Dare un prezzo al carbonio per salvare il Pianeta

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

carbonio

ROMA. – Volendo essere ottimisti, al vertice di Parigi può andare tutto bene: si raggiunge un accordo vincolante, con meccanismi periodici di verifica sugli impegni di taglio alle emissioni presi da ogni Paese e sufficienti a contenere l’aumento delle temperature entro i due gradi. Fatto ciò, però, rimarrebbe ancora scoperto un nodo fondamentale: come rispettare le promesse fatte? I governi hanno strumenti politici per introdurre misure nazionali, possono incentivare fonti rinnovabili e risparmio energetico.

Ma c’è un’altra categoria di strumenti, cui guardano con favore la Banca Mondiale, l’Fmi e un numero crescente di Stati, dalla Francia alla Germania alla Cina: il carbon pricing, dare cioè un prezzo alle emissioni. Alla Cop 21 è stata annunciata ufficialmente la Carbon Pricing Leadership Coalition, una coalizione di cui fanno parte i cugini francesi e tedeschi, insieme a Paesi come il Messico e il Cile e a una novantina di imprese e Ong. Obiettivo è sollecitare tutte le nazioni a mettere un prezzo sul carbonio, in modo da influenzare gli attori economici a emettere meno CO2.

Le strade sono due e si basano su meccanismi di mercato: la carbon tax e il tetto e commercio delle emissioni, che sono già in uso in 40 nazioni e 23 città e regioni. Poi c’è la terza via: il contributo climatico su beni e servizi. La carbon tax è la tassa su fonti fossili primarie che varia in base al contenuto di carbonio: più onerosa sul carbone, meno sul petrolio, meno ancora sul metano. In questo modo il combustibile fossile viene a costare di più e la fonte rinnovabile, mediamente più costosa, diventa più competitiva.

Il vantaggio – spiega all’Ansa Massimo Natale Caminiti, esperto Enea della delegazione italiana alla COP21 – è la facilità: “si decide a quanto deve ammontare, ad esempio 20 dollari a tonnellata di CO2”. Lo svantaggio è che la tassa “viene pagata, in maniera nascosta, dai consumatori in bolletta”.

Il tetto e commercio delle emissioni (Ets) è il mercato della CO2. Il più grande è in Europa, dove è in vigore dal 2005. A differenza della carbon tax, “viene imposto un tetto alle emissioni e poi si lascia fluttuare liberamente il costo del carbonio da ridurre”, dice Caminiti.

L’azienda che emette CO2 deve essere autorizzata a farlo e deve comprare le quote che pensa di emettere. Il meccanismo è andato bene fino alla crisi economica, quando la contrazione della produzione ha portato a un calo naturale delle emissioni sotto la soglia fissata dalle autorità, facendo precipitare il prezzo delle quote da 20 a 2-3 dollari a tonnellata. Troppo poco per un potere deterrente.

La Cina è tra i Paesi che sta pensando all’Ets, mentre Francia e Inghilterra, che ce l’hanno su settore termoelettrico e grande industria, applicano la carbon tax ai trasporti e agli usi civili. La tassa, sottolinea Caminiti, potrebbe però essere sostituita da un “contributo climatico” su prodotti e servizi.

Comprando un paio di scarpe, ad esempio, in etichetta si troverà l’indicazione delle emissioni generate per la sua produzione e il relativo prezzo. Il costo ricadrà sul cittadino, ma in modo “trasparente” e dandogli un elemento di scelta tra due paia di scarpe, prodotte in modo diverso magari in Paesi diversi.

A prescindere dal metodo scelto, “è importante che a Parigi si trovi un accordo anche sugli strumenti da implementare a livello internazionale”, evidenzia Caminiti. “Senza strumenti gli obiettivi rimangono appesi. Con gli strumenti si possono mobilitare capitali per investimenti ‘low carbon'”.

(di Laura Giannoni/ANSA)

Ultima ora

15:34Italia-Canada: Trudeau, ‘ottima notizia’ avvio Ceta

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Tra qualche settimana l'accordo Ceta entrerà in vigore e questa e' un'ottima notizia per gli europei e anche per i canadesi": lo ha detto oggi il premier canadese Justin Trudeau durante una conferenza stampa con il primo ministro Paolo Gentiloni. Si tratta di "un accordo commerciale che ridurrà le barriere commerciali appunto tra il Canada ed i suoi partner europei rendendo più economico l'acquisto di prodotti europei per le famiglie canadesi e creando più opportunità per gli imprenditori per creare un giro d'affari più ampio", ha spiegato Trudeau.

15:32Nardella, contro bivacchi turisti acqua su sagrati

(ANSA) - FIRENZE, 30 MAG - Acqua sui sagrati delle chiese e sui marciapiedi per contrastare i bivacchi dei turisti: è la nuova norma a tutela del decoro del centro di Firenze annunciata dal sindaco Dario Nardella. Il sindaco ne ha parlato oggi in diretta a un'emittente radiofonica. "Passeremo nelle ore di pranzo sia sulle gradinate delle chiese che sui marciapiedi delle strade dove ci sono più alimentari per bagnare e pulire i marciapiedi", ha spiegato Nardella "se il turista vorrà sedersi si bagnerà, anche se forse avremo qualche turista in meno a bivaccare sui marciapiedi".

15:29Gentiloni,impegno Italia su accordo Parigi non arretra

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Abbiamo preso atto della posizione diversa degli Usa sulla questione dell'ambiente e del cambiamento climatico, "ma mi auguro che questa posizione si sciolga in senso positivo. In ogni caso è chiaro per l'Italia che il nostro impegno per gli accordi di Parigi continua ed è un accordo dal quale non vogliamo arretrare". Così il premier Paolo Gentiloni in conferenza stampa con il collega canadese Justin Trudeau a Villa Madama.

15:21Bimba di 4 mesi muore in ospedale Bari, Pm apre indagine

(ANSA) - BARI, 30 MAG - La Procura di Bari ha aperto un'indagine sulla morte di una bambina di quattro mesi nell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII. Il pm Baldo Pisani ipotizza il reato di omicidio colposo a carico di ignoti. Sulla base delle cartelle cliniche sequestrate dalla Polizia e della denuncia dei genitori della bambina, il magistrato sta identificando i sanitari che hanno avuto in cura la piccola per individuare eventuali responsabilità. La bambina è stata ricoverata due giorni fa nel reparto di malattie infettive con problemi respiratori e una diagnosi di bronchiolite. Fino a questa notte le sue condizioni sembravano stazionarie. Alle 2 c'è stata l'ultima poppata, poi la bambina è stata messa nella culla, dove si è addormentata. Intorno alle 5 è stata trovata morta. I genitori hanno chiamato la Polizia e sporto denuncia. Sarà l'autopsia ad accertare le cause della morte, se legate ai problemi respiratori di cui la bambina soffriva da alcuni giorni, oppure se si sia trattato di un rigurgito nel sonno.

15:14L. elettorale: Grasso, accelerazione? Noto rallentamento

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Noto un rallentamento invece che un'accelerazione". Così il presidente del Senato Pietro Grasso risponde sorridendo al cronista di "Repubblica.It" che gli chiede se non noti un'accelerazione sulla legge elettorale. "Qualcuno aveva detto che si andava in Aula ala Camera il 5 giugno e invece adesso vedo che dovrebbe andarci il 12 quindi vedo che un rallentamento c'è stato. C'è una settimana di...". Ma Grasso non dice altro su tempistica né su possibile voto anticipato. "Sono al Senato e aspetto la legge elettorale", ribatte

15:12Ap, guardate che fa Borsa su ipotesi voto anticipato

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "L'allarme lanciato dal ministro Alfano sul rischio di elezioni anticipate anche se non vengono messi in sicurezza i conti pubblici è confermato dall'andamento dei mercati. Ieri, infatti, la borsa di Milano ha perso il 2% nonostante fosse una giornata tranquilla sugli altri mercati". A dirlo è Valentina Castaldini, portavoce nazionale di Alternativa Popolare. E conclude: "Se il Pd e la deputata Fregolent vogliono far finta di non vedere perché hanno fretta di votare per cavalcare l'onda del populismo facciano pure. Noi siamo e saremo sempre responsabili e teniamo più ai cittadini italiani".

15:02Calcio: Spalletti, Inter? Prendo contatti con chi voglio

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Io spero che sia uno tra Di Francesco e Montella ad allenare la Roma il prossimo anno. Loro conoscono la Roma e hanno fatto vedere qualità umane oltre a quelle professionali. Entrambi poi non hanno cancellato il ricordo della Roma nonostante gli sviluppi professionali". Così Luciano Spalletti nella conferma stampa di addio alla panchina giallorossa. Il tecnico toscano non ha anticipato nulla sul proprio futuro, dribblando le domande sul probabile approdo all'Inter. "Sono una persona libera, prendo contatti con chi voglio da qui in avanti. Ma finora non è stato così - sottolinea -. Ci sarà chi reagirà in un modo chi in un altro dopo le mie scelte. Non mi disturberà più di tanto quello che si dirà. Io da qui in avanti comincio a parlare con chi vorrà far uso della mia persona: come allenatore, come metodo, come faccia. Organizzo il prossimo futuro se mi piace quello che uno mi propone".

Archivio Ultima ora