Strage Usa, arsenale in casa del killer. Pista terrorismo

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

Authorities search an area Wednesday, Dec. 2, 2015, following a shooting that killed multiple people at a social services center for the disabled in San Bernardino, Calif. (James Quigg/The Victor Valley Daily Press via AP)

Authorities search an area Wednesday, Dec. 2, 2015, following a shooting that killed multiple people at a social services center for the disabled in San Bernardino, Calif. (James Quigg/The Victor Valley Daily Press via AP)

NEW YORK. – America sotto shock per la strage di San Bernardino, in California, costata la vita a 14 persone, mentre altre 21 sono rimaste ferite. L’ennesimo massacro che mostra al mondo un Paese più che mai impotente di fronte al fenomeno della violenza delle armi da fuoco. E risveglia negli americani l’incubo del terrorismo.

Una pista che anche il presidente Barack Obama non esclude, seppure a distanza di 24 ore dalla sparatoria nel centro disabili il movente resti ancora sconosciuto. “Non sappiamo ancora il perché di questo nuovo evento terribile”, ha ammesso il presidente parlando dallo Studio Ovale della Casa Bianca, dopo aver riunito il Consiglio per la sicurezza nazionale.

“Potrebbe essere legato al terrorismo. Ma è anche possibile che sia legato a una lite sul posto di lavoro”, ha spiegato, costretto a rinnovare l’accorato appello a porre fine alla mattanza: “Tutti dobbiamo fare di più per prevenire queste sparatorie e rendere più difficile l’accesso alle armi da fuoco in questo Paese”.

Gli investigatori lavorano senza sosta. Tante le cose ancora da chiarire e capire, anche se il mosaico di ora in ora si compone di sempre più tasselli. I killer – uccisi dalla forze dell’ordine al termine di uno spettacolare inseguimento ripreso in diretta tv dagli elicotteri dei vari media – erano due: Syed Rizwan Farook, 28 anni, cittadino americano di origini asiatiche ed ex ispettore dei servizi sanitari dello stato della California, insieme alla moglie Tashfeen Malik, 27 anni, musulmana nata in Pakistan.

Entrambi incensurati e mai nel radar dell’Fbi. Nella loro abitazione, nella località di Redlands, a pochi chilometri dal luogo della strage, gli agenti federali hanno trovato un vero e proprio arsenale, tra cui oltre 5 mila munizioni ed esplosivi artigianali: 12 ‘tubi-bomba’ come quello rinvenuto nei pressi della sala conferenze dell’Inland Regional Center, teatro della sparatoria, dove era in corso un party di Natale proprio degli ex colleghi di Farook.

Il congegno non è esploso – rivelano gli investigatori – solo per il malfunzionamento di un telecomando. Dettagli inquietanti, dunque, come le prime rivelazioni su Farook, che sarebbe stato ‘radicalizzato’ e avrebbe nel recente passato compiuto viaggi in Arabia Saudita.

“Era in contatto telefonico e via social media con più di un soggetto legato al terrorismo internazionale”, affermano fonti dell’Fbi, spiegando però che ogni riferimento al terrorismo di matrice islamica sia al momento prematuro. Piuttosto – si sottolinea – è probabile che la radicalizzazione di Farook possa aver contribuito insieme ad altri motivi ad accendere la miccia che ha portato alla strage.

Altri motivi come, ad esempio, una controversia nata nell’ambiente di lavoro. Farook infatti – raccontano alcuni testimoni – era presente alla festa di Natale dei suoi ex colleghi. Poi improvvisamente se ne sarebbe andato via infuriato, forse in seguito ad una discussione o un alterco. Sarebbe quindi tornato poco dopo con la moglie – entrambi vestiti con mimetica (lei di colore nero), passamontagna e giubbotti anti-proiettile – per compiere la strage, con fucili d’assalto e pistole.

Tutte armi – si è verificato – acquistate legalmente. La loro fuga è terminata con il Suv su cui viaggiavano crivellato di colpi: ben 380 quelli esplosi dagli agenti, che non hanno lasciato scampo ai due assassini.

Intanto i militanti dell’Isis sul web festeggiano: “Con l’hashtag #American_Burning hanno scritto diversi messaggi, tutti in arabo: “Tre leoni ci hanno fatto diventare orgogliosi”. E ancora: “le strade della California sono piene di soldati con armi pesanti, l’America sta bruciando”. Ma nessuna rivendicazione.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

20:19Siccità in Sudafrica, manca l’acqua

(ANSA) - IL CAIRO, 18 GEN - Città del Capo, la metropoli sudafricana colpita dalla peggiore siccità del secolo, ha annunciato nuove riduzioni della disponibilità d'acqua per i cittadini: dal mese prossimo il quantitativo massimo che ogni cittadino potrà usare scenderà dagli attuali 87 a 50 litri al giorno. La sindaca della città, Patricia de Lille, teme che Città del Capo possa diventare la prima metropoli al mondo a restare senza acqua già fra tre mesi. La città sudafricana ha raggiunto un "punto di non ritorno" e il "Giorno Zero" in cui la maggior parte dei rubinetti rimarrà a secco è fissato per il 21 aprile. De Lille ha lamentato che, nonostante appelli al risparmio idrico lanciati per mesi, il 60% dei cittadini continua a usare più di 87 litri al giorno. "Non possiamo più solo chiedere alla gente di smettere di sprecare l'acqua. Dobbiamo obbligarla", ha detto de Lille, che ha già messo al bando il lavaggio delle auto e il riempimento delle piscine.

20:13Berlusconi, ho sperato in Renzi ma è stata promessa mancata

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Renzi è stata una promessa in cui molti hanno sperato tra cui il sottoscritto ma è stata promessa mancata". Lo afferma Silvio Berlusconi ospite del programma Quinta Colonna su rete 4.

20:12Uccisa da uno sparo accidentale, indagato il ragazzo

(ANSA) - BERGAMO, 18 GEN - Sarà eseguita mercoledì prossimo l'autopsia sul corpo di Alessandra Cornago, la studentessa ventunenne di Ponteranica morta ieri sera per un proiettile esploso dalla pistola del fidanzato, l'ex guardia giurata Denis Zeni, suo coetaneo, da oggi indagato a piede libero per omicidio colposo. Gli inquirenti hanno sequestrato gli smartphone dei due fidanzati e il computer su cui stava studiando Alessandra Cornago. Denis aveva in camera da letto una pistola perché, per circa sei mesi e fino a un anno fa, aveva lavorato come guardia particolare giurata all'istituto di vigilanza privato Fidelitas. Dopo aver lasciato l'istituto, aveva continuato a detenere legalmente l'arma. Pochi istanti dopo la tragedia la reazione del giovane è stata di quelle che, a detta degli inquirenti, non lasciano dubbi sull'involontarietà dell'episodio: ha cercato di rianimarla, ha chiamato la madre che era in un'altra stanza (il papà era invece fuori casa) e hanno subito avvertito il 118. Era sotto choc.

20:10Maltempo: in Belgio si fermano treni ad alta velocità

(ANSA) - BRUXELLES, 18 GEN - La circolazione dei treni ad alta velocità Thalys dal Belgio verso Olanda e Germania è stata interrotta, per l'intera giornata, a causa del maltempo. Una cinquantina di treni regionali sono stati cancellati, e sono stati accumulati ritardi per oltre 20 ore sulla rete ferroviaria del Paese. Inoltre si sono registrati una ventina di incidenti ferroviari a causa dei detriti finiti sui binari. Lo scrivono i media online del Paese. Ad Anversa si contano almeno 4 feriti tra cui una donna grave.

20:06Calcio: serie A, Orsato arbitrerà Atalanta-Napoli

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Sarà Daniele Orsato di Schio l'arbitro di Atalanta-Napoli, anticipo delle 12.30 della 2/a giornata di ritorno in programma domenica 21 gennaio. Inter-Roma, big match delle 20.45 è stata affidata a Davide Massa di Imperia mentre il posticipo di lunedì tra Juventus e Genoa sarà diretto da Marco Di Bello di Brindisi. Queste le altre designazioni: Bologna-Benevento ad Abbattista di Molfetta; Cagliari-Milan a Guida di Torre Annunziata; Verona-Crotone a Rocchi di Firenze; Lazio-Chievo ad Abisso di Palermo; Samp-Fiorentina a Pasqua di Tivoli; Sassuolo-Torino a Fabbri di Ravenna; Udinese-Spal a Doveri di Roma 1.

19:58Adescava ragazze minorenni con regali, arrestato

(ANSA) - COMO, 18 GEN - I Carabinieri della Compagnia di Como hanno arrestato su disposizione della Procura della Repubblica di Milano un uomo di 36 anni residente in Piemonte, ritenuto gravemente indiziato dei reati di prostituzione minorile e violenza sessuale. Le indagini hanno avuto inizio dopo la denuncia sporta da un minore e i carabinieri hanno accertato il modus operandi con cui l'indagato operava: consapevole della minore età, contattava le ragazzine attraverso social network o tramite passaparola, proponendo loro di uscire, dietro il compenso fisso di 80 euro, pagando lo shopping e, successivamente, avanzando richieste sessuali con ulteriore offerta di denaro, fino a 800 euro, proponendo anche iPhone, macchine fotografiche e trucchi. I rapporti sono stati consumati in auto o in hotel, dove l'uomo andava nascondendo le minori nel baule della vettura. L'indagine ha permesso di accertare, in otto mesi, 16 episodi in cui l'indagato è rimasto coinvolto, tra atti di voyerismo e consumazione di rapporti sessuali.

19:57Antagonisti su tetto palazzo occupato fino a pomeriggio

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Hanno trascorso la giornata sul tetto per impedire lo sgombero di un palazzo occupato a Firenze, in via Foggini, da parte della polizia: protagonisti un ragazzo e una ragazza, che stamani erano saliti in cima allo stabile dove sono stati sorvegliati a distanza dalle forze dell'ordine fino alla loro discesa, intorno alle ore 17. Gli altri antagonisti occupanti dello stabile, una decina, sono stati portati in questura e denunciati per invasione di terreni ed edifici. Alcuni di loro, che durante il blitz della polizia hanno tentato di opporsi allo sgombero, dovranno rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale. Lo stabile era stato occupato il 28 dicembre scorso da una ventina di militanti di area antagonista. Di proprietà di un privato e destinato a ospitare un fast food, in passato il palazzo è stato sede di uffici dell'Inps. Lo scorso anno era già stato occupato da alcuni antagonisti e poi sgomberato dalle forze dell'ordine.

Archivio Ultima ora