Putin, Ankara se ne pentirà. Erdodan ribalta le accuse

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

Russian military officials attend a briefing on the fight against terrorism in Syria at the National Defense Control Centre of the Russian Federation in Moscow, Russia, 02 December 2015.   EPA/YURI KOCHETKOV

Russian military officials attend a briefing on the fight against terrorism in Syria at the National Defense Control Centre of the Russian Federation in Moscow, Russia, 02 December 2015. EPA/YURI KOCHETKOV

MOSCA. – E’ sempre più sfida aperta tra lo zar Putin e il sultano Erdogan: il leader del Cremlino ha minacciato che Ankara ”si pentirà più di una volta” dell’abbattimento del bombardiere russo al confine tra Siria e Turchia e che non se la caverà solo con le sanzioni commerciali, mentre il presidente turco ha respinto come “immorali” le accuse russe sul coinvolgimento della sua famiglia nel contrabbando di petrolio dell’Isis, ribaltandole contro Mosca con la promessa di rivelare le prove al mondo.

“Forse solo Allah sa perché l’hanno fatto e probabilmente Allah ha deciso di punire la cricca turca al potere facendole perdere la ragione”, ha ironizzato Putin al Cremlino nel suo discorso alla nazione, trasmesso in diretta tv. “Ma non è l’ultima volta che gli ricorderemo quello che hanno fatto, né l’ultima volta che si pentiranno di quello che hanno fatto”, ha tuonato tra gli applausi dei parlamentari e del governo.

”Se qualcuno pensa di cavarsela per un crimine di guerra così vile con il bando dei pomodori o con sanzioni nelle opere pubbliche, si sbaglia gravemente”, ha garantito, senza specificare le possibili ulteriori misure punitive. Ma poco dopo il ministro dell’energia russo, Aleksandr Novak, ha annunciato ufficialmente che i negoziati per il gasdotto russo-turco Turkish Stream sono sospesi, mentre la questione della costruzione della prima centrale nucleare turca resta aperta.

Erdogan e il suo primo ministro, Ahmet Davutoglu, hanno già bussato questa settimana alle porte del Qatar e dell’ Azerbaigian nel tentativo di evitare eventuali stop nelle forniture energetiche: Ankara dipende dalla Russia per il 60% del suo fabbisogno di gas.

Il presidente turco vuol tenere testa allo zar. ”Abbiamo in mano delle prove, cominceremo a rivelarle al mondo”, ha minacciato Erdogan, accusando a sua volta la Russia di essere coinvolta nel traffico di petrolio dell’Isis. E puntando il dito contro un uomo d’affari siriano, George Haswani, ”titolare di un passaporto russo”, e di un ”famoso giocatore di scacchi”, l’imprenditore Kirsan Ilyumzhinov, presidente della Federazione scacchistica internazionale dal 1995, oltre che ex presidente della Calmucchia, nel sud della Russia: entrambi sono stati sanzionati nei giorni scorsi dagli Usa.

Le accuse ad Ankara di complicità con l’Isis da parte di Mosca sono invece state liquidate dal premier Davutoglu come “propaganda in stile sovietico”.

Intanto a Belgrado, a margine della conferenza ministeriale dell’Osce, il ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov e quello turco Mevlut Cavusoglu si sono incontrati per la prima volta dall’abbattimento del jet russo, nel tentativo di tenere aperto un canale di comunicazione, dopo che Putin ha rifiutato di rispondere alle telefonate di Erdogan e di incontrarlo a Parigi a margine della conferenza Onu sul clima.

Nessuna delle parti ha rilasciato dichiarazioni. Cavusoglu, intervenendo ai lavori dell’ Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, ha comunque evocato ”l’incidente” del jet, che a suo avviso ”non deve essere confuso con la nostra lotta contro il nostro comune nemico, l’Isis, il terrorismo, e non deve essere strumentalizzato per obiettivi politici”.

Ma per ora Putin esclude che Ankara possa essere un partner affidabile nel ”fronte internazionale comune” contro il Califfato, sotto l’egida dell’Onu, che è tornato ad invocare anche ieri, senza mai accennare al processo politico per uscire dalla crisi. ”Questo significa nessuna protezione per i banditi, nessun doppio standard, nessun contatto con organizzazioni terroristiche di qualsiasi tipo, nessun tentativo di usarle per qualche fine personale, nessun business criminale, sanguinario con i terroristi”, ha sottolineato.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora