Obama invia nuove forze speciali in Iraq e Siria

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

iraq-siria

NEW YORK. – Gli Stati Uniti sono pronti ad espandere la loro azione militare in Siria ed Iraq inviando altri uomini delle forze speciali. L’annuncio del capo del Pentagono, Ash Carter, arriva mentre a Parigi Barack Obama torna a difendere la strategia fin qui portata avanti, sempre più nel mirino di chi accusa la Casa Bianca di eccessiva prudenza.

Ma il presidente americano – parlando prima di lasciare la conferenza sul clima in corso nella capitale francese – non arretra di un millimetro: avanti con i raid aerei, con azioni mirate sul territorio da parte di piccoli commando e con la formazione e l’addestramento delle forze alleate locali. No invece ad un vero e proprio coinvolgimento di truppe Usa nei combattimenti in prima linea.

Così l’amministrazione statunitense – senza specificare il numero – si prepara a spedire nuovi Rambo che si aggiungeranno ai circa 50 già presenti nelle retrovie della guerra all’Isis, portata avanti da iracheni, peshmerga curdi e ribelli siriani filo-occidentali. Mentre i ‘consiglieri militari’ dispiegati dall’inizio della campagna e impegnati nel sostenere le truppe locali sono circa 3.500.

Il compito delle forze speciali – ha spiegato Carter – sarà quello di orientare e guidare i raid aerei sulle roccaforti e le postazioni dell’Isis, lanciare blitz per liberare gli ostaggi o catturare i leader dello stato islamico, raccogliere più informazioni di intelligence possibile. “Vinceremo questa guerra”, ha quindi assicurato il segretario alla Difesa.

E’ lo stesso messaggio ripetuto a Parigi da Obama che, rivolto ai leader mondiali, ha rinnovato l’appello ad essere uniti contro il terrorismo. Lanciando poi un chiaro monito a Russia e Turchia: no a un’escalation delle tensioni tra i due Paesi. E nel faccia a faccia col premier turco Recep Tayyip Erdogan, il presidente Usa è stato chiaro: “E’ ora di concentrarsi sul nemico comune”, che e’ l’Isis. E di sigillare – ha insistito Obama – i confini tra Siria e Turchia, per fermare il flusso dei foreign fighter che minacciano l’Europa e gli Stati Uniti.

Il presidente americano non arretra nemmeno sul futuro della Siria: “La guerra non finirà mai fino a quando Assad resterà al suo posto”, ha ribadito con forza rivolto a Vladimir Putin, riconoscendo come ancora su questo le posizioni tra Washington e Mosca siano distanti.

Ma Obama non è pessimista: pensa che il leader del Cremlino non voglia “impantanarsi” in un nuovo Afghanistan e sottolinea come anche per Putin la soluzione militare in Siria non è quella giusta. “Non mi aspetto però che vedremo a breve una svolta nella sua strategia”, ha ammesso il presidente Usa.

Intanto il pressing diplomatico esercitato da Francois Hollande all’indomani degli attacchi di Parigi comincia a dare i suoi risultati. Il governo di Angela Merkel ha infatti approvato la missione militare di sostegno alla coalizione anti-Isis in Siria, che sarà portata avanti con sei tornado di ricognizione, satelliti e una nave da guerra, con un impegno di circa 1.200 soldati. Ora si attende solo l’ok del Parlamento di Berlino.

I primi raid aerei in Siria di Londra, invece, sono attesi per il fine settimana, dopo il voto della Camera dei comuni nelle prossime ore. Mentre il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, ha riferito che anche Israele sta operando in Siria, per evitare un fronte anti-israeliano che l’Iran starebbe cercando di costruire sul Golan.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

10:23Aggredito sacerdote Reggio Calabria, è grave

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 24 MAG - Un sacerdote, don Giorgio Costantino, è stato aggredito e malmenato da alcune giovani non identificati, nella notte a Reggio Calabria. Don Giorgio, parroco della Madonna del Divino Soccorso, sarebbe stato malmenato dal gruppo di giovani che aveva richiamato dopo che questi si erano introdotti in un locale della parrocchia forzando il cancello d'ingresso. Attualmente il sacerdote che è stato soccorso e trasportato in ospedale si trova ricoverato in prognosi riservata. Ha riportato un ematoma alla testa e dovrebbe essere, in queste ore, sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire agli autori dell'aggressione.(ANSA).

09:40Migranti sfruttati, arrestati coniugi del Bangladesh

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAG - Una coppia di coniugi del Bangladesh, titolari di una impresa agricola nel veneziano, sono stati arrestati dai carabinieri in esecuzione di un ordine di custodia cautelare per riduzione in schiavitù di connazionali costretti a lavorare per oltre 12 ore al giorno nei campi senza mai un giorno si riposo e senza alcuna retribuzione. I due sono accusati anche di minaccia aggravata nei confronti dei lavoratori e favoreggiamento della permanenza in Italia di persone senza permesso.

09:31Card. Bagnasco, grande onore per me aver servito la Cei

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "E' stato per me un grande onore e una grande grazia poter servire, come meglio ho saputo, la nostra Conferenza che ha il dono di un legame unico con il Vescovo di Roma, il Papa. Insieme abbiamo servito le nostre Chiese e il nostro amato Paese. Come sempre, ci affidiamo alla Vergine Maria, la grande Madre di Dio e della Chiesa". Lo ha detto il Card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente uscente della Cei, al termine dell'omelia della messa di conclusione dell'assemblea generale dei vescovi italiani, ultimo atto prima della nomina da parte di Papa Francesco del nuovo presidente. "E grazie per l'esempio, la parola saggia, l'amore alla Chiesa, che in questi dieci anni ho sempre visto in tutti e in ciascuno", ha aggiunto Bagnasco. E' attesa nelle prossime ore la nomina del nuovo presidente Cei da parte del Papa dopo la terna dei candidati: il cardinale di Perugia Gualtiero Bassetti, mons. Francesco Giulio Brambilla, vescovo di Novara e il cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento.

09:28Clan e affari, arrestati Cesaro, fratelli deputato FI

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - Gli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro, fratelli del deputato di Fi Luigi Cesaro, sono stati arrestati stamane dai carabinieri del Ros con altre tre persone, in esecuzione di un'ordinanza di custodia della Dda di Napoli. L'inchiesta è relativa alle infiltrazioni del clan Polverino negli investimenti da 40 milioni di euro per il piano di insediamento produttivo del Comune di Marano (Napoli).

09:16Filippine: gruppo filoIsis attacca chiesa

(ANSA) - MANILA, 24 MAG - Il gruppo terroristico filippino ispirato all'Isis, Maute, ha preso in ostaggio un prete, il personale di una chiesa e alcuni fedeli a Marawi City dopo aver dato fuoco alla cattedrale della città nel sud del Paese. Lo ha detto oggi il vescovo Edwin dela Peña, secondo quanto riporta il giornale online Philstar Global. L'arcivescovo Socrates Villegas, presidente della conferenza episcopale cattolica delle Filippine, ha detto che uomini armati hanno fatto irruzione nella cattedrale ed hanno preso in ostaggio il reverendo Chito Suganob e oltre 10 persone tra fedeli e personale della chiesa. Secondo Villegas il gruppo armato ha minacciato di uccidere gli ostaggi "se le forze governative scatenate contro di loro non vengono richiamate". Ieri il presidente Rodrigo Duterte ha imposto la legge marziale sull'isola di Mindanao dopo i violenti scontri a Marawi, dove almeno 15 uomini armati del gruppo Maute hanno impegnato l'esercito in una vera e propria battaglia.

09:10Manchester: due polacchi tra le vittime

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - I due cittadini polacchi che risultavano tra i dispersi nell'attacco alla Manchester Arena sono morti. Lo ha reso noto il ministero degli esteri di Varsavia secondo quanto riferisce l'Independent.

09:06Trump dal Papa: presidente Usa in Vaticano

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Il presidente Usa Donald Trump è giunto in Vaticano per l'udienza di papa Francesco. Il corteo presidenziale, proveniente da Villa Taverna, è entrato in Vaticano dalla porta laterale del Perugino per dirigersi al Cortile di San Damaso. Da lì la delegazione è entrata nel Palazzo Apostolico vaticano. Al suo arrivo, Trump, accompagnato dalla moglie Melania, è stato accolto da monsignor Georg Gaenswein, prefetto della Casa Pontificia. Trump è in abito scuro e cravatta regimental, la signora Melania in abito scuro. Al momento dell'incontro, Trump e il Papa si sono scambiati una cordiale stretta di mano e alcune parole di saluto.

Archivio Ultima ora