Renzi, eppur l’Italia si muove. Obiettivo di crescita dell’1,6%

Pubblicato il 02 dicembre 2015 da redazione

Il video-saluto del Presidente del Consiglio Matteo Renzi agli ospiti dell'assemblea nazionale della Cna che si è tenuta stabilimento della Ptl di Mirandola (Mo) ANSA/ELISABETTA BARACCHI

Il video-saluto del Presidente del Consiglio Matteo Renzi agli ospiti dell’assemblea nazionale della Cna che si è tenuta stabilimento della Ptl di Mirandola (Mo) ANSA/ELISABETTA BARACCHI

ROMA. – Il pendolo della crescita oscilla ancora tra 0,8% e 0,9%. Si tratta solo di un decimo di punto, che però tradotto in cifre concrete vale 1,6 miliardi di euro e che, soprattutto, nel caso in cui l’asticella dovesse fermarsi a fine anno sul livello più basso della forchetta, rischia di avere un effetto trascinamento sul 2016 pericoloso per i conti pubblici italiani, in primis per deficit e debito.

Il dilemma si era posto già a settembre scorso nella messa a punto della Nota di aggiornamento del Def e si pone di nuovo ora, dopo i dati poco rassicuranti dell’Istat sul terzo trimestre 2015. Tre mesi fa il governo aveva optato per la stima più ottimistica, considerata peraltro prudenziale rispetto alle ambizioni di arrivare fino all’1% di crescita, grazie alla ripresa europea apparentemente a portata di mano e alla spinta in arrivo dal Quantitative Easing della Bce.

Oggi però la situazione è tornata a complicarsi, non tanto – o non solo – per gli effetti immediati delle stragi di Parigi, quanto per il rallentamento registrato dall’economia internazionale e per la frenata del commercio globale deleteria per l’export italiano.

Rispetto allo scorso anno, chiuso con il segno meno e un Pil negativo dello 0,4%, l’economia registrerà comunque quest’anno una netta inversione di tendenza. E su questo tende a puntare l’attenzione, Matteo Renzi. “Dopo tre anni il Pil quest’anno sarà positivo e meglio delle previsioni di inizio anno. – ha tenuto a puntualizzare – Le cose finalmente iniziano a marciare”.

L’ottimismo sperimentato a metà anno sembra però essersi un po’ appannato. Anche perché, curiosamente, a registrare un’inversione sono anche i ruoli tradizionalmente rivestiti da Palazzo Chigi e Tesoro. E’ Renzi stavolta il più prudente rispetto a Pier Carlo Padoan, ancora convinto di poter raggiungere il +0,9% quest’anno e preoccupato piuttosto per quello che terrorismo e clima di sfiducia diffuso per l’Europa potranno causare nei prossimi mesi.

L’anno di grande riscatto per l’Italia dovrebbe essere infatti proprio il 2016, quello in cui gettare le basi per tentare di avvicinarsi all’obiettivo di medio termine di una crescita del 2%. Se nel 2015 il governo ha approvato – o gettato le basi – per le grandi riforme, a partire dal Jobs act, ha reso strutturali gli 80 euro, ha dato una spinta con la decontribuzione e il taglio dell’Irap, nel 2016 proseguirà con il taglio della Tasi, con i superammortamenti e probabilmente con il bonus cultura ai diciottenni.

L’idea di fondo, che qualcuno nell’esecutivo definisce “keynesiana”, è quella di sostenere la domanda e gli investimenti, partendo dal presupposto che la spinta psicologica è fondamentale per i consumi e la spesa. Ma in un clima di paura e incertezza le misure programmate, che stanno peraltro costando al governo una serrata trattativa con l’Ue per ottenere le deroghe sulla flessibilità, potrebbero non bastare.

Non solo per centrare l’obiettivo di crescita dell’1,6% ma di conseguenza anche quello di riduzione del debito – la prima volta in 8 anni – e di calo del deficit. Il dialogo con l’Ue si regge tutto su quei numeri e ritoccarli, anche di poco, rischia di portare a reimpostare anche la discussione con Bruxelles.

Il governo ha del resto già in qualche modo ridimensionato le risorse in deficit da utilizzare nel 2016, visto che i 3,3 miliardi della clausola migranti si sono trasformati in 2 miliardi per la sicurezza. Se quelli dovessero rimanere il deficit, a stime di crescita invariate, si attesterebbe al 2,3%. Mentre se si dovessero rivedere le previsioni al ribasso di un decimo di punto rispetto all’attuale +1,6%, l’indebitamento salirebbe automaticamente al 2,4% richiesto.

Ultima ora

16:08Mose: Cantone, più problemi di quanto si potesse immaginare

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - "Per il Mose ci sono a dire il vero molti più problemi di quanto potessi immaginare. Ci sono anche un po' di incertezze e scarse chiarezze su una serie di cose che stanno avvenendo ma per un fatto di riservatezza non posso dire altro". L'ha detto il presidente dell'Anac Raffaele Cantone. "Il commissariamento nella prima fase ha dato un segnale di discontinuità che c'è ancora - ha continuato - ma le difficoltà che stiamo incontrando adesso non sono tutte spiegabili e dobbiamo capire bene cosa sta avvenendo".

16:04Soffocò figlia tre mesi nel sonno, iniziato processo a Bari

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Con la costituzione delle parti e l'ammissione di liste testi e mezzi di prova è iniziato dinanzi alla Corte di Assise di Bari il processo nei confronti del 30enne di Altamura Giuseppe Difonzo, accusato di aver ucciso la figlia di tre mesi soffocandola nel sonno. L'uomo, presente oggi nella cella dell'aula, è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato. Già in udienza preliminare si era costituita parte civile l'ex compagna dell'imputato, Angela Acquaviva, madre della bimba deceduta. Stando alle indagini dei carabinieri, coordinate dal pm Simona Filoni, il 30enne avrebbe soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. La piccola era nata nell'ottobre 2015 ed era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo la Procura, sempre dal padre. Difonzo è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne.

15:45Fontana, dovrebbe cambiare Costituzione che parla di razze

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ho detto fin dall'inizio che ho usato un espressione inopportuna ma il problema deve essere affrontato": così Attilio Fontana, candidato del centrodestra alla presidenza della Lombardia, è tornato a parlare delle polemiche per l'espressione 'razza bianca' che ha usato parlando della questione migrazione. A "Fatti e misfatti" su Tgcom24 ha comunque ricordato che "dovrebbe anche cambiare la Costituzione perché è la prima a dire che esistono razze".

15:16Migranti: Macron a Calais, ‘giungla non si ripeterà’

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - "In nessun caso lasceremo che una 'Giungla' possa riformarsi": lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, rivolgendosi alle forze di sicurezza a Calais, città simbolo della crisi migratoria nel nord della Francia, dove, dopo 15 mesi dallo sgombero del campo irregolare di migranti, i problemi restano con la presenza di oltre 600 esiliati ancora sul posto e la speranza di raggiungere la Gran Bretagna. La missione di Macron punta anche a sedare le crescenti polemiche rispetto alla futura legge su asilo e immigrazione allo studio del governo di Parigi. Intanto, il Premio Nobel per la letteratura, Jean-Marie Gustave Le Clézio, denuncia la distinzione tra migranti economici e rifugiati in fuga dalla guerra tuonando contro una "insopportabile negazione di umanità".

15:16Moto: Iannone, io e Belen una coppia normale

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una vita poco 'social' ma lo stesso piena d'amore e di passione, tanto che "succede che la sera mi ritrovo con Belen, mangiamo un brodino insieme e alle dieci a nanna. Mentre fuori il mondo parla". A parlare della sua nuova vita è Andrea Iannone, pilota della Suzuki e compagno da due anni della popolare showgirl che per la prima volta racconta la sua storia d'amore al settimanale 'Chi' nel numero in edicola domani. Parlando del tanto chiacchierato rapporto con la modella argentina, il 29enne abruzzese chiarisce "di preferire la realtà vera a quella social. Belen e io non amiamo farci foto insieme, adoriamo goderci il tempo insieme e questo, per chi vive sui social o sui giornali, è un grandissimo male. Noi veniamo anche giudicati per questo. Io e Belen ci siamo conquistati con il tempo e oggi so che è la donna della mia vita". "Questa storia può durare in eterno o finire - aggiunge il pilota Suzuki - ma io ringrazierò sempre di averla vissuta perché in ogni caso sono diventato un uomo migliore".

15:11Autonomia: Bonaccini, accordo con Governo prima di elezioni

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Sarà sottoscritta, salvo imprevisti, entro febbraio, e quindi prima delle elezioni politiche, l'intesa preliminare fra Governo, Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto per l'ottenimento di maggiore autonomia. Lo ha annunciato, nell'aula del consiglio regionale, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. La firma, ha detto Bonaccini, porrebbe "un punto fermo alla vigilia delle imminenti elezioni politiche, dal quale il nuovo esecutivo, di qualsiasi colore sia, non potrà più tirarsi indietro. Se si concluderà con esito positivo sarà un percorso di portata storica. Per la prima volta si riapre il dibattito sul regionalismo, in vista di una valorizzazione delle autonomie nella cornice sacra dell'unità del nostro Paese. Proveremo a superare il disagio che il centralismo statale ha creato nelle regioni più virtuose per innescare una competizione positiva che porti a comportamenti più efficienti". (ANSA).

15:05Calcio: Bari, una maglia speciale per 110 anni del club

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Una maglia speciale, firmata Peroni, per celebrare i 110 anni del Bari. In occasione dell'anniversario della fondazione della società biancorossa, i dirigenti del Football club Bari 1908 hanno incontrato stampa e tifosi per presentare la nuova divisa che i calciatori indosseranno nei prossimi incontri di campionato contro Cesena ed Empoli, una maglia bianca con strisce laterali rosse. Il 15 gennaio 1908 a Bari fu fondata la prima società calcistica cittadina. Una squadra che in 110 anni di storia ha mantenuto immutati i colori sociali: il bianco e il rosso. Gli stessi di Birra Peroni, presente a Bari fin dal 1924 "Siamo davvero orgogliosi di celebrare da protagonisti questo anniversario - ha detto Pierluigi Quattrini, sponsorship & events manager di Birra Peroni - Birra Peroni è parte della storia e dell'identità della città di Bari. Quest'anno con Peroni sulla maglia del FC Bari 1908 il sogno di molti è diventato realtà".

Archivio Ultima ora