Brasile: un gigante in crisi economica, etica e politica

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

brasile2

SAN PAOLO. – Il Brasile si scopre improvvisamente un gigante dai piedi d’argilla: attanagliato da una grave crisi economica, etica e politica. Tutti i parametri economici sono negativi, la presidente è ormai una ‘anatra zoppa’, alle prese con una richiesta di impeachment, mentre gli scandali di corruzione hanno portato in carcere politici di tutto l’arco costituzionale con la conseguenza di paralizzare l’attività parlamentare.

La richiesta di messa in stato di accusa nei confronti della presidente di sinistra Dilma Rousseff sembra essere più una vendetta politica, ma è anche l’ultimo atto di un declino che sta portando la principale economia sudamericana verso la sua peggiore recessione dagli anni Trenta.

La crisi morde: il Pil dovrebbe registrare a fine anno una flessione del 3,4%, l’inflazione ha ormai superato il 10,5%, i consumi sono scesi dell’1,5% nell’ultimo trimestre, il settore industriale ha fatto segnare una contrazione dell’1,3% e quello dell’agricoltura, uno dei settori trainanti, del 2,4%.

La magistratura, tradizionalmente timorosa nel perseguire politici e imprenditori, ha invece imparato la lezione del pool di Mani Pulite, al quale Sergio Moro, il magistrato simbolo dell’inchiesta denominata ‘Autolavaggio’ ha ammesso di ispirarsi, e sta riempiendo le carceri di politici, faccendieri, manager pubblici e privati, accusati di essersi spartiti per almeno un decennio gli appalti e le mazzette elargiti dal colosso petrolifero statale Petrobras.

Quattro anni fa, poco dopo la sua prima elezione, l’ex guerrigliera marxista di origini bulgare, imprigionata e torturata durante la dittatura militare, poteva contare su un indice di gradimento al di sopra dell’80%, il più alto mai ottenuto da un presidente brasiliano.

E, soprattutto, sulla cospicua eredità del suo predecessore e mentore politico, Luiz Inacio Lula da Silva, che negli anni del boom economico con crescita a doppia cifra era riuscito a realizzare un discreto welfare sociale e a ridurre fortemente l’endemica diseguaglianza grazie a massicci investimenti pubblici in programmi sociali.

In quattro anni, complice anche la crisi globale, Dilma è stata capace di dissipare l’eredità di Lula e di far precipitare il proprio indice di gradimento a una cifra. La presidente ha adottato politiche economiche fallimentari, ha dissanguato le casse pubbliche per costruire stadi faraonici per il disastroso mondiale di calcio del 2014, anziché realizzare le promesse infrastrutture.

Ha nascosto finché ha potuto i dati reali della crisi e ha sperperato le riserve in dollari per tentare di frenare la caduta libera del real, che in un anno ha perso la metà del proprio valore. Nonostante ciò, la presidente è riuscita a farsi rieleggere a un secondo mandato lo scorso ottobre, seppure con un margine risicato.

Alle ultime presidenziali l’elettorato brasiliano è risultato sempre più polarizzato, tra il nord-est povero e arretrato, che ha creduto alle promesse di Dilma di proseguire i programmi sociali di Lula, e il sud ricco e sviluppato che chiedeva un cambiamento.

La partita ora è nelle mani del parlamento, che dovrà decidere se Dilma dovrà farsi da parte, come capitò a Fernando Collor de Mello nel 1992, oppure potrà governare per altri tre anni e tentare di raddrizzare le sorti del Brasile.

Dilma ha riconosciuto di avere un caratteraccio ma ha negato nel modo più categorico di essere una ladra. E questo glielo hanno riconosciuto anche alcuni avversari. Tanto che molti in Brasile sono pronti a scommettere che la procedura d’impeachment contro Dilma durerà più a lungo del mandato del suo accusatore, il presidente della Camera, Eduardo Cunha, coinvolto nello scandalo di mazzette di Petrobras e accusato di aver costituito capitali illeciti in Svizzera.

(di Marco Brancaccia/ANSA)

Ultima ora

20:14Italia team: Fontana portabandiera a PyeongChang 2018

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Sarà l'azzurra dello short track Arianna Fontana la portabandiera dell'Italia team alle Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018. Lo apprende l'Ansa in ambienti dello sport del ghiaccio. La decisione verrà ufficializzata dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, martedì prossimo in una cerimonia al salone d'onore del Foro Italico.

20:10Separazione per Noemi Letizia, a lei 6000 euro al mese

(ANSA) - NAPOLI, 20 OTT - Noemi Letizia e Vittorio Romano hanno raggiunto l'accordo per una separazione consensuale: a lei, di Portici (Napoli) - diventata famosa quando l'allora presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi si presentò a sorpresa nell'aprile del 2009 alla sua festa per il 18esimo compleanno a Casoria (Napoli) - andranno 6 mila euro al mese. L'intesa tutela i due piccoli bambini nati dalla loro unione. Per il via libera definitivo all'accordo manca solo l'ok del pubblico ministero. I due, 26 anni lei, 36 lui, si erano sposati lo scorso 23 giugno con una cerimonia a Nerano, in Costiera Amalfitana. Dopo tre mesi dal matrimonio la fine della loro relazione. I coniugi avrebbero utilizzato la procedura della 'negoziazione assistita', prevista dal 2014, che consente di decidere in tempi rapidi mantenimento, affidamento dei figlio, conti. A marzo del 2015, ad Arcore, Berlusconi aveva fatto da padrino al secondo figlio di Noemi.

20:05Studente morto: Procura indaga, istigazione al suicidio

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - La Procura di Roma ha aperto un fascicolo contro ignoti per fare luce sul suicidio dello studente avvenuto in Via Tasso. Il pm Elena Neri procede per istigazione al suicidio e tale ipotesi è stata configurata, benché agli inquirenti siano già apparsi chiari i tormenti del ragazzo, per svolgere una serie di accertamenti a tutto campo.

20:01Polonia: accoltella 8 persone, 1 donna muore

(ANSA) - VARSAVIA, 20 OTT - Otto persone sono state colpite con un coltello da un uomo che le ha attaccate in un centro commerciale a Stalowa Wola, nel sud-est della Polonia e una di loro, una donna di 50 anni, è deceduta dopo il ricovero in ospedale. L'aggressore, che è stato arrestato dalla polizia, ha 27 anni ed è un polacco abitante in città. Lo riferisce la polizia precisando che l'uomo "ha attaccato le persone alle spalle, colpendole con un coltello". Successivamente la polizia ha affermato che non si è trattato di un atto di terrorismo.

19:54Morti in corsia: chiuse indagini,cinque nuovi casi a Saronno

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - La Procura di Busto Arsizio (Varese) ha ufficialmente chiuso la seconda trance di indagini della maxi inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia all'ospedale di Saronno. La notifica è stata trasmessa agli indagati Laura Taroni e Leonardo Cazzaniga, rispettivamente infermiera e medico del pronto soccorso di Saronno, nel pomeriggio. Il fascicolo include cinque nuovi casi di morti sospette, avvenute al pronto soccorso di Saronno (Varese) tra il 2011 e il 2013, all'epoca curati dal vice primario Cazzaniga (arrestato undici mesi fa per altri quattro decessi sospetti in corsia e la morte di Massimo Guerra, marito dell'infermiera con cui aveva una relazione) e i decessi di Maria Rita Clerici e Luciano Guerra, rispettivamente madre e suocero di Taroni, anche lei in carcere dal 29 novembre scorso con l'accusa di aver ucciso suo marito insieme a Cazzaniga.

19:46Usa: ad università Michigan prima laurea in cannabis

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - Dopo la legalizzazione della marijuana in alcuni stati americani, arriva anche la prima laurea in cannabis. La offre la Northern Michigan University, per rispondere alla sempre crescente domanda dell'industria di settore. Dal college, però, avvertono i giovani che si tratta di un progetto serio e complesso. "Gli studenti dovranno essere molto dedicati e motivati​ - ha detto il docente di chimica Brandon Canfield - Non è un corso facile, ma e' un programma intensivo di chimica e biologia". Canfield ha spiegato che gli alunni non coltiveranno la marijuana come parte del loro percorso, ma studieranno piante simili con valore terapeutico. In America stanno aumentando sempre più gli stati che hanno legalizzato la cannabis, per uso medico o ricreativo: ad oggi sono 29, oltre il District of Columbia.

19:21Ergastolano ha diritto a permesso parto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Per un genitore "la nascita di un figlio rappresenta un evento emozionale di natura eccezionale e insostituibile, tale da realizzare un unicum indelebile nella sua esperienza di vita". In ragione di questo è possibile il permesso anche per il detenuto all'ergastolo con il regime del 4 bis, che prevede il divieto dei benefici, e si applica per alcuni reati, come quelli di mafia. Lo ha stabilito la Cassazione, accogliendo il ricorso di un detenuto (originario di Lecce, condannato per reati di criminalità organizzata) cui il tribunale di sorveglianza di Roma aveva, invece, detto no al permesso. La Suprema Corte ha quindi disposto una nuova pronuncia da parte del giudice, che tenga conto di questo principio. Ma ormai, da quanto emerge dalle date dell'iter giudiziario, è troppo tardi: la data prevista per il parto è già passata.

Archivio Ultima ora