L’Isis si rafforza nella Sirte, jihadisti da Iraq e Siria

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

jhad

IL CAIRO. – La Libia, nuovo Eldorado dell’Isis: l’incubo paventato dai servizi di intelligence occidentali sembra dunque avverarsi. L’Onu stima che i mujaheddin giunti in Nordafrica siano 2-3.000, mentre fonti concordanti locali hanno infatti riferito “dell’arrivo a Sirte di vari combattenti, tra cui alcuni ‘leader’ dello Stato islamico, provenienti dall’Iraq e dalla Siria”.

I jihadisti, secondo le fonti, “partiti da Raqqa a bordo di imbarcazioni, sarebbero giunti tre giorni fa sulle coste libiche, eludendo la sorveglianza della guardia costiera”. Ma i rinforzi ai fondamentalisti sarebbero arrivati anche dal sud desertico – da Mali, Ciad e Nigeria – con “una quarantina di Boko Haram”, pronti a immolarsi per realizzare i folli proclami del ‘Califfo’.

Un quadro a dir poco preoccupante. Secondo gli esperti citati nel rapporto delle Nazioni Unite, lo Stato islamico è solo uno degli attori fra le molteplici fazioni in guerra in Libia e starebbe anche incontrando “forte resistenza da parte della popolazione e difficoltà nella costruzione e nel mantenimento di alleanze locali”.

Sicuramente, però, in questo momento i militanti del califfo Abu Bakr al Baghdadi stanno beneficiando della notorietà del gruppo in Iraq e in Siria, e pongono “una minaccia evidente nel breve e nel lungo termine in Libia”.

Sulla possibilità di un intervento militare internazionale in Libia è sceso in campo oggi Matteo Renzi: “Non è un tema all’ordine del giorno, almeno per il momento”, ha detto il premier. “Il governo italiano sta cercando di costruire le condizioni perché Roma possa ospitare un evento sulla Libia come quello a Vienna sulla Siria”. Ore prima il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, aveva escluso una nuova missione.

Il dossier libico e la minaccia rappresentata dall’Isis sono stati al centro anche del vertice ad Algeri dei Paesi confinanti. L’inviato delle Nazioni Unite per la Libia, Martin Kobler, ha chiesto conto dei “progressi concreti per stabilizzare la Libia”, invitando poi a “firmare l’accordo per creare subito un nuovo governo di unità”, mentre le tribù del sud del Paese, i Tebu e i Tuareg, hanno aperto a un accordo della missione Onu per formare un esecutivo di riconciliazione.

Approfittando dell’instabilità politica e in assenza di un governo centrale, ma anche per la vastità del suo territorio in gran parte disabitato, i terroristi del Califfo, forti di oltre circa 5.000 combattenti, controllano oramai una vasta porzione a est della Libia – oltre 250 chilometri di costa – con l’obiettivo di estendere il loro raggio d’azione fino alla mezzaluna petrolifera tra Sirte e Bengasi.

Dei rinforzi in Libia con combattenti provenienti dalla Siria e dall’Iraq e della possibilità che Sirte si trasformi nella nuova Raqqa avevano parlato nei giorni scorsi gli 007 occidentali, preoccupati che la città nel nord-est della Libia possa diventare la nuova ‘capitale’ dello Stato islamico, proprio a due passi dall’Europa.

Da mesi l’organizzazione riceve sostegno da miliziani, terroristi, jihadisti e combattenti provenienti da diversi Paesi del Sahel oltre ai foreign fighter. Già a settembre il sito di informazione Alwasat aveva parlato della creazione da parte dell’Isis di un nuovo campo di addestramento nella regione di El Zahira, a 15 km a ovest di Sirte, la cui direzione era stata affidata a combattenti iracheni e sauditi e al cui interno militavano anche i nigeriani di Boko Haram.

E la tensione, oltre che a Sirte, è altissima anche a Bengasi, dove le autorità hanno chiesto agli abitanti di evitare i luoghi pubblici per il timore di lanci di missili e razzi da parte dei terroristi. E a Tripoli un membro del parlamento di Tobruk (quello riconosciuto dalla comunità internazionale) è stato sequestrato da uomini armati, forse a scopo di estorsione. Ma tutte le piste restano aperte.

(di Giuseppe Maria Laudani/ANSA)

Ultima ora

18:47Tangenti Odebrecht: presidente Perù insiste,’sono innocente’

(ANSA) - LIMA, 18 DIC - Pedro Pablo Kuczynski non molla. Messo alle strette dalle rivelazioni sui suoi rapporti con la multinazionale brasiliana Odebrecht e minacciato da una richiesta di impeachment, il presidente del Perù è tornato a ribadire la sua innocenza, proclamando: "Non ho mentito, non sono un corrotto". In un'intervista a 5 testate, Kuczynski, ha detto che la proposta di impeachment presentata in Parlamento è un "tentativo di attacco all'ordinamento democratico". Poi ha detto di voler chiedere scusa ai peruviani per "non essersi spiegare bene". Kuczynski è stato accusato di aver ricevuto soldi dalla Odebrecht fra 2004 e 2014, attraverso la Westfield, azienda di consulenza di cui era socio. Lui sostiene di aver lasciato la Westfield quando entrò nel gabinetto dell'allora presidente Alejandro Toledo (2004-06). Due precedenti presidenti peruviani - Alejandro Toledo (2001-06) e Ollanta Humala (2011-16)- sono sotto inchieste per i loro rapporti con la Odebrecht.

18:47Terremoto: 1.693 casette consegnate a comuni colpiti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Ad oggi, sono stati completati i lavori in 91 aree e sono state consegnate ai sindaci dei comuni del Centro Italia colpiti dal sisma 1.693 casette, di cui 687 nel Lazio (488 ad Amatrice, 199 ad Accumoli), 418 in Umbria (Cascia, Norcia e Preci), 562 nelle Marche (ad Amandola, Arquata del Tronto, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Fiastra, Gualdo, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, San Ginesio e Visso) e 26 in Abruzzo (a Tossicia e Torricella Sicura). Lo fa sapere la Protezione civile. Secondo i dati forniti dalle quattro Regioni, al 28 novembre, sono complessivamente 3.667 le Sae (Soluzione abitative d'emergenza) ordinate per i 50 comuni che ne hanno fatto richiesta. In particolare, l'Abruzzo ha ordinato 238 Sae da installare tra i tredici Comuni interessati; nel Lazio sono 826 gli ordinativi per sei Comuni; le Marche hanno ordinato 1.844 soluzioni abitative per 28 Comuni e, infine, l'Umbria 759 per tre Comuni. Attualmente sono in corso lavori in 108 aree. (ANSA).

18:37Porto Rico: governatore ordina riconteggio vittime uragano

(ANSA) - NEW YORK - 18 DIC - Il governatore di Portorico, Ricardo Rosselló, ha ordinato il riconteggio delle vittime dell'uragano Maria che ha devastato l'isola lo scorso settembre dopo che un'analisi del New York Times ha messo in discussione le cifre ufficiali. Ufficialmente le vittime sono 64 ma il quotidiano newyorkese ritiene invece che il numero sia superiore ai mille. Il giornale è giunto alla conclusione dopo aver analizzato il tasso di mortalità nell'isola - che è territorio americano - nei 42 giorni successivi all'uragano e confrontandolo con quello dei due anni precedenti. I dati hanno rivelato che sono morte 1.052 persone in più rispetto al 2016 e 2015 e ritiene che i decessi siano da mettere in relazione all'uragano. Ad esempio sull'isola si è registrato un aumento del 50% di morti per sepsi, una malattia sistemica causata da un'infezione che può essere dovuta a condizioni di vita in povertà oppure al ritardo di cure mediche.

18:36Parigi: sindaca lancia gara per abbellire la Tour Eiffel

(ANSA) - PARIGI, 18 DIC - La sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, ha lanciato oggi una gara per progetti miranti a ripensare l'accesso alla Tour Eiffel, con l'obiettivo dichiarato di abbellire l'accesso al sito. Il progetto vincente sarà scelto nel maggio 2019, il cantiere per realizzarlo dovrà essere concluso prima delle Olimpiadi 2024. Mentre ancora si discute della prossima costruzione del vetro trasparente antiproiettile che dovrà proteggere i visitatori, la sindaca ha deciso di lanciare l'appalto per rendere più moderno l'accesso alla Tour. Il progetto prenderà il nome di "Grande Sito Tour Eiffel". I progetti dovranno essere "ecologici, sobri e audaci", ha precisato la sindaca. Si dovrà tenere presente l'esigenza di "valorizzare le prospettive e le vie di accesso", rendere accessibile il monumento alle persone a mobilità ridotta e ristrutturare il grande spazio in previsione di una biglietteria "più moderna" che dovrebbe ridurre "a quasi nulla" le file di attesa oggi lunghissime. Il budget previsto è di 50 milioni di euro.

18:33Doping: Lucioni può tornare a giocare

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - È stato rinviato al 16 gennaio il processo sportivo di primo grado a carico di Fabio Lucioni, deferito dalla Procura di Nado Italia per l'utilizzo del clostebol, sostanza vietata. La notizia si apprende da ambienti vicini al club campano, dopo che la Prima Sezione del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia, riunitasi oggi negli uffici dello Stadio Olimpico di Roma, ha accolto l'eccezione presentata dall'avvocato Eduardo Chiacchio, legale del medico Walter Giorgione, anche lui deferito per il coinvolgimento nel caso Lucioni. Nel frattempo, scaduti i termini per la proroga della sospensione cautelare nei suoi confronti, il capitano del Benevento potrà tornare in campo per tre partite, a partire da sabato 23 dicembre quando la squadra campana sarà impegnata a Marassi contro il Genoa.

18:29Terremoto: De Micheli, da Camera 80 mln euro a ricostruzione

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Grazie a un emendamento bipartisan, sottoscritto da tutti gli schieramenti politici - primo firmatario il vicepresidente della Camera Simone Baldelli, seguono i vicepresidenti Marina Sereni, Luigi Di Maio, Roberto Giachetti, i questori Stefano Dambruoso, Gregorio Fontana e Paolo Fontanelli, nonché tutta la Commissione Bilancio - i risparmi della Camera dei deputati che ammontano a 80 milioni di euro andranno a sostenere la ripartenza dei luoghi inginocchiati dal sisma". Lo dice la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio e Commissaria straordinaria alla ricostruzione post sisma, Paola De Micheli. "La destinazione di 80 milioni di euro da parte della Camera al fondo per la ricostruzione delle aree terremotate - osserva De Micheli - è un importante segnale da parte di una politica operosa, concreta e unitaria, vicina alle esigenze reali delle comunità. Siamo - aggiunge - alla fine di un anno complesso, che ha messo a dura prova la vita e la resistenza di interi territori. Siamo alla fine di un anno complesso, che ha messo a dura prova la vita e la resistenza di interi territori. Governo e Parlamento non hanno mai smesso di lavorare in sinergia per porre le condizioni migliori per una buona ricostruzione. A chi fino a ieri sera tardi ha lavorato per questo risultato va la mia più grande gratitudine". (ANSA).

18:28F.1: Marchionne, Vettel un pò meridionale

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Non leggo fragilità in quei suoi moti di rabbia. Piuttosto di carattere. Credo che Sebastian Vettel sia un pò meridionale e ogni tanto gli saltano un po' i nervi. E' molto emozionale ma è altrettanto vero che le sue emozioni sono come i falli di reazione che ha un grandissimo giocatore che è sotto pressione. Seb ha dimostrato però che studia molto se stesso, si impegna. Nel 2018 credo che la sua componente meridionale non la vedremo, ha imparato abbastanza". Così Sergio Marchionne commentando il quattro volte campione del mondo. "Poi le occasioni per arrabbiarsi non gli sono mancate - ha aggiunto il presidente della Ferrari - Un paio di situazioni incredibili giustificano le sue reazioni. Ma dopo un 2016 difficile nel 2017 credo gli abbiamo dato una gran macchina. D'ora in poi sa che tocca a lui. Non sono affatto pentito di Kimi Raikkonen. La mia opinione personale - ha aggiunto Marchionne - è che se troviamo la vite giusta di Raikkonen, Kimi va da dio. Il problema è che bisogna trovarla".

Archivio Ultima ora