Costruire il futuro del Paese

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da Mauro Bafile

Partecipazione. Questa è sempre stata, e deve esserlo anche oggi, la parola d’ordine. D’altronde la nostra Collettività è parte integrante del tessuto sociale del paese. Ha vissuto momenti di angoscia, di paura, di tristezza e di nostalgia quando, negli anni grigi della dittatura militare, lasciata l’Italia, cominciava a costruire il proprio futuro in questa terra generosa; di prosperità e di progresso, quando l’economia del Paese cresceva a ritmi incalzanti confortata da una moneta “forte”; e di difficoltà e preoccupazione, oggi che il tessuto produttivo è in crisi e la moneta è vittima di una profonda svalutazione.
Partecipare per contare. Domenica 6 dicembre, in Venezuela si vota. Il paese è chiamato alle urne per rinnovare le cariche dell’istituzione cuore e perno della democrazia: il Parlamento. Sarà una giornata importante in cui il Venezuela manifesterà nuovamente la propria fede in un sistema, quello democratico, alternativa al “caudillismo latinoamericano” e alla vocazione autoritaria che dovrebbero essere ormai parte del passato. Partecipare è sostenere e difendere l’impianto democratico da quel “cesarismo democràtico” – Laureano Vallenilla Sanz, dixit – che ancora ha simpatizzanti.
Recessione, inflazione, povertà. Il Venezuela, oggi, vive un momento particolarmente difficile. Non si conoscono le dimensioni della crisi economica. Le autorità competenti sono restie a render note statistiche e proiezioni. E allora ci si deve fidare degli organismi multilaterali, delle organizzazioni di categoria, degli istituti di ricerca delle Università e degli economisti d’indiscussa reputazione. Stando al “The World in 2016” della prestigiosa rivista “The Economist”, il Prodotto Interno Lordo, il prossimo anno, soffrirà una contrazione del 6,5 per cento. Anche il 2016, come l’anno che sta per finire, sarà caratterizzato da un processo preoccupante d’inflazione. Oggi viviamo l’anomalo fenomeno della “stagflaction”. Ovvero, l’inconsueto mix di alta contrazione economica alla presenza di una spirale inflattiva che, nel caso del nostro Paese, è quasi iperinflazione.
Ma la “stagflaction”, che in Venezuela caratterizzò gli anni ’80 e principio dei ’90, è oggi accompagnato da un altro fenomeno inquietante: la mancanza di beni di consumo – leggasi latte, burro, uova, pasta, farina, riso, pollo, carne e così via di seguito -, prodotti per l’igiene personale – dalla saponetta allo shampoo, dal dentifricio al deodorante – e medicine di ogni tipo. E’ una carenza che sommata alle lunghe file alle porte dei supermarket per acquistare un prodotto del carrello della spesa, alimenta sentimenti di frustrazione e di rabbia mal repressa. E poi c’è la povertà. A dispetto di quanto affermano le autorità, questa, se diamo credito alle tre più prestigiose università del Paese – “Universidad Central de Venezuela”, “Universidad Católica Andrés Bello”, “Universidad Simón Bolívar” – colpisce già più del 70 per cento delle famiglie e quasi l’80 per cento dei venezuelani.
“Guerra economica”, politiche industriali errate, gestione impropria dei beni pubblici, corruzione. Governo e opposizione, secondo i propri punti di vista, danno una diversa spiegazione dei fenomeni che oggi causano il deterioramento della qualità di vita delle singole persone e delle famiglie che ogni giorno devono fare i conti con la realtà.
Domenica è l’occasione per premiare o castigare Governo o Opposizione. Ma, soprattutto, per dare nuovo ossigeno alla democrazia con la partecipazione e il voto. Restare in casa non è un’opzione. Non può essere una scelta. Il 6 dicembre dobbiamo essere tutti protagonisti, dopo una settimana, quella appena iniziata, di riflessione. Con il voto, anche noi dobbiamo contribuire a costruire il futuro del Paese.

Ultima ora

13:17Gentiloni, con maggior crescita meno debito

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - "Un Paese che migliora le previsioni può avere una legge di bilancio e un abbassamento del debito più significativi e importanti". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni commentando le previsioni di crescita dell'Italia formulate dal Fmi. Durante la presentazione del dossier di candidatura Ema, Gentiloni ha sottolineato che il miglioramento delle previsioni porta anche "fiducia e convinzione delle possibilità del nostro Paese".

13:17Calcio: Neymar, passaporto spagnolo entro settembre

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Dopo le rassicurazioni del compagno di squadra Piqué ("resta"), un'altra pur piccola notizia puntella ulteriormente il rapporto fra Neymar e il Barcellona. Almeno per il momento, visto che la sessione di mercato non è ancora giunta nemmeno a metà e il Paris Saint-Germain non mollerà comunque la presa. Entro poche settimane, riferisce dunque il quotidiano "Mundo Deportivo", l'attaccante brasiliano dovrebbe ottenere il passaporto spagnolo. Come consentitogli dalla legge locale, per la quale servono due anni e mezzo vissuti in loco per poter ottenere la doppia nazionalità: requisito abbondantemente vantato da Neymar, che atterrò a Barcellona nell'estate del 2013. L'iter della pratica, infatti, era stato avviato un anno e mezzo fa e il tutto si concluderebbe a settembre con la cerimonia del giuramento. Ad esito raggiunto, spiega poi sempre "Mundo Deportivo", Neymar libererà un posto da extracomunitario, di cui potrebbe approfittare il nazionale colombiano Yerry Mina, in arrivo a gennaio dal Palmeiras.

13:15Gentiloni, cresciamo più di altri Paesi della eurozona

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - "Siamo dentro una fase positiva dell' Eurozona, ma dobbiamo registrare una cosa interessante: per altri Paesi stiamo parlando di uno scalino che si sale, nel caso italiano di qualche scalino in più". Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni rispondendo a una domanda sul miglioramento delle stime di crescita da parte del Fondo monetario internazionale, durante la presentazione del dossier di candidatura di Milano come sede dell'Ema.

12:58Nuoto: Mondiali, Quadarella in finale

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Grande prestazione di Katie Ledecky nella seconda giornata dei Mondiali di nuoto in corso di svolgimento a Budapest. La statunitense, oro ieri nei 400 sl, ha chiuso le batterie dei 1500 sl con il tempo di 15'47"54, distanziando di quasi 18" la seconda classificata della sua batteria, la spagnola Mireia Belmonte (16'05"37). Qualificata per la finale l'azzurra Simona Quadarella, quarta con il tempo di 16'07"08. In chiave azzurra da segnalare il passaggio di Matteo Milli, alla sua prima gara internazionale, alle semifinali dei 100 dorso maschili (11/o tempo, 54"17) e di Arianna Castiglioni alle semifinali dei 100 rana (15/o tempo, 1'07"43). Nella stessa gara eliminata Martina Carraro (22/a, 1'08"11). Fuori nei 100 dorso donne Margherita Panziera (20/o tempo, 1'01"03) e nei 200 sl maschili Filippo Megli (28/o, 1'47"94).

12:54Incendio a Messina, piromani tre minorenni

(ANSA) - PALERMO, 24 LUG - Una ragazzina di 14 anni e due coetanei di 13 e 15 anni sono i responsabili dell'incendio che sabato pomeriggio ha bruciato le colline dell'area di Fondo Fucile, a Messina. Avevano ancora nelle tasche gli accendini con cui hanno appiccato il fuoco quando sono stati sorpresi dai poliziotti. Agli agenti uno dei tre ha detto: "Abbiamo fatto una stupidaggine". Nessuno ha saputo dare una spiegazione sui motivi del gesto. Gli agenti delle volanti sono stati allertati da numerose telefonate di cittadini preoccupati per le fiamme che velocemente si stavano propagando. Alcune persone avevano notato i tre ragazzini muoversi su per la collina. I vigili del fuoco, avvertiti dalla sala operativa della Questura, sono riusciti a bloccare l'incendio e a evitare che le fiamme raggiungessero le vicine abitazioni ai piedi della collina. Una vasta porzione di vegetazione è comunque andata distrutta. I tre ragazzini sono stati deferiti all'autorità giudiziaria per i minorenni per incendio boschivo e riaffidati alle famiglie.

12:48Fisco: blitz M5S in Agenzia Entrate Cagliari per sgravi

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - Blitz delle parlamentari del Movimento Cinque stelle, Emanuela Corda e Manuela Serra, assieme agli attivisti del punto Civico di Cagliari SOS Equitalia e una piccola rappresentanza del Movimento Artigiani, negli uffici dell'agenzia delle Entrate di Cagliari per chiedere l'applicazione della legge sugli sgravi contributivi nelle cartelle esattoriali (228/12). "Oggi abbiamo dovuto intraprendere questa azione forte, senza preavviso, perché ci sentiamo presi in giro, dopo mesi di rimandi e promesse mai mantenute - spiega la deputata Corda - chiediamo che vengano concessi gli sgravi a diversi contribuenti che ci hanno conferito delega a rappresentarli in questa sede, così come l'agenzia aveva garantito mesi fa, c'è una disposizione del direttore regionale che impone ai dirigenti di questa agenzia di provvedere immediatamente alla cancellazione del debito di queste persone, in ossequio a ciò che dispone la legge. Oggi vogliamo una risposta chiara e semplice".

12:46Mdp: Rossi, Pisapia chiarisca su sentirsi a casa con il Pd

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - "Sarebbe utile qualche chiarimento": è quanto manda a dire a Giuliano Pisapia il governatore della Toscana Enrico Rossi (Mdp), attraverso un post-lettera su facebook. "Caro compagno Giuliano Pisapia, molti compagni - scrive Rossi - mi fanno presente che la tua affermazione che ti senti a casa alla festa del Pd è un po' contraddittoria con la scelta di costruire una forza alternativa al Pd e con la scelta dolorosissima compiuta da molti tuoi sostenitori di abbandonare il Pd per costruire una casa nuova".

Archivio Ultima ora