Renzi, eppur l’Italia si muove. Obiettivo di crescita dell’1,6%

Pubblicato il 02 dicembre 2015 da redazione

Il video-saluto del Presidente del Consiglio Matteo Renzi agli ospiti dell'assemblea nazionale della Cna che si è tenuta stabilimento della Ptl di Mirandola (Mo) ANSA/ELISABETTA BARACCHI

Il video-saluto del Presidente del Consiglio Matteo Renzi agli ospiti dell’assemblea nazionale della Cna che si è tenuta stabilimento della Ptl di Mirandola (Mo) ANSA/ELISABETTA BARACCHI

ROMA. – Il pendolo della crescita oscilla ancora tra 0,8% e 0,9%. Si tratta solo di un decimo di punto, che però tradotto in cifre concrete vale 1,6 miliardi di euro e che, soprattutto, nel caso in cui l’asticella dovesse fermarsi a fine anno sul livello più basso della forchetta, rischia di avere un effetto trascinamento sul 2016 pericoloso per i conti pubblici italiani, in primis per deficit e debito.

Il dilemma si era posto già a settembre scorso nella messa a punto della Nota di aggiornamento del Def e si pone di nuovo ora, dopo i dati poco rassicuranti dell’Istat sul terzo trimestre 2015. Tre mesi fa il governo aveva optato per la stima più ottimistica, considerata peraltro prudenziale rispetto alle ambizioni di arrivare fino all’1% di crescita, grazie alla ripresa europea apparentemente a portata di mano e alla spinta in arrivo dal Quantitative Easing della Bce.

Oggi però la situazione è tornata a complicarsi, non tanto – o non solo – per gli effetti immediati delle stragi di Parigi, quanto per il rallentamento registrato dall’economia internazionale e per la frenata del commercio globale deleteria per l’export italiano.

Rispetto allo scorso anno, chiuso con il segno meno e un Pil negativo dello 0,4%, l’economia registrerà comunque quest’anno una netta inversione di tendenza. E su questo tende a puntare l’attenzione, Matteo Renzi. “Dopo tre anni il Pil quest’anno sarà positivo e meglio delle previsioni di inizio anno. – ha tenuto a puntualizzare – Le cose finalmente iniziano a marciare”.

L’ottimismo sperimentato a metà anno sembra però essersi un po’ appannato. Anche perché, curiosamente, a registrare un’inversione sono anche i ruoli tradizionalmente rivestiti da Palazzo Chigi e Tesoro. E’ Renzi stavolta il più prudente rispetto a Pier Carlo Padoan, ancora convinto di poter raggiungere il +0,9% quest’anno e preoccupato piuttosto per quello che terrorismo e clima di sfiducia diffuso per l’Europa potranno causare nei prossimi mesi.

L’anno di grande riscatto per l’Italia dovrebbe essere infatti proprio il 2016, quello in cui gettare le basi per tentare di avvicinarsi all’obiettivo di medio termine di una crescita del 2%. Se nel 2015 il governo ha approvato – o gettato le basi – per le grandi riforme, a partire dal Jobs act, ha reso strutturali gli 80 euro, ha dato una spinta con la decontribuzione e il taglio dell’Irap, nel 2016 proseguirà con il taglio della Tasi, con i superammortamenti e probabilmente con il bonus cultura ai diciottenni.

L’idea di fondo, che qualcuno nell’esecutivo definisce “keynesiana”, è quella di sostenere la domanda e gli investimenti, partendo dal presupposto che la spinta psicologica è fondamentale per i consumi e la spesa. Ma in un clima di paura e incertezza le misure programmate, che stanno peraltro costando al governo una serrata trattativa con l’Ue per ottenere le deroghe sulla flessibilità, potrebbero non bastare.

Non solo per centrare l’obiettivo di crescita dell’1,6% ma di conseguenza anche quello di riduzione del debito – la prima volta in 8 anni – e di calo del deficit. Il dialogo con l’Ue si regge tutto su quei numeri e ritoccarli, anche di poco, rischia di portare a reimpostare anche la discussione con Bruxelles.

Il governo ha del resto già in qualche modo ridimensionato le risorse in deficit da utilizzare nel 2016, visto che i 3,3 miliardi della clausola migranti si sono trasformati in 2 miliardi per la sicurezza. Se quelli dovessero rimanere il deficit, a stime di crescita invariate, si attesterebbe al 2,3%. Mentre se si dovessero rivedere le previsioni al ribasso di un decimo di punto rispetto all’attuale +1,6%, l’indebitamento salirebbe automaticamente al 2,4% richiesto.

Ultima ora

15:36M5S: indagato candidato a sindaco di Palermo

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - Un altro candidato sindaco di Palermo è indagato. Per Ugo Forello del Movimento Cinque Stelle, accusato di "induzione a rendere dichiarazioni mendaci", è un atto dovuto dopo la denuncia dei deputati nazionali grillini travolti dal caso firme false. Secondo Riccardo Nuti, Claudia Mannino e Giulia Di Vita, che hanno presentato un esposto circa un mese fa, l'inchiesta della Procura di Palermo sarebbe stata in qualche modo ispirata da Forello. Forello - secondo chi ha denunciato - avrebbe imbeccato i "pentiti" dell'indagine, come la parlamentare regionale Claudia La Rocca, vantando anche rapporti con i pm che indagano. La Procura ha chiesto l'archiviazione dell'indagine sull'induzione a rendere dichiarazioni mendaci e le persone offese si sono opposte, da qui la fissazione dell'udienza in cui le parti discuteranno. "Il gip non si pronuncia sulla fondatezza della questione - ha spiegato Forello - E' una cosa normale, sono molto sereno. Del resto la stessa Procura ha chiesto di archiviare il caso".

15:32M5s: Di Battista, non siamo filo-Russia né filo-Usa

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Il M5S non è filo-russo ne filo-americano. Il premio Nobel per la pace Obama è stato un presidente guerrafondaio, punto. Basta informarsi". Così il deputato M5s Alessandro Di Battista in un lungo post su Fb "dedicato agli ipocriti". "Non se ne può più della manipolazione mediatica e dell'ipocrisia galoppante" afferma il deputato che a proposito della vittoria di Trump e delle accuse di populisimo aggiunge: "Ecco questo atteggiamento ipocrita e profondamente anti-democratico mi fa vomitare!".

15:29Straniero uccide volontaria in comunità nel Bresciano

(ANSA) - BRESCIA, 24 GEN - Omicidio ad Iseo, in provincia di Brescia. Un marocchino regolare in Italia e affetto da problemi psichiatrici avrebbe ucciso per futili motivi a coltellate una volontaria di 25 anni all'interno della struttura protetta, la Cascina Clarabella, dove la donna lavorava e dove l'uomo è in cura. Indagano i carabinieri.

15:28Coniugi quasi ottantenni litigano per gelosia, lui le spara

(ANSA) - FRANCAVILLA FONTANA (BRINDISI), 24 GEN - Un uomo di 79 anni, Rocco Bellanova, ha ferito gravemente al volto con un colpo d'arma da fuoco sua moglie 78enne, durante una lite scoppiata nella casa dei coniugi a Francavilla Fontana, pare per motivi di gelosia. Secondo i primi accertamenti, l'arma usata sarebbe un fucile. Sull'accaduto indagano i carabinieri che ora stanno interrogando l'uomo che è stato portato in caserma. La donna è ricoverata in ospedale con riserva di prognosi.

15:27Morì in ospedale a Bologna, confermata assoluzione 3 medici

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Confermata in secondo grado l'assoluzione per i medici imputati a Bologna per la morte di Loredana Mainetti, deceduta a 59 anni il 25 settembre 2010 al reparto di Gastroenterologia dell'ospedale Maggiore, dopo un intervento endoscopico per l'asportazione di un polipo al duodeno. La Procura, con il Pm Rossella Poggioli, aveva impugnato la sentenza per tre dei quattro medici accusati di omicidio colposo e assolti dal tribunale: l'ex primario di Gastroenterologia Nicola D'Imperio (difeso dall'avvocato Nicola Mazzacuva), il medico che fece l'intervento Paola Billi (avv.Giuseppe Coliva), e un'altra dottoressa, Angela Alberani (avv.Sabrina Di Giampietro e Giovanni Sacchi Morsiani). Nei giorni scorsi l'udienza davanti alla prima sezione penale della Corte di Appello e la conferma della decisione del primo giudice. (ANSA).

15:23Sport: Lotti,maturi tempi riforma mandati Coni e federazioni

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Credo siano maturi i tempi per portare a conclusione l'iter della proposta di legge" in materia di limiti al rinnovo dei mandati degli organi del Coni e delle federazioni sportive nazionali. Così il ministro dello Sport, Luca Lotti, ascoltato in audizione davanti alla commissioni congiunte Cultura e Istruzione di Camera e Senato.

15:17Sci: slalom, trionfo Italia, Brignone 1/a, Bassino 3/a

(ANSA) - San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones (Bolzano), 24 gen - Strepitosa Italia nello slalom gigante di cdm di San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones: 1/a Federica Brignone in 2.10.05 e 3/a Marta Bassino in 2.10.62. In mezzo al 2/o posto, la francese Tessa Worley in 2.10.60. Per Brignone è la terza vittoria in carriera. Per la piemontese Bassino, a soli 20 anni, e' il secondo podio dopo il terzo posto di inizio stagione nel gigante di Soelden. La grande prestazione delle azzurre è poi completata da Irene Curtoni 8/a in 2.11.55 , Sofia Goggia 11/a in 2.11.89 e Manuela Moelgg, che ha gareggiato nel suo paese ed è forse stata tradita dalla emozione, 14/a in 2.12.06. In coda Francesca Marsaglia 20/a in 2.12.48 ed Elena Curtoni in 2.12.50. La svizzera Lara Gut è arrivata quarta e 5/a la statunitense MIkaela Shiffrin. L'americana guida con 1.053 punti la classifica generale e la svizzera la tallona con 923.

Archivio Ultima ora