Roma 2024: Malagò, sarà fotofinish

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da ansa

(ANSA) – ROMA, 3 DIC – “Sarebbe un grande errore sottovalutare le altre candidature. Secondo me si va al fotofinish e si vince coi voti degli altri una volta usciti, magari alla seconda o terza ‘botta’”. Lo dice il presidente Coni Giovanni Malagò, parlando della corsa olimpica di Roma 2024. Nella scelta della sede dei Giochi, il capo dello sport italiano ritiene che “saranno decisive le capacità di lobbying anche personali dei membri Cio. Il sistema Italia è un blocco granitico che non ha nessuno e che ci invidiano”.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

14:58Cannabis:Farina,testo deludente,mi dimetto da relatore

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Purtroppo il testo che andrà in Aula sulla Cannabis non risponde alle richieste e alle aspettative su questo tema. Un testo molto distante dalla discussione pubblica di questi anni nel nostro Paese e dalle esperienze concrete ormai diffuse in diversi Stati del mondo. Per queste ragioni ho ritenuto di presentare le dimissioni da relatore. Dimissioni necessarie che rendono più libero me e il gruppo di Sinistra Italiana-Possibile per il confronto in Aula". Lo afferma il deputato di SI-Possibile Daniele Farina, al termine della commissione.

14:58L.elettorale, slitta voto commissione su testo base

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Una questione procedurale sollevata da M5S e da Mdp ha provocato lo slittamento dell'adozione del Rosatellum 2.0 come testo base da parte della commissione Affari Costituzionali della Camera, che sta esaminando la legge elettorale. Si attende ora il responso della presidente Laura Boldrini sul problema sollevato.

14:57Banche: ok Senato a mozione unitaria con 196 sì

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Riceve il via libero unanime dell' Aula del Senato, con 196 sì, la mozione sulle banche proposta dal governo e illustrata all'Assemblea dal sottosegretario Pier Paolo Baretta. Il documento, in cui si parla anche dell'interdizione perpetua dai pubblici uffici per tutti gli amministratori giudicati responsabili, è stato sottoscritto dai presidenti di tutti i gruppi parlamentari che hanno ritirato le precedenti mozioni presentate.

14:57Vertici M5S, no a mini-direttorio, ormai c’è Di Maio

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Non ci sarà alcun mini-direttorio, il tema non è in agenda e non è stato mai discusso". Così fonti vicine a Davide Casaleggio e dell'entourage di Luigi Di Maio smentiscono "categoricamente" all'ANSA l'ipotesi di un mini-direttorio. "Ora abbiamo un candidato premier che è anche capo della forza politica, il che rende superflua la costituzione di qualsiasi altro organo di guida e indirizzo, compiti assunti in pieno da Di Maio dopo la sua designazione", spiegano le stesse fonti.

14:57Germania: Frauke Petry lascia l’Afd

(ANSA) - BERLINO, 26 SET - Frauke Petry lascia il partito Afd. Lo ha detto a Dresda la ex leader. La Petry ha annunciato di voler rinunciare al ruolo di capogruppo nel Landtag della Sassonia. Ieri Petry, che ha 42 anni, e che è attualmente la portavoce federale del partito insieme a Joerg Meuthen, aveva annunciato a sorpresa di non volere fare parte del gruppo parlamentare del partito che oggi si sta incontrando per la prima volta al Bundestag.

14:55Tim: rinviata a giovedì riunione Comitato golden power

(ANSA) - ROMA, 26 SET - E' stata rinviata a giovedì 28 settembre, la riunione del comitato governativo sulla verifica per l'attivazione del golden power su Tim. L'incontro, che dovrebbe terminare la verifica della posizione di Vivendi, avrebbe dovuto tenersi a Palazzo Chigi nel pomeriggio. E invece, a quanto si apprende, si terrà dopodomani, probabilmente nel pomeriggio.

14:54Brexit: sindaco Londra favorevole a secondo referendum

(ANSA) - LONDRA, 26 SET - Il sindaco laburista di Londra, Sadiq Khan, si dice favorevole a un secondo referendum sulla Brexit. Il primo cittadino lo afferma in una intervista rilasciata all'Evening Standard mentre è in corso a Brighton la conferenza annuale del Labour, il cui programma non prevede però una seconda consultazione popolare in merito. La proposta di Khan è quella di far votare i britannici sull'accordo finale al termine dei negoziati sul divorzio da Bruxelles e chiede che questo impegno venga messo nero su bianco nel prossimo manifesto elettorale del partito d'opposizione. La leadership Labour appare piuttosto prudente e le posizioni sono diverse sebbene ci sia qualche apertura, da parte ad esempio del Cancelliere dello Scacchiere ombra, John McDonnell, e di un altro fedelissimo del leader Jeremy Corbyn, Andrew Gwynne, che non esclude la possibilità di un nuovo voto: "Chissà dove saremo alla fine di questo processo", ha detto, riferendosi ai negoziati in corso sulla Brexit tra Londra e Bruxelles.

Archivio Ultima ora