Clima: a Parigi un patto per tutelare le riserve idriche

Pubblicato il 02 dicembre 2015 da redazione

parigi-conferenza-cop21

LE BOURGET. – La mitigazione è solo un aspetto dell’azione internazionale contro il cambiamento climatico. Altrettanto importante è l’adattamento delle popolazioni, e gli interventi per renderle più resistenti, tutelando in particolare l’accesso all’acqua pulita.

“L’impatto del cambiamento climatico si vive soprattutto attraverso l’acqua: troppa acqua porta inondazioni, troppo poca siccità – ha spiegato il direttore esecutivo del Stockholm International Water Institute, Torgny Holmgren – Per questo, trattare sistematicamente il problema dell’acqua è cruciale”.

Per molto tempo, ha aggiunto il ministro francese dell’Ambiente Segolene Royal, “l’acqua e gli oceani sono stati un po’ marginalizzati nell’agenda internazionale. Ma ora sappiamo che il 90% delle catastrofi naturali sono legate all’acqua, che il 40% della popolazione mondiale si confronterà con una penuria d’acqua e il triplo subirà inondazioni nel 2030. Per questo era importante che la questione dell’acqua trovasse il suo posto nel dibattito sulla resistenza ai cambiamenti climatici”.

A questa preoccupazione risponde il ‘Patto di Parigi su acqua e adattamento’, una coalizione di Stati, organizzazioni regionali pei bacini fluviali, aziende ed Ong che lavora per “rendere i sistemi idrici, vere fondamenta dello sviluppo umano sostenibile, più resistenti al cambiamento climatico”.

Ma che si pone anche l’obiettivo di far entrare la tutela dell’acqua nell’agenda delle trattative della Conferenza Onu sul clima. L’impegno nella coalizione coinvolge realtà molto eterogenee: Stati, tra cui l’India, la Cina e il Messico, ma anche consorzi fluviali transfrontalieri come quelli dei bacini del Niger e del Congo, organizzazioni internazionali come la Mediterranean Water Platform, supportata dalla Commissione Europea.

Il Patto è poi affiancato da una Coalizione delle megalopoli, che riunisce 10 grandi città per circa 85 milioni di abitanti, impegnate in una piattaforma di condivisione delle conoscenze e delle buone pratiche e nel finanziamento di progetti di sostegno e tutela delle falde. Questa capillarità è cruciale perché, ha sottolineato Holmgren, “l’acqua è una risorsa sul territorio, quindi conta quello che fanno Paesi, regioni, aree urbane”.

Parallelamente, c’è una forte mobilitazione della società civile, con attori come il Consiglio mondiale dell’acqua e la Confederazione latinoamericana delle organizzazioni comunitarie per i servizi idrici e sanitari (Clocsas). Impegnata su temi come l’accesso all’acqua potabile e la salvaguardia del suolo da erosione e desertificazione, ma anche nella tutela degli ecosistemi marini e degli oceani.

Non va infine trascurato il contributo che possono dare le aziende, impegnandosi a ridurre il loro uso d’acqua e a monitorarne la qualità. A questo scopo è nata la Business alliance for water and climate change, a cui hanno già aderito 27 grandi società, che affianca un lavoro di sensibilizzazione per gli attori del settore privato a un’opera di “mitigazione del rischio” per le acque delle attività produttive.

(di Chiara Rancati/ANSA)

Ultima ora

13:21India: allarme Ferrovie, 4 incidenti in meno di 12 ore

(ANSA) - NEW DELHI, 25 NOV - Le Ferrovie indiane, fra le più grandi del mondo per numero di utenti, sono in emergenza perché ieri in meno di 12 ore sono avvenuti 4 incidenti, negli Stati di Uttar Pradesh e Orissa,che hanno avuto un bilancio di almeno sette morti ed undici feriti. Lo scrive il quotidiano The Hindu. Citando responsabili dei servizi ferroviari,il giornale precisa che tre degli incidenti sono avvenuti in Uttar Pradesh, ed uno in Orissa (deragliamento di 14 vagoni di un treno merci che trasportava carbone. Ma i due incidenti in cui vi sono state vittime hanno riguardato l'Uttar Pradesh. Qui infatti nel deragliamento di 13 carrozze del Vasco da Gama-Patna Express nel distretto di Chitrakoot tre persone sono morte e nove sono rimaste ferite. In precedenza, inoltre, un treno regionale aveva urtato un pulmino ad un passaggio a livello incustodito ad Amethi, causando il decesso di quattro passeggeri. Allarmato,il ministro delle Ferrovie, Piyush Goyal, ha ordinato una immediata inchiesta.

13:20Egitto: procura, 305 morti in moschea, 27 i bambini

(ANSA) - IL CAIRO, 25 NOV - Un comunicato della Procura generale egiziana indica stamane in 305 morti, di cui 27 bambini, e 128 feriti il bilancio della strage terroristica compiuta ieri alla moschea di Al Rawdah nel Sinai Settentrionale.

13:15Ucraina: Pasechnik nominato leader a interim di Luhansk

(ANSA) - MOSCA, 25 NOV - Il Consiglio del Popolo dell'autoproclamata repubblica di Luhansk (LPR) ha accettato le dimissioni di Igor Plotniski da leader della LPR e ha sostenuto la nomina di Leonid Pasechnik, attuale ministro per la Sicurezza, come leader a interim. Lo riporta Interfax sottolineando che la decisione è stata votata da tutti e 38 i membri del Consiglio. Plotniski, in seguito alla ribellione armata promossa dall'ex ministro dell'Interno Igor Kornet, rimosso dal suo incarico proprio da Plotniski, è fuggito in Russia da dove ha annunciato le dimissioni per motivi di "salute".

13:14Calcio: domani derby umbro senza tifo organizzato Perugia

(ANSA) - PERUGIA, 25 NOV - Sarà un derby dell'Umbria diverso dal solito, quello che si giocherà domani alle 15 al Liberati fra Ternana Unicusano e Perugia Calcio: sugli spalti, come annunciato alcune settimane fa, mancheranno quantomeno i gruppi organizzati del tifo perugino, in polemica con le norme in materia di accesso agli stadi e per una sorta di 'non ricoscimento' dell'avversario storico, causa cambio di nome. A quanto si apprende, questa parte della tifoseria biancorossa finora non ha chiesto autorizzazioni alla trasferta. Dunque Perugia senza spinta del tifo a Terni dopo una settimana di ritiro blindato a Cascia, dove i grifoni avevano preparato la partita (poi vinta) con il Carpi e dove la squadra di Breda è tornata in vista del derby. Partita che è tra quelle indicate ad elevato profilo di rischio dall'osservatorio nazionale, a prescindere dall'assenza dei sostenitori del Perugia. Ci saranno quindi controlli preventivi, provvedimenti per la viabilità e limitazioni della vendita di alcolici in zona stadio. (ANSA).

13:08Calcio: Lotti, ora aspettiamo governance Lega A

(ANSA) - FIRENZE, 25 NOV - "Un mio messaggio in attesa della assemblea di Lega A di lunedì? E' sempre il solito, finalmente è arrivata la delega dello statuto e quindi la Lega deve dotarsi di una sua governance al più presto". Così il ministro dello sport Luca Lotti. "La Lega di B ha nominato il suo presidente, ho fatto gli auguri e mi sono complimentato con Balata - ha continuato Lotti- Ora mi auguro succeda altrettanto per la Lega di A, in modo da ricostruire o rilanciare il calcio italiano. Cosa penso davvero della vicenda Tavecchio-Ventura? Si dovrà aspettare la Leopolda numero 9", ha detto sorridendo Lotti. Infine, sulla vicenda dello stadio di Roma, Lotti ha aggiunto: "C'è una conferenza dei servizi in atto, vediamo lunedì che cosa produrrà anche in termini di sviluppo della viabilità, mi auguro un risultato positivo, non solo per la Roma e i suoi tifosi ma per tutto il calcio italiano. Non si può avere un grande campionato se non si hanno infrastrutture degne, spero quindi si possa arrivare presto al via libera".

13:03Golf: Lotti, Ryder Cup evento importante per Italia

(ANSA) - FIRENZE, 25 NOV - "Abbiamo lottato e sofferto per portare la Ryder Cup in Italia, si sono dette tante cose in modo sbagliato, vogliamo invece dimostrare quanto il nostro Paese sia pronto e in grado di organizzare grandi eventi come questo". Lo ha detto il ministro dello sport Luca Lotti oggi a Firenze per 'Golf in piazza', tappa della 'Road to Rome 2022' di avvicinamento alla più importante e prestigiosa manifestazione del panorama golfistico internazionale che si terrà a Roma nel 2022. "Sarà un evento importante non solo dal punto di vista sportivo - ha detto il ministro- ma lo sarà anche per il turismo e l'economia. Parte da Firenze questo percorso fino al 2022, un percorso che risponderà anche alle tante inesattezze che sono state dette al riguardo. Sarà importante anche per avvicinare i giovani a questa disciplina".

12:57Abusi anche davanti a figli,denuncia e fa arrestare compagno

(ANSA) - NAPOLI, 25 NOV - Da anni subiva le violenze del compagno, anche davanti ai figli, alla fine, proprio in concomitanza con la giornata internazionale contro la violenza di genere, è riuscita a denunciare i soprusi facendolo arrestare: calvario finito per una donna di Torre del Greco (Napoli), dopo l'ultimo abuso, subito sul pianerottolo di casa, dove è stata bloccata dal compagno di 35 anni, strattonata, minacciata e insultata. Poi pensando che stesse per chiamare aiuto, l'uomo le ha strappato il cellulare di mano e l'ha colpita con dei pugni sulla testa. La vittima è riuscita a chiamare il 112 e dopo pochi minuti una pattuglia dei carabinieri è arrivata sul posto. L'uomo è stato bloccato e arrestato. La donna - giudicata guaribile in 5 giorni dai sanitari - ha confessato di subire violenze ormai da due anni. Il 35enne è finito nel carcere di Poggioreale: è accusato di atti persecutori ("stalking") e maltrattamenti. (ANSA).

Archivio Ultima ora