Mosca: Erdogan fa affari con l’Isis, ecco le prove

Pubblicato il 02 dicembre 2015 da redazione

Putin sfida Erdogan: ecco le prove degli affari con l'Isis. Mosca

Putin sfida Erdogan: ecco le prove degli affari con l’Isis. Mosca

MOSCA. – All’indomani dell’introduzione di dure sanzioni contro la Turchia per l’abbattimento di un suo bombardiere, la Russia punta di nuovo il dito contro Erdogan rivolgendogli un’accusa che pesa come un macigno: quella di fare affari con i terroristi dell’Isis e di essere coinvolto, assieme alla “sua famiglia”, nel traffico illecito di petrolio dai territori occupati dai jihadisti in Siria e in Iraq.

Parole dure quelle del vice ministro della Difesa russo, Anatoli Antonov, a cui il presidente turco ha risposto per le rime dichiarando che “nessuno può lanciare calunnie contro la Turchia” e promettendo di reagire alla “reazione spropositata” della Russia.

Antonov questa volta ha tirato in ballo il genero di Erdogan e neo ministro dell’Energia Berat Albayrak, e un figlio del leader turco, Bilal, che possiede una società specializzata in lavori pubblici e trasporti marittimi (la Bmz), ma non ha chiarito quali siano le loro presunte responsabilità in questo “business criminale”.

E del resto le autorità militari russe nell’incontro con la stampa non hanno neanche presentato prove schiaccianti che dimostrino senza alcun dubbio la colpevolezza di Erdogan. Hanno però assicurato che ulteriori dettagli saranno resi noti in seguito e hanno mostrato delle presunte immagini satellitari di immense colonne di autocisterne in viaggio – stando a Mosca – verso la Turchia.

Le accuse che la Russia rivolge al ‘sultano’ – e che gli Stati Uniti bollano come “assurde” – non sono comunque del tutto nuove. Putin ha lanciato il primo siluro contro il leader di Ankara due giorni fa, dopo aver rifiutato l’invito di Erdogan a un bilaterale a margine del vertice sul clima a Parigi: abbiamo motivo di “sospettare”, aveva detto Putin in quell’occasione, che dietro l’abbattimento di un jet militare russo da parte degli F-16 turchi nella zona di confine con la Siria ci sia la volontà “di assicurare le forniture illegali di petrolio dall’Isis alla Turchia”.

Dal Qatar, Erdogan ha risposto al nuovo affondo russo in modo molto simile a come aveva già fatto lunedì: “Nel momento in cui potranno dimostrarlo – ha affermato – mi dimetterò, come dovrebbero fare quelli che non possono provare le loro accuse”.

Da Mosca però continuano a piovere duri rimproveri: secondo i vertici militari, non solo la Turchia è “il maggior consumatore del petrolio rubato” dai jihadisti “alla Siria e all’Iraq”, ma da questo Paese, “solo nell’ultima settimana”, hanno raggiunto i gruppi dell’Isis e dei qaedisti di al Nusra “fino a 2.000 militanti, oltre 120 tonnellate di munizioni e circa 250 mezzi di trasporto”.

La Russia sostiene di aver individuato tre percorsi attraverso i quali il petrolio dell’Isis giunge in Turchia: una rotta occidentale che porta agli scali marittimi turchi sul Mediterraneo, una rotta settentrionale che conduce alla raffineria di Patma, e una rotta orientale che porta a una grande base nella cittadina di Cizre.

A rincarare la dose ci ha pensato Antonov: “Il cinismo della leadership turca non conosce limiti”, ha tuonato il vice ministro della Difesa, accusando i turchi di essere “entrati in un paese straniero” e di “saccheggiarlo senza vergogna”. Poi si è detto certo che “i leader turchi, Erdogan compreso, non si dimetteranno e non riconosceranno nulla neanche con la faccia imbrattata di petrolio”.

Ma oltre ad abbattere la propria scure su Ankara, i vertici militari russi hanno approfittato dell’incontro con la stampa per fare un po’ di propaganda. Il vice capo di Stato maggiore russo, Serghiei Rudskoi, ha assicurato che i raid aerei russi in Siria iniziati poco più di due mesi fa hanno già dimezzato i proventi del traffico illegale di petrolio da parte dell’Isis da tre milioni di dollari al giorno a 1,5, distruggendo “32 raffinerie di petrolio, 11 impianti petrolchimici, 23 complessi per il pompaggio del petrolio e 1.080 autocisterne”.

La guerra di parole tra Russia e Turchia insomma continua, sullo sfondo delle divergenze sul futuro politico della Siria e di Assad, ma se Putin si è rifiutato di parlare con Erdogan a Parigi, i ministri degli Esteri di Mosca e Ankara potrebbero invece incontrarsi nei prossimi giorni a Belgrado, a margine della Conferenza ministeriale dell’Osce.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

11:28India: delitto d’onore, 6 condanne morte

(ANSA) - NEW DELHI, 20 GEN - Un tribunale indiano ha condannato oggi a morte sei persone a Nashik, nello Stato di Maharashtra, riconoscendole colpevoli di aver brutalmente ucciso nel 2013 nel villaggio di Sonai tre giovani 'dalit' (senza casta) nell'ambito di una vicenda presentata come 'delitto d'onore'. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Le indagini avevano provato che uno dei tre giovani 'dalit' uccisi aveva stretto una relazione con una delle studentesse appartenente ad una casta superiore. I famigliari della ragazza, assolutamente contrari alla continuazione del rapporto, attirarono l'1 gennaio 2013 in casa loro il giovane insieme a due amici con il pretesto di un lavoro di pulitura di una fossa settica. Ma il giorno dopo la polizia, allertata dai parenti dei tre giovani di cui non avevano più notizie, ne ha rivenuto i cadaveri orrendamente martoriati vicino alla casa. Dei sette imputati, uno è stato assolto mentre gli altri, fra cui il padre e il fratello sono stati condannati alla pena capitale.

11:12Thailandia: arrestato trafficante avorio

(ANSA) - BANGKOK, 20 GEN - La polizia thailandese ha arrestato uno dei più grossi trafficanti di animali selvatici, sospettato di aver gestito la maggior parte del contrabbando in Asia negli ultimi dieci anni. Boonchai Bach, 40enne thailandese di origini vietnamite, è stato preso in custodia ieri nel nord-est del paese, in relazione al contrabbando di zanne di rinoceronti provenienti dall'Africa, per un valore di oltre un milione di dollari, con il coinvolgimento di un funzionario locale e di un cittadino cinese. L'uomo - che ha respinto le accuse - avrebbe giocato un ruolo chiave insieme con la sua famiglia nel traffico di avorio, tigri, leoni ed altre specie a rischio di estinzione. La Thailandia è un paese di transito per il traffico di animali esotici, soprattutto verso la Cina, ed era considerata il più grande mercato illegale di avorio del mondo, prima dell'introduzione nel 2015 di un legge che punisce questi traffici.

11:09Ciclismo: Tour down under, Porte vince la penultima tappa

(ANSA) - ADELAIDE (AUSTRALIA), 20 GEN - Richie Porte ha vinto la 5/a e penultima tappa del Tour down under, gara d'apertura della stagione ciclistica internazionale, che si concluderà domani. L'australiano, vero e proprio beniamino di casa, con il tempo di 3h42'22", si è aggiudicato la McLaren Vale-Willunga Hill, lunga 151,5 chilometri, precedendo nell'ordine il sudafricano Daryl Impey di 8" e l'olandese Tom-Jelte Slagter di 10". Quest'ultimo guidava un gruppetto di corridori giunti sul traguardo con lo stesso tempo e del quale faceva parte anche l'italiano Diego Ulissi, che si è piazzato al settimo posto. In classifica generale al comando c'è sempre Impey, in 18h02'15", davanti a Porte (stesso tempo) e Slagter (a 16"), mentre Ulissi è quarto, con 20" di ritardo. Domani gran finale con la Adelaide-Adelaide (king William street) lunga 90 chilometri. (ANSA).

10:46Tennis: Australia, Fognini vola negli ottavi dopo cinque set

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Fabio Fognini segue l'esempio dell'altro azzurro Andreas Seppi e si qualifica per gli ottavi degli Australian open, in corso sui campi di Melbourne. Il tennista nato a Sanremo, 25/a testa di serie del torneo, ha battuto il 36enne francese Julien Benneteau, numero 59 del ranking Atp, dopo cinque set: di 3-6, 6-2, 6-1, 4-6, 6-3, il punteggio maturato in tre ore di gioco. Dal 1976, anno del successo in Coppa Davis in Cile, l'Italia non riusciva a presentare due atleti negli ottavi del tabellone maschile di un torneo valido per lo Slam: l'ultima volta accadde al Roland Garros, con Adriano Panatta - che poi avrebbe vinto - e Corrado Barazzutti.

10:22Usa: Pence partito per Medio oriente

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, e' appena partito per il suo annunciato tour in Medio Oriente, che lo vedrà in Egitto, Giordania e Israele. Il volo effettuerà una tappa di rifornimento in Irlanda in nottata, per poi proseguire verso il Cairo.

09:51Usa: Twitter, 700mila utenti incappati in propaganda Mosca

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - Twitter notificherà a quasi 700.000 utenti che hanno interagito con profili identificati quali potenziali veicoli di propaganda ad opera del governo russo durante le elezioni presidenziali americane del 2016. Lo ha reso noto il servizio di microblogging, che ha inoltre indicato migliaia di profili associati alla cosiddetta 'fabbrica dei troll', la societa' tecnologica russa 'Internet Research Agency' (Ira) di San Pietroburgo, che e' accusata di aver usato i social media per diffondere fake news nelle elezioni americane, profili che vanno ad aggiungersi a quelli gia' riportati al Congresso lo scorso ottobre. In particolare Twitter ha riferito di aver identificato 3.814 profili legati ad Ira, che hanno postato circa 176mila tweet nelle dieci settimane prima del voto, e altri 50.258 profili automatizzati considerati legati al governo russo che hanno twittato oltre un milione di volte.

09:17Pakistan: terrorismo,capo esercito conferma condanne a morte

(ANSA) - ISLAMABAD, 20 GEN - Il comandante dell'esercito pachistano, generale Qamar Javed Bajwa, ha confermato la condanna a morte sentenziata per dieci "terroristi irriducibili" da speciali tribunali militari. Lo ha reso noto l'Ufficio stampa dell'esercito (Ispr). In un comunicato l'Ispr ha precisato che i condannati sono stati coinvolti in "attività terroristiche, uccisione di civili innocenti, attacchi a istituzioni educative, brutale uccisione di soldati e in attacchi alle forze dell'ordine e alle forze armate del Pakistan". Secondo la Commissione per i diritti umani del Pakistan (Hrcp), dopo la revoca nel 2014 della moratoria sulle esecuzioni delle condanne a morte, ne sono state eseguite 471 mediante impiccagione.

Archivio Ultima ora