Strage Usa, arsenale in casa del killer. Pista terrorismo

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

Authorities search an area Wednesday, Dec. 2, 2015, following a shooting that killed multiple people at a social services center for the disabled in San Bernardino, Calif. (James Quigg/The Victor Valley Daily Press via AP)

Authorities search an area Wednesday, Dec. 2, 2015, following a shooting that killed multiple people at a social services center for the disabled in San Bernardino, Calif. (James Quigg/The Victor Valley Daily Press via AP)

NEW YORK. – America sotto shock per la strage di San Bernardino, in California, costata la vita a 14 persone, mentre altre 21 sono rimaste ferite. L’ennesimo massacro che mostra al mondo un Paese più che mai impotente di fronte al fenomeno della violenza delle armi da fuoco. E risveglia negli americani l’incubo del terrorismo.

Una pista che anche il presidente Barack Obama non esclude, seppure a distanza di 24 ore dalla sparatoria nel centro disabili il movente resti ancora sconosciuto. “Non sappiamo ancora il perché di questo nuovo evento terribile”, ha ammesso il presidente parlando dallo Studio Ovale della Casa Bianca, dopo aver riunito il Consiglio per la sicurezza nazionale.

“Potrebbe essere legato al terrorismo. Ma è anche possibile che sia legato a una lite sul posto di lavoro”, ha spiegato, costretto a rinnovare l’accorato appello a porre fine alla mattanza: “Tutti dobbiamo fare di più per prevenire queste sparatorie e rendere più difficile l’accesso alle armi da fuoco in questo Paese”.

Gli investigatori lavorano senza sosta. Tante le cose ancora da chiarire e capire, anche se il mosaico di ora in ora si compone di sempre più tasselli. I killer – uccisi dalla forze dell’ordine al termine di uno spettacolare inseguimento ripreso in diretta tv dagli elicotteri dei vari media – erano due: Syed Rizwan Farook, 28 anni, cittadino americano di origini asiatiche ed ex ispettore dei servizi sanitari dello stato della California, insieme alla moglie Tashfeen Malik, 27 anni, musulmana nata in Pakistan.

Entrambi incensurati e mai nel radar dell’Fbi. Nella loro abitazione, nella località di Redlands, a pochi chilometri dal luogo della strage, gli agenti federali hanno trovato un vero e proprio arsenale, tra cui oltre 5 mila munizioni ed esplosivi artigianali: 12 ‘tubi-bomba’ come quello rinvenuto nei pressi della sala conferenze dell’Inland Regional Center, teatro della sparatoria, dove era in corso un party di Natale proprio degli ex colleghi di Farook.

Il congegno non è esploso – rivelano gli investigatori – solo per il malfunzionamento di un telecomando. Dettagli inquietanti, dunque, come le prime rivelazioni su Farook, che sarebbe stato ‘radicalizzato’ e avrebbe nel recente passato compiuto viaggi in Arabia Saudita.

“Era in contatto telefonico e via social media con più di un soggetto legato al terrorismo internazionale”, affermano fonti dell’Fbi, spiegando però che ogni riferimento al terrorismo di matrice islamica sia al momento prematuro. Piuttosto – si sottolinea – è probabile che la radicalizzazione di Farook possa aver contribuito insieme ad altri motivi ad accendere la miccia che ha portato alla strage.

Altri motivi come, ad esempio, una controversia nata nell’ambiente di lavoro. Farook infatti – raccontano alcuni testimoni – era presente alla festa di Natale dei suoi ex colleghi. Poi improvvisamente se ne sarebbe andato via infuriato, forse in seguito ad una discussione o un alterco. Sarebbe quindi tornato poco dopo con la moglie – entrambi vestiti con mimetica (lei di colore nero), passamontagna e giubbotti anti-proiettile – per compiere la strage, con fucili d’assalto e pistole.

Tutte armi – si è verificato – acquistate legalmente. La loro fuga è terminata con il Suv su cui viaggiavano crivellato di colpi: ben 380 quelli esplosi dagli agenti, che non hanno lasciato scampo ai due assassini.

Intanto i militanti dell’Isis sul web festeggiano: “Con l’hashtag #American_Burning hanno scritto diversi messaggi, tutti in arabo: “Tre leoni ci hanno fatto diventare orgogliosi”. E ancora: “le strade della California sono piene di soldati con armi pesanti, l’America sta bruciando”. Ma nessuna rivendicazione.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

13:01Ue: Boldrini, a molti fa comodo un’Europa debole

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Dobbiamo rilanciare il progetto europeo in senso federale per andare verso gli Stati Uniti d'Europa. In questo momento molti vogliono la nostra disgregazione, a molti può fare comodo avere un'Europa debole". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini, aprendo i lavori del convegno 'Europe Ambition' a Montecitorio.

13:00Proselitismo su web,smantellata cellula

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Una cellula terroristica che faceva proselitismo via web è stata smantellata dalla Polizia in un'operazione che ha portato all'arresto di 4 persone. In manette sono finiti tre tunisini e un marocchino che operavano tra Perugia, Milano e la Germania. L'inchiesta è stata condotta dalla Polizia Postale di Perugia insieme agli uomini del compartimento di Milano, sotto il coordinamento del Servizio di polizia postale e delle Comunicazioni a Roma. All'indagine ha contribuito anche la Digos e l'ufficio immigrazione di Milano, la polizia scientifica di Roma e il reparto prevenzione crimine Lombardia. Gli indagati avrebbero diffuso in rete centinaia di post contenenti foto, scritti e video, per sostenere l'ideologia delle frange più estreme del radicalismo islamico ed esprimere piena condivisione agli attentati realizzati dall'Is. A tutti viene contestata l'istigazione a delinquere con l'aggravante di aver commesso il fatto attraverso l'uso del mezzo informatico con finalità di terrorismo.

12:56Attacco Londra: un minuto silenzio in ricordo vittime

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - Un minuto di silenzio in ricordo delle vittime dell'attacco di ieri di fronte a Westminster è stato rispettato alle 9.33 ora locali (le 10.33 in Italia) nel Parlamento a Londra e nel Regno Unito.

12:56Imprenditore a rischio furti, ok Tar per detenzione pistola

(ANSA) - GENOVA, 23 MAR - Un imprenditore può usare un'arma legittimamente detenuta per difendere i beni aziendali all'interno del luogo dove viene esercitata l'attività, quando esiste il pericolo d'aggressione, in particolare di furti. È una delle motivazioni con cui il Tar della Liguria ha accolto il ricorso di un impresario che si era visto negare dal Prefetto di Savona il rinnovo dell'autorizzazione al porto di pistola per difesa personale. L'impresario aveva denunciato diversi furti di gasolio presso la propria ditta, evidenziando inoltre la necessità di trasportare spesso denaro contante per il pagamento di clienti e fornitori. Il Tar ha annullato così il provvedimento che aveva impedito il rinnovo del permesso per porto di rivoltella e ha condannato il Ministero dell'Interno al pagamento delle spese di giudizio (duemila euro). "La comunicazione dei motivi ostativi si è limitata a rilevare che il ricorrente potrebbe avvalersi dei servizi del sistema bancario per evitare il trasporto di elevate somme di denaro, e che non ha subito minacce, aggressioni e reati di altro genere contro la persona - spiega il Tar nella sentenza - Tali motivazioni non erano mai state ritenute sufficienti a negare il dimostrato bisogno per il rilascio della licenza per porto di pistola". L'ordinamento, prosegue il Tar, considera "scriminante - e dunque consentito - l'uso di un'arma legittimamente detenuta anche al fine di difendere i propri beni all'interno di un luogo ove venga esercitata un'attività imprenditoriale, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d'aggressione". Il Tar aggiunge che l'uso dei contanti "sembrerebbe essere riferibile ad esigenze di fornitori e clienti", non del ricorrente che ha dimostrato di avere nel recente passato denunciato "svariati furti di gasolio presso il piazzale della propria ditta". (ANSA).

12:54F1: Vettel, la Ferrari fa grandi progressi

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "A marzo è presto per sapere se saremo in lizza per il titolo, lo vedremo ad ottobre-novembre". Prudenza con la "p" maiuscola da parte del ferrarista Sebastian Vettel, nella prima conferenza stampa della nuova stagione di Formula 1, alla vigilia della tre giorni del Gran Premio d'Australia, tappa d'avvio del Mondiale. "Guardando alle prestazioni effettuate finora dalla macchina - aggiunge il pilota tedesco - c'è stato senz'altro un grosso passo avanti rispetto all'anno scorso. Ma questo è avvenuto anche grazie alle nuove regole, è una Formula 1 diversa e quindi ogni paragone non è del tutto appropriato. Di sicuro, è la macchina più veloce che abbiamo mai guidato. Se poi saremo competitivi, siamo qui per scoprirlo". Alla Ferrari, così come fra i suoi tifosi, si spera di poter finalmente insidiare lo strapotere della Mercedes. "Loro sono stati in grande forma negli ultimi anni e chiaramente sono sempre i favoriti - ammette Vettel - Vedremo nel corso della stagione quanto terreno riusciremo a recuperare".

12:51Calcio: stadio della Roma, “delibera della Giunta in arrivo”

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Questa Amministrazione intende promuovere una delibera di Giunta che riconsideri il pubblico interesse individuando i principi per la realizzazione di un nuovo progetto. Un progetto che permetta una revisione della precedente delibera a partire da una riparametrazione e riformulazione delle opere che determinano l'interesse pubblico dell'intervento". Lo ha detto l'assessore all'Urbanistica di Roma Luca Montuori, durante la seduta straordinaria dell'Assemblea capitolina sullo stadio della Roma, chiesta dalle opposizioni in aula Giulio Cesare. "Vogliamo considerare - ha aggiunto Montuori - un insieme di fattori che possano permetterci oggi di esaminare un nuovo equilibrio di sistema, con un interesse pubblico ampliato e riferito non solo alle aree specifiche intorno allo stadio, ma esteso a tutti i cittadini che abitano fra Tor di Valle e Ostia e a coloro che fanno il loro ingresso a Roma da Fiumicino e da Civitavecchia".

12:40Tennis: Atp-Wta Miami, oggi in campo Seppi ed Errani

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Esordio per Andreas Seppi oggi al Miami Open, Masters 1000 sui campi in cemento di Crandon Park, in Florida: l'altoatesino, numero 80 Atp, affronterà il qualificato moldavo Radu Albot, n. 86. Ieri, intanto, buon debutto per Fabio Fognini: il 29enne ligure, n. 40 Atp, ha battuto 6-4, 7-5, in un'ora e 37', lo statunitense Ryan Harrison, n. 47. Al secondo turno Fognini troverà il portoghese Joao Sousa, n. 35 e 30/a testa di serie. Al secondo turno, dopo il "bye" all'esordio, c'è anche Paolo Lorenzi, n. 37 e 32/a testa di serie, che se la vedrà con il vincente della sfida in programma oggi tra il francese Adrian Mannarino (n. 67) e il qualificato tedesco Benjamin Becker (n. 186). Nel tabellone femminile, secondo turno oggi per Sara Errani, n. 102 Wta, che sfiderà la 28enne cinese Shuai Zhang, n. 33 e 30/a testa di serie. E infine secondo turno, ma domani, anche per Roberta Vinci, n. 30 e 25/a testa di serie, all'esordio dopo un "bye", contro la qualificata statunitense Taylor Townsend, 20 anni, n. 111.

Archivio Ultima ora