Brasile: impeachment contro Dilma apre tsunami politico

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

dilma

RIO DE JANEIRO. – Si aggrava la crisi politica in Brasile, che vive una fase recessiva acuta anche dal punto di vista economico: il mandato della presidente della Repubblica, Dilma Rousseff (rinnovato per altri quattro anni alle scorse elezioni del 2014) corre il rischio di terminare prima del tempo.

Il presidente della Camera dei deputati di Brasilia, Eduardo Cunha, ha infatti accolto una richiesta di ‘impeachment’ mossa contro di lei dalle opposizioni al suo governo, accusato di aver violato la Legge di responsabilità fiscale. La decisione, piombata come una bomba nelle stanze del potere, scatena anche una guerra aperta tra due delle più alte cariche dello Stato: Rousseff e Cunha – da mesi su posizioni divergenti – ormai si attaccano reciprocamente anche nei discorsi ufficiali.

“Io non ho conti in Svizzera, né sono sospettata di aver stornato denaro pubblico”, ha detto Dilma riferendosi alle denunce di corruzione a carico di Cunha per il presunto coinvolgimento nello scandalo di tangenti dentro Petrobras. “Tutti sanno che non sono una ladra”, si è poi sfogata Rousseff con il suo entourage.

Pesantissima la replica del presidente della Camera. Dilma “ha mentito alla nazione”, ha affermato Cunha, secondo cui il governo avrebbe tentato la strada dello “scambio di favori”: ottenere il via libera all’approvazione di una polemica manovra fiscale in cambio della protezione del mandato di Cunha nel processo aperto contro di lui nel Consiglio di etica, dopo la scoperta di conti segreti in Svizzera a suo nome.

“Chi sta mentendo é il presidente della Camera”, ha ribadito pochi minuti dopo il ministro della Casa civile, Jaques Wagner. Per la stampa brasiliana, l’ok all’impeachment è stato una evidente “ritorsione” da parte di Cunha contro la presidente: il Partito dei lavoratori (Pt) di Dilma poche ore prima aveva annunciato di essere a favore dell’azione disciplinare contro Cunha per “condotta incompatibile con il decoro parlamentare”.

La “messa in stato di accusa” di Dilma non significa comunque destituzione immediata: a partire da questo momento, infatti, l’iter dell’impeachment si snoderà attraverso fasi lunghe e complesse, che prevedono la creazione (già lunedì prossimo) di una commissione speciale, passando per la plenaria della Camera, il Supremo tribunale federale e, infine, il Senato, dove la capo di Stato potrà essere eventualmente assolta o condannata.

Il Pt ha intanto comunicato che impugnerà il procedimento adottato da Cunha davanti alla Corte suprema. Mentre il ministro della Giustizia, José Eduardo Cardozo, ha suggerito che anche i singoli cittadini possano avviare un'”azione popolare” contro il presidente della Camera. E il presidente del Pt, Rui Falcao, dopo aver definito la richiesta di impeachment “un tentativo di golpe”, ha scritto sui social network che “i golpisti non passeranno”.

(di Leonardo Cioni/ANSA)

Ultima ora

00:40Calcio: Liga, nuovo stop per la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Nuovo stop per la Real Sociedad, battuta 3-0 a Valencia dal Levante, in una delle tre gare che giovedì sera hanno chiuso la quinta giornata di Liga. La formazione di San Sebastian, sconfitta in casa domenica scorsa dal Real Madrid, perde così ulteriore terreno dalle zone alte della classifica. Pareggi sugli altri due campi: 0-0 fra Villarreal ed Espanyol, 1-1 fra Celta Vigo e Getafe. Classifica: Barcellona 15 punti; Siviglia 13; Atletico Madrid 11; Valencia, Levante, Real Sociedad e Betis 9; Real Madrid 8; Villarreal, Athletic Bilbao e Leganes 7; Las Palmas ed Eibar 6; Getafe, Girona ed Espanyol 5; Celta e Deportivo 4; Alaves e Malaga 0.

00:16Calcio: primo dispiacere per Mancini, Zenit fuori in Coppa

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Primo dispiacere per Roberto Mancini alla guida dello Zenit: questa sera, infatti, la squadra di San Pietroburgo è stata eliminata dalla Coppa di Russia per mano di un club rivale cittadino di seconda divisione, la Dynamo San Pietroburgo. Lo Zenit, solitario in vetta al campionato (imbattuto dopo dieci giornate), è stato sconfitto per 3-2 ai tempi supplementari in una delle gare dei sedicesimi di finale. Rimasti in dieci dopo pochi minuti per l'espulsione di Mevlja, gli uomini di Mancini sono andati a riposo sotto di due reti ma, grazie alla reazione nella ripresa, sono riusciti a rimettere in equilibrio la situazione con i gol dell'ex romanista Paredes e di Poloz; ai supplementari, tuttavia, è arrivato il terzo gol della Dynamo con un rigore di Kulishev (autore di una doppietta, di Barsov l'altra marcatura).

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

22:47Tennis: Laver Cup, si parte con Cilic-Tiafoe

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Saranno Marin Cilic e Frances Tiafoe a inaugurare domani la prima edizione della Rod Laver Cup, il nuovo format del tennis che vedrà a Praga i campioni della racchetta difendere i colori dell'Europa da una parte e del resto del mondo dall'altra, sulla falsariga della Ryder Cup golfistica. I capitani dei due team, Bjorn Borg per l'Europa e John McEnroe per il Resto del mondo hanno comunicato le loro scelte per la giornata d'esordio che, oltre al croato e allo statunitense, vedrà scendere in campo Dominic Thiem (Europa) e John Isner (Mondo) e nella sessione serale Alexander Zverev (Europa) contro Denis Shapovalov (Mondo) e il primo doppio, Tomas Berdych/Rafa Nadal (Europa) contro Nick Kyrgios/Jack Sock (Mondo). Roger Federer, tra i più attesi nel team Europa, riposerà nella prima giornata. Sede dei match, da domani a domenica, il veloce indoor della O2 Arena della capitale ceca. La formula del torneo prevede tre giorni di incontri, con 3 singolari e un doppio al dì, e un doppio decisivo in caso di parità.

22:44Tedesca violentata: ci sarebbe una foto del sospettato

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Ci sarebbe un sospettato per la violenza subita da una cittadina tedesca alcune notti fa a Villa Borghese, nel cuore di Roma. Secondo quanto si è appreso, durante un'attività di controllo nel parco sarebbe stata scattata una foto di un uomo con tratti e abbigliamento che coincidono con la descrizione della vittima.

Archivio Ultima ora