Toyota de Venezuela comenzará a exportar partes hacia Argentina

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

toyota

CUMANA’.- En el marco de las actividades conmemorativas de los 500 años de la Fundación de Cumaná, Toyota de Venezuela anunció el inicio del Proyecto de Exportación de Piezas y Partes de repuestos de vehículos hacia la empresa Toyota Argentina.

Desde hace 34 años Toyota de Venezuela inició las operaciones de su Planta Ensambladora, en Cumaná. Desde ese momento la empresa se ha convertido en la principal fuente de empleo de la zona, al generar más de 1.500 puestos de trabajo directos y 10.000 indirectos que representan más del 50% de la actividad económica de la Región.

Paralelamente y consciente de su rol como agente catalizador de cambio y progreso en la zona, Toyota de Venezuela trabajó en sinergia con Metalpartes Espósito, Mamidel y FAACA, reconocidos proveedores locales con los que conformó una alianza estratégica a fin de lograr desarrollar estas primeras 4 piezas y partes producidas localmente, con las que se está dando inicio al proyecto. Para mayo de 2016, se tiene planificada la inclusión de 3 piezas y partes adicionales y, actualmente, se están adelantando esfuerzos para incluir otras 18 piezas para final de año.

Con una estimación anual inicial de 1.8 millones de dólares en partes exportadas, la consolidación del proyecto es el extraordinario resultado de la constancia, la preparación, el trabajo en equipo y la excelente calidad de la mano de obra de los miles de hombres y mujeres Cumaneses que conforman la fuerza de trabajo de Venezuela

“Quiero agradecer a nuestros aliados Metalpartes Espósito, Mamidel y FAACA y a las autoridades que nos apoyaron para lograr llevar adelante este Proyecto de Exportación de Piezas y Partes hacia Argentina. Para nosotros en Toyota de Venezuela, esta iniciativa es realmente significativa pues demuestra nuestra capacidad de producir piezas con calidad para exportación, con mano de obra local calificada, y de esta manera, continuar haciendo aportes en pro del desarrollo de nuestra Región y del país”, comentó Toshiro Hayashi Presidente Ejecutivo de Toyota de Venezuela.

En el acto estuvo presente el CEO de Toyota para Latinoamérica y el Caribe, Steve St. Angelo, promotor del proyecto, quien confirmó la importancia que siempre ha tenido Venezuela en la Región y para Toyota. “Venezuela fue el primer país latinoamericano donde Toyota estableció operaciones. Ya son casi 60 años en el país y seguimos apoyando la gestión y a nuestro grupo de trabajadores, quienes nos han demostrado su calidad humana y profesional. Estas piezas que hoy presentamos, son el producto del trabajo coordinado de una Región y de un grupo comprometido con su labor y con su país”, destacó Steve St. Angelo, CEO de Toyota para Latinoamérica y el Caribe.

Con cerca de 60 años en el mercado, Toyota de Venezuela continúa demostrando su compromiso para con su gente y la Región, mientras que, a través de la ejecución de nuevos proyectos como este, sigue reafirmando su intención de aportar su esfuerzo en la construcción de un mejor país para todos

Ultima ora

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

Archivio Ultima ora