Nasce Crews, alleanza per allerta precoce di disastri

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

Disastri

LE BOURGET. – In caso di eventi climatici estremi, diventati sempre più frequenti negli ultimi anni, allertare le popolazioni il più presto possibile è di vitale importanza. Ma ai Paesi più vulnerabili spesso mancano infrastrutture necessarie per rilevare i segnali di pericolo e lanciare l’allarme in modo efficace, perchè complesse e costose.

Per aiutarli su questo fronte è nata ‘Crews’, un’iniziativa mirata a “rafforzare il sostegno tecnico e finanziario” per ridurre il “deficit dei sistemi informativi e di allerta precoce” delle aree in via di sviluppo.

Lanciata dalla Francia, insieme a un team di Paesi donatori guidato dalla Norvegia e a diverse istituzioni internazionali (tra cui Banca Mondiale, Organizzazione meteorologica mondiale e Ufficio Onu per la riduzione dei disastri), la coalizione punta a “obiettivi operativi”, per aiutare concretamente le popolazioni di zone soggette a siccità, cicloni e inondazioni a rilevare i rischi, ma anche a studiarne la ricorrenza e i segnali premonitori per prepararsi alle catastrofi invece di subirle.

Un progetto che nasce anche dalla consapevolezza di quanto gli abitanti di Paesi soggetti alle conseguenze dei cambiamenti climatici siano preoccupati, spesso tanto da voler scappare.

Secondo un sondaggio realizzato dall’Istituto delle Nazioni Unite per l’ambiente e la sicurezza umana, la percentuale di famiglie che si dicono pronte a migrare per lo “stress climatico”, causato dalla frequenza di eventi distruttivi, supera il 35% in diversi Stati insulari del Pacifico, sfiorando addirittura il 70% in Kiribati.

Sono però meno di un quarto le famiglie che avrebbero i mezzi finanziari per emigrare, mentre la gran parte si trova “intrappolata” in questa situazione di incertezza e disagio costante.

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora