Mosca: Erdogan fa affari con l’Isis, ecco le prove

Pubblicato il 02 dicembre 2015 da redazione

Putin sfida Erdogan: ecco le prove degli affari con l'Isis. Mosca

Putin sfida Erdogan: ecco le prove degli affari con l’Isis. Mosca

MOSCA. – All’indomani dell’introduzione di dure sanzioni contro la Turchia per l’abbattimento di un suo bombardiere, la Russia punta di nuovo il dito contro Erdogan rivolgendogli un’accusa che pesa come un macigno: quella di fare affari con i terroristi dell’Isis e di essere coinvolto, assieme alla “sua famiglia”, nel traffico illecito di petrolio dai territori occupati dai jihadisti in Siria e in Iraq.

Parole dure quelle del vice ministro della Difesa russo, Anatoli Antonov, a cui il presidente turco ha risposto per le rime dichiarando che “nessuno può lanciare calunnie contro la Turchia” e promettendo di reagire alla “reazione spropositata” della Russia.

Antonov questa volta ha tirato in ballo il genero di Erdogan e neo ministro dell’Energia Berat Albayrak, e un figlio del leader turco, Bilal, che possiede una società specializzata in lavori pubblici e trasporti marittimi (la Bmz), ma non ha chiarito quali siano le loro presunte responsabilità in questo “business criminale”.

E del resto le autorità militari russe nell’incontro con la stampa non hanno neanche presentato prove schiaccianti che dimostrino senza alcun dubbio la colpevolezza di Erdogan. Hanno però assicurato che ulteriori dettagli saranno resi noti in seguito e hanno mostrato delle presunte immagini satellitari di immense colonne di autocisterne in viaggio – stando a Mosca – verso la Turchia.

Le accuse che la Russia rivolge al ‘sultano’ – e che gli Stati Uniti bollano come “assurde” – non sono comunque del tutto nuove. Putin ha lanciato il primo siluro contro il leader di Ankara due giorni fa, dopo aver rifiutato l’invito di Erdogan a un bilaterale a margine del vertice sul clima a Parigi: abbiamo motivo di “sospettare”, aveva detto Putin in quell’occasione, che dietro l’abbattimento di un jet militare russo da parte degli F-16 turchi nella zona di confine con la Siria ci sia la volontà “di assicurare le forniture illegali di petrolio dall’Isis alla Turchia”.

Dal Qatar, Erdogan ha risposto al nuovo affondo russo in modo molto simile a come aveva già fatto lunedì: “Nel momento in cui potranno dimostrarlo – ha affermato – mi dimetterò, come dovrebbero fare quelli che non possono provare le loro accuse”.

Da Mosca però continuano a piovere duri rimproveri: secondo i vertici militari, non solo la Turchia è “il maggior consumatore del petrolio rubato” dai jihadisti “alla Siria e all’Iraq”, ma da questo Paese, “solo nell’ultima settimana”, hanno raggiunto i gruppi dell’Isis e dei qaedisti di al Nusra “fino a 2.000 militanti, oltre 120 tonnellate di munizioni e circa 250 mezzi di trasporto”.

La Russia sostiene di aver individuato tre percorsi attraverso i quali il petrolio dell’Isis giunge in Turchia: una rotta occidentale che porta agli scali marittimi turchi sul Mediterraneo, una rotta settentrionale che conduce alla raffineria di Patma, e una rotta orientale che porta a una grande base nella cittadina di Cizre.

A rincarare la dose ci ha pensato Antonov: “Il cinismo della leadership turca non conosce limiti”, ha tuonato il vice ministro della Difesa, accusando i turchi di essere “entrati in un paese straniero” e di “saccheggiarlo senza vergogna”. Poi si è detto certo che “i leader turchi, Erdogan compreso, non si dimetteranno e non riconosceranno nulla neanche con la faccia imbrattata di petrolio”.

Ma oltre ad abbattere la propria scure su Ankara, i vertici militari russi hanno approfittato dell’incontro con la stampa per fare un po’ di propaganda. Il vice capo di Stato maggiore russo, Serghiei Rudskoi, ha assicurato che i raid aerei russi in Siria iniziati poco più di due mesi fa hanno già dimezzato i proventi del traffico illegale di petrolio da parte dell’Isis da tre milioni di dollari al giorno a 1,5, distruggendo “32 raffinerie di petrolio, 11 impianti petrolchimici, 23 complessi per il pompaggio del petrolio e 1.080 autocisterne”.

La guerra di parole tra Russia e Turchia insomma continua, sullo sfondo delle divergenze sul futuro politico della Siria e di Assad, ma se Putin si è rifiutato di parlare con Erdogan a Parigi, i ministri degli Esteri di Mosca e Ankara potrebbero invece incontrarsi nei prossimi giorni a Belgrado, a margine della Conferenza ministeriale dell’Osce.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

Archivio Ultima ora