Pensioni: l’Ocse bacchetta l’Italia, servono altri sforzi

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

A young protestor gestures as he marches during a demonstration  (AP Photo/Andres Kudacki)

A young protestor gestures as he marches during a demonstration (AP Photo/Andres Kudacki)

ROMA. – L’Italia ha fatto importanti riforme del sistema previdenziale in direzione dell’aumento dell’età di uscita dal lavoro e della riduzione della spesa futura ma perché il sistema sia finanziariamente sostenibile sono necessari “ulteriori sforzi negli anni a venire”. Il rapporto Ocse “Pensions at a glance 2015″ presentato oggi dà atto al nostro Paese di aver intrapreso un cammino virtuoso ma sottolinea che quanto fatto finora non basta.

Un intervento di riequilibrio, invece, chiede il presidente dell’Inps Tito Boeri che fotografa la realtà creata dalle recenti riforme e racconta il paradosso che vivrà la generazione nata negli anni ’80: andrà a riposo più tardi, a 70 anni, con una pensione più povera del 25% rispetto ai settantenni di oggi. L’Ocse guarda ai dati macro.

Il nostro Paese ha la spesa previdenziale più alta dopo la Grecia rispetto al Pil (15,7% nel 2013 a fronte dell’8,4% medio nell’Ocse) e contributi previdenziali sul lavoro dipendente rispetto alla retribuzione al 33%, percentuale top tra i Paesi Ocse. I pensionati attuali – emerge dal Rapporto – hanno tassi di sostituzione netta rispetto al salario medio, vicini all’80% a fronte del 63% medio dei paesi più sviluppati e assegni in media largamente superiori ai contributi versati.

Con la riforma del 2011 – spiega l’Ocse – sono state adottate importanti misure per ridurre la generosità del sistema, in particolare attraverso l’aumento dell’età pensionabile e la sua perequazione tra uomini e donne ma l’invecchiamento della popolazione continuerà ad esercitare pressioni sul finanziamento del sistema”.

L’Ocse sottolinea che la sentenza della Corte Costituzionale sulla mancata perequazione nel 2012-13 per le pensioni superiori a tre volte il minimo e i rimborsi decisi dal Governo ”avranno un impatto sostanziale sulla spesa pubblica”.

Nel breve periodo vanno cercate risorse per ridurre al minimo l’impatto della sentenza mentre nel lungo periodo bisognerà stimolare la partecipazione dei lavoratori anziani al mercato del lavoro. Se infatti il tasso di occupazione degli over 55 in Italia è aumentato di 15 punti (dal 31% al 46%) negli ultimi 10 anni è anche vero che questo è ancora di molto inferiore alla media Ocse (57%).

Gli anziani inoltre – secondo quanto ha spiegato il presidente Inps, Tito Boeri presentando il Rapporto – sono stati colpiti dalla crisi economica in misura minore rispetto alle altre fasce di età. Oggi vivono in una situazione di povertà relativa il 9,3% degli over 65 contro il 12,6% medio della popolazione totale. Il rischio di povertà – sottolinea il Rapporto – si è trasferito dagli anziani ai giovani. Il 15% delle persone tra i 18 e i 25 anni sono povere”.

E la situazione di chi è giovane oggi rischia di essere difficile anche in futuro. La pensione di chi è nato nel 1980 – si legge in una simulazione Inps – sarà del 25% inferiore a quella che percepisce chi è nato nel 1945 e oggi ha 70 anni, tenendo conto anche del fatto che l’assegno sarà percepito per molto meno tempo. Circa tre su 4 dei pensionati nati nel 1945 è uscito dal lavoro prima dei 60 anni. Per chi è nato nel 1980 le proiezioni dicono che sarà possibile andare in pensione prima dell’età di vecchiaia (70 anni nel 2050) in meno del 40% dei casi.

I sindacati ribadiscono il no a nuovi interventi di ‘stretta’ sul sistema previdenziale. ”La tenuta finanziaria del nostro sistema previdenziale – dice il segretario confederale Cgil Vera Lamonica – non è a rischio, di certo lo è l’entità delle prestazioni per ampie fasce della popolazione: basta riforme per fare cassa, si restituisca equità e solidarietà al sistema.

“L’Italia – avverte il segretario confederale Cisl Maurizio Petriccioli – è il Paese che più di ogni altro, fra quelli dell’area Ocse, ha realizzato, negli ultimi 20 anni, interventi legislativi che hanno messo in sicurezza la sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico, trascurandone semmai la sostenibilità sociale”. Il rapporto Ocse – afferma il segretario confederale Uil Domenico Proietti – “continua a perseverare nell’errore di quantificare la spese per le pensioni al 15,7%, non tenendo conto che questo dato somma la spesa previdenziale con quella assistenziale”.

Ultima ora

21:33Ghiaccio: Kostner seconda a Mosca

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Si chiude con un exploit per l'Italia la Rostelecom Cup di Mosca, prima tappa del Grand Prix 2017-18 di pattinaggio sul ghiaccio. Nella seconda e ultima giornata, Carolina Kostner (Fiamme Azzurre) chiude la gara al secondo posto con 215.98 punti, lo stesso risultato che aveva ottenuto nella sua ultima apparizione al Grand Prix, proprio alla Rostelecom Cup, nel 2013. La gardenese si arrende solo alla campionessa del mondo russa Evgenia Medvedeva, tenendosi alle spalle la giapponese Wakaba Higuchi. Reduce dai due podi conquistati al Lombardia Trophy di Bergamo e al Finlandia Trophy di Espoo, Carolina Kostner ne centra subito un altro, regalandosi un grande esordio sul circuito internazionale, dove tornerà a pattinare all'NHK Trophy di novembre, in Giappone.

21:28Calcio: esami Belotti ok, ginocchio in via guarigione

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - Hanno dato "esiti confortanti" gli esami a cui nel pomeriggio si è sottoposto l'attaccante del Torino, e della Nazionale, Andrea Belotti. Lo rende noto, sul suo sito internet, il club granata al termine degli accertamenti cui il giocatore è stato sottoposto a Perugia dal professor Giuliano Cerulli. La lesione capsulo-legamentosa del ginocchio destro sta guarendo e l'attaccante può procedere con i lavori di recupero stabiliti. Belotti si era infortunato il primo ottobre, durante Torino-Verona, ed era stato costretto a saltare anche gli impegni con la Nazionale. Alla luce degli esami di oggi, a cui si è sottoposto accompagnato dal responsabile sanitario Rodolfo Tavana e dal riatletizzatore Paolo Solustri, non è escluso che Belotti possa essere in campo il 5 novembre per Inter-Torino e, quindi, che possa essere convocato dal ct azzurro, Gianpiero Ventura, per gli spareggi Mondiali.

21:15Calcio: Bundesliga, Bayern raggiunge Dortmund

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Il Bayern Monaco vince 1-0 ad Amburgo e aggancia il Borussia Dortmund in testa alla classifica della Bundesliga dopo la nona giornata. Il gol della squadra di Heynckes porta la firma di Tolisso al 7' del secondo tempo. L'Amburgo ha chiuso l'incontro in 10 per l'espulsione di Jung dopo 38 minuti. Con questo successo i bavaresi salgono a quota 20 e raggiungono i gialloneri che sprecano un doppio vantaggio in casa dell'Eintracht Francoforte. Borussia avanti con le reti di Sahin al 19'pt e Philipp al 12'st ma subisce la rimonta dei padroni di casa che prima accorciano le distanze con un rigore di Haller al 19' st e poi raggiungono la parità quattro minuti dopo con una rete di Wolf. Grazie ad una rete di Sabitzer il Lipsia batte 1-0 lo Stoccarda ed è terzo da solo. Il Borussia Moenchengladbach va in vantaggio contro il Bayer Leverkusen (Johnson) poi gli ospiti si scatenano e segnano 5 reti con Bender, Bailey, Brandt, Volland e Pohjanpalo. Successo esterno infine per l'Hannover che passa 2-1 sull'Augusta.

21:14Marina Militare: folla visitatori per la Vespucci a Trieste

(ANSA) - TRIESTE, 21 OTT - Dopo aver ormeggiato stamani alle otto al Molo Bersaglieri, l'equipaggio della splendida nave a vela con motore della Marina Militare Amerigo Vespucci non ha fatto in tempo a tirare a lucido più del solito tolda e ponti ed a tenere una breve conferenza stampa, che una fila di visitatori si era già formata a terra davanti alla passerella. La Nave Scuola resterà a Trieste fino al 24 poi continuerà il suo viaggio lungo le coste italiane. Il Comandante della nave, Capitano di Vascello Roberto Recchia, ha disposto le visite domani dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.30 e lunedì dalle 14.30 alle 18.30. La nave fu progettata come la "gemella" Cristoforo Colombo, da Francesco Rotundi, direttore dei cantieri navali di Castellammare di Stabia (Napoli), dove fu varata il 22 Febbraio 1931; oggi è in servizio per l'addestramento degli allievi ufficiali della Accademia di Livorno. E' stata appena dotata di uno speciale e unico motore elettrico realizzato a Monfalcone (Gorizia).

20:56Catalogna: presidente Barcellona sostiene leader catalani

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Il presidente del Barcellona Josep Maria Bartomeu si schiera apertamente a favore dei leder catalani dopo la decisone del governo spagnolo di assumere il potere della regione. ''Il fatto che le persone siano state arrestate per le loro idee politiche - ha detto Bartomeu - è inaccettabile nel ventunesimo secolo. Nessuno può dubitare dell'impegno del Barcellona per la società catalana e le sue istituzioni democratiche". Per bloccare la spinta dell'indipendenza catalana, il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy vuole che il Senato gli dia il potere diretto per sciogliere il governo catalano regionale e indire il prima possibile le elezioni. Bartomeu ha aggiunto inoltre che il club mira a rimanere nella campionato spagnolo. Il Barcellona conduce la Liga e questa sera ospita il Malaga.

20:37Omicidio ad Alatri:ucciso con mazza baseball,killer confessa

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - E' stato ucciso a colpi di mazza da baseball alla testa Domenico Pascarella, il pensionato morto oggi ad Alatri nel Frusinate. Avrebbe già confessato il suo assassino, secondo quanto si apprende, un 32/enne vicino di casa con problemi psichici. Avrebbe spiegato il delitto rievocando vecchi, presunti rancori nei confronti della vittima. Il corpo di Pascarella é stato trovato in mezzo al sangue nella sua casa in via Sardegna, nel centro della cittadina; i carabinieri hanno capito che aveva aperto a qualcuno che conosceva e poco dopo in strada hanno intercettato il giovane, il quale vedendo i militari ha tentato di fuggire. Bloccato e portato in caserma ha ammesso di aver ucciso Pascarella.

20:23Calcio: serie A, Sampdoria-Crotone 5-0

(ANSA) - GENOVA, 21 OTT - Senza storia il primo anticipo della nona giornata di serie A: la Sampdoria liquida il Crotone con un perentorio 5-0. Padroni di casa già in vantaggio al 3' con un colpo di testa di Ferrari. Al 10' Ajeti stende Zapata in area, è rigore che Quagliarella trasforma per il 2-0. Al 38' i blucerchiati calano il tris con Caprari che mette dentro da distanza ravvicinata dopo un cross di Zapata. Crotone sfortunato nel recupero quando un colpo di testa di Budimir finisce sulla traversa. La Sampdoria controlla agevolmente il match e va a segno ancora due volte, al 71' con Linetty su assist di Praet e al 76' con Kownacki, appena entrato in campo al posto di Caprari. La Sampdoria, che deve ancora recuperare la partita con la Roma, sale in quinta posizione con 17 punti, Crotone fermo a quota 6.

Archivio Ultima ora