Clima: Al Gore, investitori rinuncino alle energie fossili

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

No-Carbone

LE BOURGET. – “Gli investitori devono capire verso dove si sta andando, altrimenti resteranno intrappolati con degli asset senza valore”, come è successo alle banche con i mutui subprime. L’ex vicepresidente Usa e premio Nobel per la Pace Al Gore lancia il suo messaggio alla comunità finanziaria, dalla Conferenza Onu sul clima: investire in energie fossili non conviene più, non solo per questioni etiche ma anche in termini di profitto economico.

“Ci sono migliaia di miliardi investiti in ‘stranded asset'”, strutture e siti industriali che rischiano una rapida svalutazione a causa del loro elevato impatto ambientale, “e c’è un’illusione che porta a pensare che il loro valore sia molto superiore a quello reale”, ha spiegato, aprendo un dibattito organizzato dal centro studi Carbon Tracker, specializzato in ricerca sul rischio finanziario nell’energia fossile.

Attualmente, ha ricordato, “una delle grandi novità è che gli attori economici, investitori, sviluppatori di tecnologie, ricercatori, sono riusciti a fornire delle soluzioni per le energie rinnovabili che le rendono competitive con gli approcci precedenti”, in termini di costi di produzione e prezzo per gli utenti finali, superando la fatidica soglia del “meno caro”.

La capacità installata delle energie rinnovabili, inoltre, è aumentata tra le 17 e le 20 volte più in fretta di quanto si prevedesse all’inizio degli anni Duemila, ha argomentato ancora Gore, mentre l’efficienza energetica nei Paesi avanzati sta riducendo la domanda ad un passo sempre più rapido.

“Gli investitori devono capire, e molti già lo stanno facendo, che questo processo di superamento (delle tecnologie più inquinanti) avanza in molti modi – ha proseguito – le azioni di questa conferenza sono un modo, un altro sono le azioni di diversi Stati americani o dell’Unione Europea, e degli enti locali, e poi c’è la curva calante dei costi delle energie rinnovabili”.

Per questo, consiglia, “dovete diversificare, prima disinvestire dagli asset più a rischio delle energie fossili e poi investire nelle fantastiche nuove opportunità che emergono nel settore dell’economia a basse emissioni di CO2”.

Secondo i calcoli di Carbon tracker, le aziende attive nelle energie fossili avrebbero oltre duemila miliardi di dollari di investimenti “non necessari”, ed economicamente non redditizi in base alle attuali stime della domanda energetica, programmati per il periodo 2015-2025, di cui quasi 240 miliardi in nuovi impianti.

Tra le società ‘bacchettate’ c’è anche l’italiana Eni, che con i suoi 37,4 miliardi è all’undicesimo posto “per il volume di spese per capitale non necessarie”, in una classifica guidata dalle grandi aziende nord e centroamericane.

Ultima ora

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

Archivio Ultima ora