è in crisi e la moneta è vittima di una profonda svalutazione.
Partecipare per contare. Domenica 6 dicembre, in Venezuela si vota. Il paese è chiamato alle urne per rinnovare le cariche dell’istituzione cuore e perno della democrazia: il Parlamento. Sarà una giornata importante in cui il Venezuela manifesterà nuovamente la propria fede in un sistema, quello democratico, alternativa al “caudillismo latinoamericano” e alla vocazione autoritaria che dovrebbero essere ormai parte del passato. Partecipare è sostenere e difendere l’impianto democratico da quel “cesarismo democràtico” – Laureano Vallenilla Sanz, dixit – che ancora ha simpatizzanti.
Recessione, inflazione, povertà. Il Venezuela, oggi, vive un momento particolarmente difficile. Non si conoscono le dimensioni della crisi economica. Le autorità competenti sono restie a render note statistiche e proiezioni. E allora ci si deve fidare degli organismi multilaterali, delle organizzazioni di categoria, degli istituti di ricerca delle Università e degli economisti d’indiscussa reputazione. Stando al “The World in 2016” della prestigiosa rivista “The Economist”, il Prodotto Interno Lordo, il prossimo anno, soffrirà una contrazione del 6,5 per cento. Anche il 2016, come l’anno che sta per finire, sarà caratterizzato da un processo preoccupante d’inflazione. Oggi viviamo l’anomalo fenomeno della “stagflaction”. Ovvero, l’inconsueto mix di alta contrazione economica alla presenza di una spirale inflattiva che, nel caso del nostro Paese, è quasi iperinflazione.
Ma la “stagflaction”, che in Venezuela caratterizzò gli anni ’80 e principio dei ’90, è oggi accompagnato da un altro fenomeno inquietante: la mancanza di beni di consumo – leggasi latte, burro, uova, pasta, farina, riso, pollo, carne e così via di seguito -, prodotti per l’igiene personale – dalla saponetta allo shampoo, dal dentifricio al deodorante – e medicine di ogni tipo. E’ una carenza che sommata alle lunghe file alle porte dei supermarket per acquistare un prodotto del carrello della spesa, alimenta sentimenti di frustrazione e di rabbia mal repressa. E poi c’è la povertà. A dispetto di quanto affermano le autorità, questa, se diamo credito alle tre più prestigiose università del Paese – “Universidad Central de Venezuela”, “Universidad Católica Andrés Bello”, “Universidad Simón Bolívar” – colpisce già più del 70 per cento delle famiglie e quasi l’80 per cento dei venezuelani.
“Guerra economica”, politiche industriali errate, gestione impropria dei beni pubblici, corruzione. Governo e opposizione, secondo i propri punti di vista, danno una diversa spiegazione dei fenomeni che oggi causano il deterioramento della qualità di vita delle singole persone e delle famiglie che ogni giorno devono fare i conti con la realtà.
Domenica è l’occasione per premiare o castigare Governo o Opposizione. Ma, soprattutto, per dare nuovo ossigeno alla democrazia con la partecipazione e il voto. Restare in casa non è un’opzione. Non può essere una scelta. Il 6 dicembre dobbiamo essere tutti protagonisti, dopo una settimana, quella appena iniziata, di riflessione. Con il voto, anche noi dobbiamo contribuire a costruire il futuro del Paese.

Ultima ora

20:11Incidenti montagna: precipita per 200 metri nel Meranese

(ANSA) - BOLZANO, 21 OTT - Un uomo di 55 anni, Dietmar Reisigl, di Silandro, è morto dopo essere precipitato per 200 metri da un sentiero nel gruppo del Tessa nel Meranese. L'altoatesino stava scendendo verso le ore 16 dal rifugio Hahnenkamm, nella zona di Rifiano, quando a quota 2.000 metri improvvisamente è precipitato davanti alle sue due compagne d'escursione. Subito sono partiti i soccorsi, ma purtroppo per l'uomo non c'è stato più nulla da fare. E' morto sul posto. Il soccorso alpino, con l'ausilio del elicottero Pelikan 2, ha recuperato la salma che è stata trasportata nella vicina Merano. Sul posto anche i Carabinieri.

19:58Golf: Andalucia, rimonta Manassero

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Matteo Manassero si porta dal 36/o al 12/o posto con 212 (70 74 68, -1) colpi dopo il terzo giro nell'Andalucia Valderrama Masters di golf, torneo dell'European Tour che si sta svolgendo sul percorso del Real Club Valderrama (par 71), a Sotogrande, in Spagna. E' risalito anche Nino Bertasio da 44/o a 21/o con 214, stabile Renato Paratore, 44/ con 217 ed è finito in bassa classifica Edoardo Molinari, 59/o con 221. Ha preso il comando lo spagnolo Sergio Garcia (205, -8) seguito dall'inglese Daniel Brooks (206, -7), autore con 64 (-7) del miglior score del turno. Saranno in corsa per il titolo nel giro finale anche l'olandese Joost Luiten, terzo con 207 (-6), in vetta dopo 2 giri, il gallese Jamie Donaldson e lo scozzese Scott Jamieson, quarti con 208 (-5), e l'australiano Wade Ormsby, sesto con 210 (-3). Qualche chance anche per i 5 concorrenti in 7/a posizione con 211 (-2): lo statunitense Julian Suri, l'irlandese Shane Lowry, il danese Anders Hansen, il portoghese Ricardo Gouveia e l'inglese Robert Rock.

19:53Incidenti montagna: precipita per 200 metri nel Meranese

(ANSA) - BOLZANO, 21 OTT - Un uomo di 55 anni, Dietmar Reisigl, di Silandro, è morto dopo essere precipitato per 200 metri da un sentiero nel gruppo del Tessa nel Meranese. L'altoatesino stava scendendo verso le ore 16 dal rifugio Hahnenkamm, nella zona di Rifiano, quando a quota 2.000 metri improvvisamente è precipitato davanti alle sue due compagne d'escursione. Subito sono partiti i soccorsi, ma purtroppo per l'uomo non c'è stato più nulla da fare. E' morto sul posto. Il soccorso alpino, con l'ausilio del elicottero Pelikan 2, ha recuperato la salma che è stata trasportata nella vicina Merano. Sul posto anche i Carabinieri. (ANSA).

19:50Trump, sconfitta Isis a Raqqa, ‘una svolta significativa’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La sconfitta dell'Isis a Raqqa "rappresenta una svolta significativa" nella campagna internazionale contro lo Stato islamico "e la sua ideologia malvagia". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aggiungendo che "con la liberazione della capitale dell'Isis e della vasta maggioranza del suo territorio, la fine del Califfato dell'Isis è in vista".

19:47Catalogna: in 450mila a manifestazione Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Secondo la polizia urbana di Barcellona circa 450mila persone hanno partecipato alla grande manifestazione convocata nella capitale catalana per chiedere la liberazione dei "detenuti politici" Jordi Sanchez e Jordi Cuixart e denunciare le misure decise questa mattina contro la Catalgna dal premier spagnolo Mariano Rajoy.

19:38Scherma: spada, Navarria vince a Tallinn

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Mara Navarria vince a Tallinn la prima prova della nuova stagione di Cdm di spada femminile. L'atleta dell'Esercito ha battuto nel duello decisivo la campionessa del mondo 2017, la russa Tatiana Gudkova, col punteggio di 15-12, conquistando il 4/o successo in Coppa della sua carriera. Era approdata in finale dopo il 15-13 in semifinale contro la campionessa olimpica di Rio 2016, l'ungherese Emese Szasz, che aveva fatto seguito al successo ottenuto ai quarti di finale contro la svizzera Laura Staehli, sconfitta 15-7. "Non potevo sperare in un inizio migliore - ha detto Navarria dopo la vittoria -. Dopo aver vinto tutti gli assalti del girone ed essere approdata al main draw, sono uscita dal palazzetto e sono andata in riva al Baltico dove ho ricercato concentrazione ed un po' di ispirazione che oggi mi sono state utilissime. Ho avuto buone sensazioni sin dal primo match. Ho provato a cambiare spesso la mia scherma nel corso degli assalti e questo ha creato difficoltà alle mie avversarie".

19:37F1: Usa, Hamilton domina ultime libere, 2/a Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Terze e ultime prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti nel segno di Lewis Hamilton. Il leader del Mondiale ha segnato il miglior tempo con la sua Mercedes in 1'34''478 precedendo la Ferrari di Sebastian Vettel (1'34''570) e il compagno di squadra Valtteri Bottas (1'34''692). Quarto tempo per l'altra Rossa di Kimi Raikkonen (1'34''755) davanti alla Red Bull di Max Verstappen (1'35''103) ed alla Williams di Felipe Massa (1'35''346). Nona l'altra Red Bull di Daniel Ricciardo (1'35'723).

Archivio Ultima ora