Doping: chiesta squalifica per 26 azzurri dell’atletica

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

COMBO DOPING 1

ROMA – Colpo durissimo alla credibilità ed alle ambizioni dell’atletica azzurra in vista dei Giochi di Rio in programma la prossima estate. L’Ufficio di Procura Antidoping della Nado Italia, “sulla base delle indagini ‘Olimpia’ svolte dalla Procura della Repubblica di Bolzano ed agli esiti degli accertamenti svolti in ambito sportivo con l’apertura di procedimenti disciplinari nei confronti di 65 atleti per violazione dell’art. 2.3 (eluso controllo) ed art. 2.4 (mancata reperibilità), nonché delle verifiche e dei riscontri alle dichiarazioni rese dai medesimi nelle audizioni ed alla documentazione prodotta” ha deferito 26 atleti Azzurri dell’atletica leggera chiedendo per tutti una squalifica di due anni.

Fra i nomi più illustri ci sono anche quelli della medaglia di bronzo di Londra 2012 nel salto triplo Fabrizio Donato, del maratoneta Daniele Meucci, del saltatore in lungo Andrew Howe e del saltatore con l’asta Domenico Gibilisco. Archiviate invece le posizioni di 39 atleti tricolori fra cui spiccano i nomi di Simone La Mantia, Antonietta Di Martino ed Alex Schwazer che, dopo la positività conclamata, sta ora cercando uno sconto di squalifica per poter gareggiare ai Giochi ai cinque cerchi brasiliani.

Di seguito ecco l’elenco dei 26 deferiti: Roberto Bertolini; Migidio Bourifa; Filippo Campioli; Simone Collio; Roberto Donati; Fabrizio Donato; Giovanni Faloci; Matteo Galvan; Giuseppe Gibilisco; Daniele Greco; Andrew Howe; Anna Incerti; Andrea Lalli; Stefano La Rosa; Claudio Licciardello; Daniele Meucci; Christian Obrist; Ruggero Pertile; Jacques Riparelli; Silvia Salis; Fabrizio Schembri; Daniele Secci; Daddour Slimani; Gianluca Tamberi; Marco Vistalli; Silvia Weissteiner.

Allo stesso tempo sono state richieste 39 archiviazioni fra le quali spiccano quelle di Alex Schwazer e della maratoneta Valeria Straneo.

Questo l’elenco completo: Bani Zhara, Benedetti Giordano, Bordignon Laura, Caimmi Daniele, Cerutti Fabio, Console Rosaria, Crespi Merihun, Cusma Piccione Elisa, De Gasperi Marco, De Luca Marco, Desco Elisa, Di Cecco Alberico, Di Gregorio Emanuele, Di Martino Antonietta, Doveri Francesca, Floriani Yuri, Fogliani Ludovica, Frullani William, Giordano Bruno Anna, Grenot Libania, Lamera Raffaella, La Mantia Simona, Lorenzi Marco, Nasti Patrick, Nkouloukidi Jaques, Povegliano Lorenzo, Reina Daniela, Rifesser Lukas, Romagnolo Elena, Rosa Chiara, Rubino Giorgio, Scarpellini Elena, Schwazer Alex, Stecchi Claudio, Straneo Valeria, Tricca Michele, Tumi Michael, Villani Matteo.

Ultima ora

14:30Autonomia: insediato tavolo Milano, Maroni chiede risorse

(ANSA) - MILANO, 21 NOV - Il Tavolo per l'Autonomia si è insediato anche a Milano, presenti il sottosegretario agli Affari regionali, Gianclaudio Bressa, il presidente della Lombardia, Roberto Maroni e la delegazione dell'Emilia Romagna, ma senza il presidente Stefano Bonaccini. Sede dell'incontro, il belvedere al 39/o piano di Palazzo Lombardia, il grattacielo sede della Giunta regionale. Maroni ha anticipato ai giornalisti il merito della discussione già iniziata a Roma e Bologna. "Qui - ha detto - si discute di istruzione, di grandi reti di trasporto, di coordinamento della finanza pubblica e di rapporti internazionali". "Oggi - ha proseguito - illustriamo le nostre posizioni, il Governo valuterà le richieste nel giro di due settimane e ci darà una risposta. A quel punto inizierà la trattativa vera e propria che mi auguro si concluda entro fine dicembre. A gennaio invece la trattativa sarà sulle risorse, da chiudere entro la fine di gennaio con un accordo che eviti la contaminazione della campagna elettorale". (ANSA).

14:23Crollo Roma: gup, tre rinvii a giudizio e una assoluzione

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Tre rinvii a giudizio e una assoluzione. E' quanto ha deciso il gup di Roma, Costantino De Robbio, in relazione al crollo parziale del palazzo di Lungotevere Flaminio 70 avvenuto la notte del 22 gennaio del 2016. Il giudice ha disposto il processo, che inizierà il prossimo 29 maggio, per coloro che si occuparono dei lavori di ristrutturazione dell'appartamento da cui partì il crollo: Massimo Canepa, legale rappresentante della Edilarch 88 srl, il progettista Roberto Mattei e il titolare della ditta esecutrice dei lavori Pasquale Fama'. I tre sono accusati di disastro colposo, stessa accusa contestata al proprietario dell'appartamento , Giuseppe Rigo De Righi, che è stato, invece, assolto in abbreviato con la formula "per non aver commesso il fatto". Nell'appartamento furono eliminati tutti i tramezzi compromettendo la stabilità del palazzo.

14:19Taxi: adesione massiccia a Milano, garantiti servizi sociali

(ANSA) - MILANO, 21 NOV - Sta registrando una "adesione massiccia", secondo quanto riferito dalla Unica-Filt Cgil, lo sciopero dei taxi a Milano. Nei diversi punti della città abitualmente riservati ai taxi vi sono presidi per informare i cittadini sulle ragioni dello sciopero. Nello stesso tempo sono garantiti i cosiddetti "servizi sociali" sia alla Stazione Centrale, sia agli aeroporti di Linate e di Malpensa, così come nel resto della città: persone in difficoltà (malati, anziani, altro) che hanno bisogno del taxi vengono comunque serviti nonostante l'agitazione. Non sono segnalati episodi di criticità. A Milano la protesta ha il suo fulcro in un presidio organizzato dai sindacati in Stazione Centrale. Le auto bianche, una cinquantina, posteggiate in piazza Luigi di Savoia non caricano passeggeri.

14:18Ucraina: commando blocca accesso sede governo Lugansk

(ANSA) - MOSCA, 21 NOV - Il centro di Lugansk, la capitale dell'autoproclamata repubblica omonima, è stato bloccato da un commando in divisa militare, senza segni di riconoscimento. Gli uomini sono armati con mortai e mitragliatori. E' stato anche sbarrato l'ingresso del palazzo del governo e del 'parlamento'. Lo riporta Novaya Gazeta citando due fonti sul posto. Secondo l'agenzia ucraina Unian, dietro il commando potrebbe esserci l'ex ministro dell'Interno, Igor Kornet, licenziato ieri dal leader della repubblica Igor Plotnitskiy.

14:14Figc: Deodato, commissario atto invasivo

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Il commissariamento è un atto grave che incide sulla vita di un ente che ha una sua autonomia e soggettività giuridica. Io suggerisco di esaminare il caso con estremo scrupolo". Così Carlo Deodato, presidente del Gruppo di Lavoro tecnico Statuti e Regolamenti del Coni e membro del Consiglio di Stato. Deodato ha ricordato le linee guida che nel merito prefigurano il commissariamento: "Posso dire che lo statuto del Coni prevede tre presupposti. L'unico astrattamente configurabile in questa fattispecie è quello relativo alla constatata impossibilità di funzionamento degli organi federali. Io non sono in grado di comprendere se l'esito del consiglio federale e le dimissioni di Tavecchio implichino l'effetto che si verifichi questo presupposto. Questo va valutato dal Coni. Il commissariamento è un atto grave che incide sulla vita di un ente che ha una sua autonomia e soggettività giuridica. Ha l'effetto di sciogliere gli organi e sostituirli con un altro organo fino a nuove elezioni. E' molto invasivo".

14:02Giappone: la principessa Mako si fidanzerà a marzo

(ANSA) - TOKYO, 21 NOV - La principessa giapponese Mako, nipote primogenita dell'imperatore Akihito, annuncerà il suo fidanzamento ufficiale il prossimo marzo nel corso di una cerimonia di corte ufficiale. Lo ha annunciato l'agenzia Kyodo, citando una fonte dell'Agenzia imperiale, spiegando che il rito tradizionale chiamato 'Nosai no Gi' si terrà con molta probabilità il 4 marzo, mentre il matrimonio sarà celebrato in autunno. Lo scorso settembre la principessa 26enne aveva reso pubblici i progetti di nozze col coetaneo Kei Komuro, fidanzato di lunga data, già dai tempi dell'università. Come conseguenza delle nozze con un 'cittadino comune', la principessa Mako dovrà rinunciare al titolo imperiale, una prerogativa del trono del Crisantemo - che è la più antica monarchia ereditaria esistente al mondo senza aver subito interruzioni. a partire dal 660 a.C, e che dal XIX secolo non consente alle donne l'ascesa al trono.

13:54Calcio: Zamparini, a gennaio ci sarà qualcun altro

(ANSA) - PALERMO, 21 NOV - "A gennaio non ci sarò più, ci penserà qualcun altro". Lo ha detto il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini. Ieri i rosanero sono stati sconfitti in casa dal Cittadella per 3-0 e nei giorni scorsi la Procura ha presentato un'istanza di fallimento della società. "Non so se le vicende giudiziarie - ha aggiunto - abbiano influito sul rendimento della squadra, certo sono cose che si ripercuotono nella testa di tutto lo staff e dei giocatori. Io sono in una situazione paradossale dopo tutto quello che ho fatto a Palermo, non so cosa c'è dietro. Gli avvocati stanno lavorando ma sono esterrefatto, non penso che rimarrò a Palermo, mi dispiace solo per voi ragazzi, c'è gente che vuole che io me ne vada".

Archivio Ultima ora