Dare un prezzo al carbonio per salvare il Pianeta

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

carbonio

ROMA. – Volendo essere ottimisti, al vertice di Parigi può andare tutto bene: si raggiunge un accordo vincolante, con meccanismi periodici di verifica sugli impegni di taglio alle emissioni presi da ogni Paese e sufficienti a contenere l’aumento delle temperature entro i due gradi. Fatto ciò, però, rimarrebbe ancora scoperto un nodo fondamentale: come rispettare le promesse fatte? I governi hanno strumenti politici per introdurre misure nazionali, possono incentivare fonti rinnovabili e risparmio energetico.

Ma c’è un’altra categoria di strumenti, cui guardano con favore la Banca Mondiale, l’Fmi e un numero crescente di Stati, dalla Francia alla Germania alla Cina: il carbon pricing, dare cioè un prezzo alle emissioni. Alla Cop 21 è stata annunciata ufficialmente la Carbon Pricing Leadership Coalition, una coalizione di cui fanno parte i cugini francesi e tedeschi, insieme a Paesi come il Messico e il Cile e a una novantina di imprese e Ong. Obiettivo è sollecitare tutte le nazioni a mettere un prezzo sul carbonio, in modo da influenzare gli attori economici a emettere meno CO2.

Le strade sono due e si basano su meccanismi di mercato: la carbon tax e il tetto e commercio delle emissioni, che sono già in uso in 40 nazioni e 23 città e regioni. Poi c’è la terza via: il contributo climatico su beni e servizi. La carbon tax è la tassa su fonti fossili primarie che varia in base al contenuto di carbonio: più onerosa sul carbone, meno sul petrolio, meno ancora sul metano. In questo modo il combustibile fossile viene a costare di più e la fonte rinnovabile, mediamente più costosa, diventa più competitiva.

Il vantaggio – spiega all’Ansa Massimo Natale Caminiti, esperto Enea della delegazione italiana alla COP21 – è la facilità: “si decide a quanto deve ammontare, ad esempio 20 dollari a tonnellata di CO2”. Lo svantaggio è che la tassa “viene pagata, in maniera nascosta, dai consumatori in bolletta”.

Il tetto e commercio delle emissioni (Ets) è il mercato della CO2. Il più grande è in Europa, dove è in vigore dal 2005. A differenza della carbon tax, “viene imposto un tetto alle emissioni e poi si lascia fluttuare liberamente il costo del carbonio da ridurre”, dice Caminiti.

L’azienda che emette CO2 deve essere autorizzata a farlo e deve comprare le quote che pensa di emettere. Il meccanismo è andato bene fino alla crisi economica, quando la contrazione della produzione ha portato a un calo naturale delle emissioni sotto la soglia fissata dalle autorità, facendo precipitare il prezzo delle quote da 20 a 2-3 dollari a tonnellata. Troppo poco per un potere deterrente.

La Cina è tra i Paesi che sta pensando all’Ets, mentre Francia e Inghilterra, che ce l’hanno su settore termoelettrico e grande industria, applicano la carbon tax ai trasporti e agli usi civili. La tassa, sottolinea Caminiti, potrebbe però essere sostituita da un “contributo climatico” su prodotti e servizi.

Comprando un paio di scarpe, ad esempio, in etichetta si troverà l’indicazione delle emissioni generate per la sua produzione e il relativo prezzo. Il costo ricadrà sul cittadino, ma in modo “trasparente” e dandogli un elemento di scelta tra due paia di scarpe, prodotte in modo diverso magari in Paesi diversi.

A prescindere dal metodo scelto, “è importante che a Parigi si trovi un accordo anche sugli strumenti da implementare a livello internazionale”, evidenzia Caminiti. “Senza strumenti gli obiettivi rimangono appesi. Con gli strumenti si possono mobilitare capitali per investimenti ‘low carbon'”.

(di Laura Giannoni/ANSA)

Ultima ora

06:23Man Booker Prize ad un americano per il secondo anno

LONDRA - L'americano George Saunders ha vinto il Man Booker Prize con il romanzo "Lincoln in the Bardo", diventando il secondo autore americano ad aggiudicarsi il prestigioso premio britannico. Il libro parte dalla visita realmente compiuta dal presidente Abraham Lincoln nel 1862 in un cimitero di Washington sulla tomba del figlio di undici anni Willie e da lì si sviluppa con un coro di personaggi, tutti morti che non riescono a lasciare questa vita.

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

Archivio Ultima ora