L’Isis si rafforza nella Sirte, jihadisti da Iraq e Siria

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

jhad

IL CAIRO. – La Libia, nuovo Eldorado dell’Isis: l’incubo paventato dai servizi di intelligence occidentali sembra dunque avverarsi. L’Onu stima che i mujaheddin giunti in Nordafrica siano 2-3.000, mentre fonti concordanti locali hanno infatti riferito “dell’arrivo a Sirte di vari combattenti, tra cui alcuni ‘leader’ dello Stato islamico, provenienti dall’Iraq e dalla Siria”.

I jihadisti, secondo le fonti, “partiti da Raqqa a bordo di imbarcazioni, sarebbero giunti tre giorni fa sulle coste libiche, eludendo la sorveglianza della guardia costiera”. Ma i rinforzi ai fondamentalisti sarebbero arrivati anche dal sud desertico – da Mali, Ciad e Nigeria – con “una quarantina di Boko Haram”, pronti a immolarsi per realizzare i folli proclami del ‘Califfo’.

Un quadro a dir poco preoccupante. Secondo gli esperti citati nel rapporto delle Nazioni Unite, lo Stato islamico è solo uno degli attori fra le molteplici fazioni in guerra in Libia e starebbe anche incontrando “forte resistenza da parte della popolazione e difficoltà nella costruzione e nel mantenimento di alleanze locali”.

Sicuramente, però, in questo momento i militanti del califfo Abu Bakr al Baghdadi stanno beneficiando della notorietà del gruppo in Iraq e in Siria, e pongono “una minaccia evidente nel breve e nel lungo termine in Libia”.

Sulla possibilità di un intervento militare internazionale in Libia è sceso in campo oggi Matteo Renzi: “Non è un tema all’ordine del giorno, almeno per il momento”, ha detto il premier. “Il governo italiano sta cercando di costruire le condizioni perché Roma possa ospitare un evento sulla Libia come quello a Vienna sulla Siria”. Ore prima il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, aveva escluso una nuova missione.

Il dossier libico e la minaccia rappresentata dall’Isis sono stati al centro anche del vertice ad Algeri dei Paesi confinanti. L’inviato delle Nazioni Unite per la Libia, Martin Kobler, ha chiesto conto dei “progressi concreti per stabilizzare la Libia”, invitando poi a “firmare l’accordo per creare subito un nuovo governo di unità”, mentre le tribù del sud del Paese, i Tebu e i Tuareg, hanno aperto a un accordo della missione Onu per formare un esecutivo di riconciliazione.

Approfittando dell’instabilità politica e in assenza di un governo centrale, ma anche per la vastità del suo territorio in gran parte disabitato, i terroristi del Califfo, forti di oltre circa 5.000 combattenti, controllano oramai una vasta porzione a est della Libia – oltre 250 chilometri di costa – con l’obiettivo di estendere il loro raggio d’azione fino alla mezzaluna petrolifera tra Sirte e Bengasi.

Dei rinforzi in Libia con combattenti provenienti dalla Siria e dall’Iraq e della possibilità che Sirte si trasformi nella nuova Raqqa avevano parlato nei giorni scorsi gli 007 occidentali, preoccupati che la città nel nord-est della Libia possa diventare la nuova ‘capitale’ dello Stato islamico, proprio a due passi dall’Europa.

Da mesi l’organizzazione riceve sostegno da miliziani, terroristi, jihadisti e combattenti provenienti da diversi Paesi del Sahel oltre ai foreign fighter. Già a settembre il sito di informazione Alwasat aveva parlato della creazione da parte dell’Isis di un nuovo campo di addestramento nella regione di El Zahira, a 15 km a ovest di Sirte, la cui direzione era stata affidata a combattenti iracheni e sauditi e al cui interno militavano anche i nigeriani di Boko Haram.

E la tensione, oltre che a Sirte, è altissima anche a Bengasi, dove le autorità hanno chiesto agli abitanti di evitare i luoghi pubblici per il timore di lanci di missili e razzi da parte dei terroristi. E a Tripoli un membro del parlamento di Tobruk (quello riconosciuto dalla comunità internazionale) è stato sequestrato da uomini armati, forse a scopo di estorsione. Ma tutte le piste restano aperte.

(di Giuseppe Maria Laudani/ANSA)

Ultima ora

06:18Slavina su hotel, arrivati i soccorritori

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Sono giunti sul posto i soccorritori in marcia da ore nella neve per raggiungere l'hotel Rigopiano in provincia di Pescara, travolto ieri da una slavina mentre ospitava circa 20 persone. Gli uomini del Soccorso alpino Guardia di finanza (Sagf) e del Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico (Cnsas) ancora non sentono voci provenire dall'interno, ma vedono alcune luci accese.

02:52Slavina su hotel, “aiuto, moriamo di freddo”

(ANSA) - FARINDOLA (PESCARA), 19 GEN - "Aiuto aiuto stiamo morendo di freddo": è l'sms inviato ai soccorritori dalla coppia di clienti rimasta intrappolata nell'hotel Rigopiano in provincia di Pescara, colpito da una slavina. È composta da 20 uomini e 7 mezzi dei Vigili del fuoco, due squadre del Soccorso alpino e speleologico, sei ambulanze del 118 e forze di polizia la colonna che sta cercando di raggiungere la struttura nel comune di Farindola: date le condizioni serviranno ancora ore per arrivare sul luogo, rende noto la Protezione civile. La colonna dei soccorritori si troverebbe a circa sette chilometri dall'albergo e sta incontrando diverse difficoltà a causa di un'ulteriore slavina presente sulla strada.

00:24Calcio: 4-2 al Genoa, Lazio ai quarti Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - La Lazio ha battuto il Genoa 4-2 (2-2) e si è qualificata per i quarti di finale di Coppa Italia. Biancocelesti in vantaggio al 20' pt con Djordjevic e raddoppio di Hoedt al 31', accorcia Pinilla al 41' e pareggia Pandev al 45', poi Milinkovic-Savic al 25'st e Immobile al 30' chiudono la gara. Nel prossimo turno, il 31 gennaio, la Lazio affronterà l'Inter.

22:24Obama, la democrazia ha bisogno della stampa

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - "Avere voi in questo edificio ci ha fatto lavorare tutti meglio, perché la stampa è l'occhio critico su quelli che hanno il potere": Così Obama nell'ultima conferenza stampa da presidente, sottolineando come "gli americani e la democrazia hanno bisogno della stampa. "Manning ha scontato una dura sentenza in carcere, la sua condanna era sproporzionata. Ho valutato il suo caso nei dettagli", ha aggiunto sottolineando di non prestare attenzione ai tweet di Assange. "Intrattenere rapporti costruttivi con la Russia è una priorità degli Usa ed è nell'interesse del mondo", ha detto aggiungendo però che con Putin c'è stata un'escalation del sentimento anti-americano." Poi ha invitato gli Usa a difendere la propria visione del mondo e a non perpetrare prepotenze nei confronti dei Paesi più piccoli, con un riferimento a Russia e Cina. "Cordiali" i rapporti con Trump. "Gli ho offerto i miei consigli, ha aggiunto, riferendo di aver detto al presidente eletto che il lavoro del presidente è "non lo si può fare da soli".

22:00Parigi sogna il vaporetto con linee di bus fluviali

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - "Il fiume deve essere parte integrante della nostra strategia di trasporto come le teleferiche o i veicoli autonomi. Dobbiamo esplorare tutte le possibilità tecnologiche sui corsi d'acqua, dalla Senna ai canali": ne è convinta Valérie Pécresse, presidente dell'Ile-de-France, la regione parigina, e del suo sindacato dei trasporti pubblici Stif, che lo ha spiegato a Le Monde. Il sogno di Parigi è di trasformare la Senna in uno dei mezzi di trasporto abituali: il trasporto fluviale è un sogno di cui si parla da anni ma che si è sempre scontrato con la realtà per diverse ragioni, spesso logistiche ed ambientali. Ma ora Pécresse vuole provare a fare sul serio.

21:51Sindaco Montegallo, 5 frazioni isolate,40 sfollati

(ANSA) - MONTEGALLO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - ''Abbiamo 5 frazioni isolate sotto 2 metri e 30 cm di neve, con una trentina di persone, non abbiamo energia elettrica, la situazione è critica, e intanto continua a nevicare''. Lo dice all'ANSA il sindaco di Montegallo (Ascoli Piceno) Sergio Fabiani. ''Per fortuna, ad ora, non abbiamo malati o anziani gravi da assistere''. Gli sfollati del nuovo sisma, ''non per i crolli ma per la neve e la paura'', sono 40. Già da questa sera troveranno accoglienza negli hotel di Grottammare. ''Vengono da alcune delle 23 frazioni del comprensorio. Hanno timore a restare in casa, li capisco''. In paese sono al lavoro i carabinieri, i vigili urbani del contingente messo a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna, una squadra dei vigili del fuoco, ma mancano mezzi spartineve e pale gommate che possano aprire un varco per raggiungere le frazioni. ''La Provincia di Ascoli - spiega Fabiani, che è al suo posto nonostante 38 di febbre - ha promesso che domani ci manderà dei mezzi in più''.

21:43Cannes, rapina da 15 mln in gioielleria Harry Winston

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Un uomo a volto scoperto è entrato nella gioielleria Harry Winston sul celebre boulevard della Croisette di Cannes e si è impadronito di 26 parure di gioielli, essenzialmente di diamanti per un valore di circa 15 milioni di euro. Il ladro aveva una pistola e una granata, non si sa ancora se vera o finta, riporta il quotidiano Le Figaro. L'uomo si è presentato intorno alle 11 del mattino, da solo, nella gioielleria come un semplice cliente. Aveva il volto coperto soltanto da un paio di occhiali da sole e "ha chiesto di vedere delle parure di diamanti per conto di un acquirente. La commessa si è insospettita e gli ha mostrato un catalogo", riporta ancora il quotidiano. L'uomo, allora, ha tirato fuori le armi per farsi aprire le vetrine dalle 2 commesse presenti e facendo stendere a terra la guardia di sicurezza. Si è impadronito dei gioielli e, senza sparare nessun colpo, è riuscito a uscire dalla boutique indisturbato, a piedi come era venuto, senza lasciare traccia.

Archivio Ultima ora