Pensioni: l’Ocse bacchetta l’Italia, servono altri sforzi

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

A young protestor gestures as he marches during a demonstration  (AP Photo/Andres Kudacki)

A young protestor gestures as he marches during a demonstration (AP Photo/Andres Kudacki)

ROMA. – L’Italia ha fatto importanti riforme del sistema previdenziale in direzione dell’aumento dell’età di uscita dal lavoro e della riduzione della spesa futura ma perché il sistema sia finanziariamente sostenibile sono necessari “ulteriori sforzi negli anni a venire”. Il rapporto Ocse “Pensions at a glance 2015″ presentato oggi dà atto al nostro Paese di aver intrapreso un cammino virtuoso ma sottolinea che quanto fatto finora non basta.

Un intervento di riequilibrio, invece, chiede il presidente dell’Inps Tito Boeri che fotografa la realtà creata dalle recenti riforme e racconta il paradosso che vivrà la generazione nata negli anni ’80: andrà a riposo più tardi, a 70 anni, con una pensione più povera del 25% rispetto ai settantenni di oggi. L’Ocse guarda ai dati macro.

Il nostro Paese ha la spesa previdenziale più alta dopo la Grecia rispetto al Pil (15,7% nel 2013 a fronte dell’8,4% medio nell’Ocse) e contributi previdenziali sul lavoro dipendente rispetto alla retribuzione al 33%, percentuale top tra i Paesi Ocse. I pensionati attuali – emerge dal Rapporto – hanno tassi di sostituzione netta rispetto al salario medio, vicini all’80% a fronte del 63% medio dei paesi più sviluppati e assegni in media largamente superiori ai contributi versati.

Con la riforma del 2011 – spiega l’Ocse – sono state adottate importanti misure per ridurre la generosità del sistema, in particolare attraverso l’aumento dell’età pensionabile e la sua perequazione tra uomini e donne ma l’invecchiamento della popolazione continuerà ad esercitare pressioni sul finanziamento del sistema”.

L’Ocse sottolinea che la sentenza della Corte Costituzionale sulla mancata perequazione nel 2012-13 per le pensioni superiori a tre volte il minimo e i rimborsi decisi dal Governo ”avranno un impatto sostanziale sulla spesa pubblica”.

Nel breve periodo vanno cercate risorse per ridurre al minimo l’impatto della sentenza mentre nel lungo periodo bisognerà stimolare la partecipazione dei lavoratori anziani al mercato del lavoro. Se infatti il tasso di occupazione degli over 55 in Italia è aumentato di 15 punti (dal 31% al 46%) negli ultimi 10 anni è anche vero che questo è ancora di molto inferiore alla media Ocse (57%).

Gli anziani inoltre – secondo quanto ha spiegato il presidente Inps, Tito Boeri presentando il Rapporto – sono stati colpiti dalla crisi economica in misura minore rispetto alle altre fasce di età. Oggi vivono in una situazione di povertà relativa il 9,3% degli over 65 contro il 12,6% medio della popolazione totale. Il rischio di povertà – sottolinea il Rapporto – si è trasferito dagli anziani ai giovani. Il 15% delle persone tra i 18 e i 25 anni sono povere”.

E la situazione di chi è giovane oggi rischia di essere difficile anche in futuro. La pensione di chi è nato nel 1980 – si legge in una simulazione Inps – sarà del 25% inferiore a quella che percepisce chi è nato nel 1945 e oggi ha 70 anni, tenendo conto anche del fatto che l’assegno sarà percepito per molto meno tempo. Circa tre su 4 dei pensionati nati nel 1945 è uscito dal lavoro prima dei 60 anni. Per chi è nato nel 1980 le proiezioni dicono che sarà possibile andare in pensione prima dell’età di vecchiaia (70 anni nel 2050) in meno del 40% dei casi.

I sindacati ribadiscono il no a nuovi interventi di ‘stretta’ sul sistema previdenziale. ”La tenuta finanziaria del nostro sistema previdenziale – dice il segretario confederale Cgil Vera Lamonica – non è a rischio, di certo lo è l’entità delle prestazioni per ampie fasce della popolazione: basta riforme per fare cassa, si restituisca equità e solidarietà al sistema.

“L’Italia – avverte il segretario confederale Cisl Maurizio Petriccioli – è il Paese che più di ogni altro, fra quelli dell’area Ocse, ha realizzato, negli ultimi 20 anni, interventi legislativi che hanno messo in sicurezza la sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico, trascurandone semmai la sostenibilità sociale”. Il rapporto Ocse – afferma il segretario confederale Uil Domenico Proietti – “continua a perseverare nell’errore di quantificare la spese per le pensioni al 15,7%, non tenendo conto che questo dato somma la spesa previdenziale con quella assistenziale”.

Ultima ora

12:29Calcio: rinnovo ufficiale, Bonaventura al Milan fino 2020

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - Il Milan ha prolungato di un anno, fino al 30 giugno 2020, il contratto di Giacomo Bonaventura. Il club ha ufficializzato l'intesa, già definita prima di Natale con il benestare della cordata cinese in procinto di completare l'acquisto del Milan. In base al nuovo accordo è stato ritoccato l'ingaggio del centrocampista che ora guadagnerà circa due milioni di euro a stagione.

12:28Siria: Iran, contrari a partecipazione Usa a vertice Astana

(ANSA) - TEHERAN, 18 GEN - L'Iran "è contrario alla partecipazione degli Stati Uniti" al vertice di Astana del 23 gennaio prossimo per i colloqui di pace in Siria. Lo ha riferito il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, riportato dall'agenzia Tasnim. "Non abbiamo invitato gli Stati Uniti e ci opponiamo alla loro presenza ai colloqui di Astana", ha detto Zarif. L'Iran si colloca in tal modo su una posizione diversa da Mosca. Ieri, infatti, il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, aveva detto di ritenere opportuno invitare anche Usa e Onu al vertice sulla Siria mediato da Russia, Iran e Turchia.

12:26Maltempo:Val d’Aosta ancora sottozero, ma allenta morsa gelo

(ANSA) - AOSTA, 18 GEN - Ancora sole e temperature sottozero in Valle d'Aosta, dove tuttavia la morsa del gelo degli ultimi giorni si sta lentamente allentando. Ad Aosta il termometro segna -7,8 gradi, la minima a Courmayeur è di -10 e a Cervinia di -14 gradi. Per le prossime ore è previsto un rialzo termico moderato, soprattutto oltre i mille metri di altitudine per il fenomeno dell'inversione termica nella valli. (ANSA).

12:23Maltempo: Anas, riaperti tratti E45 tra E-R e Toscana

(ANSA) - BOLOGNA, 18 GEN - E' stata riaperta la strada statale 3bis 'Tiberina' - nota anche come E45 - da Cesena Nord, in Romagna a Pieve Santo Stefano, nell'Aretino. Riaperto anche il tratto tra Bagno di Romagna e il confine con la Toscana. Lo comunica l'Anas, sul suo sito nella sezione dedicata all'emergenza maltempo e al piano neve. Sui tratti della E45 coinvolti, viene spiegato, "permangono rallentamenti ed il transito è consentito ai soli veicoli leggeri dotati di dispositivi invernali". Ieri sempre sulla E45, a causa della neve, era stato chiuso al traffico un tratto della strada tra Romagna e Toscana, compreso tra il km 149 e il km 200, fra S.Stefano e Montecastello nel Forlivese. Uomini e mezzi dell'Anas, si legge ancora, "stanno intervenendo ininterrottamente su numerosi tratti stradali in Abruzzo, Umbria, Marche, Emilia Romagna e Toscana per garantire la transitabilità e prevenire disagi alla circolazione". (ANSA).

12:23Tennis: Australia, Federer e Wawrinka al terzo turno

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il tennista svizzero Roger Federer si è qualificato per il terzo turno degli Australian Open, battendo l'americano Noah Rubin con il punteggio di 7-5 6-3 7-6 in una partita durata poco più di 2 ore. Nel prossimo turno lo svizzero se la vedrà con il ceco Thomas Berdych. Vittoria anche per l'altro svizzero, Stanislaw Wawrinka, che ha liquidato in un'ora e 51 minuti l'altro americano Steve Jonhson con il punteggio di 63- 6-4 6-4. Al prossimo turno Wawrinka affronterà il serbo Troicki che ha eliminato l'azzurro Paolo Lorenzi.(ANSA).

12:20Terremoto: scossa 5.3 tra L’Aquila e Rieti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Scossa di terremoto di magnitudo 5,3, secondo le prime stime dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), stamani alle 10.25 tra L'Aquila e Rieti. La scossa è stata sentita nel Lazio, in Abruzzo e nelle Marche ed è stata avvertita anche a Roma. L'epicentro si trova nella zona di Montereale.

12:13Pregiudicato ucciso a Bari,colpito alla testa mentre guidava

(ANSA) - BARI, 18 GEN - Il 40enne Francesco Barbieri, ucciso ieri sera in un agguato al quartiere Japigia di Bari sarebbe stato inseguito da sicari in sella ad un motorino e colpito mentre era alla guida di un'auto dinanzi al Palaflorio per poi finire la propria corsa, ormai senza vita contro il muro di una scuola. Almeno cinque i bossoli trovati sull'asfalto, quattro colpi sono andati a segno. I sicari hanno affiancato l'auto di Barbieri e hanno sparato infrangendo il finestrino dal lato del guidatore. Tre proiettili hanno ferito il 40enne a braccio e spalla, uno, mortale, alla testa. L'autopsia, che servirà anche a stabilire l'esatta traiettoria dei proiettili per ricostruire la dinamica dell'agguato, sarà eseguita nel pomeriggio. Secondo gli investigatori della Squadra Mobile di Bari, coordinati dal pm della Dda Ettore Cardinali, l'uomo aveva piccoli precedenti per spaccio ma non risulta affiliato ad un clan. Ieri sera stava raggiungendo la famiglia ad una festa quando è stato freddato.

Archivio Ultima ora