L’Inter riparte dal Genoa per riscattare Napoli

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

inter

MILANO. – Mancini affronta il Genoa con la consapevolezza che la ‘sua’ Inter è da scudetto. Il tecnico non firma per il secondo posto ed è sicuro di poter lottare fino alla fine, ritornando alla vittoria già sabato sera a San Siro. L’Inter, però, se vuole assicurarsi un ruolo da protagonista deve rimediare ad alcuni errori e risolvere alcune incognite, rinforzandosi sul mercato e lavorando sull’equilibrio emotivo.

Le dichiarazioni di fuoco rilasciate da Mancini dopo il ko firmato Higuain, hanno caricato l’ambiente nerazzurro con il rischio però che venga a mancare la serenità per correre la maratona del campionato. Il tecnico ha scommesso non tanto su fuoriclasse, ma su giocatori di prospettiva. Ha chiesto e ottenuto dal club una squadra combattiva e solida che magari non gioca sempre di fino, ma si dimostra energica e generosa.

Il confine tra il gioco aggressivo e il gioco scorretto, però, è sottile. Lo spirito battagliero deve essere affiancato alla tranquillità e maturità psicologica. Le quattro espulsioni in quattordici giornate, le dichiarazioni di Felipe Melo e il gesto di Guarin – ripreso dalle telecamere – che incoraggia Murillo ad entrare forte sull’avversario durante la partita contro il Napoli, invece, sono fotografie di una squadra che eccede nell’agonismo.

Anche Mancini, che ha perso il suo aplomb e fatica ad accettare le critiche, dovrà ritrovare la calma per trasmetterla ai suoi giocatori, costruendo una mentalità vincente necessaria per conquistare lo scudetto. Rispetto alla passata stagione il tecnico è polemico, non si limita nei commenti e attacca furiosamente l’operato arbitrale.

Un atteggiamento che rispecchia il Dna dell’Inter, un club scottato dal periodo di Calciopoli e che, forse a torto, fatica tutt’ora a non considerarsi vittima preferita di errori e discriminazioni. Mancini che ha fatto della compostezza e dell’eleganza la sua cifra, deve stare attento a non eccedere nelle recriminazioni, perché potrebbe essere una scelta controproducente che rischia alla lunga di avvelenare l’ambiente.

Ritrovare la serenità è un primo fondamentale passo in attesa di ricevere gli acquisti chiesti al presidente Thohir nel mercato di riparazione. Alcuni elementi della rosa, infatti, non sono giocatori da mettere sul mercato.

Nagatomo ingenuo e incosciente contro il Napoli, ha confermato i dubbi sulle sue qualità. L’involuzione di Icardi, poi, continua a preoccupare, tanto che anche il vicepresidente Zanetti cerca di sdrammatizzare: “Icardi non sarà mai un problema. Deve stare tranquillo, perché ha la fiducia dei compagni, dei tifosi e del club”. Per natura tattica, l’argentino ha bisogno di passaggi precisi sotto porta, ma è ancora troppo isolato dalla manovra di gioco nerazzurra.

Guarin, dopo un avvio di stagione importante, non ha trovato continuità e forse sta iniziando a deludere anche lo stesso Mancini che tanto ha creduto in lui. Con la Juventus che sta recuperando terreno in classifica, l’annata d’oro del Napoli trascinato da un eccellente Higuain, l’incognita Roma che è stata comunque costruita per lottare per il titolo, l’Inter ha bisogno di innesti importanti per essere maggiormente competitiva e crescere nel gioco.

Dopotutto con un solo punto di distacco dalla vetta, per l’ambiente nerazzurro è lecito sognare. Ma per fare del sogno una realtà, serve più accortezza e qualità.

Ultima ora

05:58Trump: Melania padrona di casa a cena con senatori

WASHINGTON - Rara apparizione della first lady Melania Trump in una occasione ufficiale alla Casa Bianca ospitando da padrona di casa una cena con i senatori, sia repubblicani sia democratici. ''E' stato un grande piacere aprire le porte della Casa Bianca agli stImati membri del Senato degli Stati Uniti, insieme con consorti e ospiti'', ha detto intervenendo in apertura dell'evento.

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

05:49Trump a senatori a Casa Bianca, ‘spero in lavoro bipartisan’

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump riceve i senatori per una cena alla Casa Bianca e sembra lanciare un appello per un ''lavoro bipartisan'', su diversi temi, a partire dalla legge sulla Sanita'. ''So che troveremo presto un accordo sulla Sanita''', ha detto. ''Faremo un ottimo lavoro e speriamo comincera' ad essere anche bipartisan visto che vogliamo tutti la stessa cosa''.

05:28Trump, “perche’ fake news non su legami Podesta con Russia?”

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump torna su Twitter e, in quella che appare come una reazione agli sviluppi circa il 'Russiagate', scrive: ''Perche' le Fake News non parlano dei legami di Podesta con la Russia come riferito da @FoxNews o del denaro dalla Russia a Clinton - vendita di uranio?''.

05:22Iraq: comandante Usa, ‘probabile ruolo’ in vittime Mosul

WASHINGTON - In quella che emerge come la prima possibile ammissione di responsabilita' da parte delle forze Usa circa le numerose vittime civili a Mosul, obiettivo di raid della coalizione anti Isis, il generale Stephen J. Townsend, comandante delle forze americane in Iraq ha affermato che un raid americano potrebbe aver provocato il crollo di un edificio a Mosul in cui oltre 100 civili sono rimasti uccisi.

05:17Brexit: May ha firmato lettera notifica articolo 50

LONDRA - La premier britannica Theresa May ha firmato la lettera per la notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona che, nel momento della consegna al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, segnerà l'avvio formale dell'iter della Brexit, il divorzio di Londra dall'Ue sancito dal referendum del 23 giugno scorso. Lo riporta la Bbc. La lettera - poche cartelle - sarà consegnata oggi alle 13,30 a Tusk dall'ambasciatore del Regno Unito a Bruxelles.

05:08Venezuela: duro scontro al consiglio permanente dell’Osa

WASHINGTON - Duro scontro oggi sull'impasse politica e la crisi economica del Venezuela al Consiglio permanente dell'Organizzazione degli stati americani (Osa), dove il governo di Nicolas Maduro ha respinto qualsiasi iniziativa di mediazione da parte dell'organizzazione, dopo essere stato messo in minoranza durante il dibattito. Dall'apertura della sessione, infatti, il rappresentante venezuelano - con l'assistenza dei colleghi di Nicaragua e Bolivia, gli unici ad assumere la difesa di Caracas nella discussione - ha cercato prima di annullare o sospendere la riunione, e successivamente di dichiararla illegale e senza valore, denunciandone l'''inaccettabile aspetto interventista''.

Archivio Ultima ora