Putin, Ankara se ne pentirà. Erdodan ribalta le accuse

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

Russian military officials attend a briefing on the fight against terrorism in Syria at the National Defense Control Centre of the Russian Federation in Moscow, Russia, 02 December 2015.   EPA/YURI KOCHETKOV

Russian military officials attend a briefing on the fight against terrorism in Syria at the National Defense Control Centre of the Russian Federation in Moscow, Russia, 02 December 2015. EPA/YURI KOCHETKOV

MOSCA. – E’ sempre più sfida aperta tra lo zar Putin e il sultano Erdogan: il leader del Cremlino ha minacciato che Ankara ”si pentirà più di una volta” dell’abbattimento del bombardiere russo al confine tra Siria e Turchia e che non se la caverà solo con le sanzioni commerciali, mentre il presidente turco ha respinto come “immorali” le accuse russe sul coinvolgimento della sua famiglia nel contrabbando di petrolio dell’Isis, ribaltandole contro Mosca con la promessa di rivelare le prove al mondo.

“Forse solo Allah sa perché l’hanno fatto e probabilmente Allah ha deciso di punire la cricca turca al potere facendole perdere la ragione”, ha ironizzato Putin al Cremlino nel suo discorso alla nazione, trasmesso in diretta tv. “Ma non è l’ultima volta che gli ricorderemo quello che hanno fatto, né l’ultima volta che si pentiranno di quello che hanno fatto”, ha tuonato tra gli applausi dei parlamentari e del governo.

”Se qualcuno pensa di cavarsela per un crimine di guerra così vile con il bando dei pomodori o con sanzioni nelle opere pubbliche, si sbaglia gravemente”, ha garantito, senza specificare le possibili ulteriori misure punitive. Ma poco dopo il ministro dell’energia russo, Aleksandr Novak, ha annunciato ufficialmente che i negoziati per il gasdotto russo-turco Turkish Stream sono sospesi, mentre la questione della costruzione della prima centrale nucleare turca resta aperta.

Erdogan e il suo primo ministro, Ahmet Davutoglu, hanno già bussato questa settimana alle porte del Qatar e dell’ Azerbaigian nel tentativo di evitare eventuali stop nelle forniture energetiche: Ankara dipende dalla Russia per il 60% del suo fabbisogno di gas.

Il presidente turco vuol tenere testa allo zar. ”Abbiamo in mano delle prove, cominceremo a rivelarle al mondo”, ha minacciato Erdogan, accusando a sua volta la Russia di essere coinvolta nel traffico di petrolio dell’Isis. E puntando il dito contro un uomo d’affari siriano, George Haswani, ”titolare di un passaporto russo”, e di un ”famoso giocatore di scacchi”, l’imprenditore Kirsan Ilyumzhinov, presidente della Federazione scacchistica internazionale dal 1995, oltre che ex presidente della Calmucchia, nel sud della Russia: entrambi sono stati sanzionati nei giorni scorsi dagli Usa.

Le accuse ad Ankara di complicità con l’Isis da parte di Mosca sono invece state liquidate dal premier Davutoglu come “propaganda in stile sovietico”.

Intanto a Belgrado, a margine della conferenza ministeriale dell’Osce, il ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov e quello turco Mevlut Cavusoglu si sono incontrati per la prima volta dall’abbattimento del jet russo, nel tentativo di tenere aperto un canale di comunicazione, dopo che Putin ha rifiutato di rispondere alle telefonate di Erdogan e di incontrarlo a Parigi a margine della conferenza Onu sul clima.

Nessuna delle parti ha rilasciato dichiarazioni. Cavusoglu, intervenendo ai lavori dell’ Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, ha comunque evocato ”l’incidente” del jet, che a suo avviso ”non deve essere confuso con la nostra lotta contro il nostro comune nemico, l’Isis, il terrorismo, e non deve essere strumentalizzato per obiettivi politici”.

Ma per ora Putin esclude che Ankara possa essere un partner affidabile nel ”fronte internazionale comune” contro il Califfato, sotto l’egida dell’Onu, che è tornato ad invocare anche ieri, senza mai accennare al processo politico per uscire dalla crisi. ”Questo significa nessuna protezione per i banditi, nessun doppio standard, nessun contatto con organizzazioni terroristiche di qualsiasi tipo, nessun tentativo di usarle per qualche fine personale, nessun business criminale, sanguinario con i terroristi”, ha sottolineato.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

17:58‘Stato non c’è, giro armato’, giudice rischia trasferimento

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Rischia il trasferimento d'ufficio per incompatibilità il giudice di Treviso Angelo Mascolo che prima in una lettera ai quotidiani veneti del gruppo l'Espresso e poi in alcune interviste ha affermato che lo Stato "non è più in condizioni di garantire la sicurezza dei cittadini, anzi semplicemente non c'è più. D'ora in poi faccio da me: quando esco di casa mi metto in tasca la pistola". Il Comitato di presidenza del Csm ha disposto l'apertura di una pratica in Prima Commissione proprio per accertare se ricorrano le condizioni per una procedura di trasferimento d'ufficio nei confronti del giudice, che aveva scritto ai giornali dopo aver subito di notte un inseguimento mentre tornava a casa.

17:50Calcio: Serie B, due giornate a Mignanelli dell’Ascoli

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Daniele Mignanelli, dell'Ascoli, è stato squalificato per due gare dal giudice sportivo di Serie B dopo le partite della 33/a giornata. Il giocatore era stato espulso per insulti ad un assistente dell'arbitro. Per un turno, invece, sono stati fermati Federico Bonazzoli (Brescia) e Daniele Corvia (Latina), entrambi espulsi, più Daniel Bessa e Romulo Souza Orestes (Verona), Osarimen Ebagua (Vicenza), Matteo Fedele e Denis Tonucci (Bari), Edoardo Lancini (Novara), Manuel Lazzari (Spal), Simone Pasa (Cittadella), Claudio Terzi e Luca Vignali (Spezia), che erano diffidati. Ammenda di 1.500 euro al Brescia per il lancio di un petardo e di un fumogeno in campo.

17:50Brexit: May, ‘domani è un momento storico’

(ANSA) - LONDRA, 28 MAR - "E' uno dei momenti più importanti nelle recente storia del Regno Unito". Così la premier britannica Theresa May ha definito l'annuncio formale che farà domani sull'avvio della Brexit e delle trattative con Bruxelles. Il fine, ha aggiunto il primo ministro, è quello di creare una "relazione profonda e speciale" con l'Europa.

17:45Latitante posta sua foto su Fb, scovato e preso dalla Ps

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAR - La Polizia di Stato ha arrestato a Terzigno (Napoli) un latitante albanese ricercato in tutta Europa e destinatario di un mandato di cattura europeo. L'uomo, Genc Locu di 26 anni, dopo esser sfuggito più volte alla cattura, è stato individuato dai poliziotti del Commissariato di Castel Volturno (Caserta) grazie ad una foto postata su un social nel quale compariva alle sue spalle un cartello con un'indicazione stradale che, è emerso, era relativo al comune di Castellamare di Stabia (Napoli). La presenza in Italia di Locu fu segnalata già nel 2014 alla Polizia di Stato dalle autorità albanesi che lo avevano condannato a 4 anni di reclusione. L'uomo allora dimorava nel comune di Castel Voltuno; riuscì però a fuggire. Intanto dalla Germania arrivò un mandato di arresto europeo per reati contro la persona. Le indagini sono proseguite fin quando il 26enne non si è tradito pubblicando on-line la sua foto; dagli accertamenti è emerso che si era nascosto a Terzigno, dove è stato stanato e ammanettato. (ANSA).

17:37Migranti: Paesi Visegrad, no al ricatto dell’Ue

(ANSA) - VARSAVIA, 28 MAR - No al "ricatto" dell'Ue che lega la politica migratoria a quella finanziaria riducendo gli aiuti a chi non accoglie i profughi. E' l'accusa dei Paesi del Gruppo Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia), riuniti a Varsavia per un mini-vertice sui migranti e sulla Brexit. Se dovesse saltare l'accordo con la Turchia, l'Ungheria fermerà i migranti, grazie al muro e alle nuove leggi sull'asilo. Lo ha detto il premier ungherese Victor Orban, a Varsavia. I nuovi regolamenti sull'asilo entrano in vigore oggi, ha aggiunto, e le barriere, "costruite solo con soldi ungheresi", ci permetteranno di bloccare un' eventuale nuova ondata migratoria. "Vogliamo che la Brexit avvenga in modo ordinato e senza mettere a rischio gli interessi della Polonia e di altri Paesi membri". Così la premier polacca, Beata Szydło, a Varsavia. "Alla Gran Bretagna - ha aggiunto - non si possono offrire condizioni commerciali migliori rispetto a quelle di cui godono gli altri Paesi Ue", ha aggiunto il premier slovacco Fico.

17:32Dj Fabo: Cappato sarà interrogato da pm settimana prossima

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - L'esponente dei Radicali e tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, sarà interrogato la prossima settimana nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Milano sulla morte di Fabiano Antoniani, noto come dj Fabo, deceduto in una clinica svizzera con la procedura del suicidio assistito lo scorso 27 febbraio. Cappato, che si è autodenunciato raccontando ai carabinieri di aver accompagnato dj Fabo fino in Svizzera e che è indagato per aiuto al suicidio, sarà ascoltato probabilmente lunedì prossimo, 3 aprile, dal pm Tiziana Siciliano, coordinatore dell'inchiesta e del pool 'Ambiente, salute e lavoro'. L'esponente dei Radicali è difeso dal legale Massimo Rossi. Nei giorni scorsi alcuni amici di Antoniani erano stati sentiti in Procura. Agli atti dell'inchiesta è stata anche acquisita documentazione relativa a protocolli, regole e normative in base alle quali alla clinica 'Dignitas', vicino Zurigo, viene praticato il suicidio assistito.

17:18Studente morto Valencia: si fa nuova autopsia

(ANSA) - FERMO, 28 MAR - Una nuova autopsia ed esami tossicologici faranno luce sulla morte di Giacomo Nicolai, lo studente fermano di 24 anni ritrovato morto nel suo appartamento di Valencia, con tre coltellate nel petto. Li ha disposti oggi il pm di Roma Marcello Monteleone, che ha affidato l'incarico al prof. Giorgio Bolino, dell'Università La Sapienza, e alla tossicologa Roberta Tittarelli. La famiglia di Giacomo, che dubita si sia ucciso, ha nominato come consulente il prof. Piergiorgio Fedeli. La perizia si svolgerà il 30 marzo. Il magistrato, spiega l'avv. Igor Giostra, che rappresenta i Nicolai, ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti, a modello 44, e un'ipotesi di reato ancora da formulare, mostrando ''la massima determinazione a determinazione a condurre ogni accertamento utile alle indagini, anche prendendo contatti con la procura spagnola". Il prof. Bolino si è riservato 60 giorni di tempo per depositare le proprie conclusioni.

Archivio Ultima ora