Dare un prezzo al carbonio per salvare il Pianeta

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

carbonio

ROMA. – Volendo essere ottimisti, al vertice di Parigi può andare tutto bene: si raggiunge un accordo vincolante, con meccanismi periodici di verifica sugli impegni di taglio alle emissioni presi da ogni Paese e sufficienti a contenere l’aumento delle temperature entro i due gradi. Fatto ciò, però, rimarrebbe ancora scoperto un nodo fondamentale: come rispettare le promesse fatte? I governi hanno strumenti politici per introdurre misure nazionali, possono incentivare fonti rinnovabili e risparmio energetico.

Ma c’è un’altra categoria di strumenti, cui guardano con favore la Banca Mondiale, l’Fmi e un numero crescente di Stati, dalla Francia alla Germania alla Cina: il carbon pricing, dare cioè un prezzo alle emissioni. Alla Cop 21 è stata annunciata ufficialmente la Carbon Pricing Leadership Coalition, una coalizione di cui fanno parte i cugini francesi e tedeschi, insieme a Paesi come il Messico e il Cile e a una novantina di imprese e Ong. Obiettivo è sollecitare tutte le nazioni a mettere un prezzo sul carbonio, in modo da influenzare gli attori economici a emettere meno CO2.

Le strade sono due e si basano su meccanismi di mercato: la carbon tax e il tetto e commercio delle emissioni, che sono già in uso in 40 nazioni e 23 città e regioni. Poi c’è la terza via: il contributo climatico su beni e servizi. La carbon tax è la tassa su fonti fossili primarie che varia in base al contenuto di carbonio: più onerosa sul carbone, meno sul petrolio, meno ancora sul metano. In questo modo il combustibile fossile viene a costare di più e la fonte rinnovabile, mediamente più costosa, diventa più competitiva.

Il vantaggio – spiega all’Ansa Massimo Natale Caminiti, esperto Enea della delegazione italiana alla COP21 – è la facilità: “si decide a quanto deve ammontare, ad esempio 20 dollari a tonnellata di CO2”. Lo svantaggio è che la tassa “viene pagata, in maniera nascosta, dai consumatori in bolletta”.

Il tetto e commercio delle emissioni (Ets) è il mercato della CO2. Il più grande è in Europa, dove è in vigore dal 2005. A differenza della carbon tax, “viene imposto un tetto alle emissioni e poi si lascia fluttuare liberamente il costo del carbonio da ridurre”, dice Caminiti.

L’azienda che emette CO2 deve essere autorizzata a farlo e deve comprare le quote che pensa di emettere. Il meccanismo è andato bene fino alla crisi economica, quando la contrazione della produzione ha portato a un calo naturale delle emissioni sotto la soglia fissata dalle autorità, facendo precipitare il prezzo delle quote da 20 a 2-3 dollari a tonnellata. Troppo poco per un potere deterrente.

La Cina è tra i Paesi che sta pensando all’Ets, mentre Francia e Inghilterra, che ce l’hanno su settore termoelettrico e grande industria, applicano la carbon tax ai trasporti e agli usi civili. La tassa, sottolinea Caminiti, potrebbe però essere sostituita da un “contributo climatico” su prodotti e servizi.

Comprando un paio di scarpe, ad esempio, in etichetta si troverà l’indicazione delle emissioni generate per la sua produzione e il relativo prezzo. Il costo ricadrà sul cittadino, ma in modo “trasparente” e dandogli un elemento di scelta tra due paia di scarpe, prodotte in modo diverso magari in Paesi diversi.

A prescindere dal metodo scelto, “è importante che a Parigi si trovi un accordo anche sugli strumenti da implementare a livello internazionale”, evidenzia Caminiti. “Senza strumenti gli obiettivi rimangono appesi. Con gli strumenti si possono mobilitare capitali per investimenti ‘low carbon'”.

(di Laura Giannoni/ANSA)

Ultima ora

11:32Thailandia: alluvioni nel sud, bilancio sale a 85 morti

(ANSA) - BANGKOK, 24 GEN - E' salito a 85 morti il bilancio delle alluvioni che nell'ultimo mese hanno colpito il sud della Thailandia. Lo ha annunciato ieri sera il dipartimento governativo per la prevenzione dei disastri naturali. Secondo il responsabile del dipartimento, Chatchai Promlert, le piogge monsoniche fuori stagione hanno causato danni o disagi a 1,7 milioni di persone, colpendo 580 mila case in 12 province meridionali, oltre a 2.300 scuole. Mentre in alcune zone il tempo è migliorato nell'ultima settimana, sette province rimangono ancora in gran parte sott'acqua, e in cinque di queste sono previste ulteriori precipitazioni nei prossimi due giorni.

11:32Scomparsa nell’Aretino: ‘frate uccise per evitare scandalo’

(ANSA) - AREZZO, 24 GEN - "Padre Gratien uccise Guerrina Piscaglia per evitare uno scandalo. Un atto istintivo. Aveva paura. Vedeva minacciate la salvaguardia del suo onore e la sua dignità di prete". E' la tesi che si legge nelle motivazioni della sentenza, pronunciata dalla Corte d'appello il 24 ottobre 2016, che ha condannato il frate congolese a 27 anni per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Il caso è quello della donna scomparsa da Ca' Raffaello nell'Aretino il primo maggio 2014 il cui cadavere non è mai stato ritrovato. Padre Gratien si trova attualmente nel convento romano dei padri Premostratensi dove celebra messa e fa intensa vita di comunità. Non ha mai smesso di proclamarsi innocente.

11:32Musica: Orchestra femminile Afghanistan vince Freemuse Award

(ANSA) - KABUL, 24 GEN - 'Zohra', la prima ed unica orchestra femminile dell'Afghanistan, ha vinto l'edizione 2017 del Freemuse Award, riconoscimento assegnato con la finalità di promuovere la musica come motore della libertà. In un comunicato l'organizzazione ha ricordato che 'Zohra', che con i suoi strumenti tradizionali afghani si è esibita anche nel quadro del recente Forum di Davos, è composta unicamente da studentesse del'Istituto nazionale della Musica (Anim) che sta formando la prima nuova generazione di musiciste afghane degli ultimi 30 anni. Cercando di superare l'impasse e rilanciare la musica fra la gente, il professor Ahmad Sarmast ha avviato un coraggioso progetto educativo che ha portato all'apertura nel 2010 dell'Anim a Kabul. Fra i principali obiettivi dell'Istituto, vi è proprio quello di dare potere alle donne attraverso la musica. Così, 65 dei 200 studenti dell'Anim sono ragazze fra i 14 ed i 20 anni che hanno dato vita all'orchestra che si è già esibita in molte Nazioni.

11:28Siria: ribelli, disponibili a prolungamento colloqui Astana

(ANSA) - MOSCA, 24 GEN - Le trattative di Astana sulla crisi siriana potrebbero proseguire anche domani e quindi oltre i due giorni inizialmente previsti: lo sostiene il portavoce della delegazione dell'opposizione, Osama Abu Zeid. "Se i paesi garanti (Russia, Turchia e Iran, ndr) dicono di aver bisogno di piu' tempo, di un giorno in piu', saremo d'accordo", ha dichiarato Osama Abu Zeid. "Non siamo venuti qui per appena due giorni, abbiamo un obiettivo che deve essere raggiunto", ha poi aggiunto. Oggi si svolge la seconda giornata dei colloqui iniziati ieri nella capitale kazaka.

11:28Trump: Senato conferma Mike Pompeo capo della Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 24 GEN - Mike Pompeo è il nuovo capo della Cia. La sua nomina è stata confermata dal Senato Usa, con 67 voti a favore e 30 contro (quasi tutti democratici). Donald Trump ha blindato così il settore della sicurezza della sua amministrazione, dopo la conferma del capo del Pentagono, James Mattis, e del consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Di origini italiane (è membro dell'Italian American Congressional Delegation), laureato in legge ad Harvard, Pompeo ha prestato servizio nell'esercito per qualche anno e successivamente ha lavorato come avvocato e imprenditore nel settore aerospaziale prima di entrare in politica con il Partito Repubblicano. Ex deputato del Kansas, 54 anni, è un esponente dei Tea Party. Membro a vita della National Rifle Association, è stato tra i più convinti oppositori all'Obamacare ed è contrario alla chiusura di Guantanamo. Pompeo è inoltre noto per essere stato tra i sostenitori del programma di sorveglianza dell'Nsa rivelato da Edward Snowden.

11:27Bild, jihadisti pronti ad attacchi chimici in Germania

(ANSA) - BERLINO, 24 GEN - Il governo federale tedesco e l'Anticrimine mettono in guardia, in un rapporto, contro il pericolo di possibili attacchi chimici da parte dei terroristi. Lo scrive la Bild di oggi. Attentatori islamisti "avrebbero intenzione e sarebbero già in grado di reperire e impiegare grandi quantità di sostanze chimiche", scrive la Bka nel documento. Come "opzione realistica" viene indicata l'attacco chimico all'acqua potabile delle case di più famiglie, o a generi alimentari.

11:14Italicum: si è aperta udienza Corte Costituzionale

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - E' iniziata in Corte Costituzionale l'udienza pubblica per l'esame dell'Italicum: la Consulta dovrà valutare la legittimità del ballottaggio, del premio di maggioranza, dei capilista bloccati, delle multicandidature con l'opzione del candidato di scegliere in quale collegio essere eletto. I rilievi su questi aspetti sono contenuti in cinque ordinanze giunte dai tribunali di Messina, Torino, Perugia, Genova e Trieste. A promuovere i ricorsi un pool di avvocati: tra loro Felice Besostri, che fu già al centro dell'azione contro il Porcellum, poi dichiarato incostituzionale. Tredici i giudici presenti nell'aula della Consulta: relatore è Nicolò Zanon, che illustrerà la causa. Poi parleranno gli avvocati anti-Italicum e a seguire l'avvocato generale dello Stato, Massimo Massella Ducci Teri, che difenderà l'Italicum per conto della Presidenza del Consiglio. La decisione sarà presa dopo la camera di consiglio a porte chiuse dei giudici. E' attesa stasera, ma potrebbe anche slittare a domani.

Archivio Ultima ora