Obama invia nuove forze speciali in Iraq e Siria

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

iraq-siria

NEW YORK. – Gli Stati Uniti sono pronti ad espandere la loro azione militare in Siria ed Iraq inviando altri uomini delle forze speciali. L’annuncio del capo del Pentagono, Ash Carter, arriva mentre a Parigi Barack Obama torna a difendere la strategia fin qui portata avanti, sempre più nel mirino di chi accusa la Casa Bianca di eccessiva prudenza.

Ma il presidente americano – parlando prima di lasciare la conferenza sul clima in corso nella capitale francese – non arretra di un millimetro: avanti con i raid aerei, con azioni mirate sul territorio da parte di piccoli commando e con la formazione e l’addestramento delle forze alleate locali. No invece ad un vero e proprio coinvolgimento di truppe Usa nei combattimenti in prima linea.

Così l’amministrazione statunitense – senza specificare il numero – si prepara a spedire nuovi Rambo che si aggiungeranno ai circa 50 già presenti nelle retrovie della guerra all’Isis, portata avanti da iracheni, peshmerga curdi e ribelli siriani filo-occidentali. Mentre i ‘consiglieri militari’ dispiegati dall’inizio della campagna e impegnati nel sostenere le truppe locali sono circa 3.500.

Il compito delle forze speciali – ha spiegato Carter – sarà quello di orientare e guidare i raid aerei sulle roccaforti e le postazioni dell’Isis, lanciare blitz per liberare gli ostaggi o catturare i leader dello stato islamico, raccogliere più informazioni di intelligence possibile. “Vinceremo questa guerra”, ha quindi assicurato il segretario alla Difesa.

E’ lo stesso messaggio ripetuto a Parigi da Obama che, rivolto ai leader mondiali, ha rinnovato l’appello ad essere uniti contro il terrorismo. Lanciando poi un chiaro monito a Russia e Turchia: no a un’escalation delle tensioni tra i due Paesi. E nel faccia a faccia col premier turco Recep Tayyip Erdogan, il presidente Usa è stato chiaro: “E’ ora di concentrarsi sul nemico comune”, che e’ l’Isis. E di sigillare – ha insistito Obama – i confini tra Siria e Turchia, per fermare il flusso dei foreign fighter che minacciano l’Europa e gli Stati Uniti.

Il presidente americano non arretra nemmeno sul futuro della Siria: “La guerra non finirà mai fino a quando Assad resterà al suo posto”, ha ribadito con forza rivolto a Vladimir Putin, riconoscendo come ancora su questo le posizioni tra Washington e Mosca siano distanti.

Ma Obama non è pessimista: pensa che il leader del Cremlino non voglia “impantanarsi” in un nuovo Afghanistan e sottolinea come anche per Putin la soluzione militare in Siria non è quella giusta. “Non mi aspetto però che vedremo a breve una svolta nella sua strategia”, ha ammesso il presidente Usa.

Intanto il pressing diplomatico esercitato da Francois Hollande all’indomani degli attacchi di Parigi comincia a dare i suoi risultati. Il governo di Angela Merkel ha infatti approvato la missione militare di sostegno alla coalizione anti-Isis in Siria, che sarà portata avanti con sei tornado di ricognizione, satelliti e una nave da guerra, con un impegno di circa 1.200 soldati. Ora si attende solo l’ok del Parlamento di Berlino.

I primi raid aerei in Siria di Londra, invece, sono attesi per il fine settimana, dopo il voto della Camera dei comuni nelle prossime ore. Mentre il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, ha riferito che anche Israele sta operando in Siria, per evitare un fronte anti-israeliano che l’Iran starebbe cercando di costruire sul Golan.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

09:18Mo: media, Tillerson a Riad per limitare influenza Iran

(ANSA) - BEIRUT, 20 OTT - Il segretario di Stato Usa Rex Tillerson è atteso oggi in Arabia Saudita nell'ambito della sua missione diplomatica regionale nel Golfo e nel sud-est asiatico. E a Riad parteciperà al primo incontro del Consiglio saudita-iracheno formato per migliorare relazioni economiche tra i due paesi. Secondo la tv panaraba al Arabiya, edita dal Qatar, la visita di Tillerson nella regione ha l'obiettivo di tornare a discutere della crisi in corso da mesi tra Doha e Riad e di limitare l'influenza iraniana nel Golfo e in Iraq.

03:40Unicef: emergenza fuga bimbi in Birmania

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Ogni settimana fino a 12 mila bambini della minoranza musulmana Rohingya scappano in Bangladesh dalla Birmania per sfuggire alle violenze. Lo afferma l'Unicef. Secondo l'agenzia dell'Onu per i minori, le condizioni di vita disperate e le malattie minacciano oltre 320 mila piccoli rifugiati Rohingya che sono scappati nel sud del Bangladesh a partire da fine agosto (circa 10 mila hanno attraversato la frontiera negli ultimi giorni). "Molti piccoli rifugiati Rohingya hanno assistito ad atrocità in Birmania che nessun bambino dovrebbe vedere, e tutti hanno subito tremende perdite", ha spiegato il direttore esecutivo di Unicef, Anthony Lake. "Questi bambini hanno urgentemente bisogno di cibo, acqua potabile, igiene e vaccinazioni per essere protetti dalle malattie che prosperano in situazioni di emergenza", ha continuato il direttore dell'agenzia Onu per i minori.

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

Archivio Ultima ora