Renzi, eppur l’Italia si muove. Obiettivo di crescita dell’1,6%

Pubblicato il 02 dicembre 2015 da redazione

Il video-saluto del Presidente del Consiglio Matteo Renzi agli ospiti dell'assemblea nazionale della Cna che si è tenuta stabilimento della Ptl di Mirandola (Mo) ANSA/ELISABETTA BARACCHI

Il video-saluto del Presidente del Consiglio Matteo Renzi agli ospiti dell’assemblea nazionale della Cna che si è tenuta stabilimento della Ptl di Mirandola (Mo) ANSA/ELISABETTA BARACCHI

ROMA. – Il pendolo della crescita oscilla ancora tra 0,8% e 0,9%. Si tratta solo di un decimo di punto, che però tradotto in cifre concrete vale 1,6 miliardi di euro e che, soprattutto, nel caso in cui l’asticella dovesse fermarsi a fine anno sul livello più basso della forchetta, rischia di avere un effetto trascinamento sul 2016 pericoloso per i conti pubblici italiani, in primis per deficit e debito.

Il dilemma si era posto già a settembre scorso nella messa a punto della Nota di aggiornamento del Def e si pone di nuovo ora, dopo i dati poco rassicuranti dell’Istat sul terzo trimestre 2015. Tre mesi fa il governo aveva optato per la stima più ottimistica, considerata peraltro prudenziale rispetto alle ambizioni di arrivare fino all’1% di crescita, grazie alla ripresa europea apparentemente a portata di mano e alla spinta in arrivo dal Quantitative Easing della Bce.

Oggi però la situazione è tornata a complicarsi, non tanto – o non solo – per gli effetti immediati delle stragi di Parigi, quanto per il rallentamento registrato dall’economia internazionale e per la frenata del commercio globale deleteria per l’export italiano.

Rispetto allo scorso anno, chiuso con il segno meno e un Pil negativo dello 0,4%, l’economia registrerà comunque quest’anno una netta inversione di tendenza. E su questo tende a puntare l’attenzione, Matteo Renzi. “Dopo tre anni il Pil quest’anno sarà positivo e meglio delle previsioni di inizio anno. – ha tenuto a puntualizzare – Le cose finalmente iniziano a marciare”.

L’ottimismo sperimentato a metà anno sembra però essersi un po’ appannato. Anche perché, curiosamente, a registrare un’inversione sono anche i ruoli tradizionalmente rivestiti da Palazzo Chigi e Tesoro. E’ Renzi stavolta il più prudente rispetto a Pier Carlo Padoan, ancora convinto di poter raggiungere il +0,9% quest’anno e preoccupato piuttosto per quello che terrorismo e clima di sfiducia diffuso per l’Europa potranno causare nei prossimi mesi.

L’anno di grande riscatto per l’Italia dovrebbe essere infatti proprio il 2016, quello in cui gettare le basi per tentare di avvicinarsi all’obiettivo di medio termine di una crescita del 2%. Se nel 2015 il governo ha approvato – o gettato le basi – per le grandi riforme, a partire dal Jobs act, ha reso strutturali gli 80 euro, ha dato una spinta con la decontribuzione e il taglio dell’Irap, nel 2016 proseguirà con il taglio della Tasi, con i superammortamenti e probabilmente con il bonus cultura ai diciottenni.

L’idea di fondo, che qualcuno nell’esecutivo definisce “keynesiana”, è quella di sostenere la domanda e gli investimenti, partendo dal presupposto che la spinta psicologica è fondamentale per i consumi e la spesa. Ma in un clima di paura e incertezza le misure programmate, che stanno peraltro costando al governo una serrata trattativa con l’Ue per ottenere le deroghe sulla flessibilità, potrebbero non bastare.

Non solo per centrare l’obiettivo di crescita dell’1,6% ma di conseguenza anche quello di riduzione del debito – la prima volta in 8 anni – e di calo del deficit. Il dialogo con l’Ue si regge tutto su quei numeri e ritoccarli, anche di poco, rischia di portare a reimpostare anche la discussione con Bruxelles.

Il governo ha del resto già in qualche modo ridimensionato le risorse in deficit da utilizzare nel 2016, visto che i 3,3 miliardi della clausola migranti si sono trasformati in 2 miliardi per la sicurezza. Se quelli dovessero rimanere il deficit, a stime di crescita invariate, si attesterebbe al 2,3%. Mentre se si dovessero rivedere le previsioni al ribasso di un decimo di punto rispetto all’attuale +1,6%, l’indebitamento salirebbe automaticamente al 2,4% richiesto.

Ultima ora

20:38Champions: Qarabag-Atletico Madrid 0-0

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Buone notizie per la Roma da Baku, dove il Qarabag ha imposto lo 0-0 all'Atletico Madrid, in una partita della terza giornata del Gruppo C di Champions League. Con questo punteggio gli spagnoli salgono a 2 punti ma restano alle spalle dei giallorossi, che di punti ne hanno invece 4 e hanno già vinto in trasferta contro gli azeri. Il Qarabag, reduce dalle sconfitte con Chelsea e Roma, ottiene il suo primo punto.

20:37Chelsea-Roma: De Rossi e Florenzi fuori

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Eusebio Di Francesco rinuncia a Daniele De Rossi e Alessandro Florenzi per Chelsea-Roma, nella terza giornata della fase a gironi della Champions League. Al loro posto, il tecnico giallorosso metterà in campo Maxime Gonalons e Gerson, per un inedito 4-3-2-1. Per il Chelsea, in campo dal primo minuto, l'ex Juventus Alvaro Morata, recuperato da un infortunio.

20:26Hiv: condannato per aver trasmesso virus al compagno

(ANSA) - TEMPIO, 18 OTT - E' stato condannato a otto anni di carcere senza sospensione condizionale della pena per aver nascosto al convivente di essere sieropositivo. Un olbiese di 36 anni dovrà scontare la pena per lesioni gravi perché, non informando l'uomo che viveva con lui ed avendo rapporti sessuali non protetti, gli ha trasmesso il virus dell'Hiv. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Tempio Pausania, collegio presieduto dal magistrato Marco Contu, che ha accolto le richieste del pm Cristina Carunchio. Si tratta di una delle prime sentenze per casi di questo tipo in Italia.

20:01Papa: chi lotta per il potere non santifica nome di Dio

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 18 OTT - "Diciamo di essere cristiani, di avere un Padre, ma viviamo, non dico come animali, ma come persone che non credono né in Dio né nell'uomo, senza fede, e viviamo anche facendo del male, non nell'amore ma nell'odio, nella competizione, nelle guerre. E' santificato nei cristiani che lottano fra loro per il potere? E' santificato nella vita di quelli che assoldano un sicario per liberarsi di un nemico? E' santificato nella vita di coloro che non si curano dei propri figli? No, lì non è santificato il nome di Dio". Così Papa Francesco a don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova, nel colloquio in onda su Tv2000 nel programma 'Padre nostro', dal 25 ottobre ogni mercoledì alle 21.00. L'anteprima è stata presentata oggi alla Filmoteca Vaticana dal prefetto per la Comunicazione, mons. Dario E. Viganò, il direttore di Tv2000, Paolo Ruffini, don Pozza e il regista Andrea Salvadore. Dall'incontro è nato anche il libro 'Padre nostro' di Papa Francesco (Rizzoli-Lev) in uscita il 23 novembre.

19:52Noemi:conferito incarico perizia psichiatrica,Lucio presente

(ANSA) - LECCE, 18 OTT - Era presente anche Lucio, questa mattina, nel Tribunale per i minorenni di Lecce al conferimento dell'incarico per la perizia psichiatrica che dovrà accertare se il diciassettenne fosse in grado di intendere e volere nel momento in cui ha ucciso Noemi Durini, la sua fidanzata 16enne. La ragazza di Specchia, scomparsa il 3 settembre scorso, fu trovata morta il 13 settembre sotto un cumulo di pietre in una campagna di Acquarica del Capo (Lecce). Il 17enne reo confesso del delitto si é presentato a sorpresa, accompagnato dagli educatori dell'Ipm di Quartuccio (Cagliari), dove attualmente é detenuto. Il giovane, accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dai utili motivi, é rimasto in silenzio per tutta l'udienza facendo rientro già in giornata in Sardegna. Il gip del Tribunale per i Minorenni Ada Colluto ha dato 80 giorni per il deposito delle consulenze. Il 3 novembre cominceranno le operazioni peritali.

19:50Calcio: Fiorentina, allenamento a porte aperte

(ANSA) - FIRENZE, 18 OTT - Dopo la lezione tattica ai giornalisti la scorsa settimana, Stefano Pioli questa mattina ha permesso loro di assistere all'allenamento all'interno del centro sportivo. Una novità assoluta considerando le precedenti gestioni, e non è finita qui. Perché in vista della gara con la Roma del 5 novembre il tecnico della Fiorentina ha intenzione di aprire l'allenamento in un giorno precedente anche ai tifosi, facendolo svolgere dentro lo stadio Franchi. Alla sessione di stamani erano presenti anche il dg Corvino, il ds Freitas e il club manager Antognoni. Il tecnico viola ha lavorato in particolare sull'intensità, con esercitazioni e una partitella finale. Il ritorno al successo contro l'Udinese ha riportato serenità nella squadra viola attesa dalla trasferta con il Benevento per la quale Pioli dovrà fare a meno degli infortunati Saponara e Gil Dias. L'obiettivo è sfruttare il calendario che vedrà la Fiorentina impegnata, oltre che in Campania, con il Torino in casa e il Crotone fuori prima della Roma.

19:42Canada: Quebec vieta niqab e burqa in uffici pubblici

(ANSA) - NEW YORK, 18 OTT - Il Quebec, la piu' estesa provincia del Canada, ha varato una legge che vieta alle donne musulmane di indossare il niqab o il burqa negli uffici pubblici e sui servizi pubblici. Il nijab e' il velo della tradizione islamica che copre l'intero corpo lasciando scoperti solo gli occhi. Il burqa copre invece l'intera testa. Sara' vietato su autobus, treni, e per tutti i lavoratori di strutture pubbliche, compresi dottori, insegnanti e maestre d'asilo.

Archivio Ultima ora